CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / EPOCHÈ

(Gianni Barone) – Epochè, ossia la sospensione del giudizio, credo sia la via migliore da seguire, oggi, quando ci si accosta al Parma, quello di Liverani, che definire sperimentale sarebbe già azzardato. In effetti non si può esprimere un determinato giudizio o valutazione, qualora non risultino disponibili sufficienti elementi per formulare il giudizio stesso. Lo si faceva anticamente in presenza di nuove città, con la nascita di un profeta o anche con l’inizio di nuove ere: non vedo perché questo nuovo Parma, con indosso ancora abiti vecchi o provvisori, targato Liverani – che secondo Dalla Vite Junior della rosea è uno che sa far giocare le sue squadre – non debba subire lo stesso trattamento di sospensione del giudizio fino a nuovo ordine o disordine che sia o che sarà. È ovvio che qualcuno ne approfitti e si scateni in lapidarie sentenze su ciò che avvera di qui a Natale o di qui alla fine del torneo: i panettoni sono già stati tirati in ballo, ma in assenza di un vero volto e di una veste definiva o quasi, tutti dovrebbero essere indotti a fare “epochè”, a proprio modo e secondo propria cultura o sensibilità. Non scandalizziamoci, neanche tanto, nell’apprendere, statisticamente, dei 100 gol subiti, in serie A, dalle squadre allenate dall’attuale tecnico del Parma, in sole 46 partite: fa parte del gioco anche questo. Però buttare la croce addosso a chi vorrebbe ci fossero idee, laddove esiste solo incertezza, difficoltà sembra essere alquanto impietoso. Stravolgere un gioco, una mentalità, una filosofia dall’oggi al domani, in mancanza forse degli interpreti giusti, è impresa ardua per tutti. Lo capisce anche chi si rifà a Sereni ed Angeleri. Quindi risulta essere d’obbligo attendere tempi migliori; prima, però, che sia troppo tardi. Eppure, da fuori, stando alle cronache sportive nazionali, non vi è stata bocciatura totale dopo la sconfitta col Bologna, da non aggettivare proprio in ossequio a quanto già ampiamente espresso, in quanto, all’inizio, le occasioni capitate a Gervinho, Karamoh, Brugman, hanno fatto tremare chi (il Bologna), era solito farlo fare, al mondo, per mito e per detto in tempi, ora, assai remoti. Se non vi fossero state le deviazioni più o meno lecite (forse un rigorino ci stava) di corpo, di mano o di cos’altro di Tomayasu, immolatosi per la causa, o la smanacciava “con le unghie”, per dirla alla Piovani, del portiere su Brugman, smarcatosi abilmente in area, non saremmo qui, da una parte, a tessere le lodi, in maniera quasi sperticata, dell’impresa di Soriano (forse più fortunato che bravo) e compagni, e, dall’altra, ad intentare processi senza imputati sulla prestazione dei Crociati afflitti dai soliti mali (leggi infortuni dell’ ultim’ora che si sperava potessero esser terminati, per incanto, con la precedente gestione tecnica, spesso accusata di usurare eccessivamente il capitale umano per l’intensità profusa ed esatta anche in allenamento) che hanno costretto il tecnico a scelte, più o meno, obbligate. Anche l’utilizzo di Dezi, che a conti fatti, parrebbe non avere prodotto risultati, ma ingenerato critiche, non è stato, sempre nei giudizi neutrali o di parte bolognese, salutato come un errore o un nulla di fatto (alle nostre latitudini c’è eccessiva prevenzione nei confronti dell’angioletto). Anzi, l’idea di un attacco super leggero con due esterni agili e abili in velocità, con un trequarti di manovra altrettanto agile e mobile, pur nell’emergenza, per lo meno per quanto visto all’inizio, non era tanto peregrina, al punto che il buon Siniša, più realista del re, come al solito, ordinava ai suoi di non dare campo e pressare in zona avanzata in modo da bloccare ogni tipo di rifornimento per i tre avanti Crociati, scomparsi poi alla distanza. Poi la partita ha preso una piega particolare grazie anche alla buona sorte altrui, in occasione dei primi due gol, unita ad errori di posizionamento e di lettura sulle uscite commessi dalla retroguardia del Parma. Purtroppo la scarsa attenzione alla fase difensiva – che non sappiamo se figlia dell’ansia di proporre un certo tipo di gioco o altro – non è prerogativa solo del Parma, se andiamo a vedere ciò che è successo su tutti gli altri campi, nella seconda giornata, scopriamo, ad occhi nudo, con lo strumento poco sofisticato dello spannometro, che si sono segnati tanti, troppi, gol per effetto di una scarsa cura, da parte dei tecnici, di cui Maran del Genoa, plurimi casi di Covid a parte, ne è un fulgido epigono, nel saper approntare una fase difensiva degna di questo nome. La mia non vuole essere una chiamata alle armi o un appello la più bieco difensivismo, da più parti avversato, al fine di convertire molti ad una tradizione vecchia e sepolta da decenni, ma vuole essere, laddove se ne riscontri la necessità, un invito ad una maggiore concentrazione di lavoro sulla fase di non possesso. Nulla di più e nulla di meno, perché 40 gol segnati in 10 partite, non sono solo il trionfo degli attacchi e dello spettacolo, a cui buona parte della tifoseria ambisce, ma sono anche il frutto di errori di piazzamento e/o di chiusura: in poche parole di scarso rispetto dei principi di gioco. Tornando al Parma, per concludere, Liverani parla di cantiere aperto, di cui Piovani della Gazzetta di Parma non ne ha scorto nemmeno il tracciamento delle fondamenta, di mancanza di tempo, e di difficoltà preventivate, per lo meno per le prime tre giornate, fino a cioè alla chiusura del mercato, quando arriveranno, finalmente, i rinforzi, richiesti, attesi e annunciati, noi smetteremo di fare “epochè” ed esprimeremo i primi giudizi dopo le prime sei giornate, in cui si spera di non avere zero punti, quando avremo capito quale sarà il vero volto della squadra e quale l’idea di gioco che si vuole proporre. Al momento tutto ciò, checché se pensi e se ne dica, sempre nel lecito, non è dato sapere. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

40 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / EPOCHÈ

  • 29 Settembre 2020 in 13:23
    Permalink

    Qualcuno spieghi al Presidente del Parma che la “The Donald way” di fare annunci via Twitter poco si sposa col campionato di calcio.
    Se uno fa di mestiere lo sparacaz ( Donald) , non è che lo si debba imitare solo perchè è “The boss”. Sono 4 giorni che il signor Krause twitta presto faremo nuovi annunci di acquisti.
    Io rispondo dicendo, presto chiude il mercato e presto andrà via Darmian. Presto giocheremo col Verona e presto bisognerà fare una nuova partita e una nuova formazione.
    CI VUOLE CONCRETEZZA IN TEMPI RAPIDI. Non proclami elettorali. Occorre qualcosa di concreto per non perdere anche domenica

    • 29 Settembre 2020 in 13:39
      Permalink

      Caro Aldo,
      Per favore … prima di parlare pensa un po ‘o , studia cosa pensi di voler dire … Paragonare Trump al nostro Presidente è una bestemmia …
      Invece di apprezzare il nostro Presidente … il fatto che risponda al bene e al male, che è qui con la squadra … è nella sua mente e nel suo cuore … scegli il colpo ” cheap ” …. e lo insulti. …Tu dovresti vergognarti di te stesso

      • 29 Settembre 2020 in 13:59
        Permalink

        Credo che il concetto di vergogna ognuno lo debba misurare su se stesso. Se comincia a farlo lei, lo faccio anche io. Anche perché se almeno impara a leggere, impara a comprendere e a conoscere il significato delle parole. Alla sua età dovrebbe essere già successo ma evidentemente non è così. Trovi dove viene paragonato Krause a Trump e poi dia fiato ai suoi denti, alla sua dentiera o alle sue dita.

        • 29 Settembre 2020 in 14:12
          Permalink

          Mr. Krause è spesso a Parma, puoi spiegargli tutto direttamente tu, Aldo. Dall’uso dei social networks al calciomercato

          • 29 Settembre 2020 in 18:57
            Permalink

            all’enoteca fontana ?

        • 29 Settembre 2020 in 14:32
          Permalink

          https://www.youtube.com/watch?v=sS02bbNF8u
          ……Sì, sei italiano …. e probabilmente non conosci il “dramma” in corso negli Stati Uniti …. per le persone intelligenti … il nome Trump è sinonimo di tutta negatività …. Ora Aldo .. .abbiamo un presidente del Parma Calcio 1913 che risponde prontamente a quello che sta succedendo alla nostra squadra .. bello no? …. Per citare Trump nello stesso post di Krause …. comunque hai pensato che potesse essere intelligente …. beh, devi imparare come crescono le cose nei social media ….. Krause e Trump sono giorno e notte … niente a che vedere con l’uno o l’altro … forse questo è sopra la tua testa … un altro troll … direi che Carli e Krause stanno facendo tutto ciò che possono fare possibilmente nel tempo restrittivo che hanno … pochissima comprensione da parte tua …. Nuovo Presidente, nuovo Manager con modalità di gioco radicalmente diverse … ecc. ecc … pazienza …. arriverà tutto … Calma e Gesso

          • 29 Settembre 2020 in 14:57
            Permalink

            Mi si perdoni, ma non si può dire che le persone intelligenti non vogliono Trump e quelle che lo votano di fatto non sono intelligenti. E io non simpatizzo per Trump.
            Non so chi sia più troll e quanto in alto sia la testa tra noi ma del resto la pochezza per non dire la totale vacuità dei Suoi discorsi emerge anche in questa circostanza.
            Quanto all’uso dei social, caro siberianhusky, non sono in grado di insegnare nulla a nessuno ma credo che spesso servano per obnubilare la mente delle persone.
            Nessuno ha ordinato a Mr. Krause di comprare il Parma ( o forse ha fatto un favore a qualcuno, onestamente non lo so).
            Dico che Liverani ieri sera è stato chiarissimo nella sua rassegnazione e anche Carli ha detto troppo .
            E’ ora di agire prima che sia troppo tardi perchè ogni giorno perso non torna più.
            Apprezzo che il Presidente parli di un piano che viene seguito ma il campionato di calcio non è la vendemmia dell’uva e l’imbottigliamento del vino. Per un’attività c’è tempo per l’altra ci sono le aprtite e i punti da fare per salvarsi. E se il tuo allenatore ti dice , di fatto, che aspetta il 6 ottobre, quando gli consegneranno la rosa competitiva, per cominciare a lavorare bene, io dico che si sono perse tre partite.
            Poi ogni tifoso del Parma è libero di pensare ciò che vuole, nel rispetto di chi la pensa diversamente

  • 29 Settembre 2020 in 16:13
    Permalink

    Analisi perfetta di Aldo

  • 29 Settembre 2020 in 16:43
    Permalink

    Speriamo che Burioni Rezza Speranza & c. con la scusa del Genoa fermino il baraccone qualche settimana. Almeno guadagnano qualche tempo per mettere mano allo scempio lasciato da Ferrari e soci.

    • 29 Settembre 2020 in 16:53
      Permalink

      Va via Tanzi e lascia uno scempio, va via Ghirardi e lascia uno scempio, va via Ferrari e lascia uno scempio. L’americà pare sulla stessa strada… non è per caso che lo scempio siamo noi?
      L’unico che non ha peggiorato la situazione è stato il grande Manenti!
      Davide, vag ti a sistemer il cosi dai

      • 29 Settembre 2020 in 19:04
        Permalink

        per dare una grande risposta ci vuole un grande cervello,lassa’ fa nun e’ ccosa pette’

  • 29 Settembre 2020 in 16:49
    Permalink

    “obnubilare” è fantastico, aulico, educato. Un po’ desueto, io non lp uso, non ne sarei capace, non sarei credibile. Ma poi, chi è ‘sto “Tramp”?

  • 29 Settembre 2020 in 17:30
    Permalink

    o caro barone stavolta la sua scelta epoche’ le fa onore in un momento in cui tutti a sentenziare presi dalla rabbia lei rimane lucido e viene fuori con epoche’ bravo ………il problema e’ che a liverani non gli hanno ancora dato i giocatori adatti ,gioca con il trequartista e non se ne vede l ombra nella rosa !! il problema che c’e gente come lucarelli che ha voluto la bici e poi non pedala !! in questo momento di passaggio societario dovrebbe essere lui che porta avanti la croce e si sia da fare pungolando anche chi non conosce la storia del parma ( carli ) e la sua rinascita . Faccio un esempio abbiamo 60 giocatori di lega pro piu tutti i giovani della primavera da sistemare e ad oggi non hanno collocato nessuno il che vuol dire che paghera’ gli stipendi il parma in mezzo c’e gente come da cruz baraye siligardi che non prendono noccioline ….insomma si dia da fare LUCARELLI che fa il cuoco ? cucini anche un po’ per il parma lo stipendio lo prende .Poi l americano e’ ora che metta un amministratore di sua fiducia non puo’ corinuare con tutti quelli della vecchia gestione ….tipo CARRA insomma la societa’ deve formarsi alla svelta liverani da solo senza una societa’ forte dietro ( vedi l affaure kurtic !! doppia squalifica ha pagato ) non puo’ fare nulla

  • 29 Settembre 2020 in 18:52
    Permalink

    Panettone? Manco l’estate di San Martino di questo passo.

  • 29 Settembre 2020 in 18:58
    Permalink

    Pessimismo.
    Era l’unica sensazione che provavo dopo 40′ della partita di iersera.
    A fine gara, anche di più. Nonchè impressionanti analogie col disgraziato anno di Ghirardi/Taci/Manenti: avversari in gol (anche fortunosamente) alla prima occasione, episodi SEMPRE sfavorevoli (la fortuna è vero che bisogna cercarsela e meritarsela, ma in 180′ non un episodio a favore!), mancanza di mordente e voglia di reagire, poche idee e rassegnazione. E’ triste constatare come in due partite abbiamo giocato complessivamente per circa 15/20 minuti: un po’ pochino, direi…

    Però l’amico Gianni ha ragione: è presto per affettare giudizi. Ovvio che servirà un enorme lavoro psicologico da parte del mister (e magari non solo lui!), oltre a qualche buon innesto (come se fosse una semplice formalità…). Altrettanto ovvio che bisogna far presto, molto presto. Da una prima occhiata estremamente superficiale e relativamente attendibile, forse il solo Crotone è messo peggio; ma gli scontri diretti (ci metto anche il Verona) vanno ASSOLUTAMENTE portati a casa con un risultato positivo!

    • 29 Settembre 2020 in 19:47
      Permalink

      Hanno comperato qualcuno oggi?

      • 29 Settembre 2020 in 20:48
        Permalink

        Acquisto zero. In compenso tale Simon sohm pare saltato perché lo Zurigo vuole soldi e non l’offerta del Parma ( e senza accordo col club non tratti ingaggiò che ha sue peculiarità), Traoré convocato per la partita di domani con Atalanta e dunque quanto meno rinviato. Altri non pervenuti. In compenso un nuovo tweet. Fiducia e presto annunceremo acquisti. Ma oltre agli acquisti vorrei capire se vendono almeno un esubero. Perché, diversamente, non arriva nessuno. Io credo che il Parma opererà l’ultimo giorno di mercato. Nel bene e nel male

  • 29 Settembre 2020 in 19:14
    Permalink

    Intanto anche oggi 0 sul fronte mercato. Secondo me i 7 si erano sbagliati e hanno assunto il lavabronze del ristorante di Lucarelli invece di un Ds.

    • 30 Settembre 2020 in 10:40
      Permalink

      Il migliore della difesa del Parma è il
      Nazionale Gagliolo
      e il Parma che fa?
      INCREDIBILE
      MA
      VERO
      Lo vuole dare al Verona.
      per un pugno di euro.
      E il Parma dice KRAUSE che si
      vuole rinforzare?
      MA VA…..
      Se così fosse,il Parma sarebbe in stato
      confusionale non più in grado
      d’intendere e di volere.
      GETTO DELLA SPUGNA……..PLEASE.
      In questa condizione sarebbero i
      vertici della società oltre a Liverani e Carli
      Per me dopo il D.S del Parma di Ghirardi
      Carli è il peggior D.S dal 1913 ad oggi.
      Gagliolo non ha giocato col Napoli e con
      il Bologna e la sua assenza si è sentita.
      ECCOME SE SI È SENTITA……
      A 4 giornate dal termine del mercato
      finora nessun acquisto.
      Dovrebbe arrivare un certo Lautaro
      da un mese.
      Forse sta arrivando a piedi?
      Se da un mese è nostro, perché non
      lo si è fatto arrivare subito visto che
      in difesa siamo contati.?
      Mancano se arriva questo Lautaro
      ( mi piace chiamarlo per nome. mi ricorda….)
      Dicevo che senza Lautaro mancano ancora
      8 giocatori se si vuole veramente rinforzare
      il Parmache che però possono divenire 7 se come
      sostituto di Sepe che spero non sarà più.titolare,
      metteranno COLOMBI.
      Imtanto D’Aversa se la gode.
      Dirà
      ” Visto che io ero.il migliore!”
      E come dargli torto.

  • 29 Settembre 2020 in 20:50
    Permalink

    Al termine del mercato sapremo
    senza ombre e dubbi quale sarà il
    Parma prossimo venturo.
    Se lotteremo per non retrocedere
    o se invece la.retrocessione sara
    solo una bieca formalità.
    Si legge che sono in arrivo 6
    giocatori.
    Bisogna vedere se sono le solite
    balle o se invece c’e qualcosa di vero.
    Ci vogliono non 6 ma 9 acquisti.
    Sei sono insufficienti.
    La difesa e il centrocampo fanno acqua
    da tutte le parti.
    In difesa vanno cambiati tutti escluso Gagliolo.
    Nel centrocampo tabula rasa
    Anche il portiere va sostituito con Colombi
    Vediamo cosa farà Carli ma io ci spero
    poco.
    Krause potrebbe risparmiare dato che 9
    giocatori costano ma si potrebbero risparmiare
    questi soldi prendendo IL MINIMO
    INDISPENSABILE sostituendo solo soltanto.quelli
    che sono partiti Kulusevsky Barilla’ e Darmian
    Bisogna esonerare però LIVERANI e richiamando il
    genio D’Aversa e i giocatori che abbiamo ritorneranno
    al loro antico splendore.
    Può essere un’idea.

    • 30 Settembre 2020 in 08:33
      Permalink

      Sono d’accordo. La notizia però è che quello sulla lista delle possibili partenze sia Gagliolo

  • 29 Settembre 2020 in 20:53
    Permalink

    Sky parla di Osorio e Brunetta. Vicini ma non chiusi. Non li conosco ma magari Brunetta sistema i conti. È già stato ministro se non ricordo male.

  • 29 Settembre 2020 in 23:39
    Permalink

    poi lei barone che e’ un jurassico ed e’ rimasto ai tempi di angeleri e sereni e’ rimasto calmo all epoche’ anche perche’ ricordera’ visto che c’ero anch io che sia angeleri che sereni iniziarono molto ma molto male sereni con una serie di pareggi non certo da squadra che voleva vincere il campionato ma poi di rincorsa in entrambi i casi vincemmo …….per cui calma e gesso l obiettivo e’ la salvezza , certo se pensano di rinforzare la rosa con i nomi che circolano tipo osorio che non e’ mai stato titolare da nessuna parte o biancone idem ecccc allora mi sa che il povero liverani non potra’ che alzare le mani , bisognerebbe spiegare alla propieta’ che si possono fare le plusvalenze anche con gente di 24- 25 anni con qualche anno d’esperienza in sostanza giaì’ pronti per la serie A e mica con gente di 19 /20 anni mai stati titolari in campionati minori …………quello non e’ rinforzarsi e giocare alla lotteria se va bene ne azzecchi uno

  • 30 Settembre 2020 in 00:23
    Permalink

    Il torino ha chiesto inglese, glielo porto io in bicicletta…

    • 30 Settembre 2020 in 08:58
      Permalink

      Mettilo nel cestino davanti imbottito di bambagia se no si infortuna al solèo

  • 30 Settembre 2020 in 09:43
    Permalink

    Inglese dicono che allo abbia assunto Rezza per metterlo nel CTS come consulente siccome si intende molto di sanità. Dicono anche che Carli sia in modo sinistro con una carta di credito in mano al pos srl negozio dello stadio…

    • 30 Settembre 2020 in 12:39
      Permalink

      Brunetta è il soprannome.
      Il nome vero è Tartaro.
      Viene dalla Fiorentina
      Ottima terzina
      È una donna ovviamente.
      Giocherà al posto di GAGLIOLO.
      Gli uomini per Krause
      costano troppo.
      Meglio in squadra avere
      giocatrici femmina
      Ci guadagnano il portafoglio
      e……gli occhi.

  • 30 Settembre 2020 in 10:49
    Permalink

    Gagliolo domenica giocherà contro il Verona che sarà
    la sua squadra da lunedì.
    Sky ha detto questo.
    Giocheranno pure Gervinho e Darmian da lunedì all’Inter.
    Mi sapete dire con che spirito entreranno in campo?
    Gagliolo poi avrà interesse a fare un’autorete
    dando così tre punti alla sua nuova squadra.
    Carli dimettiti dai.
    Se lo fai ti pago una cena da CRACCO.

  • 30 Settembre 2020 in 11:24
    Permalink

    Quello che mi fa rabbia sono le conferenze
    stampa di Liverani col 😊 sorriso sulle labbra
    come se invece di aver preso una goleada
    giocando da schifo, avesse stravinto col Bologna
    Ha già fatto capire nel dopo partita che
    con lui bisogna avere tanta pazienza e
    che anche col Verona, si perderà in casa.
    In parole povere sarà un altro allenamento.
    Non lo ha detto esplicitamente ma lo ha fatto capire.
    Che delusione gli ex MAGNIFICI 7 che ora odio per avermi
    rubato i.vaucher sapendo già che avrebbero venduto,
    hanno esonerato D’AVERSA pur sapendo che il
    Parma sarebbe passato agli americani
    Son certo che avranno pensato
    ” D’AVERSA verrà richiesto dal suo amico
    Foggiano e Preziosilo accontenterà
    e quindi il GENIO non sarebbe
    rimasto nel libro paga del Parma.”
    Si sbagliavano e così paghiamo due allenatori
    e tra un po’ un terzo se non ci si vorrà
    affidare ancora a D’AVERSA la risalita dopo
    lo tsunami CARLI & LIVERANI
    Che vendetta.
    La vendetta di un Genio.
    Dai Roberto che presto ti avremo nuovamente con noi

  • 30 Settembre 2020 in 12:22
    Permalink

    Machin è ancora nostro?Potremmo pensare a lui insieme a Dezi con Siligardi e Adorante davanti e Coarapi fantasista nel modulo di Liverani

  • 30 Settembre 2020 in 12:34
    Permalink

    Una domanda ma tutta sti nomi di cui si legge e che comunque non sta arrivando nessuno ma chi sono?Brunetta, Biancone, Osio ma qualcuno li conosce?E’ gente da serie A e sana o scommesse da 4 spicci tanto ormai si retrocede?

  • 30 Settembre 2020 in 15:20
    Permalink

    Annunciato il secondo acquisto. Il figlio del presidente farà il match analyst.
    Per quanto ne so, ci sono professionisti specializzati. Spero che anche il signor Oliver sia tale e non una persona che deve fare esprienza.
    Magari il prossimo acquisto sarà un altro figlio come direttore del convitto.

    • 1 Ottobre 2020 in 01:39
      Permalink

      comunque e’ laureato nella materia in un ottima universita’ americana ……….non lo sottovaluterei non mi sembra ci siano geni in quel posto sia nel parma del passato che in altre squadre non sottovaluterei gli analist americani che mi sembra avanati 100 anni ai nostri ( vedi basket e’ nato la la funzione di analist ) per cui non diciamo stupidaggini ……..e poi se il ragazzo si apassiona e lega a parma cari i miei furboni non e’ positivo ? data continuita’ e il padre spillera’ soldi ragionate un po’ ogni tanto

      • 1 Ottobre 2020 in 08:42
        Permalink

        questi spillano birra, non soldi.
        Mr.Krause non ha messo un solo euro.
        Li ha garantiti ( diciamo alla Pallotta) e li ha messi una banca. A proposito di stupidaggini…

  • 30 Settembre 2020 in 20:40
    Permalink

    Caprari…ceduto…2 gol oggi…capita direte voi.

    • 1 Ottobre 2020 in 01:35
      Permalink

      per favore caprari lo abbiamo visto qui con il grande (secondo voi d aversa )vi sembrava un fenomeno ma pe r favore lo tenga il benvento !! va ben tutto ma citare caprari su

  • 30 Settembre 2020 in 20:54
    Permalink

    …si ma all’Inter di Conte! Capita….direte voi….

  • 30 Settembre 2020 in 21:55
    Permalink

    Dalla partita con la Spal al Tardini
    abbiamo incontrato in casa in
    rapida succesdione
    Inter
    Fiorentina
    Bologna
    Sampdoria
    Napoli
    Atalanta
    e quest’anno di nuovo Napoli
    In parole povere al Tardini
    abbiamo giocato 8 partite
    6 sconfitte
    1 pareggio nel recupero col.Bologma
    1 vittoria con il.Napoli.
    Su 24 punti in casa ne abbiamo fatto solo 4
    prendendo sempre come minimo un gol a partita
    ECCO PERCHÉ LA DIFESA È UN COLABRODO
    Liverani poi che come ha fatto a Lecce non cura la
    fase difensiva prevedo quindi per il Parma
    batoste & batoste.
    Se con Carli & Liverani ci salviamo
    prendo i voti e vado in un convento
    Fortunatamente però ai primi di novembre
    dovrebbe arrivare il Genio.
    Al massimo ma proprio al massimo
    esonero a NATALE e arrivo di D’Aversa
    sempre però se siamo ancora
    in lizza per la salvezza
    Visto lo Spezia?
    Visto Caprari ?
    Non dico altro CARLI.

  • 2 Ottobre 2020 in 12:51
    Permalink

    quindi duplice motivo a sostegno della speranza che il Parma si salvi con la premiata ditta Carli & Liverani. Se per andare in convento ti servono i voti, il mio è assicurato, fratel Velesgneso

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI