LIVERANI: “TEST VERO, GIOCATO CON VOGLIA, SACRIFICIO E QUALITA'”

(www.parmacalcio1913.com) – Ho visto una squadra un po’ più attenta, sicuramente le gambe vanno meglio rispetto a 7-8 giorni fa, anche se poi alla fine – prima di questa partita – abbiamo comunque fatto un solo allenamento collettivo“.  E’ questo il commento di Fabio Liverani, allenatore del Parma, dopo il successo ottenuto oggi in amichevole contro il Genoa al Centro Sportivo di Collecchio: “E’ stato un buon test – prosegue l’allenatore crociato – con le difficoltà che può creare una squadra di Serie A pari grado come noi. E’ stato un test voglioso da parte dei ragazzi, giocato con sacrificio e con qualità. E’ stata una partita vera, avevo chiesto questo ai ragazzi e lo hanno mantenuto: era l’ultimo test prima dell’inizio del campionato che sarà duro e molto incerto. Avevo chiesto una partita vera e così è stato. Trovare un gruppo che ha voglia e si impegna è importante – afferma Liverani – E’ normale andare sopra gli errori, questi devono esserci dopo 5 allenamenti: bisogna lavorare sempre con entusiasmo. La disponibilità di questo gruppo per me, ad oggi, è l’obiettivo più grande per poi poter lavorare e subentrare nella testa“.

Tra sette giorni al ”Tardini” arriverà il Napoli: “C’è curiosità di vedere un obiettivo importante. E’ evidente che, noi che abbiamo cambiato allenatore e abbiamo così poco tempo, siamo svantaggiati rispetto a coloro che hanno mantenuto la guida tecnica e staff tecnico. E’ normale che Gattuso così come altri allenatori che sono rimasti, siano più avanti su un certo tipo di allenamento. Sono curioso però di iniziare e sono convinto che questa squadra abbia ampi margini di miglioramento“.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “LIVERANI: “TEST VERO, GIOCATO CON VOGLIA, SACRIFICIO E QUALITA'”

  • 14 Settembre 2020 in 12:21
    Permalink

    Majo mi toglie una curiosità : ma è possibile che tutte le trattative impostate ma non ancora ufficializzate è perché si aspetta a breve l eventuale passaggio di proprietà? Grazie

    • 14 Settembre 2020 in 14:24
      Permalink

      Sorry, ma proprio su questo tema ho già risposto stamani a Reizer84

      • 14 Settembre 2020 in 14:55
        Permalink

        mi conforta il fatto che ci sono altri utenti che hanno fatto il mio stesso ragionamento, comunque non ne sto facendo una malattia nè per il mercato nè per la cessione…la mia di questa mattina era solo una associazione d’idee 🙂

  • 14 Settembre 2020 in 12:24
    Permalink

    Sarebbe bello, una volta tanto, partire con una vittoria…anche il morale ha il suo peso e partire sempre con una sconfitta o al massimo un pareggio non è il massimo.
    Prima o poi statisticamente toccherà anche a noi vincere alla prima di campionato…chissà che non sia la volta buona

  • 14 Settembre 2020 in 13:33
    Permalink

    Speriamo arrivino gli “americàn” o il povero Carli (che continua il filone dei Ds improponibili iniziata con Minotti) non ha neanche in fichi per fare le nozze a meno che non arrivi qualcuno che cammina sulle acque a trasformare l’acqua in vino. Ad oggi non è stato in grado di prendere nemmeno un baby africano in prestito. Faccio un piccolo inciso su Faggiano (della cui partenza fosse arrivato uno di livello e non un banconiere da mercati poveri toscano ne sarei stati felice). Col suo abituale italiacano favella ma a differenza che quando era qui mai accenni a bagget, soldi che mancano (e dove è ora mancano davvero), anzi addirittura parla di traguardi ambiziosi…evidentemente il suo nuovo datore di lavoro gode poco a passare da pezzente come invece sembra si goda qui da noi.

  • 14 Settembre 2020 in 14:31
    Permalink

    Chissà se Carli tra uno stornello toscano è un cantuccio nel vin santo riuscirà a bagnare il suo primo acquisto.

  • 14 Settembre 2020 in 15:06
    Permalink

    Per quanto riguarda la scelta del DS è evidente che si ha quel che si può pagare, anche se credo che a fare il DS quando ci sono tanti soldi siano buoni tutti chi più chi meno. Staremo a vedere se Carli sarà in grado di tirar fuori qualche buon giocatore dal cilindro, ma effettivamente ad oggi, a meno di una settimana dalla prima di campionato, non ha concluso assolutamente nulla, nemmeno un prestito. Di quei pochi e tridissimi nomi che circolavano non è arrivato nessuno, ma anzi, le altre squadre ti stanno soffiando ogni giocatore a te accostato (neanche fossero grandi nomi)… Stiamo aspettando di spedire Darmian all’Inter, Gervinho ovunque ci sia qualcuno disposto a pagare 6-7 milioni (anche se credo che alla fine cederanno e negli ultimi giorni di mercato andrà via per 2-3 milioni al massimo). Per ora è vero che dei vari Cornelius, Inglese, Kucka ecc non si è mosso (ancora) nessuno, ma sicuramente presentarsi a inizio campionato con ZERO acquisti è deprimente anche in periodo di COVID. Confermo quello che ho detto dopo la conferenza di presentazione di Carli….ci presentiamo sempre come una società di perdenti, una società arrendevole che aspetta solo di incassare due soldi, inutile dire che non è così perché anche se non è così, questo è il messaggio che passa, basta leggere cosa dicono del Parma da altre parti. Insomma…non ci stiamo facendo una bella figura e credo che indipendentemente da tutto stiano gestendo davvero in modo più che pessimo la comunicazione. Staremo a vedere se domani effettivamente si concretizzerà il benedetto closing con gli americani perché qua non possiamo neanche dire che “il piatto piange” perché non abbiamo ne il piatto ne le lacrime per piangere.

  • 14 Settembre 2020 in 15:09
    Permalink

    Per esprimere un giudizio aspetto la fine del mercato le bocce sono ancora in movimento, va bene prendere dei giovani ma con degli obblighi di riscatto ne abbiamo già presi abbastanza con Faggiano, mi è piaciuta molto l’intervista di Liverani rilasciata alla GDS, penso che con un paio di innesti e qualche giovane interessante siamo altamente competitivi ma non per la salvezza.

  • 14 Settembre 2020 in 15:30
    Permalink

    Davide sbertuccia i ricchi (e va a mangiare da loro) ma vorrebbe i loro soldi. Credo che potenzialmente al sia un gran piociò. Fare la spesa con lui credo sia un calvario.

  • 14 Settembre 2020 in 15:57
    Permalink

    Caro Teo sei uno dei pochi che non ha le fette ad parsùt dell’ UPI davanti agli occhi e quindi dici le cose come stanno. Ad oggi il toscano non ha concluso nemmeno un micragnoso prestito dei giocatori da te giustamente definiti tristissimi di cui si parlava. Il Monza in serie B ha ad oggi speso di più. Ma ovviamente Carli è intonato con il “mud” di chi lo ha assunto e per rispondere alla tua domanda quello che si dice dalle altre parti e lo dico con cognizione di causa è che non c’è un euro. Poi non sarà vero ma quello si dice. Qualche genio ha anche pensato di tagliare un po’ di spese su vitti e alloggi (che alla fine saranno due spicci risparmiati), con il risultato di fare incazzare genitori etc. che ovviamente vanno boffando in giro che non ci sono soldi. Chapeau al dottorone che ha studiato questa genialita. Comunque Carli per ora sta addirittura battendo Minotti con zero sulla tabella. Forse gli hanno messo Lucarelli come vice così con due al costo di uno forse un paio di prestiti ormai dal Pescara li portano a casa.

  • 14 Settembre 2020 in 16:24
    Permalink

    D’accordissimo con Teo e Davide, povero Parma….

  • 14 Settembre 2020 in 16:47
    Permalink

    Premetto che sono solo un tifoso e niente più ma mi sento di aggiungere una cosa..
    il fatto di voler puntare apertamente solo ed esclusivamente su prestiti di giovanissimi/sconosciuti (senza per altro nemmeno riuscirci) è un rischio enorme. Prima di tutto perché non è che tutti i giovani che presta l’Atalanta sono Kulusevski, di Kulusevski te ne capita uno ogni 15 anni (forse) e trovarsi in rosa solo dei ragazzini che non hanno giocato 10 minuti in serie A non è una strategia intelligente. Secondo, se anche fossi fortunatissimo e qualcuno di questi giovani dovesse esplodere, ti troveresti comunque a dover partire l’anno prossimo da zero, senza aver incassato un euro e dovendo ricostruire di nuovo tutto da capo.
    Io non sarò nessuno per poter dispensare consigli ma a mio modestissimo parere mi sa che la stanno facendo fuori dal vaso…e anche alla grande. La serie A è difficilissima e sappiamo bene come finisce chi ne sottovaluta la difficoltà…andatevi a vedere che fine hanno fatto i vari Benevento, Chievo, Brescia, Spal ecc… e poi ne riparliamo.
    Lo stesso Liverani ha ammesso candidamente che l’anno scorso, per motivi legati al budget, hanno privilegiato solo la fase offensiva…risultato 85 gol subiti e serie B. Il Benevento 2 anni fa pensava di avere una squadra da salvezza tranquilla…risultato 84 gol subiti, 21 punti e retrocessione. Il poi che non investe un euro da anni ha fatto la bellezza di 17 punti in tutto il campionato per poi retrocedere. E occhio, stiamo ancora aspettando che vengano ceduti i nostri Big…non crediate che a fine mercato ci ritroveremo ancora gli stessi giocatori di oggi perchè la società ha fatto capire chiaramente che si bisogna vendere. Chiudo con una domanda…secondo voi a sbandierare in giro che non ci sono soldi e che bisogna vendere cosa si ottiene? Che tutti saranno pronti a strapagarti i giocatori per beneficenza o che invece cercheranno di prenderteli per due lire perchè tanto sanno che sei alla canna del gas? secondo me la seconda…

    • 14 Settembre 2020 in 16:49
      Permalink

      Intendevo il Chiedo che non investe un euro da anni…errore di battitura

  • 14 Settembre 2020 in 17:09
    Permalink

    Speriamo anche gli eventuali americani, turchi, azeri o svizzeri ringrazino Carli per le tre settimane di lavoro e lo riaccompagnino a Empoli o Poggibonsi

  • 14 Settembre 2020 in 17:13
    Permalink

    L’unica speranza sono gli americani

  • 14 Settembre 2020 in 20:16
    Permalink

    Spero che Liverani si dimostri più pragmatico che a Lecce. Non credo voglia retrocedere per due volte di fila.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI