IN MEMORIA DI GIANFRANCO MIGLIAZZI, L’ANTESIGNANO DEI TEAM MANAGER (IL VIDEO DEL MINUTO DI SILENZIO AL TARDINI)

(Gmajo) – Era l’ultima icona, almeno in ambito locale, degli “accompagnatori ufficiali”, figura rimasta tutt’ora, nel calcio professionistico solo a livello giovanile, ma sostituita, nelle prime squadre, dai cosiddetti Team Manager. Correva l’anno 1995, 25 anni fa esatti, quando Gianfranco Migliazzi lasciò il suo incarico al seguito della squadra ducale che, sia pure nella massima serie già da cinque anni (e con un certo successo nazionale ed internazionale) avrebbe di lì a breve iniziato una rivoluzione che sarebbe terminata anche con la sostituzione di presidente (Stefano Tanzi per Giorgio Pedraneschi), direttore sportivo (Riccardo Sogliano per GianBattista Pastorello) ed allenatore (Carlo Ancelotti per Nevio Scala), segnali evidenti delle ambizioni via via crescenti (la contagiosa Scudetto-mania che a tanti fece montare sì tanto la testa da non sapere apprezzare, se non vent’anni dopo, il sapore dolce delle Coppe Europee) di una (allora) ex provinciale. Gianfranco Migliazzi veniva dal calcio ruspante, spesso lacrime e sangue, delle serie inferiori, quello che rese immortale, alle nostre latitudini, il presidente Ernesto Ceresini, coi suoi sacrifici per portarci fino in A: in quegli anni, il factotum Migliazzi non si occupava solo di accompagnare, come da ruolo istituzionale, la squadra, ma raccoglieva pure la pubblicità per la cartellonistica all’interno dello Stadio Tardini, prima che anche quella funzione commerciale da artigianale quale era, si industrializzasse col progresso (se proprio così vogliamo chiamarlo…) del Calcio. Tutto questo rubando tempo prezioso alla sua vera attività, essendo titolare, temporibus illis, della Migliazzi e Tagliavini ceramiche. Ho appreso del suo decesso avvenuto stamani, dopo un lungo calvario, attraverso un post dell’amico Enrico Maletti, prontamente giratomi da chi sa che non frequento i Social. Immediato da parte del Parma Calcio, il necrologio e il ricordo sul proprio sito ufficiale, con l’annuncio di un minuto di silenzio nell’amichevole Parma-Empoli:

Il Parma Calcio piange Gianfranco Migliazzi, scomparso in queste ore, e porge le più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Tutto il Parma Calcio (proprietà, dirigenza, staff tecnico, calciatori, dipendenti e collaboratori), in questo triste momento, é vicino ai famigliari del Miglio.

Prima della partita amichevole odierna allo stadio Ennio Tardini contro l’Empoli, sarà osservato un minuto di silenzio in sua memoria.

Gianfranco, da sempre tifoso Crociato, é stato uno dei protagonisti della secolare storia del nostro club.

Imprenditore parmigiano e infinito appassionato di calcio, in particolare della squadra della sua città, Migliazzi è stato il dirigente accompagnatore simbolo della nostra squadra. Un ruolo che rivestì, con immensa passione, per un ventennio dall’avvento del presidente Ernesto Ceresini (stagione 1976/1977) fino al 1995..

Partecipò in prima persona, dando un contributo importante, a tre promozioni in Serie B (1979, 1984 e 1986), alla storica promozione in Serie A del 1990 e alla conquista dei nostri primi trofei, la Coppa Italia del 1992, la Coppa delle Coppe e la Supercoppa Europea del 1993, la Coppa Uefa del 1995.

Nel Parma Calcio il Miglio fino agli Anni Ottantasi occupò anche della gestione delle prime sponsorizzazioni. Proprio lui, che con la sua azienda, è sempre stato vicino senza interruzioni al nostro club, anche in queste stagioni della rinascita sino al ritorno in Serie A.

Ciao, Crociato Gianfranco !!!

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “IN MEMORIA DI GIANFRANCO MIGLIAZZI, L’ANTESIGNANO DEI TEAM MANAGER (IL VIDEO DEL MINUTO DI SILENZIO AL TARDINI)

  • 6 Settembre 2020 in 18:22
    Permalink

    R.I.P.

I commenti sono chiusi.