“VOLEVO NASCONDERMI”, IL REPORTAGE DI GABRIELE BALESTRAZZI DELL’ANTEPRIMA ALL’ARENA ASTRA, E LA VIDEO INTERVISTA A “CESARINA”

(Gmajo) – Ringraziandolo per la più che gradita citazione al mio cammeo, riprendo volentieri il reportage e le riflessioni di Gabriele Balestrazzi sull’Anteprima di Volevo Nascondermi, andata in scena per Ferragosto all’Astra Arena Estiva (con replica stasera domenica 16), pubblicato su uno dei suoi blog post pensione, ParmaBilly, “Fra Parma e il Mondo: notizie, edicola e piccole riflessioni di un cronista di provincia…”, dal titolo “Ben ritrovato, amico Cinema!”Il pluri-premiato biopic di Antonio Ligabue, girato dal regista Giorgio Diritti con un superlativo Elio Germano nei panni del protagonista, tornerà all’Arena Astra il 22, 23, 24 e 29, 30, 31 Agosto 2020. A Fidenza, invece, arriverà da Giovedì 20 Agosto 2020 nella Corte OF, per il finale della XXI Stagione di Esterno Notte a cura di MyCinem@, e resterà fino a Domenica 23 Agosto: tutte e quattro le serate avranno inizio alle ore 21.30. Domani sera, 17 Agosto, ultime anteprime all’Arena del Cinema Teatro Astoria di Lerici e all’Arena del Palazzo Ducale di Genova.
Sopra, invece, trovate la interessante video intervista a Francesca Manfredini – arbitro di Luzzara che avevamo incrociato sul campo quando diresse un derby del Parma Femminile col Pievecella – al debutto sul grande schermo nei panni di Cesarina, l’unico amore, sia pure platonico, dell’artista naif, realizzata dal direttore di Casa Museo Ligabue Giuseppe Caleffi. Francesca aveva partecipato dal vivo alle Berlinali alla prima premiazione del film, con la consegna dell’Orso d’Argento ad Elio Germano: a seguire la pellicola avrebbe pure conquistato il Nastro dell’Anno ai Nastri d’Argento, e due Globo d’Oro per il miglior film e la migliore fotografia.

BEN RITROVATO, AMICO CINEMA!

di Gabriele Balestrazzi, da ParmaBilly

Niente di meglio, per staccarsi dalle tediose polemiche dei social: quelli che se scrivi che i casi tornano ad aumentare “fai terrorismo!”, quelli che sostengono che  “l’emergenza covid è finita” e poi il giorno dopo titolano “fermate i migranti che sbarcano con il virus”, e anche quelli che – con fanatismo opposto – se la prendono anche con chi semplicemente esce di casa e va al bar… Problemi del millennio che ha smarrito il buon senso, il confronto, le sintesi. Problemi altrui.

Io da casa e da Parma esco regolarmente, anche se può sembrare strano: non eravamo finiti in un “regime illiberale” che con l’emergenza maschera il controllo delle nostre libertà…? La risposta arriverà a settembre: adesso i teorici della “dittatura di Conte” sono quasi tutti in vacanza, e spesso sono gli stessi che a marzo dicevano che a causa del governo (non del covid, che “non esiste”, ma del governo) avrebbero dovuto chiudere baracca e burattini e mendicare per le vie del centro…

Sono sinceramente felice che le cose vadano meglio del previsto. E anch’io do il mio piccolo contributo alla ripresa della vita: torno al cinema dopo 6 o 7 mesi; rivivo l’atmosfera amichevole dell’arena estiva dell’Astra. Tutto è organizzato a puntino: prenotazione telefonica, posti singoli o accoppiati per congiunti, sanificante, entrata e uscita funzionali. E mascherine, ovviamente.

Ne valeva la pena. Non solo per ritrovare la gioia del rito del cinema sul grande schermo, e appunto all’aria aperta. Ma anche per la possibilità di vedere un bel film, sulla sempre toccante storia umana e artistica di Antonio Ligabue. Che Elio Germano interpreta in modo non meno straordinario di come ricordavo (e lo andrò a rivedere su Raiplay) il Flavio Bucci di fine anni ’70. Che Matteo Cocco fotografa regalandoci lo stupore ammirato di alcuni scorci di Po e di interni opprimenti. Che Giorgio Diritti dirige con momenti sicuramente Olmiani e forse in effetti con qualche difetto che leggerete nelle varie recensioni.

Ma nel complesso è un film bello, da vedere assolutamente. Anche per ripercorrere quella particolarissima vicenda che ci ha regalato opere stupende e uniche. Funzionano anche i sottotitoli, ora per il tedesco ora per il dialetto delle nostre parti. E c’è anche una sorpresa parmigiana: l’apparizione del collega (nel senso di giornalista, non di attore…) Gabriele Majo, nella parte di uno dei tanti che si trovarono a  misurarsi con fatica con l’arte di Ligabue. Gabriele Balestrazzi (da ParmaBilly)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

“MA LEI SA FARE SOLO DELLE BESTIE?” DA FERRAGOSTO NELLE ARENE IL CAMMEO-TORMENTONE DI MAJO IN “VOLEVO NASCONDERMI”. LE DATE DI PARMA, FIDENZA, SPEZIA E LERICI

VOLEVO NASCONDERMI FINALMENTE PUO’ SCOPRIRSI: ANTEPRIMA ALL’ASTRA PER FERRAGOSTO

VOLEVO NASCONDERMI, IL FILM DI DIRITTI SU LIGABUE (CON CAMEO DI MAJO) SI AGGIUDICA ANCHE IL GLOBO D’ORO PER IL MIGLIOR FILM E LA MIGLIOR FOTOGRAFIA

VOLEVO NASCONDERMI, DOPO L’ORSO ECCO IL NASTRO D’ARGENTO PER IL FILM DI DIRITTI SU LIGABUE (CON CAMEO DI MAJO)

LA “MIA” PRIMA DI VOLEVO NASCONDERMI AL CINEMA IL NUOVO DI LA SPEZIA, DOVE IL FILM SU LIGABUE RESTA IN VISIONE DURANTE IL WEEK END

VOLEVO NASCONDERMI, IL FILM SU LIGABUE DELL’ “ORSO” GERMANO NELLE SALE ITALIANE (MA NON IN EMILIA) GIA’ DA DOMANI: PROIEZIONE PIU’ VICINA GIOVEDI’ 5 A “IL NUOVO” DI LA SPEZIA. TUTTA LA PROGRAMMAZIONE

“VOLEVO NASCONDERMI”: MAJO, DOPO 16 ANNI, TORNA A FIRMARE UN ARTICOLO SU TUTTOSPORT, RACCONTANDO LA SUA ESPERIENZA SUL SET: “MA L’ORSO E’ TUTTO DEL GRANDE ELIO GERMANO, IO SONO SOLO UN DILETTANTE FORTUNATO…”

VOLEVO NASCONDERMI, A ELIO GERMANO CHE INTERPRETA LIGABUE, L’ORSO D’ARGENTO COME MIGLIORE ATTORE DELLA BERLINALE 2020

VOLEVO NASCONDERMI, IL SERVIZIO DEL TG 5 SUL FILM SU LIGABUE CON IL CAMEO DI GABRIELE MAJO (VIDEO)

MAJO NEL TRAILER UFFICIALE DI “VOLEVO NASCONDERMI” IL FILM SU LIGABUE DEL REGISTA GIORGIO DIRITTI

QUANDO UNO STUDIO MEDICO SI TRASFORMA IN UN MINI-TEATRO CON LA VOCE DEL MEZZOSOPRANO VALENTINA VANINI (VIDEO)

PARMA CALCIO 1913, FAI BEI SOGNI… IERI SUL MONTE DELLE VIGNE CENA DI LAVORO CON BARILLA, PIZZAROTTI, FERRARI & C. IN CONTEMPORANEA ALLE RIPRESE DELL’ULTIMO FILM DI BELLOCCHIO

MAJO “DOTTOR CATTURO” CON ASIA ARGENTO. IL VIDEO CON IL CAMEO DEL DIRETTORE DI STADIOTARDINI.IT NEL FILM “BACIATO DALLA FORTUNA”, IN ONDA GIOVEDI SU CANALE 5

TRAGEDIA DI LAMPEDUSA: CANALE 5 MODIFICA LA PROGRAMMAZIONE IN SEGNO DI LUTTO. AL POSTO DEL PREANNUNCIATO “BACIATO DALLA FORTUNA”, IL FILM DI AMELIO “LAMERICA”

MAJO “DOTTOR CATTURO” CON ASIA ARGENTO, STASERA ALLE 21.10 SU CANALE 5 IN “BACIATO DALLA FORTUNA”

CLICCA QUI PER RILEGGERE L’INTERVISTA DI MAJO A PARMA DAILY (2011)

FORZA PARMA ANCHE SUL SET DELLA CERTOSA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on ““VOLEVO NASCONDERMI”, IL REPORTAGE DI GABRIELE BALESTRAZZI DELL’ANTEPRIMA ALL’ARENA ASTRA, E LA VIDEO INTERVISTA A “CESARINA”

I commenti sono chiusi.