PARMA-SPEZIA 2-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

PARMA-SPEZIA 2-2, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

PARMA-SPEZIA 2-2, IL TABELLINO

Marcatori: 28′ Chabot, 31′ Agudelo, 34′ Gagliolo, 48′ st Kucka (rig.)

PARMA – Sepe; Iacoponi (Cap.), Pezzella, Gagliolo, Grassi, Cornelius, Kurtic (34′ st Sohm), Brugman (8′ st Cyprien), Hernani (8′ st Karamoh), Gervinho, Kucka. Allenatore: Fabio Liverani
A disposizione: Colombi, Rinaldi; Balogh, Bane, Radu, Nicolussi Caviglia, Adorante

SPEZIA – Provedel; Sala (9’st Ferrer), Agoume, Gyasi, Bartolomei, Nzola (36′ st Piccoli), Terzi (Cap.), Bastoni (18′ st Dell’Orco), Chabot, Pobega (9′ st Estevez), Agudelo (18′ st Verde). Allenatore: Vincenzo Italiano
A disposizione: Krapikas, Rafael, Mora, Farias, Deiola, Vignali

Arbitro: Sig. Valerio Marini della Sezione A.I.A. Roma 1

Assistenti: Sig. Daniele Bindoni di Venezia e Sig. Riccardo Annaloro di Collegno

Quarto ufficiale: Sig. Luca Pairetto di Nichelino

V.A.R.: Sig. Daniele Orsato di Schio

A.V.A.R.: Sig. Mauro Galetto di Rovigo

Ammoniti: Grassi, Pobega, Hernani, Ferrer, Sohm

Angoli: 12-3

LA DIRETTA LIVE di Ilaria Mazzoni

I Crociati tornano in campo al Tardini alla ricerca di una vittoria che abbia il sapore del riscatto dopo la sconfitta subita ad Udine, in questa quinta giornata di campionato la formazione ducale cercherà, quindi, di raccogliere tre punti che potrebbero rappresentare la chiave di svolta di quest’annata iniziata sottotono (certamente dal punto di vista dei risultati ottenuti sino ad ora).

01′ partiti! Sono i padroni di casa ad avere l’opportunità di gestire il primo pallone: Cornelius si affida a Brugman per impostare la prima giocata ducale, l’avversaria recupera, però, la sfera e tenta di portaesi in zona offensiva

02′ ribaltamento di fronte e buonissima occasione per i crociati che si insinuano pericolosamente nell’area dello Spezia; pallone che giunge a Gervinho dopo che Cornelius aveva aperto sulla destra per Hernani;  la freccia nera, lasciato solo nel cuore dell’area piccola, sbaglia clamorosamente la conclusione. L’ivoriano spreca quella che sembrava ormai una palla messa in rete, peccato

05′ primo cartellino del match; ad essere sanzionato, a soli cinque minuti dall’inizio, è Grassi; il crociato è entrato in modo falloso a centrocampo su Gyasi. I mille al Tardini protestano

06′ ammonizione anche tra le file dello Spezia all’indirizzo di Pogega che entra fallosamente su Hernani

07′ batti e ribatti nell’area ducale, lo Spezia prova la conclusione ma Sepe si distende e blocca a terra il rasoterra tentato da Gyasi

09′ primo calcio d’angolo del match per il Parma dalla destra; sugli sviluppi la sfera viene messa in mezzo da Pezzella, ottimo il lancio del crociato all’indirizzo di Cornelius, quest’ultimo, con una mezza rovesciata, prova a gonfiare la rete ma non riesce ad impattare ottimamente sul pallone. Nulla di fatto ma pubblico che applaude il piglio voglioso che sta dimostrando, in questi minuti iniziali, la squadra di Liverani

14′ gli ospiti stanno cercando di fare girare il pallone alla ricerca di qualche varco nella metà campo crociata, la squadra di Liverani si è però ben disposta sul campo di casa

16′ calcio d’angolo dalla destra per il Parma. I ducali non riescono a sfruttare bene il calcio piazzato, il secondo di questo incontro. Squadre che, dopo un quarto d’ora di gioco, si stanno ancora studiando

17′ Parma ancora in avanti: si dispiegano i crociati lungo la fascia di sinistra: Hernani chiuso dalla difesa dello Spezia, sfera che rimane in possesso dei padroni di casa grazie al recupero di Pezzella che se lo mette poi sul sinistro provando la conclusione di potenza. Il tentativo termina alto sopra la traversa

21′ calcio d’angolo per la formazione di casa, questa volta sarà battuto dalla sinistra; riceve palla Gervinho che serve un pallone invitantissimo al centro per la testa di Kucka. Il ducale non riesce nella deviazione, lo Spezia si rifugia nell’ennesimo calcio d’angolo. Parma che non riesce a rompere l’equilibrio di questo incontro ma che sta provando a crescere di intensità

23′ cartellino giallo anche per Hernani che arresta un’azione che poteva rivelarsi promettente per lo Spezia

28′ 0-1 GOOOOAL SPEZIA! Gli ospiti sfruttano al meglio un corner dalla sinistra e con Chabot si portano in vantaggio

30′ 0-2 GOOOOAL SPEZIA! Parma che accusa lo svantaggio; i crociati sembrano leggermente in bambola e concedono all’avversaria l’occasione di raddoppiare. Agudelo non sciupa condannando i gialloblù a subire la rete del momentaneo doppio svantaggio

33′ 1-2 GOOOOOAL PARMA! Partita che si è improvvisamente animata, a segnare ora sono i crociati che bucano la porta dello Spezia con Gagliolo che riapre immediatamente l’incontro sfruttando una sponda di Kurtic per battere l’estremo difensore avversario con un destro molto ravvicinato

37′ si sono definitivamente rotti gli equilibri in campo; numerosi sono i ribaltamenti di fronte, è ora lo Spezia a lanciarsi verso l’area ducale raccogliendo, però, solamente un corner che sarà battuto dalla sinistra

42′ bell’azione personale di Bastoni: salta tre gialloblù e prova la battuta a rete dai trenta metri. Palla che termina di poco alla destra di Sepe, brivido per i tifosi crociati

45′ Gervinho in questi minuti finali sta portando scompiglio nell’area dello Spezia; per ben due volte si insinua pericolosamente. La freccia nera prova sullo scadere un assist verso Brugman che carica il destro e prova a portare i crociati in parità; la conclusione termina di poco a lato

Per il direttore di gara basta così, fischia e manda tutti negli spogliatoi proprio dopo il tentativo crociato. Parma che ridiscende nel tunnel con la consapevolezza che, nel corso dei prossimi quarantacinque minuti, dovrà necessariamente tentare di recuperare la rete di svantaggio, il risultato, infatti, è di 2 reti a 1 a favore degli ospiti.

SECONDO TEMPO

46′ dopo un bel primo tempo, ricco di goal, Parma e Spezia stanno in questo momento dando il via alla seconda frazione di gioco; entrambi gli allenatori hanno scelto di non effettuare, per ora, alcun cambio quindi si ripartirà con i rispettivi undici iniziali

47′ si mette in mostra lo Spezia con Gyasi che approfitta di un errore di Grassi, il crociato si fa immediatamente perdonare recuperando e riuscendo anche ad evitare il corner; a rimettere il pallone in gioco sarà Sepe

50′ i gialloblù che, nel corso di questi quarantacinque minuti conclusivi, attaccano da destra verso sinistra non riescono ancora a trovare gli spazi giusti: Spezia che in quest’avvio è molto attento sul piano difensivo

51′ occasione per lo Spezia: azione di Gyosi, devastante sul fronte offensivo di sinistra ma poi impreciso nella conclusione. Pallone che sfila a lato accompagnato da qualche brivido sulla schiena per Sepe e tutti i tifosi crociati

52′ primo doppio cambio operato da Liverani: escono Hernani e Brugman mentre inizia la partita di Karamoh e Cyprien

54′ doppio cambio anche per lo Spezia: fuori Pobega e Sala, entrano Estevez e Ferrer

56′ lo Spezia si sta rivelando davvero troppo propositivo e pericoloso in questi minuti; la squadra ospite colpisce in questo momento un palo con il neoentrato Estevez che fa rabbrividire i ducali. Il pallone continua a “ballare” all’interno del cuore dell’area gialloblù, alla fine i ragazzi di Liverani riescono a sventare il pericolo rifugiandosi in corner

61′ prova l’aggancio in area Karamoh, il crociato non riesce nell’intento, peccato: sarebbe stata davvero un’occasione invitante

62′ bel corner del Parma che prova la conclusione verso la porta spezzina con un colpo di testa di Kucka che sfiora la rete del pareggio

63′ ancora una doppia sostituzione operata dallo Spezia, Italiano effettua le seguenti scelte: fuori Agudelo e Bastoni per Verde e Dell’Orco

66′ occasione Parma: Gagliolo ci prova di testa su calcio d’angolo, ma senza riuscire a impattare bene, palla che finisce a lato

67′ Spezia ora in avanti con Dell’Orco che prova a deviare verso la porta difesa da Sepe, fortunatamente l’estremo difensore crociato non deve intervenire: il terzino spezzino non riesce ad inquadrare la porta

68′ lo Spezia sembra incontenibile: ancora un palo colpito dalla squadra di Italiano con Agoume che sfrutta un contropiede. Il calciatore colpisce con il destro il palo esterno. Ancora brividi per il Parma

71′ Spezia ad un soffio dal terzo goal con Gyasi che non arriva, in scivolata, a deviare il cross di Bartolomei. Poi ribaltamento di fronte: Parma si lancia in avanti con Karamoh che aggancia un pallone insidioso in area provando a deviarlo verso la rete avversaria, il crociato si allunga bene ma Provedel para. Si era alzata, in ogni modo, la bandierina del guardalinee: fuorigioco

75′ quando lo Spezia riesce a portarsi nei pressi della zona presidiata da Sepe semina, in questi minuti, il panico: ci prova ora dal versante di destra con Verde che punta direttamente la porta gialloblù liberandosi di due uomini. Conclusione che termina alta sopra la traversa

78′ terzo palo dello Spezia di questo match, a colpire il legno è Verde che si sta decisamente mostrando bene in campo, il calciatore, dopo aver giocato palla al limite prova la conclusione di potenza

79′ sostituzione per Liverani: dentro Sohm per Kucka

80′ Karamoh ad un millimetro dal pareggio, parte in velocità entra poi in area e prova a piazzarla. L’estremo difensore bianconero si esalta iptonizzando l’attaccante gialloblù: calcio d’angolo per i ducali

82′ sostituzione per lo Spezia: N’Zola lascia il posto a Piccoli

83′ azione insistente dei crociati che provano a mettere sotto pressione l’avversaria prima con Karamoh (a cui dice di no una bella parata di Provedel) e poi con Grassi che di gran carriera penetra in area provando a scaricare a rete. Nulla di fatto, fiammata, però, del Parma

85′ calcio di punizione al limite per i gialloblù dopo il fallo commesso da Canalas che, nell’occasione, riceve anche il cartellino giallo; sul pallone va Cyprien. Punizione che termina abbondantemente alta

86′ i ducali provano a portarsi costantemente in avanti in questi minuti: Kucka sfiora ancora una volta il pareggio, palla che sfila, ancora una volta, a lato della porta spezzina. Gialloblù che si dimostrano in alcune occasioni imprecisi ed in altre davvero sfortunati

89′ allo scadere arriva l’ammonizione anche per il crociato Sohm

90′ comunicato dallo speaker il tempo di recupero: ancora 4 minuti per i crociati per riportare in equilibrio questo incontro

91′ il Parma conquista un calcio di rigore: cade in area Cornelius, il direttore non ha dubbi ed indica immediatamente il dischetto. A batterlo sarà Kucka

92′ 2-2 GOOOOOAL PARMA. Kucka non si lascia ipnotizzare da Provedel e mette il pallone in rete riportando i ducali alla parità; tirano un sospiro di sollievo i mille tifosi al Tardini

Triplice fischio del direttore di gara: termina al Tardini questa quinta domenica di campionato, crociati che, in extremis, riescono a riequilibrare un match. Ci pensa un rigore trasformato da Kucka al 92′ a riportare, sui volti dei tifosi, un mezzo sorriso, Parma che soffre, che subisce tre pali dello Spezia, Parma che, però, non abbandona mai la speranza e la voglia di pareggiare. Alla fine ce la fa guadagnando un punto che, di certo non stravolgerà la classifica, ma che potrebbe rivelarsi fondamentale specie sul piano morale dei ducali che, nell’anticipo di Sabato prossimo delle 18.00 saranno ospiti, al Meazza, dell’Inter. Ilaria Mazzoni

 

 

55 pensieri riguardo “PARMA-SPEZIA 2-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 25 Ottobre 2020 in 15:07
    Permalink

    Vamos!

  • 25 Ottobre 2020 in 15:09
    Permalink

    Vamos Ragazzi

  • 25 Ottobre 2020 in 15:33
    Permalink

    Liverani non mangia il tacchino del Giorno del Ringraziamento. Allenatore imbarazzante.

  • 25 Ottobre 2020 in 15:39
    Permalink

    Bravo liverani. Sempre avanti con questa formazione. Brugman, hernani . Vedo giocatori che cercano di mettere in pratica i suoi pseudo dettami tattici ( da macello tedesco affetto da Covid peraltro) e vedo difficoltà enormi. Sotto di due con una squadra di B. Racconti che vede miglioramenti a qualcun altro.

  • 25 Ottobre 2020 in 15:43
    Permalink

    Ancora goal su calcio d’angolo e goal su cappella sulla trequarti !!! Avanti così !!! Grande Thor !!! Nell’intervallo attaccali tutti al tubo delle docce ed Hernani chiudilo nel cesso e metti l’armadietto davanti la porta !!!

  • 25 Ottobre 2020 in 15:44
    Permalink

    Questo va esonerato stasera. Meglio ancora se dovessimo vincere .Non capisce niente né dei giocatori che ha né di come giocare a calcio. Vada a scroccare lo stipendio e a far retrocedere un’altra squadra. Era meglio metterci l’ex Presidente del Pisa in panchina. Il cane pastore Gunther. Ne capiva di più lui di calcio.

    • 25 Ottobre 2020 in 15:55
      Permalink

      Ma la campagna acquisti a cosa è servita? Per vedere ancora Brugman titolare? Se giocheranno sempre i soliti, dubito che si possano vedere cambiamenti nel sistema di gioco. Liverani, è ora di vedere qualche progresso.

      • 25 Ottobre 2020 in 18:16
        Permalink

        Pietro, a me viene da pensare o non stai seguendo quello che sta succedendo in questo periodo di merda, o parli tanto per dire qualcosa! Guarda che i nuovi giocatori non possono giocare perché o erano positivi(asintomatico)a quella rottura di coglioni del Covid o sono infortunati! Adesso hai capito? Provate a togliere a una qualsiasi squadra 11 giocatori, devi giocare senza difensori è costretto a mettere giocatori fuori ruolo, se anche ci fosse D’Aversa sarebbe uguale tanto l’importante è tirare merda a prescindere!

        • 25 Ottobre 2020 in 18:39
          Permalink

          Cyprien non ha il Covid ed è costato oltre 7 mln di euro…

  • 25 Ottobre 2020 in 15:47
    Permalink

    3 gol col Bologna 3 con L udinese 2 con lo spezia per ora,contro 3 potenziali concorrenti per la salvezza abbiamo preso 8 goal!!!sono troppi con questa difesa non ci si salva,le attenuanti per liverano sono sempre le stesse per ora non ha potuto inserire i nuovi, … ma il problema principale che dobbiamo considerare come problema principale consiste nel fatto che NON ABBIAMO TUTTO QUESTO TEMPO PER ASPETTARE !!! Dobbiamo inserire i 2 nuovi dietro e cyprien in mezzo al campo …. senza contare che per il gioco non siamo nemmeno al ipotesi di Un idea quindi…… faccia bene i conti la dirigenza perché già tra 2/3 giornate la situazione in classifica potrebbe compromettersi già in modo grave …

    • 25 Ottobre 2020 in 17:41
      Permalink

      I nuovi, aimè, non sono all’altezza della serie A. Visto Cyprien nel secondo tempo? Sembrava uno capitato li per caso… e pensare che è l’unico giocatore pronto che abbiamo acquistato. Poi scordiamoci Busi e Mihailha perchè con i problemi che hanno se ne riparlerà a Gennaio o Febbraio; chi rimane? Sohm, Valenti ed Osorio… francamente troppo poco. Qui si mette molto male, ma bisogna dire che era tutto preventivabile, peccato che, visti i soldi spesi, si erano create aspettative diverse. Cmq il gruppo dello scorso anno, se messo nelle giuste condizioni (Liverani svegliati) potrebbe comunque portarci in porto. Forza ragazzi!

      • 25 Ottobre 2020 in 18:40
        Permalink

        Cyprien gli va dato modo di giocare. Punto.

  • 25 Ottobre 2020 in 15:50
    Permalink

    È inutile stare ad incazzarsi. Il destino della stagione è stato segnato il giorno della ferale conferenza stampa dei 7. Sarà solo una lunga e lenta agonia fino a maggio.

    • 25 Ottobre 2020 in 16:42
      Permalink

      Vero tutto parte da lì … la cessione è arrivata nel anno e nel momento meno adatto,certo si vende quando arriva un compratore ed è arrivato in quel momento ma…..la cessione ha condizionato scelte e tempi di mercato,la qualità del mercato poi non abbiamo ancora avuto modo di verificarla

  • 25 Ottobre 2020 in 16:29
    Permalink

    No beh…. Gervinho che nei calci d’angolo e nelle punizioni esce sistematicamente dall’area per non colpire di testa è da licenziare per giusta causa !!! Mo dit dabò ??? O esce dall’area o va ad affiancare chi calcia…. ma va a fer al tronista dalla Maria !!!

  • 25 Ottobre 2020 in 16:30
    Permalink

    Busi, Mihala, Brunetta, Sohm, Valenti, ma chi li ha presi dove vive?Nel mondo dell’Upi o nella realtà?Comunque con Carli abbiamo preso il peggior Ds. Con Minotti è una bella gara.

  • 25 Ottobre 2020 in 16:36
    Permalink

    E anche lo Spezia sembra il Real con noi. Strano.

  • 25 Ottobre 2020 in 16:37
    Permalink

    Umiliati in casa dallo Spezia con 3 pali colpiti da loro.

  • 25 Ottobre 2020 in 16:47
    Permalink

    “Non giudicateci da questo mercato”. Direi che le mani erano già state messe molto avanti…da chi sapeva che fine si sarebbe fatta.

    • 25 Ottobre 2020 in 17:40
      Permalink

      intanto i barattoli sono pieni di ottimo triturato di pomidoro che nello iowa se lo sognano

      • 25 Ottobre 2020 in 20:47
        Permalink

        Non siamo nelle categorie giovanili, dove i giocatori non hanno l’esperienza per gestire certe situazioni. Cosa debbono fare in difesa su palla inattiva lo sanno benissimo. Se perdono di vista il centrale avversario non è perché Liverani propugni la difesa soft, oggi, come ad Udine, mancava chi di testa le prende quasi tutte. Senza di lui facciamo fatica sul piano fisico perché al centro della difesa, con i nuovi indisponibili, mancano centimetri e kg

  • 25 Ottobre 2020 in 16:53
    Permalink

    Salvo solo il pari. Per il resto è notte fonda e non si vede la luce in fondo al tunnel.

  • 25 Ottobre 2020 in 16:55
    Permalink

    Ho avuto la brillante idea di accendere la TV l’ultimo quarto d’ora, esattamente per vedere Karamoh che per 2 volte di fila si divorava il pareggio.
    Poi un rigore ci salva ma ahimè non posso essere contento, fra l’altro dopo aver letto i commenti e la cronaca della partita.

    C’è poco da dire. I giocatori sono sempre quelli, è evidente che l’allenatore non riesce a fare quello che ha in mente con gente che da 2 anni giocava in modo completamente diverso. E bisognerebbe capire che alla sua maniera così non si gioca…
    Inoltre dei nuovi, a parte un paio, nessuna traccia (covid? infortuni? altro?) e questo non aiuta.
    Si ok, non abbiamo perso, ma occorre fare una analisi sincera: si meritava di perdere (3 pali han preso quelli là). Serve un cambio di passo. San Culo non arriva tutte le volte.

  • 25 Ottobre 2020 in 17:02
    Permalink

    La partita non la commento che è meglio, tuttavia dico due cose:
    1. anche i muri hanno capito che Kucka trequartista non può giocare e che rende forse al 50%
    2. vorrei capire come hanno fatto dei tifosi dello Spezia (e ne hanno inquadrati parecchi) ad avere i biglietti per andare allo stadio… sono molto curioso… i tifosi del parma non hanno avuto la possibilità di acquistare i biglietti (nell’ultima partita del Sassuolo al Mapei sono stati venduti i biglietti solo ai vecchi abbonati con i voucher)

  • 25 Ottobre 2020 in 17:06
    Permalink

    Questa partita andrà presa ad esempio. La si è raddrizzata dopo avere sbagliato di tutto e di più. Ai detrattori seriali di Liverani consiglio di rivedere come le occasioni dello Spezia siano state propiziate da nostri errori individuali, su questi aspetti l’allenatore non può incidere. Troppe assenze e qualche giocatore importante sottotono, che sta rendendo molto meno che in passato.
    Questa è una stagione anomala, iniziata a ridosso di quella conclusa. Ci sta che qualche giocatore sia fisicamente non brillante. Comunque è un punto importante, la squadra non ha mollato e ci ha creduto sino alla fine.

    • 25 Ottobre 2020 in 17:36
      Permalink

      SCUSA SIBERIANHUSKY MA SE IL PARMA OGNI SETTIMANA BECCA GOL SU ANGOLO PERCHE’ QUESTO SEDICENTE ALLENATORE NON SA ORGANIZZARE LA MARCATURA DI CHI E’ COLPA, SE OGNI SETTIMANA BECCHI GOL PERDENDO PALLA IN USCITA DI CHI E’ COLPA SE IL PRESSING ALTO LO FA SOLO CORNELIUS E NESSUNO LO SEGUE DI CHI E’ COLPA, SE LA SQUADRA SEGNA SEMPRE E SOLO BUTTANDO PALLA AVANTI SULLA TESTA DI CORNELIUS CHE FA SPONDA E NON SI SA A COSA SERVA IL TREQUARTISTA DI CHI E’ LA COLPA?
      A COSA SERVE L’ALLENATORE ?
      LIVERANI A MANGIARE E MI PARE PALESE VISTA LA SILHOUETTE. MA OLTRE CHE A SOLLEVARE FORCHETTA E BICCHIERE A TAVOLA COSA FA?
      PER FORTUNA IN SOCIETA’ LA PENSANO DIVERSAMENTE E SI STANNO GIA’ MUOVENDO A QUANTO E’ DATO DI SAPERE PER PORTARNE UNO VERO E CAPACE AL SUO POSTO.

  • 25 Ottobre 2020 in 17:24
    Permalink

    Mai visto il Parma giocare peggio.
    Con Liverani non si tocca mai il fondo.
    Ora lo rischiamo.
    Una difesa colabrodo che poteva prendere una goleada
    Hernani e Brugman oserei dire osceni.
    Karamok che sbaglia l’impossibile.
    La,squadra ha giocato meglio con il modulo di D’Aversa.
    Liverani NON HA GIOCATORI ADATTI PER IL SUO MODULO.
    Senza un valido trequartista che non abbiamo
    giocare con.il suo modulo è
    UN SUICIDIO
    Tanto valeva tenere D’Aversa
    Ora andremo a San Siro poi avremo.la Fiorentina poi andremo a Genova e poi avremo in casa il Benevento.
    Per me faremo
    0 punti.
    Ecco perché prevedo alla fine di queste 4 partite
    L’ESONERO.
    perché saremo ultimissimi e….già staccati.
    Cipryen non mi è piaciuto.
    Se questo è il miglior acquisto….

  • 25 Ottobre 2020 in 17:32
    Permalink

    Bicchiere mezzo pieno: sotto di due gol, abbiamo spinto fino alla fine, trovato il pari e tolti 2 punti ad una diretta rivale. Ho trovato incoraggiante la prova di Grassi, seppur nell’emergenza di essere schierato non nel suo ruolo.

    Bicchiere mezzo vuoto: difesa imbarazzante, centrocampo (con l’eccezione, a mio modestissimo parere, di Kucka) che non filtra e soffre a dismisura il pressing altrui, oltre a faticare a farlo nei confronti dell’avversario. Fare un solo punto contro Udinese e Spezia (candidate fino all’ultima giornata a soffrire per salvarsi) non è per niente buon segno: subire poi 5 gol complessivi da queste due squadre…

    In conclusione, vado di ottimismo: sarà dura… molto, molto, molto dura!!

  • 25 Ottobre 2020 in 17:32
    Permalink

    La squadra non molla e questa al momento è l unica cosa positiva. Gli amanti del bel giuoco ripassino tra qualche mese oppure si rifacciano gli occhi con le partite dei Maestri Gasperini e De Zerbi ( peraltro un punto in due ieri..)

  • 25 Ottobre 2020 in 17:43
    Permalink

    Partita imbarazzante. Liverani è palesemente in difficoltà a trasmettere il suo credo calcistico ad una squadra che non ha le qualità per farlo nè la mentalità, essendo abituati a giocare sull’errore dell’ avversario. A questo punto, credo sia giusto cambiare allenatore, prendendo qualcuno più adatto ad un gioco meno elaborato. Carli ha costruito la squadra e scelto l’allenatore. Nuovo inizio ha scelto Carli e ci ha costretto a fare mercato negli ultimi giorni, con tutti i rischi del caso che si stanno manifestando come certezze. Krause non merita questa situazione, per tutti i soldi, l’ entusiasmo e la fiducia riposta nelle scelte di chi c’era prima.

  • 25 Ottobre 2020 in 17:45
    Permalink

    Chi è il genio che ha acquistato Cyprien?Uno così balordo non lo vedevo dai tempi della D. Non riesce neanche a battere un calcio d’angolo. Certo che se il tizio che ha preso sta gente dovrebbe essere un mago io sono un industrialotto dell’UPI con la mascherina a conchiglia.

  • 25 Ottobre 2020 in 18:03
    Permalink

    Signori, pronti via e per colpa del fatto che mancano peso e centimetri in difesa e quindi siamo costretti a giocare a uomo sui calci d’angolo abbiamo preso gol dal loro giocatore più alto su di un blocco, poi ennesima cazzata al limite dell’area di un nostro centrocampista e altro gol, poi altri errori di posizionamento di fretta nella giocata, di poca tranquillità, abbiamo rischiato è vero di prenderne altri però la squadra ha dimostrato carattere e di non essere morta nonostante sia in emergenza, mancava mezza squadra, il Parma è un cantiere aperto è evidente che molti giocatori del primo tempo non sono per il momento adatti al gioco di Liverani, e in questo momento non siamo neanche più capaci a giocare di rimessa. Molto meglio la squadra del secondo tempo con il 4 2 3 1 più equilibrata specialmente con l’ingresso di Sohm. Prima di trarre delle conclusioni che potrebbero essere smentite aspetterei un attimo però.

    • 25 Ottobre 2020 in 19:09
      Permalink

      Sono assolutamente d’accordo, il giudizio lo voglio dare una volta inseriti i nuovi difensori (Busi, Osorio e Valenti) e messo un trequartista di ruolo (Brunetta) con lo spostamento di Kucka in mediana ossia nel suo ruolo naturale. E poi avendo due prime punte che stanno bene e che si possono intercambiare.
      Inoltre mi sembra che ci sia un problema di condizione fisica, i nostri li vedo sempre poco brillanti.
      Il campionato è lungo, però è anche vero che non ti aspetta più di tanto, per cui sarebbe importante riuscire a mantenere una pseudo media salvezza in queste prime 7/8 partite per poi cambiare marcia (speriamo).
      Sempre e solo forza Parma

  • 25 Ottobre 2020 in 18:12
    Permalink

    PS Il pressing non puoi portarlo efficacemente se non lo portano anche i difensori i quali rimangono sulle loro per paura di essere saltati in velocità, lasciando a centrocampo delle praterie.

  • 25 Ottobre 2020 in 19:16
    Permalink

    È vero lo ha detto Ceresini……hahaaaaa

  • 25 Ottobre 2020 in 19:35
    Permalink

    Ci vorrebbe un papiro per rispondere a tutte le castronerie lette fra i commenti.
    Leggo qualcuno che dice ”Ormai mi sembra il momento di esonerare..”.. Ma se è dal giorno dopo che è arrivato che lo vorreste esonerato. Ma la smettete con la solita manfrina? Ogni volta con la stessa riproposizione di una realtà modificata a proprio uso e consumo. Non se ne può più.
    2 acquisti hanno giocato finora. Attenetevi a giudicare loro. Giudicare il mercato da due giocatori visti è intellettualmente disonesto.
    Nathan rimarcare l’estraneità dei fatti di Krause per dare nuovamente colpa della situazione a nuovo inizio è francamente ridicolo. Non so se ci credi veramente o se hai un licenziamento alle spalle da una delle società dei nostri imprenditori parmensi che ti sei legato al dito. Francamente difficile da sostenere come opinione.
    Davide, Cyprien non mi è sembrato un fenomeno per ora, ma forse tu la D non la guardavi molto.. Giudicare dopo due partite di mezz’ora l’una è difficile, poi se lo si fa con questa superficialità…

    Ragazzi, siamo sempre nella stessa situazione di emergenza della settimana scorsa, o forse qualcuno fa finta di non accorgersene? Liverani ha dovuto schierare nuovamente giocatori fuori ruolo, o forse qualcuno fa finta di non accorgersene?
    Io ho visto una squadra fragile oggi, con troppe incertezze per avere un gioco fluido, e troppi errori in difesa da disorganizzazione e disattenzione. Ho visto anche una squadra codigna, che aveva voglia di riprendersela fino alla fine, non abbandonandosi allo sconforto.
    Io di gente che rema contro, che fa analisi ingigantendo le situazioni negative per criticare e non valuta le cose positive, ne avrei anche a sufficienza. Non capisco se sia disonestà intellettuale, cocciutaggine o se qualcuno abbia qualche interesse a veicolare le opinioni in una certa direzione. Fatto sta che bisogna essere onesti e giusti: non penso che tutti debbano avere la mia idea, ma la partita abbiamo vista tutti la stessa, e le informazioni sono più o meno per tutti le stesse, quindi dico solo che chi giustamente critica dovrebbe farlo in modo un pochino più analitico, e meno superficiale e disfattista.

    • 25 Ottobre 2020 in 19:52
      Permalink

      Giusto. Giustissimo.
      Qui si rema contro da più di 2 mesi, non da oggi.
      I problemi ci sono, enormi, non negabili. Ma il ritornello “esoneratelo” ha fiaccato. Anche io lo dissi di D’Aversa… ma dopo due anni che era qua, non dopo due mesi.
      Occorre vedere all’opera i nuovi, alla svelta, covid permettendo. Poi si tireranno le somme e se farà tutto schifo anche io verrò dalla vostra a dire che si è fallito e che occorre una nuova guida tecnica.
      Per ora concordo con il fatto che Liverani dovrebbe capire che per adesso il suo gioco non può farlo, ma buttare tutto nel cesso già ora mi sembra un po’ da reggiani…
      Fra l’altro quando si vince parecchi personaggi qua spariscono, e questo è quello che mi dà più fastidio.

  • 25 Ottobre 2020 in 19:43
    Permalink

    Infatti Krause poveraccio non c’entra una mazza a parte avergli fatto gettare nel cesso soldi finalmente veri e buoni. Nuovo inizio ha scelto (non scelto ma diciamo l’unico che ha accettato perché disoccupato e costava poco) Carli che con lo stesso criterio ha scelto Liverani. Con le casse vuote che non potevi fare nemmeno un prestito di un 18 enne dell’Atalanta. In fretta e furia appena messi giù i soldi e sistemate le pendenze gli hanno fatto prendere al povero Krause 8 tizi a caso e questo è il risultato. Ma siccome Krause non è nato ieri Carli lo vedo male.

    • 25 Ottobre 2020 in 19:55
      Permalink

      Commento non condivisibile.
      I famosi 8 li devi prima veder giocare, e almeno qualche partita, poi si danno giudizi.
      Poi potranno pure essere schiappe, ma il tuo parere adesso è basato sul niente.

    • 25 Ottobre 2020 in 20:43
      Permalink

      Davide sai che se rileggi 100 volte il tuo commento ti trasformi in una mozzarella di bufala? Prova, che magari sei più efficace da mozzarella che da tifoso. Non c’è mezza frase formata da fatti verificabili, sono tutte illazioni prive di fondamento e senno, solo al fine di spalare letame su alcuni. Ti consiglio di rivedere i tuoi criteri di giudizio, oppure di farti mettere a posto i tuoi occhiali da vista e i tuoi apparecchi acustici quando leggi o ascolti le notizie.

  • 25 Ottobre 2020 in 20:07
    Permalink

    Quale sarebbe la colpa di Krause? Un presidente 3 cose deve fare: fissare gli obiettivi , scegliere gli uomini per mettere in atto le strategie al fine di raggiungere l’ obiettivo e mettere i soldi per gli investimenti. Di soldi ne ha messi più di nuovo inizio in 5 anni, per raggiungere l’obiettivo minimo che è la salvezza tranquilla e gettare le basi per un progetto sportivo più ambizioso. Gli uomini li ha scelti nuovo inizio, no lui e di certo non avrebbe potuto cambiare ds ed allenatore il 18 settembre, in pieno mercato, senza dare la possibilità di lavorare. A Liverani non voglio neanche dare chissà quali colpe. Ha bisogno di tempo ma non ce n’è. Si è trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato. Carli, scelto da nuovo inizio, ha optato per lui, nonostante avessimo una rosa abituata a speculare sull’ avversario, con caratteristiche diverse da quelle richieste. Gli acquisti sono stati fatti dopo la terza di campionato, perché nuovo inizio aveva bloccato tutto, sperando nella cessione. Alla luce di questi dati di fatto che non può smentire neanche Perry Mason, Krause che colpa ha? 4 punti in 5 partite, di cui 4 con avversari da parte destra della classifica. Se vogliamo illuderci, allora è solo colpa del Covid, se vogliamo essere pragmatici, allora c’è qualcosa che non è stato fatto bene. Speriamo che ci sia la fortuna in aiuto . Oggi poteva finire 5 1 per loro ed anche loro erano pieni di defezioni.

    • 25 Ottobre 2020 in 20:55
      Permalink

      A parte che questi fatti sono tutt’altro che non smentibili. Ti sembra plausibile che una società scelga i suoi uomini a pochi giorni dal passaggio di proprietà, a trattativa iniziata, senza informare i soci entranti? Ma mettiamo che sia così, giusto per darti il contentino. Ti sembra allora plausibile che Krause entri in società e lasci semplicemente lì quelli scelti dai vecchi proprietari senza prima informarsi e vedere se fanno al caso del suo progetto? Delle due l’una: o Krause ha avallato le decisioni di nuovo inizio, oppure ha deciso che l’assetto sportivo della società andasse bene per il suo progetto Parma. Altrimenti sembra che, se ci fosse stato topo gigio, krause se lo sarebbe tenuto perchè l’ha scelto nuovo inizio. Ma pensare prima di scrivere no? In questo modo dai prima di tutto dell’imbecille a krause senza neanche rendertene conto.

      Comunque il punto non è questo Nathan. Abbiamo capito le tue opinioni a riguardo perchè le hai già condivise diverse volte. Non capisco però che senso abbia cercare di rinforzare l’estraneità di krause e le colpe di nuovo inizio dopo la partita di oggi. Perchè tirare in ballo nuovo inizio oggi 25 ottobre? Fattene una ragione, hanno venduto. Era forse bello per alcuni spalare letame sui soci parmigiani, ma aggiornatevi, hanno ceduto la società. Non ha senso parlare al passato. Parliamo per favore di calcio.

    • 25 Ottobre 2020 in 21:20
      Permalink

      Condivido in pieno

  • 25 Ottobre 2020 in 21:18
    Permalink

    Acquisire il controllo di una società, con l’investimento di circa 100 milioni, non si fa in 2 settimane e nemmeno in 30 giorni. Chi subentra, trovando vacanti ruoli dirigenziali di primaria importanza, pretende di sceglierli di suo gradimento. Smettetela con la barzelletta che Krause ha subito il DS il tecnico è il mercato, quando sono stati ingaggiati la trattativa era ai dettagli. solo uno sprovveduto rinuncerebbe alla scelta di dirigenti di fiducia in ruoli così determinanti.
    Onori ed oneri a chi ha potere decisionale.
    Poi oggi poteva finire 5 a 1 per loro o 5 a 2 per noi, nonostante non sia stata una buona prestazione.

  • 25 Ottobre 2020 in 21:25
    Permalink

    ALEFUZZ MI HAI TOLTO LE PAROLE DI BOCCA!!
    Condivido in toto il tuo pensiero.
    Forza Liverani..e AVANTI CROCIATI..SEMPRE!!

  • 25 Ottobre 2020 in 23:52
    Permalink

    Carli è stato scelto ad agosto e la trattativa per la cessione non era per nulla ai dettagli e lo ha scelto nuovo inizio. Quando è stato scelto Carli, non c’era nulla di certo sul futuro acquirente, anzi il 12 agosto, ossia 4-5 prima della chiusura con Carli, si pensava ad una trattativa con Al Mana, come confermato dalla mail di ppc ( in realtà, nella mail non viene fatto il nome di Al Mana, seppur scontato e mi fu confermato da una persona molto vicina alla proprietà) e giustamente nuovo inizio ha scelto di testa sua, senza chiedere ad Al Mana, facendo sondaggi con vari soggetti, tra cui quello del Cittadella. Krause ha partecipato a delle riunioni sulle strategie di mercato a partire da circa 10 giorni prima della chiusura e Liverani già era stato scelto. Le scelte sono di nuovo inizio. È vero che la vecchia proprietà non c’è più, con mia soddisfazione, ma le loro scelte hanno influenzato molto l’attuale situazione. Detto questo, l’ unica colpa che do a Liverani è di non voler accettare la realtà delle cose, forzando su concetti ad oggi non applicabili. Lavorando a pieno organico, può darsi che non faccia male, il problema è che non c’è tempo e neanche modo di farlo.

    • 26 Ottobre 2020 in 13:39
      Permalink

      Ma tu che ne sai da quanto tempo fossero in trattative krause e nuovo inizio? Carli e liverani scelti a fine agosto, krause arriva a fine settembre, un mese dopo. Tu davvero credi che krause non fosse in contatto per l’acquisto della società prima di metà agosto? Ridicolo. Ma hai mai ceduto una società? Si vede proprio che non sai di cosa stai parlando. Prima si abbocca, poi si parla, poi si parla più seriamente, poi si controllano le carte necessarie, poi si firma un pre accordo, poi si va dal notaio. E quì si sta parlando di aziende da milioni, nelle quali il controllo gestionale necessita di un rigore diverso da quando si acquista un bar.

      Ma mettiamo che sia così. Come dici tu. Il divino krause arriva il primo di settembre ed in quindici giorni chiude l’acquisto. Arriva e vede la direzione sportiva della squadra: Carli e liverani, che lui non ha mai sentito nominare. Lui investe denaro per l’acquisto della società, denaro per la campagna acquisti, e non valuta neanche chi gestirà il suo patrimonio sportivo? Ma che razza di imbecille scriteriato credi che sia il povero krause? Pensi veramente che sia così stupido e inabile alla programmazione? Io difendo krause più di te mi sembra. Krause è il capo adesso. Krause sceglie e conferma i suoi uomini. Per questo Krause è la faccia e il primo responsabile della buona riuscita del progetto. Che ti piaccia o meno. Se vuoi prendertela con qualcuno smettila di guardare al passato, guarda chi dirige la baracca adesso. I discorsi su nuovo inizio cominciano a diventare anacronistici.

  • 26 Ottobre 2020 in 15:45
    Permalink

    Non ho mai detto da quanto tempo Krause fosse in contatto con nuovo inizio ma che ad inizio agosto la trattativa più avanzata era con Al Mana. Lo so perché me lo ha detto una persona molto vicina alla proprietà, per motivi che non dirò di certo a te. Altro tuo errore, Carli non è arrivato a fine agosto ma è stato scelto già prima di ferragosto, nei giorni in cui di certo Krause non era in pole per l’acquisto , ed ufficializzato il 18, perché doveva liberarsi dal precedente contratto. Proprio perché non vi era nulla di certo sul futuro acquirente, nuovo inizio ha fatto giustamente di testa propria. Tu parli per sensazione, io riporto quello che mi ha detto gente che ne sa più di te. Ti confermo che Krause ha preso parte a riunioni di mercato a partire da inizio settembre, quando già c’era Carli. A te piace fare il protagonista del forum e spari sentenze, senza pensare che ci può essere chi parla perché ne sa qualcosa. Poi, resta convinto che ne sai più di tutti, tanto non ti risponderò neanche più.

    • 26 Ottobre 2020 in 20:32
      Permalink

      Guarda io scrivo solo perché vedo gente come te scrivere, e mi secca che nessuno risponda, non mi importa molto di fare il protagonista. Quindi se non rispondi meglio così, dalla mia parte vedrai il silenzio.
      Per tornare al punto, hai detto bene le date, le avevo in mente anche io, ma questo non cambia nulla.
      Sai, Parma è una città piccola, tutti hanno un cugino che conosce uno ben informato, non fare troppo il fenomeno. Io non parlo per sensazione, parlo per esperienza. Se cedi una società da soldi non ci vuole un mese per arrivare al rogito. E certamente Krause se era in trattativa sarà stato ben informato dei movimenti. Non è sensazione, è logica. Ma se il tuo portinaio che conosce il magazziniere ti ha detto qualcosa di diverso siamo tutti orecchi.
      Inoltre te l’ho già detto, è ininfluente se fosse o meno informato prima del closing: da quando c’è lui gli onori e gli oneri sono suoi, ivi comprese tutte le scelte sulle persone su cui fare affidamento. Fattene una ragione e smetti per piacere di tirare in ballo nuovo inizio a sproposito.

      • 26 Ottobre 2020 in 21:00
        Permalink

        Visto questo attivismo e anche – almeno in parte- il buon senso delle risposte potremmo valutarla, se le interessasse, per l’inserimento nella squadra dei moderatori. . .

        • 26 Ottobre 2020 in 22:26
          Permalink

          Ah ah è un modo elegante per silenziarmi? Scherzo, se crede, ci possiamo sentire privatamente, penso abbia la mia mail dai commenti.

  • 26 Ottobre 2020 in 23:20
    Permalink

    Possiamo sentirci per mail se vuole, così magari mi spiega meglio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI