CARMINA PARMA, di Luca Savarese / LOTTA DURA SENZA PAURA. ALLA FINE AMARO E’ SOLO IL PUNTEGGIO

(Luca Savarese) – Alla Dacia Arena, blu contro gialli: sembra una di quelle partite di Subbuteo, che eravamo abituati a fare, negli anni Novanta, con il nostro amico che portava il salame di cioccolato fatto dalla nonna ed anche come orario, siamo lì…
Alla fine, il salame di cioccolato dei tre punti, magari accompagnato da buon vino furlano, se lo mangiano i blu di Luca Gotti, al Parma da vice nell’era Donadoni.
Partita sempre viva. Il Parma di Fabio Liverani stenta dopo il quadriennio tutto pragmatismo e ragione di Roberto D’Aversa? E’ presto per dirlo, sicuramente l’intelaiatura degli scorsi anni, è ora tutta da ricostruire, ma ieri, nel rodeo di Udine, il Parma ha provato a giocarsela fino a quel destro maligno di Pussetto.
Il Parma, diversamente da quello contro il Napoli e il Bologna, dentro l’ordalia della bagarre, ci è stato: poi alla fine ha vinto la squadra, che nel mare magnum della serie A, era quella che non aveva ancora toccato la terraferma dei punti.
L’inizio è rincuorante e promette pensieri positivi, al netto del verdetto finale che dirà terza sconfitta in quattro gare. Hernani, si dribbla le attuali fatiche del Parma, e spara un destro che si piazza all’angolino. I Crociati, però, sono tremendamente fragili in lungo e in largo nella terza linea: Samir, con un’inzuccata, trova infatti il pari. Poi, ecco che il trio lescano composto da Sepe, Kurtic e Iacoponi, il terzetto della vulnerabilità, invece di gestire una palla normale e di semplice lettura, la regala a Pereyra, palla che sbatte su Iacoponi e raddoppio friulano. Secondo errore da matita blu per l’ex difensore dell’Entella non proprio tranquillo, per usare un eufemismo, in questo avvio di stagione. Il Parma, e questo sono il merito e la lezione da portar con sé dalla Dacia Arena, non si estranea come spesso le accade in queste occasioni, ma rimane lì, a mordere gli istanti dell’agone, piuttosto che rintanarsi sulla zattera desistente. Nota positiva e non scontata è il primo gol in stagione di Karamoh, che trova l’allungo giusto, agendo più da bomber scafato che da ala quale tatticamente pare. Un piccolo rimpianto? Aver srotolato troppo tardi e con una sola giocata degna delle loro qualità, la strana coppia Gervinho-Karamoh, quel frullato afro dal sapore brasileiro, così ricco di proteine in zona gol. Pussetto, con un destro beffardo e argentino, condanna il Parma solo nel punteggio non certo nella prestazione. Luca Savarese

14 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / LOTTA DURA SENZA PAURA. ALLA FINE AMARO E’ SOLO IL PUNTEGGIO

  • 19 Ottobre 2020 in 08:01
    Permalink

    Liverani, impara ad essere pragmatico cristo! Non è sinonimo di debolezza, ma di grande intelligenza calcistica.

    Rispondi
    • 19 Ottobre 2020 in 14:36
      Permalink

      Luca impara ad essere umile cristo! Non è sinonimo di debolezza, ma di grande intelligenza e basta.

      Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 08:16
    Permalink

    la mia paura non è la posizione di classifica e/o i punti che abbiamo raccolto in 4 giornata, ma è che siamo un focolaio attivo e non mi stupirei se da qui ai prossimo giorni il numero dei contagiati salisse ulteriormente.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 08:43
    Permalink

    Sono d’accordo.
    Ieri una partita tra le migliori del Parma negli ultimi anni.
    Kurtic eccezionale con quell’assist al bacio per il 2-1 dell’Udinese.
    Passaggio perfetto da antologia
    Anche per Kuko prova sublime, sembrava un marziano.
    Jacopo poi un gigante, Mancini ricordati di lui per la Nazionale
    Che dire poi di Sepe?
    Una saracinesca.
    Il 3-2 era imparabile.
    Era pur vero che anche un portiere di terza categoria lo avrebbe parato tuffandosi ma lui come poteva farlo?
    Non poteva tuffarsi, si sarebbe fatto male.
    Ha mal di schiena causa il dover raccogliere ad ogni partita miriadi di reti in fondo alla rete e ovviamente facendo questo. ha penalizzato la schiena che gli è ormai partita.
    Il gol della sconfitta, un tiro da periferia. Sepe lo ha guardato inginocchiato quasi in posizione mistica mentre il tiro
    entrava alla velocità di una lumaca nella rete.
    Bravo Sepe, continua così
    Mancini Mancini. altro che Donnarumma….

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 08:46
    Permalink

    Commento a mente fredda e dopo aver rivisto le immagini della partita.
    Ribadisco che con la rosa a disposizione non mi aspettavo così bene in attacco mentre i problemi sono stati in difesa e non tanto per colpa di atteggiamenti troppo offensivi bensì di superficialità e poca attenzione, vedi il gol preso da palla da fermo, il secondo (auto) gol con assist di Kurtic (!!) ed il terzo dove nessuno ha contrastato prima DePaul e poi Pussetto che hanno fatto quello che volevano.
    In attacco (senza punte di ruolo) il Parma ha fatto bene, due gol ed uno clamoroso sbagliato da Hernani su assist di Gervinho (indolente vero, ma l’unico che da imprevedibilità e nell’uno contro uno è devastante). Guardate l’azione del gol di Karamoh e provate a contare quanti giocatori del Parma circondavano l’area dell’Udinese (almeno otto) e poi sul cross in tre ad attaccare la porta. Questo è il lavoro che stà facendo il mister.
    A mio avviso il pareggio era strameritato la partita l’ha fatta il Parma come testimoniano bene le statistiche (59% di possesso, 535 passaggi contro 352).
    Più di 10 giocatori fuori per infortunio o covid, sicuramente un impatto mentale negativo dato da tutto quello che è successo negli ultimi giorni oltre ad avere trovato un avversario a zero punti che aveva molta fame.
    Ultima nota, davvero complimenti a Karamoh, la più bella sorpresa dall’inizio della nuova stagione, alla faccia di chi lo criticava (è giovane e come tale va aspettato ed aiutato), giocatore che si stà applicando molto e che stà crescendo tantissimo a suon di assist e gol.
    Continuiamo a lavorare nell’auspicio di recuperare quanti più giocatori possibile con lo Spezia ed inserire al meglio i nuovi, la giusta grinta e cattiveria agonistica e faremo risultato.
    Sempre e solo forza Parma

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 09:47
    Permalink

    Noi dobbiamo partire d’un presupposto
    altrimenti non riusciamo come al solito. capirci.
    Da marzo ( Verona è l’eccezione che conferma la regola)
    MINIMO. quando va bene, due gol li prendiamo sempre
    a ogni partita.
    In questi gol quasi sempre sono contemplati anche i gol
    cosiddetti dagli addetti ai lavori, GOL MISTICI che Sepe prende in MANIERA ORMAI INDUSTRIALE senza pudore.
    S’inginocchia ESTASIATO quando l’avversario tira da fuori area. come ieri, come se avesse visto la Madonna davanti a lui come a dire con sguardo trasognato e mistico
    ” Palla entra pure “….e la palla entra al rallentatore.
    Questi soni detti
    GOL MISTICI ALLA SEPE.
    Su questi gol SEPE è il migliore della,serie A e forse di tutti i portieri europei.
    Continua così MISTICO SEPE e vedrai che la Nazionale ti chiamerà a furor di popolo e chissà anche il Milan potrebbe fare anche.pensierino INDECENTE su di te.
    Tu primo portiere e Donnarumma tua riserva
    Pensa che soddisfazione.
    Penso che questi gol MISTICI scateneranno un’asta tra tutti i club europei per avere SEPE e poter così apprezzare i gol che prende come se in porta vi fosse un paralitico.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 10:33
    Permalink

    Il Parma ieri ha sempre provato a giocare la palla, l’atteggiamento è stato buono. Occorre però maggiore concentrazione. Con più determinazione almeno un paio dei goals presi si potevano e dovevano evitare. Le critiche all’allenatore non hanno senso. Non ha mica la bacchetta magica

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 11:03
    Permalink

    Tralasciando la sconfitta di ieri, secondo me con un giocatore positivo a poche ora dall’inizio della partita non si doveva giocare, che impressione vi hanno fatto i due nuovi ieri? io non sono riuscito a vedere la gara e quindi mi affido ad uno vostro parere.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 11:36
    Permalink

    D’accordo. Anche io ho visto un buon Parma propositivo. La differenza l’hanno fatta gli errori, ma questo fa parte del gioco; il passaggio di Kurtic sembrava un qualcosa di provato negli schemi (non fraintendetemi non voglio fare sarcasmo) e penso che più avanti verrà tutto un pò più naturale, senza sbavature.
    Nel 90% dei casi questa partita la porti a casa.
    Anche io sono fiducioso.
    Alle cornacchie suggerisco comunque di guardare i dati oggettivi (Possesso palla, angoli ecc…)
    Ricordo, ma oramai l’hanno fatto tutti, che eravamo decimati e nonostante tutto abbiamo fatto la partita.
    L’unico deludente, a mio modesto parere, è stato Gervi, speriamo riesca ad entrare negli schemi, mi pare un pò svogliato.
    Per il resto nulla da dire.
    Per me il Parma si salva e anche bene.
    N.B.: altra statistica. Coloro che già alla quarta giornata danno il Parma per spacciato sono sempre quelli che tutti gli anni, a partire dalla Lega Pro, hanno perennemente previsto retrocessioni, mancate promozioni, esoneri ecc…SONO SEMPRE QUELLI E TUTTI GLI ANNI SI RIPARTE CON LA STESSA SOLFA.

    Rispondi
    • 19 Ottobre 2020 in 14:43
      Permalink

      Mah Gervinho secondo me hanno provato a piazzarlo anche al mercato di Traversetolo fino alla fine del mercato. Adesso sta giocando perchè siamo in una situazione di emergenza, ma secondo me poi il campo lo vedrà sempre a partita in corso, magari gli ultimi venti minuti per provare a spaccare la partita.
      Hai ragione Lele, certa gente non si stanca mai di essere smentita dai fatti, l’importante è sputare sentenze addosso alle persone che dovrebbero invece sostenere.

      Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 14:52
    Permalink

    Gente che insulta e sbeffeggia e poi si permette di esultare in prima fila quando si vince, magari dandosi pacche sulle spalle perchè convinti di aver incitato i giocatori ad un cambiamento.

    Ma cosa credete, di dover insegnare voi a liverani che bisogna fare un goal in più dell’altra squadra? Dovete insegnargli voi che Kucka è un centrocampista? Dovete insegnargli voi che gli errori individuali non vanno fatti? Dovete insegnargli voi che la difesa di ieri non può essere quella titolare?
    Ma veramente qualcuno crede che quella di ieri sia la formazione che idealmente liverani vorrebbe vedere in campo? Se sì, allora ben vengano i vostri insulti. Se no, che cavolo scrivete a fare.

    Rispondi
    • 19 Ottobre 2020 in 18:01
      Permalink

      Sono perfettamente d’accordo, io quando vedo determinati nickname, vado oltre, per me non esistono.
      Sempre Forza Parma

      Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 16:19
    Permalink

    Con lo SPEZIA DOBBIAMO assolutamente vincere, altrimenti le belle parole vanno tutte a farsi benedire… il campionato non ci aspetta

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 18:45
    Permalink

    Caro Lele hai espresso il tuo parere che io non condivido ma che accetto in piena democrazia a differenza di te che mi dai della cornacchia perché non.la penso come te.
    Ma torniamo n al Parma
    Questa squadra sembra giocare per far fuori LIVERANI.
    È una mia sensazione.
    Giocatori come
    KURTIC
    JACOPONI
    KUKO
    GERVINHO
    non.possono essersi così velocemente imbrocchitib divenendo improvvisamente da fenomeni simboli del Parma targato D’Aversa, a miseri e spelacchiati
    GIOCATORI SEGA.
    Per me vogliono far fuori LIVERANI
    È ovviamente un mio pensiero personale.
    Ieri infatti quando gli RX FENOMENI.si sono accorti che stavano pareggiando e Libverani avrebbe gioito per il punto carpito
    la squadra ha giocato la carta segreta
    SEPE
    SEPE su un tiro che avrebbe parato anche un ragazzo.su una,sedia a rotelle ha tirato fuori la sua specialità
    GOL MISTICO CON GENUFLESSIONE
    mentre la palla entra alla velocità di una vacca da pascolo
    e lui la guarda estasiato guardandosi bene nel pagarla.
    Era uno dei tanti GOL MISTICI sforgiati in questa.e nella passata stagione da Sepe.
    Presto ne vedremo dei nuovi salvo che LIVERANI mangi la foglia e metta COLOMBI

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI