CARMINA PARMA, di Luca Savarese / IL CORAGGIO UNO, SE NON CE L’HA, MICA SE LO PUO’ DARE…

(Luca Savarese) – Per il Parma, tornare dalla Roma giallorossa con le pive nel sacco e una valanga di gol sul groppone, sta diventando un’abitudine, spiacevole. Dopo un doppio 2 a 1 ecco questo 3 a 0. Due sono anche i segnali, inequivocabili: questa Roma è una delle versioni più promettenti dalla prima di Rudi Garcia, questo Parma, al contrario, è uno dei più deludenti, dal ritorno, nel 2018, dei Crociati nella massima serie.
Una cosa balza all’occhio: questa Roma, a differenza dalle altre sempre fatte fuori sul più bello dalla pressione, sembra non sentirne di eccessiva e sembra fare una cosa che riesce a poche squadre, Sassuolo escluso: gioca divertendosi, senza l’assillo dei calcoli e senza l’ansia da prestazione. Per questo, in men che non si dica, è già in vantaggio: Spinazzola, uno dei terzini meno celebrati del torneo e che già in un Juventus-Parma di due anni fa fece sudare al Parma, allo Stadium, le classiche sette camicie, serve coi giri giusti Borja Majoral, che ci mette niente per stoppare e trafiggere, col mancino, Sepe. La Roma, ha una voglia grande così. Il Parma, ha una sola voglia: che la partita finisca presto. Bomba di Henrikh Mkhitaryan, anche l’armeno tirato a lucido dalla cura Fonseca, trema pure il Colosseo: 2 a 0. Azione spagnoleggiante, Pedro, altro volto che è arrivato in sordina nella capitale e sta raccogliendo tutto ciò che ha seminato nella sua brillante carriera e in questa sua prima fetta d’Italia, vede Karsdorp, cross teso e l’arciere armeno eccolo di nuovo, questa volta al volo: 5 gol in 2 gare, scusate se è poco. Gioco partita incontro per la Roma, di nuovo maggica e che conclude la frazione con una sorta di melina.
58 a 42 il dato del possesso palla ad inizio secondo tempo: puoi non avere il possesso, ma comunque restare vivo e provare a colpire, oppure farti trapanare in lungo e in largo. La Roma, questa Roma rullo compressore, nasce dalla voglia di rivalsa di alcuni ragazzi: i sopracitati, ma anche Cristante, nuovo capitano, che vogliono far ricredere, prima di tutto loro stessi, su quanto valgono. Il Parma invece da cosa nasce? Da un ibrido che tarda a prendere forma, da una recente e pluriennale impostazione tattica, che Liverani sembra aver paura a far fuori definitivamente. Se il suo calcio vive del trequartista, è inutile sforzarsi col 3-5-2: è andata bene a Milano, perché era speculare all’Inter contiana, ma contro questa Roma giocoliera, devi essere più solido dietro e provare ad azzannare davanti. La faccia del mister sul tre a zero per i giallorossi, sembrava quel passo manzoniano, espresso da Don Abbondio, dopo il suo colloquio col cardinal Borromeo: “Il coraggio uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare…”. Questo Parma lo ha avuto nella Milano nerazzurra, meno con la Fiorentina in casa, zero all’Olimpico, ma deve mostrarlo ancora. Per provare a non essere solo “un vaso di terracotta, costretto a viaggiare in compagnia di tanti vasi di ferro”. Luca Savarese

10 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / IL CORAGGIO UNO, SE NON CE L’HA, MICA SE LO PUO’ DARE…

  • 23 Novembre 2020 in 08:57
    Permalink

    Complimenti a Carli e a quel presunto fenomeno dello scouting per il “colpo” Cyprien. Era dai tempi di Miglietta che non vedevo un giocatore così lento, compassato, inutile. Improponibile in serie A. Non riesce nemmeno a battere un corner decente.

    • 24 Novembre 2020 in 09:27
      Permalink

      A me ricorda più boscolo papo, a parte tutto siamo in linea con l’obbiettivo socetario, un po di studenti universitari ammaricani ci starebbero bene anche in b, ps, ieri ho aperto un bussolotto di oro rosso e mi son fatto due spaghi di grano italiano alla faccia del tennista 🇨🇭

  • 23 Novembre 2020 in 10:56
    Permalink

    Stamane ho acquistato la Gazzetta di Parma
    I peggiori del Parma sono tutti i nuovi acquisti
    Voto gazzetta.
    Brunetta 4
    Cyprien. 4
    Sohm. 4,5
    Osorio 5
    Questo significa solo una cosa.
    CARLI ha fatto spendere a KRAUSE più di 40 milioni.pet
    prendere giocatori SEGA
    Il migliore di tutti secondo tutti doveva essere Cyprien ieri inguardabile
    Tutti e quattro sembravano giocatori della squadra del
    DOPOLAVORO FERROVIARIO DI NOLA
    ma forse non avrebbero trovato posto tra i
    i titolari nemmeno nel Dopolavoro tanto
    scarsi si sono dimostrati ieri.
    Ora se fossi in KRAUSE ma purtroppo non lo sono
    verrei in Italia e mi toglierei la soddisfazione di
    ESONERARE personalmente IL DUO CARLI- LIVERANI.
    Ovvio che se non venissero esonerati
    lunedì prossimo se dovessimo nuovamente
    perdere il DUO COMICO Li & CA verrebbe esonerato
    dalla società come logica vuole.
    Non farlo significherebbe NON RAGIONARE
    significherebbe solo avere una società fantasma.
    Ora vi spiego il perché il DUO.LI & CA va esonerato
    e perché i giocatori giocano così da schifo.
    Due sono le soluzioni
    1) I giocatori non credono a LIVERANI e fanno
    tutto il possibile giocando da schifo affinché la
    proprietà lo esoneri
    Hanno capito che LIVERANI era statob voluto
    fortemente da Carli il quale aveva garantito
    per lui alla.presentazione del tecnico.
    I giocatori non riescono anche per questo a digerire
    i suoi schemi in quanto hanno capito che nemmeno
    LIVERANI molto.probabilmente SA QUELLO CHE
    VUOLE da loro credendo che LIVERANI col suo modulo
    per loro alieno, sia su questo. IN STATO CONFUSIONALE
    In parole povere si sono AMMUTINATI come i marinai
    su una nave che stanchi di navigare senza approdare in
    un porto sicuro hanno.incrociato….i remi.
    I giocatori invece dei remi hanno ncrociato le gambe.
    SECONDA IPOTESI
    2) I giocatori sotto LIVERANI è come se avessero preso
    un virus, si sono come infettati
    Sono diventati tutti, Sepe a parte, GIOCATORI SEGA.
    Ma vi rendete conto che con i Viola in casa, contro una squadra che perde con tutti e con la Roma che aveva mezza squadra fuori abbiamo.fatto solo.un modesto tiro in porta?
    Vi sembra normale tutto questo?
    Se questo vi sembra normale allora vi sembrerà normale anche l’eventuale futura retrocessione
    Se invece la cosa non vi sembra normale bisogna insistere affinché venga esonerato il duo CA & LI
    Sui social e su questo sito BISOGNA FARSI SENTIRE visto
    che allo stadio non ci si può andare per FISCHIARLI.
    Bisogna far aprire gli.occhi a chi vuole tenerli chiusi
    Questo però bisogna farlo in fretta non.oltre il
    fatidico GIORNO DI SANTA LUCIA.
    Ma io spero che se perderemo anche lunedì
    col Genoa se LIVERANI non vorrà dimettersi,
    venga esonerato senza ‘se” e senza ” ma”
    Non facendolo. saremmo veramente ridicoli
    Non c’è gioco
    Non ci sono.punti
    I giocatori hanno smesso con questo allenatore di lottare
    Siamo attualmente la squadra peggiore del Campionato
    Il Crotone è sotto di noi ma ho visto le ultime
    partite fatte da loro e giocano molto meglio di noi.
    Noi non abbiamo identità
    Loro l’hanno.
    Vedendoci giocare la gente ride
    L’ITALIA PALLONARA RIDE come se invece del Parma
    ci fosse RIDOLINI.
    Io mi vergogno a essere tifoso del Parma
    con questo allenatore e con questo direttore sportivo.
    Tutti mi prendono.per il culo
    Che vergogna
    Divino Krause fa qualcosa
    I buoi dalla stalla non sono ancora scappati
    ma devi far presto, scapperanno presto
    se non fai niente
    Difendere LIVERANI & CARLI. ignifica non
    voler il bene del Parma
    LIVERANI ha detto che ha sbagliato
    BENE
    Gli ricordo che
    HERRARE HUMANUS EST
    PERSEVERARE EST DIABOLICUM
    Se perdiamo anche col Genoa
    io credendo nello spessore dell’uomo
    ma ovviamente non del tecnico.
    Penso si dimetterà ma se non
    dovesse farlo se la società è presente
    L’ESONERO DOVREBBE ESSERE MATEMATICO
    altrimenti è B SICURA.
    Scusate lo sfogo ma quando ci vuole, ci vuole.
    Ciao a tutti

  • 23 Novembre 2020 in 12:57
    Permalink

    Che Carli (che ha preso Liverani) fosse inadeguato lo capiva anche un bambino, basta ricordarsi la figura di pelma fatta sui due dell’Atalanta annunciati in conferenza stampa per la settimana successiva e finiti altrove o l’aver concluso il primo colpo a 8 giorni dalla chiusura del me mercato, etc.. Chiaramente è figlio di una società in svacco e in disarmo il cui unico scopo era mollare il baraccone e tornare a lamentarsi per il COVID-19. Il procuratore del romeno ha onestamente confessato che è stato preso in fretta e furia (infortunato per altro) dopo averlo visto giocare numero 2 volte…siamo a Oronzo Canà che vede Aristoteles e gli fa firmare il contratto. Speriamo che Krause metta fine a questo scempio e sconti dai soldi che paga a Nuovo Inizio quanto dovrà spendere per esonerare Carli, Liverani e rifare la squadra a gennaio.

    • 23 Novembre 2020 in 13:32
      Permalink

      tutto vero tutto giusto!………..temo che krause avrà bisogno di essere consigliato sul da farsi e ….senza un direttore sportivo valido ( Carli non lo è e fà i propri interessi ovviamente) ci terremo l allenatore con tutti i danni fatti alla squadra,ora molti sostengono che D aversa abbia risolto il contratto con il Parma,di ufficiale non c è niente ( sui giornali intendo) ma se così fosse sarebbe bene saperlo, almeno cominciamo a farcene una ragione perchè ulteriori alternative non ne vedo in giro……..poi magari se aspettiamo ancora un pò non basta più nemmeno D’ aversa, Insomma krause deve trovare il modo di capire e tastare il polso alla situazione MENO TWEET e PIù PRESENZA IN CITTà PROVI A PARLARE CON QUALCHE EX GIOCATORE BANDIERA ,CON QUALCUNO VICINO ALLA SOCIETà…..PERCHè DEVE CAPIRE DOV’è CAPITATO …CHE COS’è LA SERIE A E IL MONDO DEL FOOTBALL ( NON AMERICANO) QUALCOSA Và FATTO E IN FRETTA, Iachini dopo lo 0A0 del tardini una partita ignobile tra le più brutte della storia del calcio è stato esonerato,…. noi abbiamo dovuto mettere in bacheca invece un altra figuraccia( anche la fiorentina ma la loro situazione è molto diversa dalla nostra)

      • 23 Novembre 2020 in 21:19
        Permalink

        A prescindere dal nuovo allenatore che presto dovrà essere nominato ( una sconfitta domenica significherebbe penultimo posto e soprattutto obbligo di rincorsa) occorre una struttura societaria. Carli e Lucarelli non sono all’altezza. Serve un direttore generale un direttore sportivo e figure di riferimento. Tornando al calcio giocato, Mi preoccupa molto che i numeri del Parma siano molto simili a quelli del Lecce l’anno scorso. Sappiamo come e dove ha finito il campionato il Lecce l’anno scorso e soprattutto temo che il livello di Liverani sia quello. Uguale rendimento con squadre diverse significa allenatore limitato e buono solo per la retrocessione.

  • 23 Novembre 2020 in 13:29
    Permalink

    Al posto di liverani vedrei bene Donadoni, ma al posto di carli chi chiamereste voi? Che ds validi ci sono in giro?

    • 23 Novembre 2020 in 18:43
      Permalink

      Bravo se D’Aversa non viene Donadoni sarebbe un ‘ ottima idea ma se arriva Donadoni e non parte anche CARLI, questo gli renderà la vita difficile per cui via LIVERANI ma via anche CARLI.

  • 23 Novembre 2020 in 18:20
    Permalink

    Esatto. La Roma gioca per divertirsi, mentre noi scendiamo in campo impauriti e timorosi. L’atteggiamento deve darlo il mister.

  • 24 Novembre 2020 in 08:50
    Permalink

    Chiaramente Carli, Lucarelli e il tizio dello “scauting” vanno bene forse al Tuttocuio, sicuramente non una situazione compromessa come quella attuale. Per salvare la pelle serve un’operazione in stile Samp Ranieri o i giovani Carli c’è li valorizza in serie B. A meno che non pensi forse di avere preso qualche giocatore dell’Atalanta chissà magari ne è ancora convinto. Però siamo tranquilli ha detto che abbiamo grandi margini di miglioramento. Torna a cà tua!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI