BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / NON ME L’ASPETTAVO, GODUTA DOPPIA

(Claudio Mastellari) – Ammetto che ero già preparato al dovere scrivere oggi i lati positivi e negativi di una sconfitta. Ammetto, colpevolmente, di non avere avuto molta fiducia in un risultato positivo a San Siro.

Ammetto che ho goduto come un riccio al secondo gol di Gervinho, visto su un tablet di 8 pollici in compagnia di amici interisti, e ho goduto anche al tanto agognato triplice fischio finale.

Si poteva vincere, ma ad un certo punto si poteva anche perdere, quindi va benissimo così.

Generalmente sono il primo a credere nel Parma e nella possibilità di vincere contro qualsiasi avversario, ma le prestazioni delle ultime settimane non mi lasciavano il beneficio del dubbio.

Felicissimo di essermi sbagliato!

Contro l’Inter il Parma ha cambiato pelle, si è visto un atteggiamento molto più ordinato (e sensato), meno propositivo e molto più solido. Probabilmente l’unico modo possibile per portare a casa qualcosa di buono da Milano. Si è rivista la squadra “rognosa” che difende con ordine e grande intelligenza tattica. Mi sento di fare un grande applauso a Liverani che, nonostante questo tipo di gioco non faccia parte del suo credo calcistico, ha capito che forse gli interpreti che ha a disposizione sono tecnicamente incompleti per riuscire a tenere palla costantemente.

Dico forse, perché l’avversario era comunque di alto livello, la certezza la avremo quando affronteremo compagini più vicine ai nostri valori.

Quello guadagnato contro l’Inter è un punto che dà morale e una carica pazzesca, la consapevolezza che la squadra c’è e che se gioca con cervello e in un certo modo può fare risultato contro chiunque. Un pareggio del genere probabilmente è più salutare di una vittoria contro una squadra di bassa classifica. Non so quale sarà la strada che sceglierà Liverani da oggi in avanti, ma ora sa che questo Parma se viene preso a pallonate dall’avversario sa come difendersi senza perdersi d’animo e continua ad avere nelle ripartenze la sua arma micidiale.

Un punto a Milano non si conquista per caso, ma entrando in campo sapendo esattamente cosa fare, quindi bravi tutti, dai giocatori al mister.

Felicissimo di avere rivisto finalmente in campo Inglese che, con un assist perfetto e alcune giocate brillanti, ha contribuito in modo determinante al risultato finale.

Ora testa e concentrazione sulla partita di sabato sera, al Tardini arriverà una Fiorentina ferita e con tanta voglia di fare risultato. Claudio Mastellari

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / NON ME L’ASPETTAVO, GODUTA DOPPIA

  • 2 Novembre 2020 in 20:08
    Permalink

    Nice review …. Vamos

  • 3 Novembre 2020 in 00:21
    Permalink

    Ora battiamo la Fiorentina e vediamo finalmente di svoltare. Dai crociati!

  • 3 Novembre 2020 in 16:06
    Permalink

    Liverani ha già giocato col 5-3-2 a Lecce lo scorso campionato, soprattutto in emergenza di uomini offensivi o di classifica!

I commenti sono chiusi.