CARMINA PARMA, di Luca Savarese / CROCIATI AL FOTOFINISH COME HART ROSA AL GIRO D’ITALIA

(Luca Savarese) – Il Parma la pareggia più o meno negli stessi minuti in cui sette giorni fa, in quel di Udine, l’aveva persa. Fotofinish amaro in Friuli, dolce oggi al Tardini. Maledizioni e benedizioni degli ultimi giri d’orologio, lancette che determinano incazzature o che inaugurano sorrisi. Parma e Spezia sono vicine, ma in campo, gli aquilotti bianconeri, la prima volta sul manto del Tardini da neo promossi in serie A, sembrano avere il ritmo forte e serrato di Luigi Ganna, che a Milano, intanto dà la birra a tutti nella crono conclusiva del Giro d’Italia. Se lo Spezia imita il ritmo di Ganna, il Parma fa come Hart, il fresco vincitore, britannico, della corsa rosa numero 103, che all’ultimo istante e senza aver mai avuto la maglia rosa indosso, si prende l’intera corsa. Non l’intera posta, ma la metà di essa, cioè il pari, si prende il Parma. E, per come si erano messe le cose e considerando le varie defezioni, è grasso che cola. Un plauso a questo spigliato Spezia, da molti addetti o psudo tali, considerato solo una comparsa in questo suo primo, storico, viaggio in massima serie. Italiano, è tecnico scaltro, sa che ha iniziato bene, sa soprattutto che un eventuale buon risultato in terra parmense, potrebbe far venire ancor più l’acquolina in bocca ai suoi ragazzi. Così lo Spezia è pimpante, occupa il campo in ampiezza e mette il Parma in difficoltà. Un Parma che forse non si aspettava di trovare degli aquilotti così cazzuti.
Le reti, in rapidissima, successione di Chabot, bel colpo allo scadere del mercato estivo degli spezzini, ed Agudelo, dicono questo atteggiamento, fiero, dei bianconeri liguri.
Il Parma? Dopo questi due schiaffi, si sveglia dal suo sonno anticipato. Va bene che è cambiato l’ orario e si dorme un’ora in più, ma questo vale fuori, mica in campo. Così Gagliolo è attento a depositare in porta le rete che rimette in gara gli emiliani e piantando quell’ancora che permette loro di non affondare.
Cornelius, Gervinho, Karamoh: la batteria offensiva pesante Crociata, risulta però piuttosto appannata. Fresco è invece lo Spezia che sembra giocare da più tempo nel locus amoenus del pallone. Il Parma deve ringraziare che lo Spezia è un novizio: se al suo posto ci fosse stata una squadra sgamata e con più anni di A sul groppone, a quest’ora, i gol nella porta di Sepe, potevano essere maggiori e altro che punticino.
I crociati, tuttavia, più con l’olio di gomito della massaia che ramazza la casa dopo il pranzo della domenica, che con il piglio razionale di un autore neoclassico, riaggiustano le cose. Bravo il danese Cornelius, a procurarsi il rigore, che il soldato Kuco, trasforma.
Primo pari per i ducali, ora dopo 5 gare, sono 6 i gol fatti, nella media e 11 quelli subiti: decisamente troppi. Interessante anche un altro dato che ci offre, quella scienza ausiliare, indispensabile per le vicende calcistiche, che si chiama statistica: con quello colto al Tardini, lo Spezia raggiunge 4 punti nelle sue prime tre gare esterne: ha vinto ad Udine ed ha perso col Milan a San Siro. E’ la miglior partenza di una matricola dal Chievo dei miracoli, che nella stagione 2001-2002, conquistò 6 punti nelle prime tre gare lontane da Verona. Italiano somiglia a Del Neri? Fisicamente nemmeno un po’, ma la sua formazione mostra come, chi sale dalla B, specie se con un giusto mix tra oculatezza e coraggio, non sempre è destinata al ruolo di vittima sacrificale. Ora dietro l’ angolo ecco il Pescara, avversario in Coppa Italia, mercoledì al Tardini e l’Inter, sabato prossimo al Meazza. Qui, tra la metà e la fine della settimana entrante, si parrà la nobilitate del Parma di Liverani. Luca Savarese

22 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / CROCIATI AL FOTOFINISH COME HART ROSA AL GIRO D’ITALIA

  • 26 Ottobre 2020 in 00:27
    Permalink

    Onore ad Italiano, un tecnico che si adatta alla rosa che ha e non fa il fenomeno come il nostro.

    • 26 Ottobre 2020 in 14:04
      Permalink

      Onore ad italiano, un allenatore con una rosa a disposizione. E senza un luca qualunque che fa il fenomeno a criticarlo.

    • 26 Ottobre 2020 in 14:11
      Permalink

      Questo commento è surreale. Tra virus ed infortuni vari nel Parma ci sono una dozzina di indisponibili e giocatori costretti ad accelerare i tempi di recupero. In questa situazione mettersi a dissertare sulla filosofia di gioco del nostro allenatore non ha alcun significato

  • 26 Ottobre 2020 in 09:40
    Permalink

    Comunque al di là delle frasi di circostanza gli americani non sono come i nostrani. Pacche sulle spalle e sorrisi ma guardano i risultati non la filosofia o le cazzate. Ergo fossi in Carli & C. non sarei tranquillo del posto. Soprattutto dopo avergli fatto cacciare della pila buona (non dei pagherò a rate come l’anno scorso) sulla fiducia. Vedere ieri Cyprien è stato imbarazzante. Non riusciva nemmeno a battere un angolo.

    • 26 Ottobre 2020 in 14:16
      Permalink

      Davide, mi sembra che di pagherò ne abbiamo firmati parecchi anche quest’anno se non ricordo male. Tutti firmano dei pagherò in questo calcio. Vai a vedere meglio prima di sparate certe castronerie.
      Il giudizio sugli americani te lo lascio, denota una superficialità ed un qualunquismo nel giudicare le persone che tutti possono valutare senza ulteriori commenti a riguardo.
      Cyprien ha sbagliato un po’ di cose ieri sui calci piazzati. Ha fatto cose migliori a palla in movimento. La superficialità dei tuoi giudizi è disarmante. mezz’ora per stroncare un giocatore. Lo stesso giocatore che si osannava dieci minuti prima come grande acquisto. E poi ci si fa la bocca grande a parlare di progetto giovani, ecc… Ma dove volete andare se il tifoso poi dopo mezz’ora giocata mediocremente ha già etichettato come pippa un nuovo acquisto? Qua prima del progetto giovani va fatto un altro tipo di progetto sui tifosi, altrimenti il progetto giovani fallisce dopo venti minuti.

      • 26 Ottobre 2020 in 15:48
        Permalink

        Guarda dei nostri pseudo tifosi ormai non mi sorprende più niente! Ricordo bene la finale super coppa Milan Parma . Esordio di Ortega. Dopo 5 minuti li stavano già criticando !! Per non parlare di D’Aversa!! Sempre criticato costantemente!

    • 26 Ottobre 2020 in 20:56
      Permalink

      Guardi sig.Davide che una squadra di calcio non è un industria o un supermercato e questo Krause lo sa bene.

  • 26 Ottobre 2020 in 09:42
    Permalink

    Prendiamo troppi gol.
    Partiamo sempre ( Verona a parte)
    dalla scorsa primavera
    all’inizio partita in casa o fuori con uno 0-2
    se va bene, altrimenti con uno 0-3 o uno
    0-4 come a,Bologna.
    Secondo me il divino KRAUSE….si sente tradito
    dai giocatori dell’allenatore e dal D.S.
    PRESTO son certo SI FARA SENTIRE…..

  • 26 Ottobre 2020 in 12:41
    Permalink

    Luigi Ganna? quello degli inizi del ‘900?
    Filippo!!!

  • 26 Ottobre 2020 in 13:26
    Permalink

    Se fossi in Krause
    Dopo i tanti soldi spesi 💰 💰 💰 sulla,fiducia.
    Dopo aver creduto in certe persone
    Dopo essermi accorto di essere stato preso per i fondelli
    Dopo aver visto il gioco imbarazzante di LIVERANI
    Dopo aver visto Cipryen che doveva essere il migliore degli acquisti di Carli ieri inguardabile
    Dopo tutto questo
    SCATENEREI L’INFERNO
    FAREI PIAZZA PULITA
    TABULA,RASA
    Licenzierei tutti escluso LUCARELLI che è l’unico a cui credo
    e coi giocatori userei il bastone.
    Il tempo della carota è finito.
    Il divino Krause so che mi assomiglia per cui…

    • 26 Ottobre 2020 in 14:29
      Permalink

      Meno male che non ti dà retta neanche il tuo barbiere. Se krause ti assomigliasse non avremmo un progetto, avremmo venti in pompa magna in cento direzioni diverse a seconda del giorno.
      Il divino, che tu umanizzi poi paragonandolo a te stesso.. Oh Icaro, non ti avvicinare troppo al sole, giacchè le tue ali fatte di penne e cera non reggeranno il calore da esso emanato. Oh velegneso, non ti avvicinare troppo a krause, che le tue opinioni fatte solo di pressapochismo e pregiudizi non reggeranno l’ombra del poderoso suo ciuffo biondo.

  • 26 Ottobre 2020 in 14:58
    Permalink

    Caro Alefuzz io infatti sono contrario ai progetti giovani che sono solo parole al vento vendute al popolino quando manca la grana per giustificare le piocionate e le retrocessioni

    • 26 Ottobre 2020 in 15:07
      Permalink

      Quante cazzate, ribadisco.

      Il Divino Krause (cit. Velenoso) visto che è così munifico, non avrebbe difficoltà a fare un progetto vecchi, sputtanando quattrini in contratti pluriennali come, peraltro, hanno fatto i supposti “piocioni” di Nuovo Inizio assecondando le richieste/proposte di D’Aversa e Faggiano (più propensi ad essere sicuri appunto optando per calciatori già affermati o per lo meno maturi). Evidentemente l’attento americano, dando seguito al progetto tecnico di ringiovanimento varato da Nuovo Inizio, ne ha sposato la linea, rischiosa fin che si vuole, ma l’imprenditore, appunto ha da rischià per definizione, appunto di puntare sulla maturazione dei nuovi talenti scovati, anziché andare a prendere il Matri di turno. Tutto molto chiaro. Solo che tu devi avere avuto dei gravi traumi se al centro di ogni tuo ragionamento metti sempre la grana, lo spendere etc. Hai fatto la guerra, forse? Hai patito la fame? E i famosi pagherò di cui cianci a vanvera, i piociones non li avevano forse fatti per prendere calciatori costosi e maturi? E allora cerca di capire le robe che anche troppe volte ti hoi spiegato dando perle ai porci.

    • 26 Ottobre 2020 in 15:31
      Permalink

      Mi sembra che si parli di progetto giovani anche adesso, e tu dicevi prima che adesso è finito il tempo di pioccionlandia, mi è sembrato di capire. Quindi krause non deve giustificare niente, se come dici tu ci mette la pila vera e non i pagherò. Dici una cosa ed il suo contrario in mezza frase, non ti si sta dietro.

    • 27 Ottobre 2020 in 00:39
      Permalink

      ma metterli tu i soldi davide ma in che mondo vivi lo sai che fra un paio di mesi chiuderanno 700000 commercianti il calcio perderà miliardi di euro e secondo te c è qualcuno che vuole metterci altri soldi ? si tornerà allo scambio fra giocatori come negli anni 80 e poi basta le tue sono critiche non obiettive e campate per aria non se ne può più ……mai una critica costruttiva il progetto giovane e l unico che può salvare una società di provincia come parma ripeto provincia cosa siamo una metropoli ? svegliati la tua grandeur non a senso

  • 26 Ottobre 2020 in 15:45
    Permalink

    Magari avessimo preso Matri almeno qualche partita più di Inglese (a cui manca ormai solo di prendere la febbre del fieno o la malattia della mosca cavallina) l’avrebbe giocata. Krause nel giro di 10 giorni visto lo zero fatto prima del suo arrivo ha dovuto bene o male fare il mercato e non ha potuto fare altro che firmare gli assegni senza battere ciglio. Non ha sicuramente scelto Cyprien, Brunetta, Busì o Busi e soci, gli hanno detto questi sono e lui ha scucito il grano. Se Nuovo Inizio avesse gestito in modo ordinato e normale il passaggio di consegne senza scappare come quelli della terza classe dal Titanic in fiamme avrebbero forse evitato di consegnare a Krause a 3 settimane dal campionato un disastro totale. Allenatore e ds fuggiti, cambiati con un ds disoccupato e con un tecnico preso a caso che con gli uomini a disposizione c’entra come i tomaccari con la “Silicon vallei”, mercato a zero e sputtanati dopo aver detto in mondovisione che erano finiti i soldi. Si sarebbe dovuto fare tutto in modo diverso, ma si sa come vanno le cose dalle nostre parti. Il bello è che poi quelli che si definivano non imprenditori sportivi vanno da Buffa a farsi intervistare come imprenditori sportivi. E sono robe che fanno ridere anche i pollastri.

    • 26 Ottobre 2020 in 17:43
      Permalink

      Eh sì hai proprio ragione, si sa come vanno le cose dalle tue parti, un sacco di illazioni prive di fondamento sparate a caso per sputare sui soliti noti. Se bastasse dire upi per dire qualcosa di furbo, tu saresti Mr fox.

    • 27 Ottobre 2020 in 00:49
      Permalink

      carissimo nuovo inizio e il passato mi spiace per te non potrai più prendertela con loro ………e di piccioni ci rimarrai solo tu che non hai tirato fuori manco un eur per il parma ci scommetto che hai una sciarpetta lisa per non spendere soldi

  • 26 Ottobre 2020 in 15:55
    Permalink

    Anche lo Spezia aveva tra infortuni e positivi 6-7 titolari fuori (primo e sec. portiere, Maggiore, Galabinov,ecc..), ma ha fatto un figurone e avrebbe meritato la vittoria! Nzola sembrava Drogba!!!

    • 26 Ottobre 2020 in 16:31
      Permalink

      La nostra difesa era così forzatamente improvvisata che fare brutta figura sarebbe stato difficile. Se lo Spezia avesse avuto più qualità in attacco, per noi finiva male. Per questo bisogna essere contenti del carattere che la squadra ha dimostrato di avere, recuperando una partita che sembrava compromessa.
      Con il recupero degli assenti le cose cambieranno decisamente in meglio

    • 26 Ottobre 2020 in 20:58
      Permalink

      Con la differenza che Italiano è più di un anno che semina allo Spezia.

    • 27 Ottobre 2020 in 00:45
      Permalink

      amico ma l hai vista la partita 🤓 solo nel secondo tempo abbiamo avuto 5 chiare occasioni da goal 2 con karamou davanti al portiere !!! da solo !! gagliolo di testa due volte a sfiorato i pali e kucka a tirato a lato di 3 cm dal dischetto vai a rivedere la partita più un paio di occasioni subito con gervinho ti sembra che lo spezia abbia dominato possesso palla a ns favore lo spezia retrocederà se vuoi scommettere

I commenti sono chiusi.