PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / ATTENUANTI E LEGITTIME GIUSTIFICAZIONI NON FANNO PUNTI

(Luca Ampollini) – “Ci serve tempo” ha detto Fabio Liverani nel post Udinese-Parma. Come dargli torto: tra Covid, infortuni e nuove idee di calcio (che per ora sono un miraggio), la squadra e lo stesso tecnico continuano ad avere legittime attenuanti. Premesso questo, “i superstiti Crociati, a Udine, sia chiaro, hanno fatto male. Si affrontava una squadra che fino ad oggi non aveva fatto un punto e non aveva segnato nemmeno un gol. Si è perso e si sono subite 3 reti. Liverani ha dichiarato di essere soddisfatto della prestazione, una dichiarazione atta, mi auguro, a non far sprofondare lo stato d’animo dei suoi, ancora disorientati su ciò che devono fare in campo. Le assenze pesavano, certo, ma ciò che è apparso abbastanza evidente è la mancanza di velocità nella costruzione della manovra, il poco ritmo e conseguentemente l’assenza di imprevedibilità, che ha agevolato, e non poco, la tutt’altro che irresistibile, a partire dal portiere, difesa avversaria. La cronica penuria di attaccanti centrali non aiuta il tecnico, ma fino ad ora, sebbene si arrivi da 4 anni di diverse idee di calcio, non si vedono accenni di soluzioni offensive apprezzabili. Dietro, in 4 partite, si sono subiti già 9 gol, solo Cagliari e Crotone hanno fatto peggio, ma credo non ci si debba sorprendere più di tanto. Sì, perché scegliendo Liverani si sapeva di puntare su un tecnico portato a privilegiare un gioco offensivo a dispetto di una minore attenzione al reparto arretrato. Perciò, sebbene non ci siamo abituati, non deve sorprendere vedere un Kurtic sbagliare un appoggio semplice semplice, per il quale Liverani,  da apprezzabile e perfetto parafulmini, ha voluto “scagionarlo”, addossandosi la responsabilità di questi disimpegni. Quindi, bravo Liverani, meno bravo Sepe a servire nella circostanza Kurtic pressato e ad invitarlo successivamente col braccio alzato a girare in mezzo la sfera; ancor meno bravo lo sloveno a liberarsi, a prescindere da ciò che chiede il tecnico, con troppa superficialità di quel pallone. E non mi sorprendo nemmeno troppo sulla 3^ segnatura, dove si è perso banalmente un pallone, a 2 minuti dalla fine, con Pussetto libero di imperversare, servito da Okaka che ha attirato su di sé Iacoponi e Gagliolo, nella mal disposta difesa Crociata, che aveva come ultimo baluardo, in un’ibrida posizione di centrale, il solo Pezzella. I problemi davanti sono, per ora, prevedibili, per i noti motivi più volte descritti, esattamente come quelli nuovi e pesanti del reparto arretrato. Quando Covid, nazionali e infortuni vari daranno una tregua, dovrà esserci una decisa inversione di tendenza: dietro, certo, ma soprattutto davanti. Quest’anno rispetto al passato vige la regola del “segnare un gol più dell’avversario”, rispettabile ed emozionante. Ma bisogna accelerare un po’ i tempi: se nel reparto arretrato crediamo non ci saranno miglioramenti esponenziali, questi dovranno arrivare da centrocampo in su e in generale in fase di possesso, per ritmo, velocità, idee e imprevedibilità, è inevitabile. La prossima partita con lo Spezia non si potrà sbagliare, perché poi arriveranno Inter, Roma e Fiorentina e lì, a prescindere da tutto, si dovrà cominciare a vedere un Parma diverso, convincente e concreto, perché purtroppo attenuanti e legittime giustificazioni non fanno punti… Luca Ampollini

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LIVERANI: “POSSO RECRIMINARE SOLO SUL RISULTATO MATURATO ALL’88°, MA IL PARMA HA FATTO LA PARTITA DIMOSTRANDO DI POTER GIOCARE A CALCIO”

Stadio Tardini

Stadio Tardini

13 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / ATTENUANTI E LEGITTIME GIUSTIFICAZIONI NON FANNO PUNTI

  • 19 Ottobre 2020 in 01:27
    Permalink

    con le atenuanti non si fanno punti !! ma neppure se cambi allenatore e il campionato inizia dopo 15 gg (cosa mai successa ) senza poter mai lavorare sulla rosa perche’ il calciomercato finisce dopo 3 giornate , come fai a cambiare schemi ? …………non si fanno punti se non hai una punta fisicamnete a posto !! non si fanno punti hai 7 con il covid e gli avevrsari nessuno ….. manco una punta centrale a posto ,,,,,,,,,,,,,se vedi kucka e kutic il giorno prima senza poter provar eschemi se gervinyo arriva dal senegal dopo 12 ore di aereo ….. se i difensori centrali osorio e alves che erano i titolari un 1gg prima beccano il covid ………….non si fanno punti se hai una settimana di quarantena con ansie varie perche’ tutti hanno il covid e magari hai figli a casa dovresti essere sereno o con morale giu ? ( sepe lo ha spiegato bene ),se non ti hanno preso un trequartista, se kurtic sbaglia un passaggio erroraccio personale non di squadra se ti fai un autogoal allucinante su una palla che andava al centro area dove non c’erano avversari …… DIREI CHE CE NE ABBASTANZA i punti li faremo calma e gesso l anno scorso ne abbiamo perse 6 di seguito e non avete fatto processi con le atenuanti non si fanno punti ma appena non ci saranno piu’ li faremo

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 06:12
    Permalink

    Mi scusi Ampollini ma si vada a rivedere le partite di fine campionato poi mi dirà se Kurtic quegli errori non li ha già fatti.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 08:06
    Permalink

    Se non hai attaccanti centrali disponibili devi giocare di rimessa, ma Liveranni è troppo testone e fedele al suo dogma per adattare la squadra in attesa di recuperare tutti gli infortunati e covidati.

    Rispondi
    • 20 Ottobre 2020 in 13:13
      Permalink

      Ecco bravo, vai ad insegnargli tu che doveva rivoluzionare il gioco provato in allenamento a poche ore dalla gara per delle indisponibilità impreviste dell’ultimo minuto. Liverani sei proprio un testone va’. Bastava giocare di rimessa, lo sapeva anche Luca, dai però arrivaci Liverani.

      Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 10:10
    Permalink

    “CI VUOLE TEMPO”
    “CI VUOLE TEMPO”
    “CI VUOLE TEMPO ”
    Questo è lo stucchevole
    ritornello di Liverani che
    ripete ormai in modo
    industriale nella conferenza
    stampa dopo ogni sconfitta.
    Lo dirà in modo stucchevole
    fino a Natale senza pudore.
    “CI VUOLE TEMPO”
    “CI VUOLE TEMPO”
    “CI VUOLE TEMPO”
    Questo lo direbbe anche a Pasqua e oltre.
    ma il DIVINO KRAUSE stanco di essere
    preso in giro e capendo com’e il calcio italiano
    farà piazza pulita alla De Luca con il simbolico
    LANCIAFIAMME.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 13:43
    Permalink

    Quoto totalmente Arte rio e Pedr . E mi chiedo come si possa anche lontanamente criticare l’allenatore in una situazione simile. Veramente paszzesco.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 14:35
    Permalink

    Kurtic giocatore imbarazzante come del resto anche 6/7 giocatori della formazione di ieri. Certe è che se con un Udinese che non arriveberebbe a metà classifica in serie B, dove OKAKA sembra IBRA e dove DE PAUL da solo vale tutto il centrocampo del Parma…. non capisco chi abbia il coraggio di scrivere serie A sempre!! Siamo la prima candidata alla retrocessione poche balle…

    Rispondi
    • 19 Ottobre 2020 in 20:47
      Permalink

      Ma vai a pescare in Ceno va. Ma ci credi alle cose che scrivi almeno? Aspetta non dirlo, non so se sarebbe meglio o peggio.

      Rispondi
  • 19 Ottobre 2020 in 19:29
    Permalink

    Vorrei vedere qualsiasi allenatore che lavora due settimane per impostare una partita, e che alla domenica mattina si ritrova senza i due centrali difensivi, che gli davano kg cm e capacità tecniche per giocarla in una determinata maniera, per esempio se nessuno se ne è accorto sui calci d’angolo abbiamo difeso a uomo mentre col Verona a zona, il loro gol del pareggio frutto di uno schema sfruttato da Samir perchè marcato da Laurini. Ma a parte questo non mi sembra che la squadra abbia subito l’Udinese, le loro azioni più pericolose frutto di nostre leggerezze superficialità e mancanza di sicurezza dovuta alla situazione contingente. Mentre noi invece abbiamo creato delle buone occasioni senza un centravanti di ruolo contro una difesa a 5 in linea che non si è mai sbottonata.

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2020 in 16:03
    Permalink

    il vero problemà consiste nel fatto che : Liverani ha sicuramente tutte le attenuanti del caso si è insediato da poco, ha i giocatori contati per causa di forza maggiore, è arrivato in una stagione delicata e paradossale per vari aspetti ,in mezzo ad un cambio di proprietà avvenuto nel momento storico peggiore per il parma e per il calcio in generale, ma…..il tempo non ce l ha !!mi spiace per lui, ma questa squadra ha nelle corde un altra impostazione di gioco adatta ad interpreti che non hanno “nei piedi” il fraseggio corto (soprattutto i difensori quando sono in uscita ) sono stati fatti acquisti questo è vero ma …..bisogna inserirli e non ci vorrà poco tempo se tanto mi dà tanto 4 di questi sono sicuri titolari e inserire 4 nuovi giocatori in un telaio che deve adattarsi oltretutto ad un gioco nuovo che richiede anche mentalità ….non è un cosa che si può fare in 15 giorni.
    Detto questo ancora come impostazione di gioco siamo pari a zero ( l unica vittoria è arrivata col sistema D aversa) e siamo molto indietro ,questa squadra metteva fieno in cascina nel girone d andata, trovi squadre che più o meno hanno trovato una quadra, e tutti giocano con il coltello tra i denti per raccattare are i punti che servono per i propri obbiettivi, il Parma con questi effettivi, non è abituato a rincorrere , per rincorrere servono soprattutto nervi saldi e palle quadrate…. requisiti che a noi mancano le squadre di d aversa la salvezza la ipotecavano sempre nel girone d andata e poi stancamente metteva insieme quei 15/18 punti che servivano al ritorno .
    Insomma qui tutti hanno delle attenuanti ma LA SITUAZIONE ATTUALE DICE CHE SI STà METTENDO MALE PER VARI FATTORI CHE CI GIOCANO CONTRO. E UN Pò LA SOCIETà è ANDATA A CERCARSI DEL “FREDDO PER IL LETTO”…..NON PER DAR CONTRO A LIVERANI CHE …..DIVENTERà LA VITTIMA A BREVE,VEDRETE ! MA NON SI CAMBIA DS E ALLENATORE IN UN MOMENTO COME QUESTO…..

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2020 in 17:19
    Permalink

    La tua analisi è perfetta fino alle ultime tre righe, il signor Faggiano se ne è andato perchè ha sentito aria di ridimensionamento e gli avevano proposto nel frattempo un ruolo più importante, il signor D’aversa se ne è andato perchè la sua ambizione era ormai oltre la dimensione Parma e molto probabilmente non vedeva chiaro, nonostante le rassicurazioni sul materiale che avrebbe avuto a disposizione, ma queste notizie sono di dominio pubblico già da tempo. Io sono un tifoso del Parma prima di tutto, ero con D’aversa quando era l’allenatore del Parma ora sono con Liverani e proprio per le evidenti difficoltà che hai elencato merita tempo, come è stato dato a D’aversa nonostante i non incantevoli gironi di ritorno, poichè se si fosse imbattuto in una proprietà più ambiziosa e vulcanica….
    Voglio essere anche ottimista, nonostante la sconfitta ho visto parecchie note positive, e se non si aggiungeranno altri guai in settimana, sono sicuro che Liverani saprà infondere quella carica di cui certi giocatori o ex giocatori hanno bisogno.

    Rispondi
    • 20 Ottobre 2020 in 17:45
      Permalink

      ciao
      ma Liverani lo sostengo anch io è giusto farlo!…..solo che se mi fermo a ragionare un attimo io richiamerei D aversa per i motivi che ho elencato sopra, soprattutto è il tempo ad essere tiranno con il Parma,con dispiacere sia a chiaro a pagare ala fine di tutto sarà Liverani perchè è capitato nel momento peggiore in assoluto e finirà per pagare colpe non sue,la cosa paradossale che mi fà rabbia che tutto sta succedendo in un momento dove abbiamo una proprietà finalmente solida, che ha investito un certo patrimonio sul mercato,e dobbiamo fare i conti con un destino avverso che però non ammette errori, giusto perseguire questa via intrapresa al insegna del gioco propositivo, anche se il gioco troppo propositivo non si addice ad una compagine che deve lottare per salvarsi, quindi questa voglia di “meglio perdere ma giocando ” io non l ho mai capita, se giochi e perdi e al limite non vai in europa league… ci può stare ma se giochi e perdi e se ti va male retrocedi non giustifica gli “esteti” che non gradivano la difesa e contropiede di D aversa….insomma io mi auguro che Liverani possa trovare una quadra ma se così non fosse …occorrono decisioni drastiche e in tempi non troppo lunghi proprio perchè è IL TEMPO CHE CI MANCA!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI