PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / “LA CATTIVA NOTIZIA E’ CHE IL TEMPO VOLA, LA BUONA E’ CHE SEI IL PILOTA”

(Luca Ampollini) – “La cattiva notizia è che il tempo vola, la buona è che sei il pilota”. E il pilota è Fabio Liverani, mister Crociato il cui inizio alla guida della panchina Crociata è stato indubbiamente difficile e per certi versi prevedibile. Il poco tempo intercorso tra la fine della stagione scorsa e l’inizio dell’attuale non lo ha aiutato ad assimilare una squadra lontana dalle sue idee, una squadra che per 4 anni ha disegnato un certo tipo di calcio e non può evidentemente digerire il suo credo pallonaro in un mese di lavoro o poco più. Queste sono attenuanti oggettive, che non devono, però, escludere alcune critiche costruttive, affinché il rendimento possa, o per meglio dire, debba, migliorare radicalmente. Le perplessità di formazione nella gara d’esordio col Napoli si sono, ahimè, confermate nella trasferta al Dall’Ara. E i maggiori dubbi sono emersi, come nella gara d’esordio, nel reparto offensivo: la scelta di schierare Dezi come centravanti di manovra a supporto di Karamoh e Gervinho è apparsa davvero poco felice. Tante corse a vuoto per l’ex empolese, che non ha mai trovato la sua posizione in campo, poca presenza in entrambe le fasi, in una posizione che, comunque, non gli appartiene. E’ altrettanto evidente, tuttavia, che non si è perso per questa scelta: il Bologna è stato superiore in tutto: sintomatica l’inferiorità numerica dei rossoblu in mediana, ma chi se n’è accorto? Poli e soprattutto Schouten hanno surclassato il passo incerto e poco deciso  dei 3 mediani Crociati, perennemente superati dai pari reparto di Mihajlovic. La manovra Crociata è stata lenta e prevedibile, pochi movimenti senza palla, 0 imprevedibilità, 0 idee, oltre ad una condizione generale approssimativa, rispetto alla velocità di testa e di gambe degli avversari. Brugman non è mai riuscito a liberarsi dalla morsa di Soriano, bravo anche a creare assist per i propri attaccanti, per i quali, però, è stato davvero troppo semplice entrare nella statica retroguardia gialloblù. Già: la difesa, che si schiera a zona sulle palle inattive, con risultati insoddisfacenti e soffre terribilmente le accelerazioni degli avversari dinanzi ai propri sedici metri. Una difesa che è più o meno quella dell’anno passato, ma che è divenuta davvero troppo insicura e malleabile. Un capitolo a parte lo meritano gli infortuni di Cornelius e Inglese, tanto bravi e terribilmente fragili: due giocatori di grandi qualità, ma davvero troppo spesso, e non è colpa di nessuno, fermi ai box. E, chiaramente, la valutazione di un giocatore dipende inevitabilmente anche dalla sua integrità. Le prime due partite vanno perciò in archivio con un mercato decisamente da completare, giocatori da recuperare (dov’è la novità?), nuove idee da assimilare e un tecnico che dovrà inculcare le proprie idee e vederle concretizzate in campo velocemente; in caso contrario dovrà inevitabilmente adattarsi maggiormente alle caratteristiche poco “liveraniane” dei suoi giocatori e non sarebbe per lui, comunque, una sconfitta, bensì un ulteriore arricchimento. Non c’è tantissimo tempo, ma lui è il pilota,  perciò , fiducia e pazienza. E’ inevitabile… Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

26 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / “LA CATTIVA NOTIZIA E’ CHE IL TEMPO VOLA, LA BUONA E’ CHE SEI IL PILOTA”

  • 29 Settembre 2020 in 00:13
    Permalink

    Da quando è iniziata la pandemia
    il Parma in ogni partita subisce
    come minimo 2 gol.
    L’ultima volta che abbiamo subito
    solo un gol è stata la sconfitta con la
    SPAL al Tardini
    In tutte le partite che sono seguite a
    quella fatta con la Spal minimo
    ABBIAMO SEMPRE PRESO 2 GOL.
    Anche domenica partiremo col
    Verona sullo 0-0 ma con due
    gol da recuperare che i veronesi
    come succede da mesi ce li faranno
    SICURAMENTE come da statistiche
    pallonare
    Gol che le squadre avversariece
    c’è li fanno sempre con una puntualità
    Svizzera.
    Anche il Verona c’è n li farà.
    La difesa va tutta cambiata
    subiamo sempre in casa e fuori
    Il centrocampo è penoso l’attacco
    è sempre infortunato e……la serie B
    è dietro l’angolo.

    • 29 Settembre 2020 in 07:42
      Permalink

      Sai cosa hai di bello? Che dici sempre cose nuove.

  • 29 Settembre 2020 in 00:14
    Permalink

    e un tecnico che dovrà inculcare le proprie idee e vederle concretizzate in campo velocemente; in caso contrario dovrà inevitabilmente adattarsi maggiormente alle caratteristiche poco “liveraniane” dei suoi giocatori e non sarebbe per lui, comunque, una sconfitta, bensì un ulteriore arricchimento.

    Già Ampollini, in primis per noi per non finire dritti in B e poi per lui per non farsi esonerare di nuovo. La scelta è sua e ovviamente della società che lo deve assistere al meglio in quest’ultima settimana di mercato.

  • 29 Settembre 2020 in 01:18
    Permalink

    Il Pilota ha detto chiaramente mi hanno tranquilizzato anche ieri sera e li tutto il problema!!!! liverani si chiede potevo andare al genoa allo spezia e questi mi bloccano e poi mi danno una squadra che ci azzeca nulla con il mio gioco !!! scusate ma penso che se non fanno qualcosa liverani se ne va lui non che lo mandono via e sarebbe un segnale chiaro qui non c’e la soicieta’ …..se tu prendi liverani e non fai un acquisto ma nepure un trequartista dico uno non due !!!quando sai che gioca con il fantasista vuol dire che non capisci un cavolo ( era altra la parola ) di calcio, il direttore sportivo dice che neppure lui sa cosa succedera !! ma carli c’e o prende solo lo stipendio ? lucarelli ha voluto la bicicletta e adesso non pedala ? fa il cuoco ? manco una vendita di giocatori di serie c cosa asperttano a sistemarli paga l americano tutti gli stipendi ? idem baraye e da cruz e 80 giocatori minori ………….ma si sia una mossa lucarelli che cosa fa tutto il giorno non ha imparato nulla da faggiano allora

  • 29 Settembre 2020 in 08:18
    Permalink

    Onestamente il “come noi nessuno mai” che tanto inorgogliva i tifosi, mi ha sempre lasciato indifferente e sospettoso per la durata dell’ impegno finanziario che la vecchia proprietà dichiaratamente avrebbe profuso. Ora con due fallimenti alle spalle da cui in uno ci siamo salvati per il rotto della cuffia, siamo ripartiti dalla D per arrivare alla A nel minor tempo possibile senza nessuna programmazione di investimento su giovani prospetti dando anche il tempo di maturare nelle serie inferiori, ora ci troviamo con una delle squadre più vecchie ed acciaccate d’Europa giocatori non di categoria strapagati, con una nuova proprietà che dopo avere appianato i conti di bilancio annuale della precedente, sta facendo quello che si sarebbe dovuto fare in serie B, cerchiamo di remare tutti nella stessa direzione ci sarà da soffrire e se dovesse andare male, un anno di purgatorio non farebbe male soprattutto a certi pseudo tifosi da parterre de roi.

    • 29 Settembre 2020 in 08:58
      Permalink

      purtroppo la penso allo stesso modo.
      Allarma solo la confusione societaria con mancanza di profili essenziali : un segretario che conosca i regolamenti, un ds che sia emanazione diretta della proprietà, un allenatore che abbia ciò che chiede e per cui è stato preso.
      Però, non si può neanche andare in televisione e dire : doveva esserci il cambio di proprietà e non so cosa succederà sul mercato ( Carli) e aspetto il 6 ottobre perchè la proprietà mi ha promesso una rosa competitiva (Liverani) .
      Trasmettono a tutti quella rassegnazione che si è vista ieri.
      A pelle, la vecchia proprietà ha sbagliato completamente i due profili. Poi aspettiamo anche noi il 6 ottobre.

  • 29 Settembre 2020 in 12:18
    Permalink

    La vecchia proprietà ormai in disarmo ha preso gli unici due che hanno detto si e che costavano poco. Quando non ti viene uno dal Cittadella significa che la nave è già affondata e nell’ambiente lo sanno tutti.

    • 29 Settembre 2020 in 13:05
      Permalink

      Il Ds del Cittadella era sotto contratto e ha deciso di non chiedere la risoluzione anticipata. Il Parma affonda solo nella tua fantasia

    • 29 Settembre 2020 in 15:00
      Permalink

      Forse volevi dire: “era già affondata, e nell’ambiente tutti lo sapevano”. Ora c’è una nave nuova e un altro timoniere con il suo equipaggio, sicuramente per esprimere giudizi sulla rotta da percorrere voglio aspettare almeno il 6 ottobre, perché il resto sono cannelle inutili.

    • 29 Settembre 2020 in 19:31
      Permalink

      Mi sa che hai un poco ragione

  • 29 Settembre 2020 in 14:56
    Permalink

    Perchè tutta questa negatività intorno al Parma, da parte dei media e dei tifosi? OK, la partita ieri è stata imbarazzante, umiliante e ho sempre detto che non era l’anno giusto per cambiarsi le mutande, figuriamoci allenatore, DS e propiretà!!! Ma ricordiamoci che la rosa attuale, tolto il solo Kulu, è la stessa che ha lottato per l’Europa fino a Febbraio, per poi comunque finire 11^ (altre si sono rinforzate, ma restiamo comunque da 13^-14^posto). Quindi, anche senza acquisti, basta negatività o questi si credono scarsi e si incupiscono finendo in un vortice tipo SPAL l’anno scorso!!!! Anche perchè i nomi che circolano, Saponara a parte, non sono certo fenomeni, nè giocatori già pronti da inserire negli 11 titolari!!!!
    Forza Parma, basta una vittoria e il morale sale così come la fiducia dei giocatori nelle idee di Liverani!!!!

    • 29 Settembre 2020 in 15:41
      Permalink

      “siamo quelli dell’anno scorso tranne Kulusevski”
      ricorda qualcosa??

    • 29 Settembre 2020 in 16:27
      Permalink

      E via…siamo la squadra dell’anno scorso senza Kulusevski…eh niente dai, come dover rinunciare a Barillà

    • 29 Settembre 2020 in 16:57
      Permalink

      Si, siaomo quelli dello
      scorso anno meno
      Kulusevsky
      D’Aversa e
      Foggiano
      ma con
      IL DUO TERRORE
      Carli- Liverani

  • 29 Settembre 2020 in 15:53
    Permalink

    Le nozze coi fichi secchi le stiamo facendo. Speriamo solo di evitare almeno il barbiere di Anedda almeno

  • 29 Settembre 2020 in 16:03
    Permalink

    Incredibile come ci sia ancora chi non vuol vedere…siamo davvero alla follia! Ma come si fa a non ammettere che la situazione è tragicomica? Abbiamo un DS che solo per come si è presentato in conferenza era da mandare a casa, non ha comprato nessuno, non ha idee, ha scelto un allenatore che non ci azzecca niente con la rosa che ha a disposizione e in più dopo la partita va anche in tv a dire che non sa neanche come andrà il mercato…oh ragas ma siamo una società di serie A (per ora) mica la Longobarda!

    • 29 Settembre 2020 in 16:51
      Permalink

      che per inciso è un’ottima squadra di amatori uisp ( la longobarda intendo).
      Si sa che a Parma ci sono i più grossi orbi della terra!!!!!!

    • 29 Settembre 2020 in 16:59
      Permalink

      Bravissimo Teo
      Approvo al 100%

  • 29 Settembre 2020 in 16:18
    Permalink

    Grande Teo!

  • 29 Settembre 2020 in 17:38
    Permalink

    Ragazzi ma un minimo di pazienza ci vuole però. Siamo alla seconda partita con il mercato ancora aperto. Ieri abbiamo giocato senza tante pedine fondamentali per noi, non si può giudicare il Parma per la partita di ieri.
    Poi si può dire serenamente che sul mercato qualcosa va fatto, e vedremo quello che faranno da quì al 6, però del disfattismo dopo una partita senza kurtic, gagliolo, cornelius e inglese non so se sia il caso.. Vuol dire proprio voler prendere qualsiasi cosa per attaccare chiunque in società. E questi personaggi che chiamerò Velegneso e compagnia bella sono tutto fuorché tifosi: a spargere letame si è sempre con il didietro parato, perché se ci si prende si gongola, se non ci si prende invece possono gioire con gli altri per la vittoria. È troppo facile, ed è un atteggiamento trido mica poco.

    Alefuzz

  • 30 Settembre 2020 in 16:01
    Permalink

    se si retrocederà, la colpa sarà in primis di questo disfattismo!!! Ora è il momento di sostenere i ragazzi!!!

    • 30 Settembre 2020 in 16:49
      Permalink

      va beh dai, e gli asini volano…

      • 30 Settembre 2020 in 17:53
        Permalink

        Spesso vanno a due zampe

    • 30 Settembre 2020 in 20:18
      Permalink

      o dire certe puttanate andava bene negli anni 70 credimi

  • 1 Ottobre 2020 in 06:40
    Permalink

    Fiiiiiiiiiiii…….buuuum

  • 1 Ottobre 2020 in 12:24
    Permalink

    Fiducia nel mister, nella società e nei giocatori. Mi viene solo da dire che non era l’anno giusto per una rivoluzione tattica…forse, se non si poteva continuare con d’Aversa, bisognava puntare su un profilo più simile all’ex mister.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI