BOLOGNA-PARMA 4-1, HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

BOLOGNA-PARMA 4-1, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

BOLOGNA-PARMA 4-1, IL TABELLINO

Marcatori: 15′ e 30′ Soriano, 11′ st Skov Olsen, 22′ st Hernani, 46′ st Palacio

BOLOGNA – Skorupski, Hickey (35′ st Denswil), Skov Olsen (47′ st Orsolini), Tomiyasu, Poli (Cap., 19′ st Medel), Soriano, Danilo, Palacio (47′ st Santander), De Silvestri, Schouten, Barrow (35′ st Sansone). Allenatore: Mihajlovic
A disposizione: Da Costa, Dominguez, Bani, Mbaye, Baldursson, Svanberg, Vignato

PARMA – Sepe, Iacoponi, Karamoh (36′ st Adorante), Brugman (36′ st Grassi), Laurini, Dezi (13′ st Siligardi), B. Alves (cap.), Hernani Jr, Gervinho (24′ st Sprocati), Kucka (36′ st Dermaku), Darmian. Allenatore: Liverani
A disposizione: Colombi, Alastra, Pezzella, Balogh, Ricci, Simonetti, Kasa

Arbitro: Sig. Paolo Valeri della Sezione A.I.A. di Roma 2

Assistenti: Sig. Alessio Tolfo di Pordenone e Sig. Fabio Schirru di Nichelino

Quarto Ufficiale: Sig. Luca Massimi di Termoli

V.A.R.: Sig. Fabrizio Pasqua di Tivoli

A.V.A.R.: Sig. Mauro Vivenzi di Brescia

Espulso: Iacoponi

Ammoniti: Kucka, Laurini, Sansone

Angoli: 9-8

LA DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

Nel posticipo della seconda giornata di campionato i Crociati, dopo la sconfitta al Tardini contro il Napoli, affrontano il Bologna di Mihajlovic. Alle 20.45 il fischio che darà inizio al Dall’Ara a questo derby emiliano; i gialloblù di Liverani cercheranno, come gli avversari, di accaparrarsi i premi tre punti di questa stagione. Parma che dovrà fare a meno dell’apporto di Grassi e Cornelius che si è fermato per un risentimento muscolare durante la rifinitura, ritrova, invece, il posto da titolare Gervinho che guiderà, affiancato da Dezi e Karamoh, l’attacco ducale.

01′ è partito il derby emiliano, primo pallone per i locali; ducali, in maglia gialla, che attaccheranno da sinistra verso destra in questa prima frazione di gioco. Subito un’occasione per la squadra di Liverani che si porta immediatamente in avanti con Gervinho che mette il turbo e conclude verso la porta rossoblù di potenza. Chiude bene la difesa dei padroni di casa

03′ il primo calcio d’angolo della partita lo conquista la squadra crociata: Brugman prova a mettere la sfera in mezzo, interviene Soriano che anticipa tutti e si rifugia, in corner

04′ azione brillante dei ducali, combinazione perfetta tra Gervinho e Karamoh che, con un tocco sotto, serve Brugman al centro: colpo di testa bloccato da Skorupski. Grande riflesso da parte del portiere del Bologna che salva il risultato, bell’occasione per il Parma di sbloccare, a pochi minuti dal via, questo derby

05′ i crociati sono partiti davvero in quinta, spingono e pressano verso l’area avversaria e conquistano, proprio in questo momento, un nuovo calcio d’angolo

06′ prova timidamente a farsi vedere in avanti la squadra di casa, gran chiusura di Darmian che allontana il pallone in acrobazia. L’azione era, comunque, stata fermata per un fuorigioco di Soriano

08′ il Parma prova a trovare le misure giuste, il Bologna, si è asserragliato nella propria metà campo lasciando veramente pochi spazi alla manovra crociata; una partita, sino ad ora, abbastanza equilibrata anche se la formazione di Liverani ha provato con più concretezza a pungere l’avversaria

10′ rossoblù in avanti: colpo di tacco di Palacio a servire Hickey che controlla male il pallone (probabilmente non ha capito in tempo l’intenzione del compagno); Parma che riconquista il possesso

11′ colpo sospetto in area crociata: a contrastare in area Hickey, giovane scozzese esordiente nella massima serie, è Laurini. Spalla a spalla ruvido tra i due ma per il direttore di gara è tutto regolare, i giocatori del Bologna accennano una timida protesta ma, dopo qualche istante, il gioco riprende regolarmente

12′ dopo un avvio brillante e spumeggiante del Parma è ora il Bologna a conquistare terreno, crociati “rintananti” nella propria metà campo a difendere il fortino gialloblù

14′ errore macroscopico della difesa gialloblù; una voragine difensiva che non viene, però, capitalizzata da Soriano che si è trovato a tu per tu con Sepe

16′ 1-0 GOOOAL Bologna! Cambia il risultato al Dall’Ara a siglare la rete è Soriano che colpisce, solo in mezzo alla difesa gialloblù, di testa ed insacca il pallone in rete. Sfortunato Sepe che interviene a bloccare la palla senza riuscire, però, ad evitare che la sfera rotoli oltre alla linea. Leggerezza difensiva del Parma, il Bologna non si fa certo pregare e coglie l’occasione per portarsi in vantaggio; la partita si mette in salita per la formazione di Liverani

18′ il Parma sembra aver subito psicologicamente la rete dei padroni di casa, i rossoblù guadagnano un calcio d’angolo. Nulla di fatto, ma è essenziale che i crociati provano a scuotersi di tempo, per rimettere sui binari giusti la gara, ce n’è ancora davvero tanto sono, infatti, passati in questo momento i venti minuti di gioco

21′ prova a spingersi in avanti il Parma con Gervinho a cui viene, però, soffiato il pallone, l’ivoriano commette infine anche fallo

24′ ancora un’occasione per il Bologna che non sembra volar mollare la presa sul Parma: Palacio serve il pallone a Hickey che crossa in mezzo; nessun compagno è pronto per la deviazione, per fortuna del Parma

25′ ancora solamente il Bologna in avanti questa volta ci provano da calcio d’angolo con Barrow che mette in mezzo il pallone; Hernani interviene e rischia, a qualche centimetro dalla porta presidiata da Sepe, l’autorete

26′ Parma che subisce goal da ben 16 partite consecutive in serie A; un record negativo che i crociati devono cercare di infrangere al più presto

27′ Sepe esce in modo sicuro dalla propria area piccola. Con la sua rimessa prova, poi, a rilanciare il contrattacco ducale senza, però, riuscire a raggiungere Gervinho o Karamoh

29′ prima mezz’ora di gioco, il bel Parma che si era messo in mostra nei primi minuti di gara si è un pò ingrigito, la squadra di Liverani prova a reagire alla rete ma, per ora, non riesce a trovare alcun spazio

30′ 2-0 GOOOOAL Bologna, dopo un quarto d’ora il Bologna trova il raddoppio, ancora con Soriano; pregevole rete dell’attaccante bolognese che con il suo destro trova l’incrocio dei pali, tiro imparabile per Sepe che si tuffa, impotente

32′ Dezi guadagna un calcio d’angolo dalla sinistra che prova a reagire, nel tentativo di accorciare le distanze

33′ pallone in mezzo per Karamoh chiuso da tre elementi della difesa del Bologna; l’attaccante ducale chiede un calcio di rigore per un presunto fallo di mano di Tomiyasu. Il direttore di gara non ha dubbi: tutto regolare, qualche protesta, però, dei giocatori ducali

35′ il Parma prova a salire in questi minuti finali ma il Bologna non rinuncia a rendersi pericoloso, specialmente in contropiede; ci provano ora dalla destra con Barrow. Padroni di casa arrestati dall’intervento del direttore di gara per l’offside del suo calciatore

36′ gialloblù in avanti, si fa sentire dalla panchina Liverani che prova a spingere i suoi. Il Parma, però, ha fatto davvero troppo poco durante questa prima frazione di gioco che sta per volgere al termine; per il Parma sarebbe davvero importante trovare almeno una rete prima del fischio che manderà tutti negli spogliatoi

39′ Laurini non riesce a servire Karamoh, molti, troppi, errori gialloblù, sarà difficile cambiare le sorti di questa gara se la squadra di Liverani non troverà precisione e brillantezza

42′ punta l’area avversaria Gervinho, pallone sul fondo; l’ivoriano, dopo un exploit iniziale, sta ora avendo molte difficoltà anche se, ad onor del vero, la freccia nera non si trova nel massimo della propria condizione fisica

44′ occasione per i padroni di casa che ripartono con Palacio, pallone che giunge a Barrow che si trova sul palo lontano; fondamentale l’intervento di Darmian che salva i gialloblù dall’incassare la terza rete

45′ comunicato il tempo di recupero: ancora sessanta secondi di questo primo tempo

Finisce in questo momento il primo tempo del derby emiliano; i ducali sono colpiti (ed affondati, almeno per ora) dalla doppietta di Soriano che consente alla squadra di casa di tornare negli spogliatoi godendo del doppio vantaggio. Parma che dopo un inizio brillante commette troppi errori, un Parma evidentemente in “bambola” dopo aver subito la prima rete, un Parma che, però, deve necessariamente trovare la forza e la lucidità di rimettere in piedi questa gara, speriamo che Liverani possa scuotere, nel corso dell’intervallo, i suoi.

SECONDO TEMPO

46′ è iniziato il secondo tempo di Bologna-Parma, padroni di casa che, ricordiamo, conducono per due reti a zero; nessun cambio effettuato durante l’intervallo dai due tecnici. Dal punto di vista offensivo, dopo i recenti forfait, Liverani ha davvero poche alternative

47′ il Parma prova una (timida) reazione al doppio svantaggio con Gervinho

49′ Karamoh si lancia in attacco: chiuso bene dal difensore giapponese del Bologna, Tomiyasu che riesce ad arrestare l’avanzata in velocità dell’attaccante gialloblù

50′ Gervinho prova un tunnel difficile (troppo per andare a buon fine) su De Silvestri, il difensore è attento e riesce a recuperare senza troppe difficoltà il pallone

51′ bella palla di Palacio per Soriano, pallone che, infine, arriva tra le mani del portiere del Parma; i padroni di casa sembrano essere in grado di mantenere il controllo sul match, i gialloblù, d’altra parte, provano a reagire ma senza riuscire ad imporre il proprio gioco ma subendo, al contrario, i ritmi del Bologna

53′ lungo fraseggio e possesso palla dei rossoblù; Tomiysau poi si proietta in fase offensiva involandosi verso la porta crociata con il pallone ai piedi. Dopo aver superato ben due avversari esce Sepe che gli blocca l’avanzata

55′ pressione della squadra di Liverani; cross di Karamoh, acrobaticamente interviene De Silvestri, provvidenziale l’intervento del rossoblù che impedisce a Gervinho di deviare il pallone verso la porta

56′ Gervinho porta in avanti il Parma; trova il fondo e poi crossa al centro. Il pallone taglia tutta l’area piccola ma nessun compagno è pronto per la deviazione

57′ 3-0 GOOOOAL Bologna, padroni di casa che affondano i crociati e mettono a segno la terza rete del match con Skov Olsen. Liverani, ammutolito dopo questa terza rete, prova a scuotere la propria squadra effettuando la sua prima sostituzione: esce Dezi, inizia la gara per Siligardi

60′ cartellino giallo per Kucka che interviene fallosamente sugli stinchi di Barrow

61′ ancora Bologna, la squadra di casa non si ferma nemmeno dopo la terza rete e prova con Soriano a bucare nuovamente la difesa gialloblù; palla imbucata verso Barrow, interviene Iacoponi. Il difensore ducale spazza via il pallone ed allontana il fantasma della quarta rete avversaria

62′ conclusione dalla distanza di Kucka, tiro molto potente ma poco preciso; Parma in affanno che non sa come trovare la giusta reazione nonostante provi a dare una svolta a questo match

64′ corner dalla sinistra per il Parma, a batterlo è Siligardi. Il suo sinistro termina direttamente contro i pognu di Skorupski

66′ bella palla di Brugman che serve Karamoh; l’esterno del Parma prova a cercare il cross basso all’indirizzo di Gervinho. De Silvestri allontana e libera l’area del Bologna. I crociati provano ad alzare il pressing

67′ 3-1 GOOOOOAL Parma; buco nella difesa del Bologna che accusa un eclatante calo di concentrazione, ne approfitta Hernani, lasciato solo nell’area piccola. Il Parma si porta a meno due; l’assist è stato di Brugman

68′ ancora una sostituzione tra le fila crociate; richiamato in panchina Gervinho (non al massimo della condizione tanto che, prima della defezione di Cornelius, non sarebbe dovuto scendere in campo dal primo minuto) lascia il posto a Sprocati

69′ i ducali sembrano aver preso più coraggio dopo aver messo a segno la rete con Hernani, e provano ora a ribaltare l’andamento di questo match

70′ altro crociato che termina sul taccuino del direttore di gara: ammonito anche Vincent Laurini

71′ il Bologna recupera palla su Hernani e prova a lanciarsi in contropiede, il brasiliano crociato si fa perdonare l’errore e recupera la sfera

74′ tentativo di sombrero volante di Barrow ai danni di Iacoponi; il pallone riesce, si, a passare, ma l’attaccante del Bologna non riesce a recuperarlo in seconda battuta

75′ calcio d’angolo conquistato in questo momento dalla squadra di Liverani; batte Brugman che mette il pallone in mezzo, allontana con i pugni il portiere del Bologna

76′ buco nella difesa crociata; prova ad approfittarne Barrow che libera il proprio destro dal limite. Sepe blocca in tuffo il pallone a terra

77′ calcio di rigore per i padroni di casa; palla per Palacio che si invola verso l’area, Iacoponi interviene e lo stende. Per il direttore di gara non vi sono dubbi: calcio di rigore e cartellino rosso per il giocatore crociato per aver commesso fallo da ultimo uomo. Al VAR l’azione viene revisionata: il fallo è iniziato fuori dall’area quindi il Bologna potrà usufruire solo di un calcio punizione dal limite; i gialloblù dovranno comunque terminare questa gara con l’uomo in meno

79′ il Bologna batte il calcio di punizione con Barrow, conclusione potente ma Sepe intuisce e blocca in due tempi. Il calciatore del Bologna poteva sfruttare meglio quest’occasione, tira un sospiro di sollievo la squadra ducale

80′ sostituzione nel Bologna: Barrow lascia il posto a Denswil

81′ doppia sostituzione per i ducali, ad abbandonare il campo sono Kucka e Karamoh, Liverani lascia spazio a Dermaku e Adorante

83′ gran botta di Sansone, imbeccato da un ottimo Soriano; a tu per tu con Sepe prova la conclusione ravvicinata, il tiro, però, è troppo centrale: termina direttamente e letteralmente addosso al portiere ducale

84′ continua a spingere la squadra di casa, complici l’uomo in più e il doppio vantaggio; il Parma prova ad organizzarsi, ma è davvero difficile per la squadra di Liverani

85′ ammonizione per Sansone che interviene fallosamente per arrestare un tentativo offensivo del Parma; nel frattempo, sulla panchina rossoblù, Mihajlovic continua ad incitare i suoi ad alzare il pressing: non si accontenta delle due reti di vantaggio

87′ conclusione di Palacio, Dermaku riesce ad “infilare” il piede e a mandare il pallone in corner. La squadra di Liverani che gioca, ricordiamo, in inferiorità numerica, deve ora stare accorta anche per evitare una possibile “imbarcata” rossoblù

90′ sono ancora 4 i minuti da giocare di questo derby emiliano

91′ pallone in profondità all’indirizzo di Sansone; Sepe intuisce l’intenzione del rossoblù, esce dalla propria area piccola ed intercetta efficacemente il pallone

92′ 4-1 GOOOAL Bologna; i padroni di casa calano il poker con Palacio che trova l’angolino della porta spiazzando, per la quarta volta in questi novanta minuti, Sepe. Lo stesso Palacio viene poi sostituito, dentro: Mereles

93′ ancora un cambio per il Bologna: entra Orsolini, a lasciarli il posto è Skov Olsen

Termina al Dall’Ara il derby emiliano, i crociati subiscono una netta sconfitta; i rossoblù calano il poker sui ducali, a nulla vale la rete (che sembrava poter riaprire la contesa) di Hernani. Inizia, poi, a piovere sul bagnato quando, a mezz’ora dall’inizio della ripresa, il Parma subisce l’espulsione di Iacoponi. La squadra di Liverani, al triplice fischio del direttore di gara, si ritrova ancora a zero punti; Parma che, sicuramente, ha pagato anche le tante assenze e che dimostra di aver bisogno di fare ancora tanto lavoro sul campo per trovare la propria identità, la strada è lunga, sono solo due le gare giocate, ma è necessario che i gialloblù tornino presto sulla retta via, per non rischiare di perdere “per strada” punti che potrebbero rivelarsi fondamentali per raggiungere la salvezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

60 pensieri riguardo “BOLOGNA-PARMA 4-1, HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 28 Settembre 2020 in 20:03
    Permalink

    Come l’anno scorso… le buone abitudini non cambiano, seconda giornata di campionato e siamo già senza punte!!! Ottimo direi 🤣🤣🤣

  • 28 Settembre 2020 in 20:10
    Permalink

    Forza Parma. Sempre e comunque. Si tifa la squadra ma le due proprietà attuali sono impresentabili. Vergognoso presentarsi senza attaccanti alla seconda di campionato, con siligardi dermaku e sprocati cambi effettivi ( grassi e Pezzella sono infortunati come Gervinho) senza un vero secondo portiere e con un manipolo di primavera mai impiegati in prima squadra. La vecchia proprietà ha lasciato debiti, la nuova fa annunci via Twitter e basta. Così la gente si allontana. Spero si cambi passo molto velocemente.

  • 28 Settembre 2020 in 20:18
    Permalink

    Che formazione! Speriamo in un pari.

  • 28 Settembre 2020 in 20:44
    Permalink

    E il bello che quelle poche punte
    che abbiamo le vogliamo dar via

    • 29 Settembre 2020 in 06:55
      Permalink

      Che derby di………. A per noi tifosi del Parma.

  • 28 Settembre 2020 in 20:46
    Permalink

    Dezi titolare 😂😂😂😂
    Inglese rotto 🔝
    Cornelius pure
    Carli che dice in diretta che non sa quello che succederà.

    Se qualcuno ha un cero lo accenda

    • 28 Settembre 2020 in 21:16
      Permalink

      Che schifo.
      Squadra messa in campo DA BESTIA.
      Mi sa che LIVERANI non arriverà a Natale.

    • 28 Settembre 2020 in 21:38
      Permalink

      scusa non ho capito ma Carli ha detto che non sa cosa succederà riguardo cosa?? ..non sò il mercato?( che poi deve condurlo lui quindi non credo) riguardo la proprietà non credo…è solida ed è appena arrivata …..quindi a cosa si riferisce ?mi preoccupa questa cosa…

  • 28 Settembre 2020 in 20:48
    Permalink

    Vamos Ragazzi

  • 28 Settembre 2020 in 21:19
    Permalink

    Vabbè, ciao. Goleada senza dignità nel derby. Spero che Krause si dia una bella svegliata, che questa squadra va giù dritta come il piombo.

  • 28 Settembre 2020 in 21:23
    Permalink

    Arridateci D’Aversa.
    Altri 2 gol a partita come
    da prassi consolidata nel tempo.
    Forse Liverani dura fino al 2 di novembre
    Questo è il suo giorno
    IL GIORNO DEI MORTI.

    • 28 Settembre 2020 in 21:39
      Permalink

      A toglietevi velenoso

  • 28 Settembre 2020 in 21:25
    Permalink

    lo dico ora e so che prenderò sù insulti…..ma sarà meglio accelerare un bel pò sul mercato e richiamare d aversa in fretta……liverani non c entra nulla con questa squadra e i giocatori nulla con lui……non perdiamo tempo e non ripetiamo la stagione fatta con marino preso per fare gioco “propositivo”,come si fà a prentedere di giocare in modo propositivo con questi giocatori e con una squadra che non esprime alcuna fisicità oltre al basso tasso tecnico,i giocatori sono smarriti ….non possono giocare diversamente da come facevano con d AVERSA

  • 28 Settembre 2020 in 21:26
    Permalink

    Siamo in confusione totale, al di là delle assenze. Servono due rinforzi per reparto e anche forti

  • 28 Settembre 2020 in 21:30
    Permalink

    Avete notato che Sepe
    non para più?

  • 28 Settembre 2020 in 21:33
    Permalink

    NON è un derby, quante volte debbo ripeterlo! Bologna, come canta Guccini, è Romagna ed un po’ Toscana. Il derby è quello con le teste quadre, solo quello nella storia.
    Liverani non può indossare la maglia numero 9, su là scantiv, competentoni

  • 28 Settembre 2020 in 21:33
    Permalink

    Ci hanno lasciato con le macerie fumanti e in mano a uno che mezz’ora prima della partita ha detto che non sa neanche lui cosa fare. O krause li caccia tutti a calci nel c…o e spende o serie B già scritta.

  • 28 Settembre 2020 in 21:34
    Permalink

    Però era fallo di mano 🤣🤣🤣

  • 28 Settembre 2020 in 21:35
    Permalink

    A natale siamo già in b

  • 28 Settembre 2020 in 21:35
    Permalink

    4 minuti iniziali ottimi, 41 in cui siamo stati brutalizzati e ridicolizzati. Dopo le parole di Carli, che ringrazia Liverani per non lamentarsi della situazione in cui si trova e dichiara di non sapere cosa farà sul mercato, direi che la stagione è tracciata. Faccio una domanda da un milione. Ma i calciatori del Parma sono pagati regolarmente? Molti (alves Gervinho Hernani Iacopino, Sepe) hanno un atteggiamento strano in campo. Rassegnati, poco grintosi e disinteressati.
    Mi raccomando , se finisce così o se segnano un gol, a fine partita un bel tweet in cui ci si rallegra della prestazione e si fanno promesse. Spero tanto di rimontare ma mi sembra la speranza dei mal vestiti che faccia un inverno caldo.

  • 28 Settembre 2020 in 21:43
    Permalink

    Penosi !! Krause ci sei ?

    • 28 Settembre 2020 in 22:12
      Permalink

      Le assenze sono tante e pesanti, ma qui c’è anche un discorso tecnico. Con questi giocatori non puoi pensare di cambiare sistema di gioco rispetto all’anno scorso. Quindi : o si fa davvero campagna acquisti funzionale al nuovo tecnico o si supplica D’Aversa di tornare. Nel frattempo il 5 ottobre si avvicina e non penso che il buon Carli abbia in serbo dei gran colpi. Non ci resta che sperare il ripensamento della proprietà e richiamare il tecnico che, a discapito dei fini intenditori di calcio che frequentano questo sito, ha portato il Parma dalla Lega Pro fino al decimo posto in serie A
      BOBBY CI MANCHI

      • 28 Settembre 2020 in 23:09
        Permalink

        bravo!!!ti quoto al 100%

  • 28 Settembre 2020 in 22:03
    Permalink

    Offensivi ma come si fa a far vedere uno spettacolo del genere ?

  • 28 Settembre 2020 in 22:03
    Permalink

    Nuovo inizio ha preparato la vecchia fine

  • 28 Settembre 2020 in 22:04
    Permalink

    E anche oggi Russo ha preso il pronostico.

    • 28 Settembre 2020 in 22:15
      Permalink

      Risso aveva detto che il Bologna prende sempre goal, anche oggi è andata così

  • 28 Settembre 2020 in 22:05
    Permalink

    È prematuro dare giudizi definitivi ma alcuni parziali ci stanno. La vecchia proprietà è andata totalmente in tilt a causa dei debiti accumulati a cui non riusciva a fare fronte (parole di Ferrari : non possiamo permetterci la squadra e il covid ha fatto il resto). Faggiano e d’Aversa, preso atto della situazione se ne sono scappati per motivi diversi. Nel caos totale i vecchi hanno scelto l’unico ds disponibile a sposare questa situazione. Questo non riesce a fare mercato per vari motivi anche a lui non imputabili ( Lega per problema riscatti) e chiama un allenatore che era di fatto a piedi e che non c’entra nulla con questi giocatori. Poi arriva un nuovo proprietario che ad oggi non ha fatto molto e si propone più come risanatore dei conti che come mecenate. Unica frase: la retrocessione non è un’opzione ( forse perché è una certezza????). Un acquisto, zero arrivi e una liquidazione dei calciatori più costosi da avviare. Tanti tweet però tipo Donald. A mio avviso, la salvezza è una chimera. Due partite imbarazzanti. Spero solo che il signor Krause si muova, metta soldi veri e si dimostri un vero presidente coi contro coglioni. Siamo su una pessima china. Domenica abbiamo altro scontro diretto e dobbiamo vincerlo. Ma così è impossibile.

    • 28 Settembre 2020 in 22:31
      Permalink

      Ci pensa Carli adesso a risolvere tutti i problemi. È il Mister Wolf di Tarantino con vin santo e cantuccini

  • 28 Settembre 2020 in 22:06
    Permalink

    Era meglio far giocare,Kurtic
    3-0 almeno sarebbe stato a tavolino.
    Sepe sia col a Napoli e sia con il Bologna
    non.ha mai fatto una parata.
    Diavolo via cazxi

  • 28 Settembre 2020 in 22:07
    Permalink

    Era meglio far giocare,Kurtic
    3-0 almeno sarebbe stato a tavolino.
    Sepe sia col a Napoli e sia con il Bologna
    non.ha mai fatto una parata.
    Diamolo via cazzo

  • 28 Settembre 2020 in 22:07
    Permalink

    Faccio una proposta. Ai giocatori che perdono toglierei l’uso delle loro supercar fono alla prossima partita, assegnando loro una 500 L a metano come la mia. E se perdono anche la prox vieterei loro l’uso delle loro stracompagne, assegnando loro una come la mia, bassa larga e pelosa.
    Sto scherzando per sdrammatizzare, non senza una punta di sacrosanta invidia

  • 28 Settembre 2020 in 22:11
    Permalink

    va bè…..se carli ha detto veramente quello che ho letto nel commento di aldo……che se ne vada anche lui con liverani,lo sò è un atteggiamento disfattista e da menagramo anticipo già le critiche che mi varranno fatte ma…..stiamo vanificando il “come noi nessuno mai!” ….senza mercato e senza d aversa andiamo in b diritti come uno scandaglio in mare,non ci vuole nulla per capire che è stato sbagliato cambiare guida tecnica e direttore sportivo proprio in questa stagione particolare ,Liverani avrà bisogno di tempo ma…..non ce l ha !o meglio visto quello che sta dicendo il campo stasera glie ne serve troppo davvero troppo e non possiamo aspettarlo,con buona pace degli esteti che vorrebbero vedere giocare bene e salvarsi…..dimenticando che per 4/5 anni sarebbe fondamentale salvarsi per consolidarsi.

    • 28 Settembre 2020 in 22:45
      Permalink

      Su Sky hanno appena ribadito… Le parole di Carli le abbiamo sentite… Purtroppo siamo in fase di liquidazione e creazione di una under 21. A metà novembre saremo pronti. Retrocedere è sempre meglio che fallire un’altra volta

  • 28 Settembre 2020 in 22:23
    Permalink

    Liverani vai a lavorare !

  • 28 Settembre 2020 in 22:25
    Permalink

    Noi imbarazzanti, ma Valeri non è stato proprio super 🤣🤣

  • 28 Settembre 2020 in 22:26
    Permalink

    Ma cosa richiamare d’Aversa se è stato lui a mollare la barca. Sono andati in Sardegna a implorare di restare! Il problema adesso non è l allenatore, magari lo fosse

  • 28 Settembre 2020 in 22:31
    Permalink

    Goletto della bandiera giusto per “salvare la faccia”. Va bene così, no?

    A parte scherzi, mi sembra di rivivere l’anno del fallimento: squadra che andava in campo già sapendo di essere sconfitta.

  • 28 Settembre 2020 in 22:32
    Permalink

    Raramente ho visto un Parma così inferiore e dimesso. Potevamo prendere 5 gol comodi.Giusto nel 2014/2015 ma erano altri tempi. Domenica è vicina. Sprocati siligardi e adorante in campo. Se pensiamo di, salvarci così… Per non parlare della difesa. L’unico capace va all’Inter. Magari uno di 13 anni pronto per la serie A a 500 euro lo troviamo alla San Leo o all’Europa.

    • 28 Settembre 2020 in 22:42
      Permalink

      Esatto, qui si ha il coraggio di criticare Darmian uno dei pochi calciatori da serie A che abbiamo. Ora avremo Laurini titolare fisso.

      • 28 Settembre 2020 in 22:54
        Permalink

        Beh pisci là ( la’ urini) diventerà un lusso per il Parma!!! Sono più preoccupato da biancone. Un 2000 con alle spalle ben mezza stagione al Cercle Bruges. Immagino sia prontissimo per il campionato italiano e per sostituire Darmian.

    • 28 Settembre 2020 in 22:43
      Permalink

      Il centrocampo non gioca e non fa filtro. Non è un centrocampo da serie a. Se poi hai 3 leggeri davanti…, I due centrali vanno bene se giochi fisso, alti regali spazio. Con scozza kilo e kurtic forse va meglio, ma è due anni che Sei sempre sul filo, e l anno scorso kulu ha coperto x 6 mesi le magagne. Giocatori sempre rotti. Nessuno ha notato che nel primo tempo ogni fallo laterale nostro perdevamo palla?

  • 28 Settembre 2020 in 22:39
    Permalink

    Secondo me krause si starà chiedendo cosa gli hanno venduto…

    • 28 Settembre 2020 in 22:50
      Permalink

      Lo sa benissimo. Ed è stato chiamato per questa mission. Chi si somiglia si piglia. È una verità assoluta. Sta già vendendo tweet per coprire le mancanze.

  • 28 Settembre 2020 in 22:43
    Permalink

    mi sa proprio che liverani durera’ ben poco

  • 28 Settembre 2020 in 22:54
    Permalink

    È troppo evidente la differenza tra noi ed una squadra di media classifica. Questo è il risultato della gestione nuovo inizio degli ultimi 12 mesi. Lo scorso anno hanno avallato in toto le scelte di Faggiano, che ha portato solo calciatori pieni di problemi fisici, e strapagati. Bastava imporre una politica diversa ma evidentemente non erano in grado di rendersene conto. Poi hanno fermato la giostra fino al 18 settembre. Carli è una loro scelta, il quale sta guardando inerme il mercato. La rosa è inadeguata alla categoria. Provo vergogna e sconforto pensando che ci saranno altre 36 partite di agonia. Vergogna, solo vergogna. Krause deve fare piazza pulita.

    • 28 Settembre 2020 in 23:06
      Permalink

      Ancora a pensare che ci siano sprovveduti o raggirati. La vecchia proprietà ha avallato ogni singola scelta di Faggiano. Probabilmente pensavano di vendere qualcuno e ripagare i debiti. Non è andata così. Anche Ghirardi, vendendo paletta e Biabiany, non sarebbe fallito. Ma è andata così. Il Parma aveva già problemi nell’anno della serie B. La promozione ha risolto temporaneamente le cose. Ma quando non ne metti mai o pochi rispetto a quelli che spendi, prima o poi… Non mi risulta che la vecchia proprietà abbia fatto causa a Faggiano. Quindi…

  • 28 Settembre 2020 in 23:01
    Permalink

    Le troppe assenze si sono fatte sentire, quella all’ultimo istante di Cornelius ha costretto Liverani a schierare una formazione inedita che inizialmente ha funzionato bene.
    Se non si sfruttano le occasioni da rete, si fa poca strada. Nel primo tempo ce ne sono state almeno tre notevoli, ad inizio ripresa, prima di farci infilzare per la terza volta, un altro paio.
    La squadra sembra indietro di condizione e sbaglia molto, sarebbe il caso di giocare in modo essenziale nella nostra metà campo perché non possiamo permetterci divagazioni.
    Al di là dei nostri errori siamo stati anche poco fortunati.
    Non vedo motivo di drammatizzare la situazione, le critiche a società e tecnico sono controproducenti e non hanno senso in questo avvio di campionato.
    Una volta rientrati gli infortunati e con l’arrivo di qualche rinforzo, la squadra sarà presto più efficace

  • 28 Settembre 2020 in 23:01
    Permalink

    Veramente vergognoso, tutta sta storia

  • 28 Settembre 2020 in 23:06
    Permalink

    Siamo da B
    Liverani non è allenatore da 🅰
    Quando i tifosi lo capiranno sarà tardi
    perche’ saremo già in B

  • 28 Settembre 2020 in 23:08
    Permalink

    Personalmente sono molto amareggiato ed irritato.
    Derby o non derby, infortuni o meno, questa era una partita da giocare con il coltello tra i denti, giocando con la bava alla bocca, correndo come dei disperati cercando di portare a casa lo zero a zero. Invece ho visto una squadra che non ha giocato da squadra, presuntuosa, giocatori molli e spaesati che non sapevano cosa dovevano fare, che non hanno mai fatto un raddoppio, giocatori fuori ruolo, praterie tra il centrocampo e la difesa… non sapevano neppure a chi passare la palla nelle rimesse laterali.
    Va bene le assenze ma molte colpe sono dell’allenatore… non puoi pensare di giocare un tipo di calcio se non hai gli interpreti adatti, devi essere umile, conoscere i tuoi limiti e giocare un calcio semplice sapendo soffrire senza mollare un metro… oggi si doveva andare in campo con 10 a difendere e solo Gervinho a fare contropiede, punto.
    Venendo al mercato non so cosa possa succedere in una settimana che non sia successo nell’ultimo mese, il problema che numericamente siamo cortissimi, andrebbero aggiunti almeno 4-5 giocatori potenziali titolari (un terzino, un difensore centrale, un regista, un trequartista ed una punta) ai quali poi sommare tutti i sostituti dei possibili partenti. Abbiamo giocatori troppo soggetti ad infortuni, regalo della passata gestione (Inglese, Cornelius, Gervinho, Kucka, Grassi, Scozzarella, etc) o si vendono o devi lavorare con una rosa più lunga e con parecchi under visto che non hanno un limite (qualcuno anche in prestito secco se non si riesce a comprare). Spero che in società chi di dovere abbia le idee chiare su cosa ci sia da fare nei prossimi giorni perché la situazione è tutt’altro che tranquilla. Io mi fido della nuova proprietà, però va bene le parole ma adesso ci vogliono i fatti ed i risultati in campo.
    Sempre e solo forza Parma

    • 28 Settembre 2020 in 23:34
      Permalink

      Effettivamente, più che la sconfitta, dispiace l atteggiamento molle, quasi rassegnato..

  • 28 Settembre 2020 in 23:21
    Permalink

    A me piacerebbe che Lucarelli dicesse quattro cose sia alla squadra che a noi tifosi, secondo me chi ci sta rimando peggio è proprio lui .

  • 28 Settembre 2020 in 23:27
    Permalink

    Ma è mai possibile che a Parma si debba ricominciare da capo ogni 5/6 anni? 2004/2008/2015/2020? Qual è il problema? Le proprietà? La città che non risponde? La serie A a Parma è sovradimensionata rispetto agli imprenditori locali o vicini? Non riesco veramente a capire. Voglio vedere il bicchiere mezzo pieno e pensare che quest’anno l’intervento a gamba tesa sia stato tempestivo. Ma sono anni che sento parlare di squadre che devono puntare sui giovani e che devono auto gestirsi. Nessuno riesce mai a farlo. Riusciremo noi? Boh. Mi sembra tanto che stiamo raschiando il fondo di un barile gia’ logoro. Sperema ben

  • 28 Settembre 2020 in 23:34
    Permalink

    Ci sono giocatori che con D’Aversa
    rendevano perché avevano sposato il
    suo gioco i suoi schemi.
    Con.Liverani non vanno assolutamente
    Iacoponi è il caso più eclatante.
    INGUARDABILE
    Questa difesa con Liverani non va
    Il centrocampo fa pena e l’attacco con
    questi schemi fa schifo
    Se non si fa almeno un pareggio
    col Verona, Liverani si deve dimettere

  • 29 Settembre 2020 in 00:32
    Permalink

    Ma D’Aversa lo stiamo pagando vero???

    • 29 Settembre 2020 in 07:34
      Permalink

      Ma basta con sto D’aversa la proprietà era disposta ad alzargli lo stipendio, ma ormai era troppo ambizioso per il nuovo progetto del Parma.

    • 29 Settembre 2020 in 08:35
      Permalink

      Da quello che so, D’Aversa ha risolto il contratto col Parma e al momento della prima vittoria in campionato percepirà un premio di 387.000 euro , pari all’ingaggio percepito per un anno, dopo di che le parti saranno del tutto libere. Quindi, giuridicamente, il Parma non lo sta più pagando.

  • 29 Settembre 2020 in 01:25
    Permalink

    ma se non gli prendono i giocatori adatti al suo gioco potevano tenere d aversa questi non hanno capito un cavolo carli e da cacciare a calci in c …………..non fa un tubo e lucareli che fa dorme ? non e ‘il vice ds ? voleva la bici adesso pedali ………..ok colpa di carli ma il buon lucarelli quqlcosa potrebbe fare almeno piazare quelli di serie c ne abbiamo una settantina da sistemare o li paghiamo tutti da baraye a da cruz per arrivare a ricci e simonetti ……………adorante ecc

  • 29 Settembre 2020 in 07:41
    Permalink

    C’è poco da dire, andiamo male. Il mercato finisce il 5? Eh… aspettiamo pure.
    In effetti si fa fatica a essere ottimisti, io ci provo, a costo di superare l’ingenuità.
    A me quelli che dicono che va tutto male per gonfiarsi il petto e poi dire “te l’avevo detto” mi fan solo pena, c’è un bello stadio senza curve di là dal fiume Enza, il loro luogo naturale è quello.
    Ho sempre detto che darò il giudizio definitivo dopo il 5 a mercato chiuso, un acquisto solo per adesso è effettivamente un po’ pochino…
    Rimane il grosso dubbio, che nessuno ci dirà mai, di quanto ha inciso l’immobilismo dovuto alla trattativa per la vendita.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI