CARMINA PARMA, di Luca Savarese / JUMBO GERVINHO: DUE GOL AL MEAZZA, MA L’INTER LA PAREGGIA COI SUOI CROATI

MILANO – nostro servizio – Luca Savarese –  Avvio a spron battuto per la banda di Conte come accesa da un sacro fuoco. Prima Perisic per poco buca Sepe al termine di un’imbeccata coi giri giusti di Barella: il croato si supera nello stop, ma lascia invece a desiderare nel tiro. Poi, subito dopo, ecco un tiro di Lautaro, ma Sepe blocca. Cinque minuti e il Parma, non è riuscito ad uscire dalla propria metà campo. I Crociati respirano solo con Gagliolo che sdradica una palla a Barella e va per vie verticali, poi si fa troppo ingolosire dalla conclusione; però così, il Parma spezza il predominio Inter. Gervinho, improvvisamente, si ricorda che qui, lo scorso anno, aveva fatto faville e così imperversa e lascia partire un tiro potente sul quale, tuttavia, è attento Handanovic; sulla respinta si avventa Cornelius, ma il gioco era già fermo. Hakimi, sulla sua fascia di competenza – la destra – ha la gamba delle migliori giornate. Anche Pezzella srotola giocate che denotano freschezza. L’Inter, però, sa essere letale nelle ripartenze: al culmine di una di queste Perisic calcia come nella prima occasione in apertura, fuori e sopra la traversa. Così, in un batter baleno, l’Inter cambia la posizione dei suoi esterni: Hakimi va a sinistra e Darmian a destra. Eriksen è ispirato, il talento danese, il più criticato dei nerazzurri, sforna palle interessanti, come una al 25’ che va in corner. Visto che ai lati i neroblù (moderna versione dei classici nerazzurri) non riescono a passare. Kolarov prova a sfondare in proprio: giù un mancino, che complice anche la mancanza di tifosi, fa sentire tutta il rumore del suo calcio, nel cuore del pallone. Il Parma tiene lì l’Inter che da un momento all’altro, brigante esperto, dà l’impressione di sfuggire al suo guardiano Si sente anche Sepe dire “Handanovic” dopo che la palla si era fermata per un fallo. Con il portiere napoletano ad invitare il proprio compagno a cedere la sfera al portiere sloveno dell’Inter. Si, causa Covid, uno dei pochi effetti che si possono apprezzare è che si sente tutto dal campo: sembra un calcio pionieristico, fatto di parole e urla tra gli interpreti e rumore di pallone.
Il Parma sembra, invece, un boxeur che, al netto di aver preso un sacco di botte, ha ancora la forza per sferrare una reazione, piuttosto flebile, piuttosto approssimativa, piuttosto prevedibile per la solida retroguardia nerazzurra. Hakimi, al tramonto di primo tempo, di testa, dopo essere sfuggito a Pezzella, per un nonnulla non porta avanti l’Inter.
Ma il secondo tempo porta subito in dote una luce ai Crociati. Improvvisamente si svegliano le caratteristiche brasileire di alcuni suoi giocatori: Hernani pesca con un destro squisito Gervinho che, senza pensarci due volte, coglie al volo il pallone di sinistro e con un piatto che da queste parti sfoderava solo un certo Marco Van Basten, fredda Handanovic. Così, zitto zitto, il Parma buca l’Inter. Sul Meazza da pochi minuti è spuntata una luna. Quella del Parma: è ivoriana assomiglia ad un ghigno color ebano e si chiama Gervinho. Il gol scardina i piani di un’Inter rea, in un primo tempo dominato in lungo e in largo, di non aver trovato la rete. Così le giocate nerazzurre si fanno appesantite, con il fardello della stizza di dover recuperare, ma senza la necessaria lucidità. Vidal per Eriksen e Brozovic per Gagliardini sono le armi tattiche dello scacchista Conte, per il quale il gol dell’alfier nero Gervinho è stata una mossa inaspettata. Ancora lui, parte in velocità, poi sterza, serve Kurtic che sciupa sparando in Curva Sud. Si, ecco spiegato il motivo per cui Conte, nella conferenza di ieri, abbia definito il numero 27, un buonissimo giocatore. Così buono tanto da andare, dopo un ottimo filtrante di Inglese, a siglare lo 0 a 2, che suona come un boato troppo forte per l’Inter e come una carezza dolcissima sulla schiena dei Crociati.
Ci vuole qualcosa per la scriteriata Inter, capace di ridare fiducia. Questo qualcosa è Marcelo Brozovic, il peggiore nelle ultime uscite, ma quello che indovina la zampata che riapre il match. Parte, dalle casse del Meazza “Urlando contro il cielo” di Ligabue, la canzoncina che accompagna le reti interiste. Si, un urlo per l’Inter il gol del croato, un’improvvisa ridiscesa sulla terra per questo inaspettato jumbo Parma. L’Inter torna a spingere, il Parma a retrocedere. Dopo una punizione, Balogh si aggrappa a Perisic, ma il signor Piccinini, che ha sostituito Luca Pairetto nel pre partita, non concede il rigore e non va nemmeno al VAR. L’Inter insiste, Ranocchia incoccia un pallone, sembra destinato a raggiungere la rete, ma Sepe, con una parata degna del miglior Bucci, respinge. Hakimi, questa volta è il marocchino a svettare di testa, ma Sepe sbarra ancora la strada. Conte rivolta la sua squadra come un calzino: fuori Barella, un po’ sottotono il sardo e dentro Nainggolan, via anche Hakimi e in campo Young. L’inter ci prova in tutti i modi, tiro del ninja, sbilenco. Botta di Vidal, a fare il solletico alla traversa. Il Parma finisce di recitare alla Scala del Calcio così come aveva iniziato: schiacciato, quasi spremuto dal frullatore Inter, che con troppa irruenza, finisce per spremere quasi anche sé stessa. Il succo buono arriva, però, da una punizione di Kolarov, dalla quale scaturisce il colpo di testa beffardo di Perisic, che piega un Sepe fin lì davvero monstre. Il Parma non ha volato quando era in cielo, l’Inter, si è liberata, dopo aver subito due schiaffi, del suo iperuranio di sufficienza e con la fatica e l’olio di gomito dei suoi due croati, ha trovato un pari che forse ha dato una sterzata alla sua stagione. Una cosa, l’Inter, l’ha però imparata: col Parma, al Meazza, non si vince. Dopo la vittoria Crociata di due anni fa firmata Di Marco, dopo il 2 a 2 dello scorso anno con sigilli di Karamoh e Gervinho, ecco questo nuovo 2 a 2, con la doppietta di un Gervinho, che entra in medias res, alla 6^ Giornata, ma che fa vivere al Parma attimi di asprilliana memoria milanese. Luca Savarese

7 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / JUMBO GERVINHO: DUE GOL AL MEAZZA, MA L’INTER LA PAREGGIA COI SUOI CROATI

  • 1 Novembre 2020 in 08:36
    Permalink

    Ve l’avevo detto in tempi non sospetti in altro post qualche giorno prima della c partita con i nerazzurri, che nonostante la partita inguardabile fatta con lo Spezia, Gervinho doveva giocare dal primo minuto perché sarebbe stato decisivo.
    Garvinho infatti avrebbe fatto in casa dell’ Inter un partitone perché poi a gennaio sarebbe andato all’Inter e quindi giocando male si sarebbe fatto un karakiri e forse l’Inter ci avrebbe ripensato
    Speriamo che nel cambio con.Gervinho non arrivi PINAMONTI
    un giocatore che ha dimostrato nel Genoa l’anno scorso la sua pochezza.
    In quanto a,Gervinho, con la Fiorentina vedrete farà la solita partita del c_ _ _o venendo sostituito da Karamok.
    Peccato perché questo giocatore SE FOSSE MOTIVATO COME IERI, POTREBBEVl FARE LA DIFFERENZA è gol a grappoli.
    Spero ovviamente di sbagliarmi ma se Krause gli allungarsi il contratto….
    Inglese che per me è il giocatore più bravo che abbiamo
    sabato segnerà un gol e questo ve lo do per sicuro ma purtroppo partiremo come da prassi consolidata nel tempo con
    Parma 0 – Fiorentina 2.
    Due gol li prendiamo sempre per cui speriamo di farne 3
    perché con.la Fiorentina bisogna vincere.
    SENZA “SE”
    &
    SENZA “MA”
    Ci dobbiamo ricordare poi che le partite non durano 90 minuti
    ma 90+ il recupero.
    Spero che Gervinho mi smentisca e che Inglese faccia
    il Bobby English e allora…..

  • 1 Novembre 2020 in 12:18
    Permalink

    Al completo siamo super competitivi, speriamo di trovare un po’ di normalità

  • 1 Novembre 2020 in 12:18
    Permalink

    Per tutte le critiche (giuste) che riceve, finora Hernani ha fatto due gol e un assist. Giocatore enigmatico.

  • 1 Novembre 2020 in 14:37
    Permalink

    Io sinceramente non conosco i giovani che
    abbiamo acquistato a…. peso d’oro
    ma,se il migliore è Cyprien sinceramente la vedo….grigia
    Mi sa tanto che andremo avanti con….i vecchi.

    • 1 Novembre 2020 in 15:06
      Permalink

      Di già Gnes? Da bidoni ad acquisti eccellenti a bidoni nuovamente? Te l’avevo detto di non chiamarli bidoni o campioni troppo presto, ma è più forte si vede dover dire la tua anche quando non se ne sa ancora nulla.

  • 1 Novembre 2020 in 15:13
    Permalink

    Ma Brunetta che fine ha fatto?

    • 1 Novembre 2020 in 18:05
      Permalink

      Bensì causa il Covid non si è più esibita
      ma penso che quando questa pandemia
      cesserà Brunetta si esibira’ nuovamente con.
      i ricchi& i poveri.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI