BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / CI ASPETTA UN ANNO DIFFICILISSIMO…

(Claudio Mastellari) – Credo di non avere mai visto un Parma tanto in difficoltà come ieri sera, oltretutto contro una squadra di bassa fascia come il Bologna (non ditemi che arriverà in Europa…).

Qui la situazione è molto più seria del previsto, 4 o 5 acquisti potrebbero non bastare per consentire a Liverani di proporre il proprio gioco. La squadra gioca ancora come se ci fosse D’Aversa in panchina, eccezione fatta per i primi 6 minuti. L’impatto è stato notevole, poi le abitudini e le difficoltà hanno avuto la meglio.

Continuo a chiedermi perché scegliere Liverani (che non ha colpe, per carità) quando si sapeva benissimo che non c’era il tempo materiale per rivoluzionare una squadra che da 3 anni gioca allo stesso modo. Non si poteva cercare un allenatore con caratteristiche di gioco almeno simili al precedente?

Io resto fiducioso su tutto lo staff, ma c’è da pedalare e in fretta. Ieri sera sembravano 11 giocatori messi in campo insieme per la prima volta.

Senza parlare poi degli infortuni, qui servirebbe un capitolo a parte! Inglese e Cornelius sono  di cristallo, in due non riescono ad esserci per 38 partite. Mi pare una cosa incredibile in serie A.

Al Parma servirebbe una rosa di 45 giocatori, non di 25!

Non so cosa aspettarmi dalla prossima partita contro il Verona, sicuramente non mi aspetto 3 punti. Mi accontenterei di vedere qualche piccolo miglioramento. Dovevamo vederlo anche a Bologna, invece è andata molto peggio della partita precedente.

So cosa mi aspetto dal mercato però e spero sia sufficiente per dare un po’ di senso a questa squadra che, attualmente, rimane “daversiana”, ma allenata da Liverani e non ha né capo, né coda. Claudio Mastellari

Stadio Tardini

Stadio Tardini

19 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / CI ASPETTA UN ANNO DIFFICILISSIMO…

  • 29 Settembre 2020 in 17:24
    Permalink

    Il Parma graffiato due volte da un soriano. Poi il Bologna ha giocato come un gatto col topo.

  • 29 Settembre 2020 in 18:40
    Permalink

    Io mi aspetto che non trovando una squadra disponibile prima di un anno e vedendo la nostra situazione, a novembre D’Aversa potrebbe tornare.

  • 29 Settembre 2020 in 20:35
    Permalink

    Secondo me l’errore sta nel scegliere un allenatore complesso, le cui capacità non discuto. Ha bisogno di questo, di quest’altro, Insomma, ha un impostazione particolare. Ci voleva invece un semplice mazzolatore viste le difficoltà della rosa. Uno che fa con quello che ha a disposizione. D’Aversa andava bene ma se n’è andato…

  • 29 Settembre 2020 in 21:58
    Permalink

    No Pencroff none ne è andato
    LO HANNO ESONERATO

    • 30 Settembre 2020 in 07:28
      Permalink

      Hanno fatto bene, voleva una squadra da Europa League mantenendo comunque come obiettivo la salvezza (tranquilla) e perdere il consueto filotto di 7/8 partite nel girone di ritorno.
      A Parma ci vuole solo gente motivata fiera ed orgogliosa di indossare i nostri colori.
      Detto questo io non avrei scelto Liverani ma un sicuro ed esperto mestierante delle salvezze.

      • 30 Settembre 2020 in 10:25
        Permalink

        Sono perfettamente d’accordo, la base dei giocatori a disposizione però è buona, si tratta di farli entrare nella giusta mentalità (lavorare sulle teste) e con acquisti mirati nei ruoli chiave per il gioco di Liverani, difensori centrali, mediano-regista davanti alla difesa, trequartista, con un po’ di pazienza si può arrivare a giocare per 90 minuti come nei primi dieci di Bologna, d’altronde la strada intrapresa è questa e sarebbe un peccato dopo poche partite tornare all’antico. Anche io inizialmente avrei preferito un altro anno di D’aversa, per la sua concretezza ma non si può andare in paradiso a dispetto dei santi.

      • 30 Settembre 2020 in 10:40
        Permalink

        D’Aversa aveva l’ambizione legittima di migliorarsi e per farlo voleva una squadra più forte dell’anno scorso. Qui hanno un obiettivo diverso. Nulla toglie, che più avanti nella stagione, D’Aversa possa accettare di tornare in una situazione compromessa, che lo proietterebbe, in caso di successo, verso obiettivi importanti per lui. Il punto è che , alla prima vittoria del Parma quest’anno, avrà diritto al premio, coincidente con l’ingaggio, che lo libererà da ogni vincolo col Parma. Tradotto se uno vuole riprenderlo, lo faccia prima di vincere la prima partita. Poi però dovrebbero pagare due anni a scrocco, Liverani. Complessa la situazione.

      • 30 Settembre 2020 in 22:06
        Permalink

        Se si voleva cambiare allenatore
        bisognava prenderne uno che giocasse
        come D’Aversa senza,stravolgere il gioco
        della squadra anche perché volume Covid si sapeva
        che tempo adisposizione c’è n’era poco.
        Così paghiamo due allenatori
        La squadra e in confusione totale
        Il mercato è indecente
        Non è ancora arrivato nessuno ma sono
        partiti in 3 KULUSEVSKY-BARILLA’ e
        Caprari che oggi ha fatto
        con lo Spezia due gol,
        I tifosi sono imbestialiti
        e il Parma rischia veramente la serie B

  • 30 Settembre 2020 in 11:02
    Permalink

    Ho detto che inizialmente avrei preferito D’aversa, adesso andrei avanti con questo fino alla fine. Se la strada intrapresa è questa ed è condivisa la si deve portare fino in fondo, vorrei vedere se costruisci una squadra per Liverani e poi richiami D’aversa…….sarebbe una situazione ridicola, poi sicuramente quello che abbiamo visto negli anni passati era dovuto al fatto che Faggiano prendeva giocatori di esperienza per il gioco di D’aversa.

  • 30 Settembre 2020 in 14:12
    Permalink

    Anche secondo me sarà un anno difficile, comunque è ancora presto per giudicare l’allenatore. È anche vero che in serie A non ti perdonano quindi sarà meglio muovere la classifica già dalla prossima partita. Un saluto a tutti i tifosi del Parma.

    • 30 Settembre 2020 in 14:46
      Permalink

      Ma come si fa a dare la colpa a Liverani. Il problema lo ha creato nuovo inizio, che ha fermato tutto fino al 18 settembre, con l’ unico interesse di trovare qualcuno che gli facesse recuperare i soldi investiti. Lo stesso nuovo inizio, responsabile con Faggiano, di un parco giocatori vecchio, con tantissimi esuberi di categoria inferiore e con gente soggetta ad infortuni e strapagata. Vi ricordo che erano loro a firmare, dando il consenso. Ora il problema è riconducibile al tandem Carli e Lucarelli, sempre scelti da loro. Nonostante avessero già pronto il piano A ed il piano B, non sono riusciti a fare niente, solo Valenti ed una marea di trattative in stand by. Il problema nuovo inizio è superato, le conseguenze no.

  • 30 Settembre 2020 in 14:34
    Permalink

    Per esprimere una previsione realistica bisognerà attendere il 5 di ottobre.
    Solo a mercato chiuso e a squadra definita si potrà capire cosa ci attenderà.

    Ad oggi l’unico commento che si può esprimere è IMBARAZZANTE TUTTO

    Al 30 settembre, ore 14:30, non trovo altri aggettivi per descrivere l’avvio di questa nuova stagione, che mi ricorda con terrore l’avvio della stagione che ci ha portato alla retrocessione ed al fallimento.
    Ma come dicevo, attendiamo il 5 ottobre (ormai mancano pochi giorni) e commenteremo in maniera più strutturata quello che ci aspettiamo da questo nuovo Parma.

    • 30 Settembre 2020 in 15:21
      Permalink

      Concordo assolutamente, stesse identiche sensazioni della stagione del fallimento, con la differenza che adesso una società la abbiamo ed è reale per cui anche nella malaugurata ipotesi di una retrocessione, tutt’altro che improbabile secondo me, i presupposti per ripartire subito ci sono. Chiaro, veder arrivare un nuovo proprietario, giustamente motivato e carico, e poi retrocedere non sarebbe un bel biglietto da visita. Ma mio parere il problema è sempre la comunicazione, se Krause avesse detto subito che era entusiasta di aver comprato il Parma ma che all’inizio ci sarebbe stato da soffrire anche con la possibilità di una retrocessione, sarebbe stato un conto. Ma dire che la retrocessione non è contemplata e poi…perdere male le prime due di campionato, non fare acquisti di livello, avere un DS ridicolo e un allenatore che si ostina a giocare in un modo quando è palese che i giocatori a disposizione non sono adatti…beh questo si che è preoccupante.
      In ogni caso domenica col Verona la squadra dovrebbe essere più o meno completa (anche se non so come sarà possibile visto che non è ancora arrivato e partito nessuno) e a quel punto capiremo che campionato ci aspetta..per il momento la previsione spazia tra l’impossibile e l’inaffrontabile.

  • 30 Settembre 2020 in 15:56
    Permalink

    Tutti i giocatori accostati al parma stanno accasandosi presso altre squadre, è una cosa ridicola..

  • 30 Settembre 2020 in 16:00
    Permalink

    Sicuramente il momento non è facile, le due partite fin qui disputate non sono piaciute a nessuno, credo qualche attenuante si possa concedere, siamo all’inizio di una rivoluzione a tutti i livelli. La nuova società ha deciso un percorso ben preciso di ringiovanimento con giocatori di proprietà., chiedere il ritorno di D’Aversa, mi pare irragionevole. Ricordo che la scorsa stagione abbiamo perso, se non sbaglio, 17 partite, con anche filotti di 5 o 6 sconfitte consecutive. Chiedere la testa del tecnico dopo due sconfitte, con il mercato aperto, una proprietà che si sta insediando, un DS nuovo, che sta facendo i salti mortali per portare a casa giocatori che rispondano alle necessità della società e del tecnico stesso, mi pare abbastanza irrazionale. Ricordiamoci quante volte, gli stessi che oggi rivorrebbero D’Aversa, lo hanno invitato ad andarsene (eufemisticamente), dopo sconfitte, anche non molto dignitose (e non dopo due giornate). Diamo il tempo alla società ed alla squadra di dimostrare realmente quanto valgono, senza inutili isterismi, con critiche sicuramente, quando servono, ma senza linciaggi, con un minimo di raziocinio.
    Sempre Forza Parma

    • 30 Settembre 2020 in 19:33
      Permalink

      Bravo Rikman ….

  • 30 Settembre 2020 in 16:10
    Permalink

    Devono venire 5 giocatori già pronti per la serie A: Krunic, Saponara, Ounas, Zaza, Lyanco, (con Millico in cambio del sempre rotto Inglese) per esempio, non solo giovani del 1999 o 2000 che mentre capiscono Liverani, la serie A, in una situazione di classifica già difficile …..ciao ciao!

  • 30 Settembre 2020 in 17:57
    Permalink

    Ti assicuro che neanche da quassù si riesce a vedere la vastità del cazzo che ce ne frega a noi parmigiani di sta roba qua 1913

    • 1 Ottobre 2020 in 08:45
      Permalink

      Vastità………? Quel moncherino? Ma sei parmigiano?reggiano!!!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI