L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / LUNGO, DIFFICOLTOSO E METICOLOSO SARA’ IL LAVORO DI LIVERANI. CARLI, INVECE, DOVRA’ ACCELERARE

(Luca Tegoni) – Mille imbucati, pur sempre mille. Dopo un mattino torvo e lacrimoso torna il sole a splendere sulla prima al Tardini.  Ricomincia il campionato come non lo avremmo immaginato, di sicuro sperato. Ma così va la vita ai tempi del Covid, avrei sinceramente fatto a meno di ascoltare l’improbabile e lacunosa telecronaca di DAZN, chiusi in casa con le finestre aperte, seduti comodi e solitari spettatori, telespettatori. Il Presidente nuovo si fa notare per entusiasmo e partecipazione, la consorte per elegante compostezza.

Si ricomincia con uno staff tecnico, nei suoi protagonisti principali, rinnovato e quindi alla prova dei fatti. Cambiamento è la parola che spesso rincorre il pallone per deviarlo, indirizzarlo ad un nuovo sistema di gioco, ma il tempo non concede spazio alle distrazioni e agli errori.

Il primo tempo si sfinisce in un nulla di fatto che sostanzialmente ci ha soddisfatto per l’incapacità del Napoli di costruire e completare un’azione d’attacco. Merito del Parma e del suo schieramento prudente e piuttosto rinunciatario ad un gioco offensivo. Avrà anche avuto i suoi buoni motivi, ma mettere Kuco dietro due punte centrali non mi è sembrato un esperimento ripetibile. Serviva un giocatore agile e non potente in quella posizione. Insomma ha mantenuto un quattro – tre Daversiano e ha cercato di dare un’impronta Liveraniana in attacco senza però risultare efficace. Indipendentemente dalla qualità dei giocatori e dalla loro efficienza. L’unico giocatore che ha provato a spingere sulla fascia è stato Pezzella che nel complesso non ha nemmeno demeritato nonostante le sue carenze difensive.

Dall’altra parte spero vivamente che l’ottimo Darmian approdi a Milano con tutti gli onori. Un freno a mano tirato.

Poi, nel secondo tempo, Gattuso, dopo il canonico quarto d’ora iniziale, cambia la squadra inserendo il giovane nigeriano che ha creato spazi con il movimento e la corsa ed è riuscito a creare situazioni di pericolo, coadiuvato da giocatori di indubbia qualità e anche purtroppo da errori individuali difensivi che ci hanno condannato alla sconfitta.

Poca reazione del Parma che solo negli ultimi dieci minuti cerca di riprendere il risultato, ma con scarsi risultati. Fa tempo a farsi rivedere il sempre volenteroso Dezi che speriamo trovi una buona squadra per fare un ottimo campionato.

Lungo e difficoltoso, meticoloso, sarà il lavoro di Liverani per tutta la prima parte del campionato. Dovrà invece giocare in accelerazione Carli per consegnare giocatori nuovi alla squadra e adatti a quello che dovrà essere il nuovo sistema di gioco. Sfoltire la rosa sarà poi un impegno supplementare. (Ma Baraye dov’è?)

Speriamo infine che il nuovo Custode del Parma Calcio 1913 continui a considerare la società come un Bene Comune e non come un giocattolo. Ma non ho motivi reali per pensare che non sarà così.

Buon lavoro a tutti e Forza Parma!

Napoli batte Parma al Tardini due a zero.

P.S. se riuscissero a sburocratizzare le pratiche per i lavori di rifacimento dello stadio si potrebbe sfruttare l’impossibilità di andare allo stadio per portarsi avanti coi lavori e avere lo stadio pronto ad inizio del prossimo campionato di Serie A. Belli e impossibili.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / LUNGO, DIFFICOLTOSO E METICOLOSO SARA’ IL LAVORO DI LIVERANI. CARLI, INVECE, DOVRA’ ACCELERARE

  • 21 Settembre 2020 in 00:22
    Permalink

    Già, Carli ha due settimane di tempo per trovare un difensore, un centrocampista, un trequartista e un attaccante. Sono questi i giocatori che ci mancano.

    • 21 Settembre 2020 in 14:47
      Permalink

      Di difensori ce ne servono almeno 2, e dico almeno perché dietro non c’è uno che sia uno all’altezza. Alves, con tutto il rispetto, ha 40 anni e non ci puoi fare affidamento, Darmian va all’Inter, Gagliolo è rotto (e comunque non è Baresi) mentre Pezzella e Iacoponi sono giocatori di categoria inferiore. Con questa difesa è retrocessione assicurata perciò devono darsi una mossa a rifare completamente tutta la linea difensiva altrimenti a meno di non fare 4 gol a partita, e ne dubito, non prevedo niente di buono. Se poi ci mettiamo anche che Sepe non da garanzie e che siamo senza un trequartista (Kucka non lo è e non lo può fare!) non c’è molto da star sereni. Ma credo se ne sia accorto anche Krause che così non hai speranze.

  • 21 Settembre 2020 in 00:24
    Permalink

    Il Parma ha giocato un buon primo tempo, anche se in attacco non siamo stati mai pericolosi. Era inevitabile, visto che non avevamo giocatori in grado di creare superiorità numerica.
    Sul mercato bisognerà cercarne un paio.
    Oggi abbiamo giocato con due prime punte che sono state servite poco proprio perché la creatività mancava.
    Purtroppo un paio di errori evitabili hanno pregiudicato il risultato, ma nel complesso la prestazione è stata sufficiente, tenuto conto che squadra e allenatore lavorano assieme da pochissimo.
    Dezi oggi ha fatto vedere che può essere un giocatore in grado di dare un buon contributo, varrebbe la pena confermarlo.

    • 21 Settembre 2020 in 11:18
      Permalink

      Siber …. sempre nel segno …. è un piacere leggere i tuoi commenti … sempre realistici e costruttivi … come dovrebbe essere …
      Forza Parma

  • 21 Settembre 2020 in 09:34
    Permalink

    Liverani è famoso per fare la fase
    difensiva come la fanno le squadre
    dei ragazzini all’oratorio.
    Anche giocatori che con il genio D’Aversa
    mai sbagliavano con lui ieri hanno fatto
    errori su errori da.oratorio parrocchiale
    ( vedi Iacoponi Sepe Alves Pezzella)
    Liverani nella conferenza stampa prima
    della partita, aveva detto che lui non si
    accontentava del pareggio.
    Era meglio che taceva.
    Chi troppo vuole….nulla stringe.
    In quanto a Carli prevedo tempesta.
    Guardate Foggiano in pochi giorni ha
    stravolto il Genoa e i nuovi l’hanno fatta
    vincere, ora è una squadra da metà classifica
    un po’ come eravamo noi l’anno scorso mentre
    noi siamo come il Genoa dello scorso campionato.
    e chissà se Carli si fosse svegliato dal suo torpore
    e avesse acquistato nuovi giocatori chissa’…..
    MA CARLI È IN FERIE?
    Liverani di lamenta che non ha potuto fare
    allenamenti per cui il suo Parma per un bel po’
    di tempo non si potrà vedere ma allora.come
    la mettiamo con il Genoa che pur avendo fatto
    lo stesso numero di allenamenti del Parma e pur
    avendo un nuovo allenatore e un nuovo direttore sportivo,
    e nuovi schemi di gioco. la squadra ha assimilato subito
    gli schemi del nuovo. allenatore giocando molto bene?
    LIVERANI NON DICIAMO BALLE.
    Giochiamo da schifo
    Carli garantiva per lui e allora ora tace?
    Carli non ha ancora fatto un’acquisto.
    Chi l’ha fatto venire a Parma dovrebbe
    nascondersi.
    Carli vale un unghia di Faggiano

    • 21 Settembre 2020 in 15:19
      Permalink

      Credo che sia semplicemente un paragone assurdo in quanto giocare contro il crotone è un po diverso dal farlo col napoli

  • 21 Settembre 2020 in 11:22
    Permalink

    Certo che la tifoseria ha il cervello come una gallina.
    Come si possa pretendere di vincere la partita col Napoli con una squadra dimezzata.
    E’ arrivata una nuova società (e ringrazio immensamente), arrivata da un paio di giorni,
    dategli tempo….mi chiedo quando si aveva Faggiano tutto andava bene per caso?
    Faggiano si muoveva sempre l’ultimo giorno di mercato e si sono visti i risultati.
    ……..rivogliono D’AVERSA……SIAMO ALLA FOLLIA…
    Consiglio di FARVI VEDERE DA UNO BRAVO……..MA BRAVO D’AVVERO….

  • 21 Settembre 2020 in 11:51
    Permalink

    Io direi che la fase difensiva fino ai gol regalati ha concesso poco o niente, nonostante l’evidente differenza fisico tattica tra le due squadre, c’e molto da lavorare invece sulla fase costruzione attacco ma ci vuole tempo e speriamo qualche giocatore diverso.

  • 21 Settembre 2020 in 15:07
    Permalink

    Caro Lorenzo Torelli ma noi col Napoli volevamo
    vincere, (forse voleva vincere anche LIVERANI dato che il.pareggio
    ha detto in conferenza stampa non l’avrebbe accettato.)
    Volevamo ripetere la partita dello scorso anno quando vincemmo
    meritatamente al Tardini per 2-1 giocando molto bene.
    Se c’era riuscito D’Aversa non vedo perché non ci doveva riuscire
    Liverani dato che secondo molti,.Liverani è migliore di D’Aversa.
    Ieri uno spettacolo indecente.
    Abbiamo giocato come il peggiore D’Aversa o forse abbiamo giocato ancora peggio.
    Il calcio è spettacolo e ieri il a Parma non ha dato ad spettacolo
    o meglio ha dato uno spettacolo indecente e deprimente
    Ci vuole tempo?
    Ma fatemi il piacere.
    Col nuovo schema abbiamo giocato da schifo
    perché lo schema di LIVERANI fa ridere i polli.
    Col nuovo schema dovevamo avere tante palle gol.
    Non abbiamo mai tirato in porta.
    ABBIAMO
    UN
    CENTROCAMPO
    PENOSO
    Può andar bene in B quello schema velleitario ma in 🅰 NO.
    Non è che per capire gli schemi di Liverani i giocatori
    devono fare un corso universitario,.
    MA FATEMI IL PIACERE.
    Come dicevo in altro post anche il Genoa ha cambiato più di noi, ha inserito addirittura giocatori nuovi con un modulo nuovo allenatore nuovo, non hanno potuto provare il nuovo schema col.nuovo allenatore se non come noi, un paio di volte eppure hanno vinto con goleada quindi non prendiamoci in giro.
    Sembrava giocassero a memoria eppure
    ERANO NELLE NOSTRE E MEDESIME CONDIZIONI.
    A NATALE quando la neve ci accarezzera’ il vidoscommettiamo che i tifosi dal cervello di gallina plagiati da Liverani e da Carli ( pardon Carli è in ferie) scriveranno su questo sito
    la solita cantilena nata a settembre sotto il solleone
    ( Ci vuole tempo…..ci vuole tempo)

  • 21 Settembre 2020 in 16:19
    Permalink

    VELENOSO……….è meglio che ringrazi gli americani…….va là…
    Ma i 100 milioni di debiti…chi li ha saldati? dimmi tu???? MANENTI???
    Ci possiamo ritenere fortunati…va là……..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI