PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / SARTO LIVERANI AL PARMA SERVE UN ABITO SU MISURA: QUESTO TIRA DA TUTTE LE PARTI…

(Luca Ampollini) – La partita di Udine, densa di errori, era stato un tangibile segnale dello stato attuale del Parma: una squadra in totale emergenza per i tanti indisponibili e ancora apparentemente refrattaria a metabolizzare le idee del tecnico. Le premesse per la sfida con lo Spezia sono state, quindi, confermate dal campo. Liverani, nonostante mille difficoltà, non rinuncia al trequartista e chiede ancora una volta a Kucka di svolgere un compito a lui poco congeniale. Il recupero di Cornelius consente di avere finalmente un terminale offensivo, ma i lunghi palloni che piacciono tanto al danese, dove può esaltarsi nel metterli giù per far salire la squadra, o appetibili traversoni dagli esterni, non arrivano mai e quindi, come per altri interpreti, non lo si sfrutta per le sue reali qualità e risulta inoffensivo. Nel primo tempo la partita la fa lo Spezia, privo di grandi interpreti, ma terribilmente organizzato e fluido nella manovra. Il tutto è coniugato ai soliti, imperdonabili errori difensivi e solo un sussulto d’orgoglio con Gagliolo consente al Parma di chiudere la frazione in svantaggio di un gol (1-2). Troppa differenza a livello di ritmo, di carattere (qui l’alibi degli assenti regge poco) tra le due squadre oltre ad una persistente tendenza dei Crociati a difendere bassi senza alcuna aggressività sulla prima costruzione degli uomini di Italiano. Nel 2° tempo, finalmente, arriva la reazione poco razionale, ma generosa dei Crociati: gli invisibili Hernani e Brugman sono sostituiti da Cyprien e Karamoh, Liverani si mette col 4-2-3-1 e arrivano le prime nitide opportunità per pareggiare. Lo Spezia, sempre bravo a manovrare e a mettere apprensione in velocità (che bravi Nzola, Estevez e Verde!) colpisce 3 pali e non chiude colpevolmente una partita che avrebbe, per come si è espresso, decisamente meritato di vincere. Il Parma riacciuffa un pareggio preziosissimo con il rigore di Kucka, per un punto quanto mai insperato e importante. Le assenze pesano, è chiaro, ma non devono rappresentare troppo un alibi: sul piano caratteriale la squadra è ancora una volta mancata per larghi tratti del match e la mancanza di parecchi titolari è un’attenuante che, per questo aspetto, francamente non regge. In più è lecito attendersi un atteggiamento diverso dai senatori che fino ad ora stanno offrendo un rendimento assolutamente insoddisfacente e il riferimento a Gervinho, Kurtic, Sepe, Hernani e Brugman, tra gli altri, è fin troppo chiaro. E poi c’è Liverani: le attenuanti sono evidenti, ci ripetiamo, ma la sua ostinazione a voler inculcare concetti di gioco che la squadra pare davvero non recepire può rivelarsi deleteria; probabilmente, visti i poco promettenti risultati, anche se il tempo fortunatamente non manca, dovrebbe, da buon sarto, confezionare un abito più su misura per questa squadra. Il vestito attuale “tira da tutte le parti”Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / SARTO LIVERANI AL PARMA SERVE UN ABITO SU MISURA: QUESTO TIRA DA TUTTE LE PARTI…

  • 25 Ottobre 2020 in 20:13
    Permalink

    Un allenatore che vuole adattare i giocatori al suo gioco e non il contrario è solo un pazzo integralista che dura molto poco su una panchina. Dai, anche uno scemo capirebbe che non abbiamo quel cacchio di trequartista come ama l’ex tecnico del Lecce.

    • 25 Ottobre 2020 in 21:04
      Permalink

      E infatti lo hai capito anche tu a quanto pare.

    • 26 Ottobre 2020 in 00:42
      Permalink

      caro davide ma è colpa di liverani se non gli hanno preso il trequartista ? siamo nel 2020 non sono gli allenatori che si devono adattare ma i direttori sportivi che scegliendo un allenatore debbo sapere come gioca e prendergli gli uomini giusti per cui invece di accanirsi con liverani prendetevela con lucarelli che ha voluta la bici ma non sa pedalate

  • 25 Ottobre 2020 in 21:35
    Permalink

    La squadra da l’impressione di non credere a quello che fa.
    In campo sono spaesati, veramente inguardabili.
    Non sembriamo una squadra di serie A
    ma una squadra di lega pro.
    Gigioneggiano e in difesa senza il loro faro
    BRUNO ALVES, è notte fonda.
    Tre pali gli spezzini hanno fatto oltre ai due gol
    Il centrocampo non fa filtro e questo è uno dei peggiori centrocampi che mai ha avuto il Parma.
    Abbiamo avuto culo altrimenti erano 5 gol, non fatti dalla Juventus ma da un modestissimo SPEZIA che lottava come belva su ogni palla.
    Ma ci pensate?
    Siamo in autunno e in casa finora abbiamo pareggiato solo la partita con il Bologna a tempo scaduto 2-2 e vinto col Verona.
    Tutte le altre le abbiamo perse.
    Indubbiamente il Verona è l’eccezione che conferma la regola
    Da questa primavera in casa o fuori prendiamo
    MINIMO
    SEMPRE DUE GOL.
    La difesa va cambiata ed anche il centrocampo che non filtra e per questo va sostituito.
    Ovviamente ca cambiato anche Liberami se continua a proporci quel modulo osceno.
    Altrimenti è B

    • 27 Ottobre 2020 in 09:37
      Permalink

      Il gioco di liverani si puo fare con calciatori dai piedi buoni e conpassaggi veloci a compagni che sei sicuro di trovarein un posto gia studiato, ma quando tutto questo non e disponibile, il pressing degli avversari induce primao poi all errore e allora sono guai. Il lecce ha perso la serie A per questo. Quando, invece, ha applicato pressing, velocita e grinta e stato capace di fermare squadre di valore. Nello sport bisogna adattare i propri intendimenti alle persone che alleni. Questo e il mi pensiero.

  • 26 Ottobre 2020 in 00:48
    Permalink

    comunque una volta che pezzela tornerà in panchina la difesa si riassesta con osorio al centro sssieme ad alves ……..detto questo oggi gli esperti hanno lodato lo spezia ( telecronista e trasmissioni sky ) ora noi gli abbiamo dato 3 pappine e se non bastasse siamo onesti 2 volte karamou da solo davanti al portiere gli tira adosso il tiro di kucka sfiora il palo e 2 volte gagliolo e andato vicino al goal di testa quindi non tutto il lavoro del sarto e negativo con 11 giocatori indisponibili …………..

  • 26 Ottobre 2020 in 00:54
    Permalink

    chiaramente sono due pappine ho sbagliato a digitare al telefonino , ma insomma nel 2 tempo 5 nitide occasioni da goal piu alcune nel primo tempo ricordiamoci che l anno scorso spesso si faceva un tempo intero senza fare un tiro in porta andate a vedere il dopo lockdown non facevamo un tiro in tutta la partita cosa era un abito da sarto quello ……

    • 26 Ottobre 2020 in 09:20
      Permalink

      Esattamente, si può criticare fin che si vuole Liverani, si può criticare che si prende tanti gol, però non ho mai visto il Parma creare così tante occasioni da rete, con Lo Spezia saranno state almeno 7/8 nitide… poi ovviamente come scritto ne abbiamo concesse anche tante, tuttavia a noi ci mancavano 5 difensori sugli 8 disponibili in rosa. Penso che con Osorio in mezzo e Gagliolo a sinistra al posto di Pezzella sicuramente si possano vedere dei miglioramenti (a me Grassi terzino destro non è dispiaciuto, direi meglio di Laurini… da riproporre in attesa di Busi)

  • 26 Ottobre 2020 in 09:22
    Permalink

    Mi sembra che ormai sia diventato un spariamo sul pianista, si vede il negativo e non il positivo, le occasioni da gol pari, molte loro frutto di errori nostri, ci lamentiamo di Brugman ma fino all’anno scorso giocava in B, di Hernani ma ormai lo abbiamo visto il passo del fondista, la tecnica per quello che ci ha fatto vedere non da brasiliano, Kurtic che ha girato mezza serie A ci sarà un motivo, indisponente, che sembra nascondersi e non credere in quello che fa, Iacoponi e Gagliolo li conosciamo purtroppo non con la velocità e l’altezza giusta per fare i centrali, infine Gervinho mi sembra che ogni anno passato gli abbia portato via qualcosa sia di velocità che di voglia di incidere, e le nostre fortune erano basate su di lui il primo stupendo anno, lo scorso con Kulu, mentre lui cominciava a prendersi lunghe pause e bizze per andarsene. Stiamo pagando tante cose in un colpo solo e non penso che ci sia qualcuno con la bacchetta magica, ci vuole pazienza i punti che non faremo nel girone d’andata li faremo al ritorno e magari non perderemo sei partite in stecca.

  • 26 Ottobre 2020 in 09:35
    Permalink

    Lucarelli?
    Prenditela con Carli.
    Lucarelli è solo il suo secondo è con lui solo.per imparare
    Speriamo che come allievo non impari da Carli il suo maestro
    Carli si dovrebbe dimettere insieme a Liverani
    Aveva garantito per LIVERANI e se qualcosa andava storto
    aveva chiesto di prendersela con lui.
    Che fa ora, si defila?
    Stiamo giocando da schifo.
    Arridateci D’Aversa, con lui si giocava sempre da schifo
    ma almeno si vinceva.
    Kurtic
    Kuko
    Brugman
    Hernani
    In parole povere, tutto il centrocampo è da FILM HORROR
    Inguardabili, sono diventati tutti e quattro
    GIOCATORI SEGA.
    La difesa è talmente imbarazzante che fa piangere.
    L’attacco è da vomito
    In parole povere siamo il nuovo LECCE targato Liverani
    anzi giochiamo ancora peggio.
    È l’involuzione liveranesca
    Lo dico lo ripeto è lo straripeto.
    I giocatori che abbiamo non sono adatti al gioco di Liverani
    Il 13 di dicembre giorno di SANTA LUCIA quando in saccoccia
    avremo 5 o al massimo 6 punti, saremo ultimissimi con un piede e tre quarti in B.
    Liverani sarà esonerato e con lui Carli
    dal DIVINO KRAUSE che però avrà
    aspettato troppo per fare il dovuto
    e rimanere in serie 🅰 sarà solo una
    STRUGGENTE CHIMERA

  • 26 Ottobre 2020 in 15:57
    Permalink

    Alcuni tifosi si meritano proprio di avere sempre il calcio di D’aversa. Noia, tanta noia, con il giusto profitto. Tutti a riempirsi la bocca con i progetti, e poi nessuno che aspetta tre partite per dare giudizi. Anche te Ampollini: ”le attenuanti sono evidenti, ci ripetiamo, ma la sua ostinazione a voler inculcare concetti di gioco che la squadra pare davvero non recepire può rivelarsi deleteria; probabilmente, visti i poco promettenti risultati, anche se il tempo fortunatamente non manca, dovrebbe, da buon sarto, confezionare un abito più su misura per questa squadra. Il vestito attuale “tira da tutte le parti””.
    Quindi secondo te liverani dovrebbe rinunciare al suo credo e sposare un progetto sartoriale più diciamo daversiano nell’attesa di avere disponibili i giocatori utili al suo gioco. Bene, e quando comincia a spiegare i suoi concetti? E quando li vediamo in campo? Cos’è, un tecnico plasma e riplasma la squadra da un giorno all’altro? Ma di cosa stiamo parlando? Ci vorranno settimane per vedere il calcio che intende far vedere liverani, e se comincia quando tutto è perfetto non lo vedremo nemmeno a fine anno. Un professionista deve avere idee ed avere anche il coraggio di portarle avanti, e non sono tre sconfitte iniziali a modificare un’idea se ritenuta buona, altrimenti nessun progetto partirebbe. Per fortuna c’è gente che ci prova, e se ne frega dei giudizi affrettati. Poi magari fallirà, ma almeno non fa solo finta di provarci. Aprezzabile, soprattutto perchè di gente che sputa sentenze e giudica superficialmente in giro ce n’è davvero tanta.

    • 27 Ottobre 2020 in 13:43
      Permalink

      Alefuzz
      Bisogna dare tempo a Liverani per.esprimere i suoi concetti?
      Il tempo lo ha fino al 13 dicembre giorno di santa Lucia
      poi basta.
      Se saremo il 13 dicembre nelle ultime tre posizioni della classifica LIVERANI va esonerato altrimenti diventiamo la copia del Lecce dell’anno scorso con ovvia retrocessione

  • 27 Ottobre 2020 in 06:42
    Permalink

    Squadra senza cuore senza anima senza voglia di vincere cosi’ si va dritto in serie b.
    Occorre provare con i nuovi acquisti subito con l’Inter anche se si perdera’ ancora.
    Difesa da serie b centrocampo che non crea attacco sprecone.
    Con liverani sara” difficile vincere tante partite perche’ la squadra a fine campionato avra’ la peggiore difesa della serie a.
    Mille volte meglio d’aversa magari tornasse.

    • 27 Ottobre 2020 in 13:45
      Permalink

      Mauro purtroppo D’Aversa va al Monza.
      Lui andrà in 🅰 col Monza e noi in a B

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI