PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / PARMA IBRIDO E NON TROPPO CONVINCENTE, MA RIMANE PUR SEMPRE UN WEEK END DA FAVOLA

(Luca Ampollini) – Partiamo dalla stretta attualità, è inevitabile: a prescindere dalla sfida impari, la differenza della cifra tecnica tra Parma e Napoli è evidentissima, non è stato un esordio facile, indipendentemente dal risultato. Il fortino Crociato, un fortino di “D’Aversiana“ memoria (versione 1° anno di A), è crollato dopo un’ora, benché fosse abbastanza chiaro che non sarebbe stato semplice portare a casa un prezioso 0-0. Liverani, saggiamente, desidera inculcare le proprie idee in modo graduale, perciò è inevitabile vedere, in questo inizio, un Parma ibrido e non troppo convincente. Detto questo alcune scelte odierne del tecnico romano mi hanno convinto poco: il doppio centravanti (scelta rischiosa, se si fa male uno dei due rimani senza una prima punta di riserva) coniugata all’inserimento di Kucka sulla 3/4, ha dato troppa lentezza e poca prevedibilità all’attacco Crociato. i due centravanti mal si completano: pochi movimenti coordinati, poca affinità, 0 pericolosità. Avrei preferito, come nell’ultima parte di gara, vedere in campo Karamoh, non estremamente illuminato tatticamente, ma più portato a supportare una prima punta e dotato di quella velocità e di quella imprevedibilità sconosciute all’attacco odierno. Kucka, che si è fatto apprezzare soprattutto in fase di non possesso a limitare Demme obbligando il Napoli a costruire con Ruiz, che aveva in Hernani un’opposizione decisamente sterile, quando riceveva palla non ha mai agito realmente da rifinitore, non ha mai illuminato la manovra, poco aiutato dai movimenti dei due attaccanti, ma in un ruolo nel quale è apparso spaesato. Detto di Hernani, autore della solita prova scialba senza personalità, problemi sono arrivati anche da una retroguardia che ha trovato in Iacoponi un giocatore sorprendentemente insicuro. Rispetto al Parma “D’Aversiano“ ho notato due esterni difensivi più spregiudicati e un’impostazione, durante la costruzione della manovra, identica alla fase di non possesso, a rombo, nel 4-3-1-2, mentre col tecnico abruzzese partendo dal basso la difesa passava a 3 con un esterno difensivo che andava sulla linea degli attaccanti. Queste osservazioni però, non devono, ora, preoccupare più di tanto: siamo a inizio stagione, in pieno rodaggio, con una squadra che verrà migliorata e completata, come riconosciuto e auspicato dallo stesso Liverani nel post partita. E questa sconfitta non scalfisce, comunque, un fine settimana emozionante, vissuto a 1.000 all’ora. Kyle Krause ha dato a tutti un’impressione meravigliosa: il suo entusiasmo contagioso fa sognare e se da un lato c’è la tristezza nel veder abdicare i grandi protagonisti della rinascita, dall’altro c’è la consapevolezza che chi arriva è solido, ambizioso ed entusiasta. I meravigliosi 7 hanno concluso l’opera perfetta consegnando la loro splendida creatura a una famiglia che continuerà, ne sono certo, un lavoro prezioso e indimenticabile. Perciò l’amaro in bocca lasciato dalla netta sconfitta col Napoli assume improvvisamente un sapore decisamente dolce, ripensando a questo weekend da favola… Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

18 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / PARMA IBRIDO E NON TROPPO CONVINCENTE, MA RIMANE PUR SEMPRE UN WEEK END DA FAVOLA

  • 20 Settembre 2020 in 18:03
    Permalink

    Intanto il Genoa con i nuovi acquisti ha dato 4 goal al Crotone

  • 20 Settembre 2020 in 18:08
    Permalink

    Li abbiamo proprio fatto un bel regalo a Mr. President.

  • 20 Settembre 2020 in 18:46
    Permalink

    Ma Carli esiste o è un ectoplasma?Vedere il Genoa e imparare che se si fanno solo chiacchiere in vernacolo toscano e cene i giocatori non arrivano. Faggiano col nuovo padrone ha imparato subito a muovere le chiappe senza aspettare la mezzanotte dell’ultimo giorno

  • 20 Settembre 2020 in 20:24
    Permalink

    Si il nuovo padrone di Faggiano tutti in prestito li sta prendendo

  • 20 Settembre 2020 in 20:32
    Permalink

    Sapete la differenza che c’e tra il
    Parma di D’Aversa e quello di Liverani?
    Se non siete duri di comprendonio ve lo dico io.
    Il Parma di D’Aversa giocava male ma vinceva.
    Il Parma di Liverani gioca male ma….perde.

  • 20 Settembre 2020 in 20:45
    Permalink

    Vi dico una cosa che non ho mai detto.
    A me Sepe non piace preferisco Colombi.
    Sul primo gol ha seguito ( e non è la prima volta)
    la palla che entrava in rete mksenza tuffarsi.
    Anche il palo fatto da insigne lo ha guardato
    senza tuffarsi mentre il secondo gol è colpa sua
    di Iacoponi e di Pezzella ma la responsabiita’
    maggiore è la sua che con le mani non ha
    trattenuto la palla.
    Ecco se si deve dar via uno tra Sepe è Gervinho,
    non avrei dubbi, darei via senza pensarci
    un nanosecondo Sepe.

  • 20 Settembre 2020 in 20:46
    Permalink

    Da noi no invece, minus habens

  • 20 Settembre 2020 in 21:40
    Permalink

    Te la spiego io la differenza: D’averlo ha avuto 4 anni di tempo Liverani sono 3 settimane che è a Parma con 2 allenamenti al completo.
    Scantót

  • 20 Settembre 2020 in 21:41
    Permalink

    D’Aversa volevo dire

  • 20 Settembre 2020 in 22:25
    Permalink

    Criticare Liverani alla prima partita è da imbecilli patentati.
    Abbiamo una nuova società con idee chiare (finalmente) diamogli tempo.
    E finalmente Carra e c. torneranno a fare il loro mestiere gli impiegati.

  • 20 Settembre 2020 in 23:29
    Permalink

    Infatti ho dato il tempo a a Liverani fino a Natale,
    A Natale spero che qualcuno guarderà la classifica
    è poi decidera’ il da farsi ma se a Natale non avremo
    ancora tirato fuori un ragno dal buco, sarà
    giusto tirare le somme.
    Carli ha garantito per lui quindi…..siamo tranquilli
    Carli s’e preso una patata bollente tra le mani.
    Speriamo non si ustioni.
    A proposito siamo l’ unica squadra di 🅰
    a non aver fatto nemmeno.un acquisto.
    Carli, se ci sei batti un colpo
    anzi fai……un colpo ( ppsstt eclatante)
    L’anno scorso Foggiano aveva trovato un
    certo Kulusevsky
    Vediamo Carli se sei più bravo di lui.

  • 21 Settembre 2020 in 00:09
    Permalink

    Non si può giocare con 2 centravanti.
    Si annullano a vicenda.
    Ci manca poi il trequartista.
    Non riusciamo mai a tirare in porta.
    Siamo lenti macchinosi e prevedibili
    Faremmo fatica anche in B.
    Spero ardentemente che rimanga
    GERVINHO il giocatore perfetto
    per il gioco veloce di Liverani.
    Se diamo via lui è meglio che chi lo
    da via si dimetta. IMMEDIATAMENTE
    Ogni riferimento a Carli
    è puramente casuale

  • 21 Settembre 2020 in 00:14
    Permalink

    a Liverani diamogli tempo è giusto concederglielo ma …..oggi non si è visto nemmeno il barlume di un idea di gioco,va bene tutto ma non ci sono stati passi avanti rispetto alla partita amichevole con l empoli, un Parma smarrito…. giocatori timorosi, malmessi in campo ( anche per necessità però….ma c è un limite a tutto piuttosto che far giocare 2 punte centrali assieme gioco con una punta magari proprio perchè l idea di gioco è ancora allo stato embrionale) …questo”cantiere” è troppo indietro,troppo per non rischiare di accumulare un grave ritardo,il parma ha fatto 2 campionati dove la salvezza in gran parte la conquistava al andata,poi che a molti non piacesse questa cosa ok,ma è solo per dire che pre rincorrere servono caratteristiche agonistiche e di tenuta mentale che il parma non oltre alla poca qualità degli interpreti!!! ad esempio il centrocampo è impresentabile non c vuole un genio per capire che con giocatori come grassi brugman hernani non hai fisicità per fare un filtro adeguato davanti alla difesa,e non hai il dinamismo,la tecnica e il fosforo per essere propositivo,da meta campo in sù sono lenti macchinosi e non fanno nemmeno correre il pallone un disastro totale ma questo non per la partita di oggi…da sempre,questa squadra senza gli strappi di kulusevsky ha perso tantissimo….servono rinforzi liverani recuperi kurtic e gervinho e faccia una lista in fretta da presentare a Carli ,chiederà Mancosu sicuramente ( 33 anni alla faccia dei giovani)chieda però anche un esterno, un centrocampista “con gamba” che dia un po di energia a centrocampo, e se può non venda kucka che lo riportiamo in mezzo a fare quello che sa fare e anche bene……….poi tireremo le somme,io direi intorno alla quinta sesta giornata non di più o si rischia grosso ,non facciamo un errore tipo pasquale Marino speriamo di poterlo tenere perchè vorrà dire che va abbastanza bene in caso contrario ….abbiamo ancora D aversa a libro paga( se nessuno lo cerca prima)

  • 21 Settembre 2020 in 14:21
    Permalink

    Caro ampollini, spero che stasera abbiate il coraggio di dire che i magnifici sette hanno lasciato nelle mani del povero americano una squadra imbarazzante…. ad oggi non siamo riusciti a vendere i cadaveri che avevamo e non abbiamo acquistato nessuno….. io penso che questo sarà un anno molto duro…..ad oggi non vedo squadre peggio della nostra….

  • 21 Settembre 2020 in 14:59
    Permalink

    Nessuno critica Liverani, starà facendo quello che può considerato che Carli in un mese non ha comprato nessuno manco in prestito…adesso che è avvenuto finalmente il passaggio di proprietà speriamo che il mercato si sblocchi perché le altre non stanno dormento.
    Il tanto rinnegato Faggiano intanto ha portato 4-5 elementi non male e pare ci stai soffiando anche Pellegrini…ieri intanto hanno dato 4 pere al Crotone. Adesso i soldi ci sono e bisogna intervenire non ci sono balle. Ok voler fare la squadra giovane ma ci vuole una squadra capace di salvarsi oggi, non fra 2 anni.

  • 21 Settembre 2020 in 15:38
    Permalink

    Squadra imbarazzante con una perdita di bilancio di 100 milioni e passa.

    Ringraziamo gli americani….come nel dopo guerra…….

  • 21 Settembre 2020 in 16:46
    Permalink

    Tortelli non spariamo cifre a caso.. chi ha detto che ci sono 100 milioni di perdita??
    Ma non eravamo una società modello???
    Allora han fatto tanto come ghirardi… 2 anni in A 100 milioni…se ne facevano 8 diventavano 400….

  • 22 Settembre 2020 in 11:45
    Permalink

    Confesso che leggendo diversi commenti sorrido, perché sono indice della schizofrenia che regna nella mente di molti tifosi qui a Parma. Liverani, dopo tre settimane e una manciata di allenamenti è già stato bocciato, il doppio centravanti – che durante il regno di D’Aversa veniva invocato a gran voce da più parti- è già stato cassato senza appello, il DS Carli giudicato come un comico, immobile poiche non ha fatto alcun acquisto (non è per caso che fosse fermo in attesa del closing?)…sono alcuni esempi di sentenze sparate in questi giorni che mi fanno veramente ridere.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI