IL MANNO, UNO DEI 1.000, HA RACCONTATO A RADIO CAPITAL LE SUE EMOZIONI PER IL RITORNO AL TARDINI DOPO IL LOCKDOWN (ASCOLTA LA CLIP)

Contenuto non disponibile.
Per poter accedere a questa sezione devi accettare l'utilizzo dei COOKIE

(Gmajo) – Francesco Mannella, detto “Il Manno”, superstar: oltre ad essere stato il primo intervistato da Beppe Facchini per FanPage all’esterno del Tardini prima dell’accesso nell’impianto – il primo di Serie A riaperto al pubblico dopo il lockdown per l’amichevole Parma-Empoli, stamani, Martedì (Settembre 2020, di buon mattino, (erano le 7.40) ha raccontato le sue emozioni per esser stato uno di quei 1.000 a Riccardo Quadrano ed Andrea Lucatello che si sono collegati con lui nel corso della trasmissione “On air” il risveglio di Radio Capital (in onda dal lunedì al venerdì tra le 7 e le 10).

Ecco la trascrizione della conversazione.

“E’ stato emozionante perché dopo sei mesi di stop forzato rimettere piede allo stadio è stato molto bello per me che in oltre 20 anni di abbonamento ho saltato cinque partite in casa, per cui è stato veramente bello. E’ stato strano perché essere in 1.000 persone in uno stadio che può contenerne 22.000 e rotti è veramente poco. Poi eravamo tutti con la mascherina, i singoli dislocati un seggiolino sì e due seggiolini no, al di là che ci fossero dei nuclei famigliari che potevano sedersi vicino. All’ingresso non erano in funzione i tornelli, il controllo avveniva dopo, non ci sono stati assembramenti, misuravano la febbre, controllavano che avessimo correttamente indossate le mascherine, questo anche durante la partita, e chi se la tirava giù veniva redarguito, con l’invito a ritirarsela su. Non avere un vicino di sedile o di posto è abbastanza strano se c’è da esultare, però ci si abitua anche a questo. La cosa più strana è non avere tifo in Curva, però è comprensibile anche la scelta dei Boys e degli altri gruppi Ultras, perché effettivamente era un po’ come essere a teatro. Io, comunque, se restassero anche queste condizioni, tornerei ancora allo stadio: probabilmente quando ero abbonato in Curva e vivevo le partite in un altro modo forse no, però in questo momento sì; io da un po’ ho l’abbonamento in tribuna e sono abituato a un altro tipo di tifo, stando seduti. E’ difficile cantare stando in tribuna da noi, io capisco perché a mio volta ci sono stato tanti anni, che un tifoso abituato ad andare in Curva in un determinando modo, cantando eccetera, in questo momento non abbia voglia di andare allo stadio. La trovo una scelta assolutamente comprensibile”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

28 pensieri riguardo “IL MANNO, UNO DEI 1.000, HA RACCONTATO A RADIO CAPITAL LE SUE EMOZIONI PER IL RITORNO AL TARDINI DOPO IL LOCKDOWN (ASCOLTA LA CLIP)

  • 8 Settembre 2020 in 19:47
    Permalink

    Arrivano gli americani

  • 8 Settembre 2020 in 20:06
    Permalink

    Sono contento per lui. Chissà invece io quando ritornerò allo stadio. Forse mai.

  • 8 Settembre 2020 in 21:45
    Permalink

    Io ci andrei cauto con la storia degli americani. Di Marzio aveva data per fatta anche la cessione ad Al Mana. Scrive che gli americani sono in pole ed Al Mana ha un accordo con penale se non chiude entro il 30 settembre, che non collima con la dichiarazione di Ferrari , il quale negò accordi vincolanti. Ma non collima neanche con la mail di Ppc, nella quale si prevedeva la chiusura ad ottobre ( come fa ad esserci una penale al 30 settembre se la previsione è ottobre?). Attendo il classico problema burocratico, pardon, comunicato.

      • 9 Settembre 2020 in 14:38
        Permalink

        Per l’argomento cessione società appoggio il motto del direttore “Calma e gesso” perchè trovo oramai superfluo commentare le indiscrezioni di Sky dopo il caso Al Mana.

        Tuttavia lancio una riflessione volutamente provocatoria perchè davvero alcune cose non me le spiego:

        – Gruppo Al Mana (Qatar) – 1,5 Milioni di dollari di fatturato
        – Gruppo Kreuse (USA) – 2,3 Milioni di dollari di fatturato
        – Gruppo Barilla (Parma) – 4 Milioni di fatturato

        Mi spiegate perchè dobbiamo cedere e soprattutto come sia possibile che gruppi esteri che non fanno business con il calcio, possano reputare interessante un investimento nel Parma Calcio, quando chi la possiede ora (con aziende in grado di fruttare un fatturato doppio o triplo) reputano il Parma come un investimento a perdere, nonostante ne sia tifoso?
        Ed infine, con queste premesse, come si fa a pensare che chi arriva possa fare meglio di chi lascia?

        Saluti

        • 9 Settembre 2020 in 16:22
          Permalink

          Perdonami le correzioni:

          Di Al Mana si trova in rete solo una stima del PATRIMONIO PERSONALE, di circa 1,5 MILIARDI. ( non so quanto attendibile)

          Krause Group ha chiuso il bilancio 2019 con un fatturato di 2,7 MILIARDI, che non è il patrimonio personale.

          Il gruppo Barilla fattura intorno ai 3,5 MILIARDI, ma Guido Barilla sta a titolo personale. I soldi non vengono dall’azienda, in quanto dell’ azienda sono soci tutti i fratelli.

        • 9 Settembre 2020 in 16:43
          Permalink

          – Sono miliardi non milioni
          – Barilla, a quanto risulta, è socio a titolo personale e non come Azienda (come lo era la Parmalat suo tempo, tanto per capirci, che destinava budget per la pubblicità, e non solo, sulla squadra)
          – Il calcio in Italia, nella maggior parte dei casi, è un business a perdere che viene tenuto a galla con operazioni di ‘ingegneria’ finanziaria. Le società medio piccole devono obbligatoriamente puntare sul ‘Player trading’ (come dicono quelli bravi) ma per farlo devi avere un buon settore giovanile e buoni osservatori e non lo fai in 2-3 anni. Forse l’attuale proprietà, per varie ragioni, non ha la spinta in tutti e 7 i soci a voler proseguire in questa impresa nel lungo termine.

          Sicuramente le holding accostate all’acquisto del Parma non sono certo guidate da Imprenditori calcistici quindi, da tifoso, sfugge anche a me il tornaconto. Evidentemente sono realtà desiderose di fare investimenti in Italia (come questi americani) e considerano il calcio come un veicolo per accelerare e favorire il business. Penso che per imprenditori come Barilla, Dallara, Pizzarotti, ecc il Parma non dia tutto questo valore aggiunto in termini di immagine e notorietà.

          • 9 Settembre 2020 in 18:14
            Permalink

            Chiedo venia per le imprecisioni sui numeri, dettate dalla fretta e da una mancata rilettura.

            Credo tuttavia che il concetto della mia provocazione sia comunque stato compreso.
            I soggetti alla porta per entrare nel Parma, pur essendo entrambi solidi, non possiedono la stessa forza economica potenziale (*) né la stessa vicinanza affettiva, di Nuovo Inizio.

            Mi chiedevo quindi ironicamente, come mai dall’America e dal Golfo c’è l’ambizione di investire nel calcio a Parma, e gli imprenditori parmigiani (già proprietari e alfieri della gloriosa rinascita) dichiarano di non essere all’altezza del compito.

            Difficile rispondere, però sarei davvero curioso di capire perchè imprenditori esteri come Al Mana e Krause (non proprio dei gestori di investimenti sportivi o di fondi di investimento) ritengano il Parma un investimento, mentre Barilla e soci no.

            (*) mi riferisco chiaramente alla somma dei fatturati complessivi delle aziende dei magnifici 7, a mio avviso superiori ai fatturati di Al Mana e Krause.

          • 9 Settembre 2020 in 19:44
            Permalink

            Cerco di dare la mia modesta interpretazione in risposta alla domanda-provocazione, partendo da un aneddoto (che in realtà non ho mai avuto modo di verificare) e che si perde nella notte dei tempi, allorquando Barilla (e anche qui non saprei dire quale dei fratelli), all’indomani del crac Parmalat allorché si cercava un nuovo patron per la locale squadra di pallone, avrebbe declinato l’invito di farsene carico affermando che non avrebbe mai ciucciato una caramella succhiata da Calisto. Forte di questo messaggio abbastanza significativo, e consapevole che la ricerca dell’Amministrazione straordinaria non diede frutti positivi in ambito locale, dovendo deviare di una settantina di chilometri più a Nord, trovando a Carpenedolo (BS) Tommaso Ghirardi & C. per dare una nuova proprietà al ripulito Parma F.C., società in bonis ricavata grazie alla Legge Marzano dal Parma A.C., quando cinque anni abbondanti fa sui giornali venne fatto il nome di Barilla quale uno dei possibili cavalieri bianchi che avrebbe salvato il Parma ghirardiano in odore di fallimento mi feci delle grasse risate, probabilmente sbeffeggiando su queste colonne gli autori di tali scritti. Di lì a poche settimane, invece, avrei appreso che qualcosa di vero in quella news c’era, visto che Marco Ferrari aveva iniziato la sua opera da grande tessitore, ed era riuscito a coinvolgere nel suo club di amici chiamati a rifondare il Parma (partendo dalla D, perché sarebbe stato folle accollarsi la pesante situazione debitoria di quella in vendita militante nelle ultime posizioni in serie A, e condannata comunque in B) importanti nomi della imprenditoria locale, tra cui, appunto, Barilla. In quei giorni c’era molta confusione su come avrebbe potuto rinascere il Parma: i più fedeli lettori di StadioTardini.it si ricorderanno senza dubbio i Cocoon, ovvero il movimento capitanato dagli ahinoi ora scomparsi Orlandini e Foglia – ricordo ancora una riunione alla quale venni ammesso come uditore svoltasi a Medesano – che sarebbero poi stati l’embrione di Parma Partecipazioni Calcistiche, che, ovviamente, da sola non avrebbe potuto salvare il Parma emulando la loro Parmense di quasi 50 anni prima: appunto serviva una cordata più consistente, appunto quella di Marco Ferrari & Friends. Se anche nella mente dell’ideatore credo fosse ben chiaro l’obiettivo-desiderio di raggiungere la massima serie il prima possibile, egli ha cercato di dosare man mano, con lo stesso equilibrio di un farmacista col bilancino, le varie mete da raggiungere, contribuendo a far via via crescere l’entusiasmo degli altri soci, alzando ogni volta la posta (ovvero la quota di partecipazione al club) in base ai progressi sul campo. Un primo snodo fondamentale della start up era il passaggio dal semiprofessionismo (serie C) al professionismo (serie B): e qui fu indispensabile l’apporto economico di Lizhang, che fece respirare i soci ducali, mantenendo su livelli sostenibili di partecipazione (ci hanno ripetuto sovente che nessuno di loro, io aggiungerei “individualmente”, ha la vocazione di “imprenditore calcistico”) pur alzandosi sempre la quota. Nuovo Inizio, poi, si fece carico delle mancanze cinesi, supplendo con coscienza alle manchevolezze orientali: e anche in questo caso si trattava di gettiti imprevisti. Nel frattempo la ricerca di un sostituto di Lizzy è proceduta negli anni, nonostante alcuni di questi imprenditori, nel frattempo, si fosse particolarmente affezionato al “bilino”, ma la ragione ha i suoi argomenti che superano quelli del cuore. Il ricordo delle origini di Nuovo Inizio credo risponda pienamente all’interrogativo-provocazione di Markness: nessuno dei Magnifici Sette, infatti, ha mai pensato al Parma Calcio come un business, quanto, semmai, a un dovere nei confronti del territorio, anche giustificato dall’amore-passione di qualcuno dei soci. Nel frattempo sono passati cinque lunghi anni, e l’hobby del pallone, complice anche l’attuale congiuntura, sta diventando più pesante di prima, anche perché, per raggiungere in fretta e consolidare la serie A (ovvero i suoi maggiori ricavi), si sono profuse diverse risorse: non trattandosi per nessuno dei sette di “core bubiness”, anzi alcuni sono appunto presenti come privati e non come azienda, ritengono fondamentale la presenza di chi consideri il Parma un business. Il fatto che i possibili candidati come potenza economica siano inferiori ai top player di Nuovo Inizio non significa nulla, se appunto questi ultimi non considerano il Parma un business o loro stessi “imprenditori calcistici”. Io, da tifoso di Nuovo Inizio, spero sempre che si accorgano che, se non nel brevissimo termine, almeno nel medio-lungo, anche il calcio può essere un business, specie se gestito con coscienza, senza fare passi più lunghi della gamba, commisurando le uscite sui ricavi, che comunque sono tante. Ma un tipo di gestione attenta ed oculata quanto piacerebbe agli orfani di Calisto, tipo Davide, che storcono il naso allorché si accenna ad un minimo, dicono un minimo, di austerity? Se il Parma, in questi anni, si fosse auto-sostenuto, senza il bisogno di continue trasfusioni da parte dei soci (con la scusa o giustificazione, appunto, prima di bruciare le tappe per raggiungere il top dei ricavi, e poi conservarli), forse, ora, non servirebbe neppure l’imprenditore calcistico che si sta ricercando. Ma al tifoso del popolino la gestione oculata non piace, piace chi caccia la pila, con il rischio – che io indico sempre – di uno o due anni di simil-grandeur, salvo poi scappare a gambe levate, lasciando macerie. Io preferirei di gran lunga la tranquillità di un club ben gestito, con alle spalle la solida imprenditoria locale, da non sottoporre a continui salassi, però, ai business-man (specie se esteri) che logicamente non hanno alcun tipo di sentimento per la maglia Crociata, il territorio, etc. Se vogliamo, l’odierna – quella che potrebbe presto finire, per la gioia di chi ama gli “sboroni” o gli “sbraga-verze” – è l’unica società italiana ancora un po’ old style, appunto con una proprietà locale che ha a cuore certi valori. Penso che nel tempo li rimpiangeremo, soprattutto perché dopo il prossimo naufragio non ci sarà più nessuno a lanciarci una insperata ciambella di salvataggio…

          • 11 Settembre 2020 in 13:33
            Permalink

            Caro Direttore, condivido assolutamente la chiosa della sua articolata risposta, che centra esattamente le ragioni del mio intervento.
            Credo anche io come lei, che per il futuro del Parma Calcio, sarebbe ideale che Nuovo Inizio potesse dare continuità al suo progetto di salvataggio che fin qui ci ha dato molte soddisfazioni.
            Per questo, seppur superficialmente e con un pizzico di malizia, perché conscio delle volontà in seno alla famiglia Barilla, sottolineavo come la potenza di fuoco economica potenziale dei magnifici 7, non è affatto inferiore a quella degli ipotetici compratori alle porte.
            Ma a differenza del futuro nuovo compratore (che non conosciamo), i nostri 7 hanno dimostrato prova di saper muoversi con coraggio, sagacia, intelligenza e prudenza. Tutte virtù che ben si abbinano alla nostra realtà post-fallimento.
            In più, Nuovo Inizio rappresenta a pieno titolo l’eccellenza industriale del territorio che farebbe bene a tenersi stretto il Parma Calcio, perchè è pur sempre un fiore all’occhiello a livello internazionale del territorio, al pari di elementi culturali e gastronomici.
            Il mio auspicio, è che si stia tentando di trovare un partner finanziario che possa contribuire ad incrementare un cammino di crescita del club, che magari potrebbe passare attraverso il nuovo stadio. Spero che non si passi da una gestione collegiale di tipo tedesco che sta dando buoni frutti, ad una di tipo assolutista e mecenatica da vecchie abitudini italiane, i cui frutti amari ci hanno già scottato in passato.

      • 9 Settembre 2020 in 14:58
        Permalink

        Credo che le trattative stiano andando avanti con fin troppa calma, altro che calma e gesso . Personalmente preferirei Al Mana, in quanto gli americani sono business men mentre gli arabi spendono per un ritorno d’ immagine. Poi, per carità, può darsi che i fatti dicano l’opposto nella fattispecie. Di certo, sarebbe importante chiudere con almeno 10 giorni di mercato. Giusto il tempo per poter finalizzare qualche trattativa . Di chiacchiere sulla cessione della società ne abbiamo sentite troppe, quindi credo sia ancora una volta solo uno pseudo scoop.

  • 8 Settembre 2020 in 22:02
    Permalink

    Prima i nostri 7 i Gan da salder i debit, dopa forsi….

    • 9 Settembre 2020 in 14:14
      Permalink

      Ma quali debiti ci sarebbero da saldare, di grazia ?

  • 8 Settembre 2020 in 23:48
    Permalink

    Intanto 3 dico 3 giocatori in prestito secco bel programma di valorizzazione giovani dell Atalanta pero..

  • 9 Settembre 2020 in 10:18
    Permalink

    “Gli americani sono in pole ed Al Mana ha un accordo con penale se non chiude entro il 30 settembre”……………ma per favore…..ma chi vuoi che ci creda…..
    “GIORNALAI” che per due scudi sono disposti a tutto……..VERGOGNA………

  • 9 Settembre 2020 in 11:57
    Permalink

    In un momento così grigio tra “austeriti” di stampo Montiano, ridimensionamenti (con il penultimo monte ingaggi della A si badi bene), passi corti e cassetti senza un euro, vitti e alloggi a carico dei zoagador c’è però una buona notizia. Sembra che i tomaccari dopo anni di ricerche che nemmeno la “nasa” e il “mit” abbiano fatto una scoperta che la fusine a freddo è una barza. Ovvero hanno trovato il modo di lavorare il pomi d’oro direttamente sul campo, con ciò risparmiando anche gli stipendi degli stagionali che le catano su. Altro che balle l’UPI non dorme mica altro che “silicon vallei”.

  • 9 Settembre 2020 in 12:50
    Permalink

    Quoto Lorenzo. Se davvero fosse così, voglio il/i nome/i del/i consulente/i di Al Mana.
    Ma per favore…

  • 9 Settembre 2020 in 13:24
    Permalink

    Te lo dico io il nome del dottore che ha seguito la diu diligense di Al mana e del cinese e: Alborghetti/Filini con l’aiuto di Crespo. Speriamo che con gli americani abbiano trovato un altro

    • 9 Settembre 2020 in 16:14
      Permalink

      Ahahahah

  • 9 Settembre 2020 in 14:02
    Permalink

    Gemelliamoci con l’Atalanta
    Una squadra seria che io ammiro
    Da loro dobbiamo imparare tutto.
    Hanno scopritore di talenti che noi
    ci sogniamo.

    • 9 Settembre 2020 in 16:27
      Permalink

      Ciao Vele, so che ce l’hai con me ma io no. Dico solo che quando scrivi così ti sopporto meglio.
      Detto questo volevo solo sottolineare che la Dea nel campionato 2014-2015 (cinque anni orsono) è finita al quartultimo posto.
      Ora, loro hanno avuto anche un pò di culo (secondo me tanto) a puntare su Gasperini che con il suo gioco ha valorizzato giocatori che, se vai a vedere, al di fuori del recinto bergamasco non hanno certo brillato.
      Il Parma sono 2 anni che è tornato in serie A con investimenti volti principalmente a mantenere la categoria.
      Ora, giustamente, la società, per una serie di eventi, decide di voltare pagina e di cercare una nuova strada, forse quella giusta, ovvero di puntare a valorizzare giovani promettenti.
      Non sarà affatto facile, non per i giovani, ma per il prezzo proibitivo che alcuni di loro hanno, nonostante il curriculum ancora acerbo.
      Io ho fiducia in Carli, oggi sembra vi sia un acquisto importante come Nehuen Perez dall’Atletico, profilo fantastico per noi e perfetto anche per lui.
      Diamo fiducia a questa società, a Carli, a Liverani il quale non sarà sicuramente un mago ma forse può, con il suo gioco che tutti auspichiamo, far emergere qualche profilo che porti denaro nelle nostre casse.
      Volevo solamente precisare questo e ribadire che io non volevo offendere nessuno ma alle volte scassi molto i maroni e te la prendi non si sa con chi, visto che allenatore e società certo non leggono i tuoi sproloqui.
      At salùt.

  • 9 Settembre 2020 in 15:05
    Permalink

    Nel frattempo, il sempre ben informato Ceresini, su Facebook ha messo come immagine di profilo la bandiera degli stati uniti..

  • 9 Settembre 2020 in 16:16
    Permalink

    No ragazzi fosse vero gran colpo di Carli (Al me piésa ).
    Nehuen Perez dall’Atletico Madrid è tanta roba. Centrale 20 anni se avete visto i mondiali under 20 gran bel giocatore. Sembra prestito biennale con diritto di riscatto a 15 e controriscatto a 20 a favore dell’Atletico il quale non vuole privarsene e questo la dice tutta.

  • 9 Settembre 2020 in 16:18
    Permalink

    Mi sbilancio: chilù l’e pù bò che Bastoni!

    • 9 Settembre 2020 in 18:35
      Permalink

      Sempor cal riva, notizie a dir poco contrastanti

  • 9 Settembre 2020 in 20:32
    Permalink

    Se arrivano gli americani
    non parte più nessuno.
    Forza Parma

  • 10 Settembre 2020 in 01:25
    Permalink

    direttore, a proposito di aneddoti e storie varie
    che rapporto aveva con la Rancati all’epoca?
    c’era stima professionale o era c’era una “sopportazione” reciproca seppur sui binari della corretezza?

    • 10 Settembre 2020 in 09:31
      Permalink

      Con Maria Luisa ci si conosceva già da diverso tempo: agli albori del Secondo Millennio, infatti, ogni lunedì ci trovavamo nei sontuosi studi di Telecolor Cremona, dove l’anfitrione Claudio Raimondi (col quale ho anche condiviso l’esperienza a Mediaset Sport con le sostituzioni estive, che poi per lui si trasformarono in un lavoro stabile) aveva ritagliato per ognuno di noi il proprio ruolo: il programma si chiamava Formula Mista e miscelava le cronache di Atalanta (con Giancarlo Volpi), Brescia (Mimmo Postorino), Parma (il sottoscritto, e prima l’oggi compianto Pino Colombi) e Piacenza (Filippo Ballerini). La Rancati, temporibus illis, era di supporto al conduttore “Raymond”. Ricordo ancora con grande piacere una cena di natale sociale nella quale sfoggiai anche una certa galanteria, così come ricordo con piacere quando ci trovammo nella bassa per gustare la mariola. Insomma la base di partenza era più che buona. Quando arrivò al Parma ognuno dei due doveva interpretare al meglio il proprio ruolo, senza guardare in faccia a nessuno, esattamente come avviene all’interno di una partita di calcio: io penso sempre di essere stato un avversario corretto, pur utilizzando tutti gli strumenti leciti a disposizione (mai dare colpi sotto la cintura). Evidentemente questo tipo di condotta non poteva essere particolramente goduto da chi dall’altra parte si trovava nella condizione di rendicontare delle mie gesta a una proprietà che non simpatizzava parecchio per il sottoscritto. Debbo però dire, con piacere, che nei momenti più delicati Maria Luisa mi fece sentire una vicinanza sincera, mi riferisco soprattutto a quando prese le distanze da Ghirardi quando questi se ne uscì durante una pubblica conferenza stampa, divenuta tristemente nota, bollandomi come nemico del Parma e del suo presidente. Sono anche consapevole, e per certi versi riconoscente, anche dei suoi tentativi di avvicinare le due parti in contesa, addirittura con il suggerimento intelligente, non colto, di assumermi o farmi collaborare. L’unico rammarico è che pensavo che una volta terminato il lungo match, smessi reciprocamente le rispettive casacche di gioco, si potesse ristabilire un rapporto scevro dalle tossine di allora, però i miei tentativi al riguardo furono accolti con un po’ di freddezza, scoraggiandone degli ulteriori. Credo comunque di poter affermare, senza tema di esser smentito, che ci fosse una reciproca stima professionale, non saprei dire se ci fosse sopportazione, ma confermo comunque che tutto si svolse sempre sui binari della massima correttezza.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI