CARMINA PARMA, di Luca Savarese / SE OSA SOLO OSORIO

(Luca Savarese) – La Viola appare più a suo agio, come se lei fosse in casa, effetto reso anche possibile dalla disputa della gara a porte chiuse. Più spigliata la squadra di Iachini, nobilitata davanti dalle giocate, sempre utili, mai fini a se stesse, di Frank Ribery. Il Parma, sembra quello del primo tempo del Meazza, dove fu schiacciato in lungo e in largo dall’Inter. Così i Bianco Crociati devono rincorrere qua e là i Viola, nell’occasione di rosso crociato vestiti come da noi anticipato per una inedita sfida tra crociati al Tardini, evidentemente arrivati a Parma per dare una sterzata alle ultime deludenti loro prove. A dispetto del second sponsor di maglia, Old Wild West, il Parma non cucina nessuna carne croccante perché i fornelli sono tutti occupati dai toscani, che hanno una voglia matta di trovare la salamella del gol. Kucka, intanto, cicca in rapida successione due palle non da lui. Questi errori di valutazione danno ancora più sprint alla Fiorentina e mettono il Parma in uno stato piuttosto frustrato. Quelle poche palle, una persa da Caceres, consentono al Parma di mettere il naso fuori dal guscio, ma dietro Milenkovic e company sono messi davvero bene, chiusi ed attenti. Si vede che Gaetano Castrovilli, l’enfant prodige della Viola, dimostra di aver fatto il ballerino, perché svaria qua e là, cercando passo e ritmo. Se Kuco è impreciso, Grassi è troppo irruente, così atterra appena dopo la mezzora Biraghi. Liverani, elegante, grida come un ossesso in panca, ma i suoi sembrano in balia del prolungato possesso Viola. Le azioni del Parma, quelle poche che sfuggono ai radar viola, sono però troppo lunghe, quasi estenuanti, così come accade nel basket dopo lo scadere dei 30 secondi, suona la sirena e il Parma non ha combinato nulla di nulla. Ribery, saluta tutti e se ne va con un ghirigoro, sulla mancina, ma La Penna estrae il giallo per presunta simulazione. Osorio, venezuelano con la garra giusta, appare quello con più personalità. Sohm per Hernani e Karamoh per Inglese sono le mosse di Liverani per rompere il dominio viola. Senza un trequartista vero e proprio, tipo un Mancosu che il mister aveva a Lecce, questo Parma fa davvero una gran fatica. Forse non si è insistito, in sede di mercato, per uno tipo Barak che al Verona sta facendo non bene ma di più. Si vede che la Fiorentina gioca con Iachini da quasi un anno. Pulgar, fa alla perfezione la cerniera tra centrocampo e difesa e spesso rintuzza dietro, dando una mano, decisiva, ai suoi. Osorio non va per il sottile e si prende una grande responsabilità andando a togliere di giustezza un pallone a Ribery. Karamoh prova a scardinare il muro viola, Milenkovic lo atterra. Bruno Alves, rientrato oggi, va a battere la punizione ma il suo tiro non abbatte la barriera ospite. Ancora Osorio, questa volta non concede nemmeno un centimetro a Cutrone, nel frattempo subentrato a Koumè. Brunetta, che esordisce, in campo per Gervinho, spento oggi l’ivoriano, è la proposta di Liverani per il finale di partita. La carta che getta sul prato del Tardini Iachini è invece Bonaventura, dentro per Castrovilli. Non cambierà nulla, né da una parte né dall’altra. Una cosa è invece cambiata: il Lecce di Liverani aveva più intensità. E’ vero che la formazione salentina, era da tanti anni con lui e che lui ed il Parma devono ancora conoscersi, ma è altrettanto vero che per ora, la sensazione di affanno, prevale su quella di piacevolezza. Luca Savarese

7 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / SE OSA SOLO OSORIO

  • 8 Novembre 2020 in 01:03
    Permalink

    Fiorentina descritta come il Barcellona, quando ha giocato da cani come noi. Mah…sono l’unico ad aver visto una partitaccia?

    • 8 Novembre 2020 in 09:05
      Permalink

      La cosa che mi rende ottimista ai fini del miglioramento della qualità dellla costruzione del gioco, è che i nuovi non si nascondono ma che hanno la personalità e la qualità di farsi dare il pallone anche in situazioni difficili, gestendolo in modo propositivo.

    • 8 Novembre 2020 in 09:27
      Permalink

      No, non sei l’unico: siamo almeno in due.
      Ma per quanto mi riguarda, temevo talmente questa partita che ho accolto molto favorevolmente il risultato a reti bianche. Il centrocampo e l’attacco della Viola (davvero bello vederli in maglia bianco-rossa crociata, complimentoni agl’inventori di queste assurde ed inguardabili terze maglie!) sulla carta e sul campo sono superiori ai nostri (ottima, per noi, l’assenza di un certo Callejon…) e temevo di dover segnare almeno 2 gol per portar a casa il risultato; invece, grazie ad un’accorta gara difensiva, abbiamo mosso la classifica. Certo, coi soli pareggi non ci si salva, ma trovato un buon assetto ed inseriti i nuovi (quelli visti ieri lasciano davvero ben sperare) sono convinto che qualche salutare vittoria la porteremo a casa.
      Peccato dover vedere ancora una volta la modesta prova di Hernani e Kurtic: non ho sinceramente capito se trattasi di momento no o se proprio non ce la fanno. Il mister dovrà comunque necessariamente fare in modo che la fase di attacco sia un po’ più propositiva.

    • 8 Novembre 2020 in 13:01
      Permalink

      No Luca non sei l’unico.
      Ieri anch’io ho visto una partitaccia
      Rimpiango D’Aversa
      Spero che presto il
      CATENACCIARIO LIVERANI mi conquisti.
      Sarà dura ma….mai dire mai.

  • 8 Novembre 2020 in 12:38
    Permalink

    ci vuole pazienza adesso ha 155 giorni per fare un passo in avanti liverani poco alla volta la squadra migliorera’ ma l obiettivo e’ la salvezza e la ciffra tecnica dice quello non facciamo voli pindarici la fiorentina a almeno 8 top giocatori !! giocavamo senza punte e trequartista ……..gervinho svagato inglese totalmente giu di forma di piu’ non si poteva fare in compenso i nuovi sono belle sorprese tipo osorio e som posso portare linfa fesca per esempio hernani e ornai ora che si sieda in panchina in modo stabile

  • 8 Novembre 2020 in 18:59
    Permalink

    Però veramente abbiamo fatto 6punti, però abbiamo giocato con Inter Napoli e Fiorentina e tante partite con meta rosa. Sono ottimista piano piano si farà un bel gruppo e risultati arriveranno. Forza PARMA

  • 9 Novembre 2020 in 00:00
    Permalink

    Prestazioni da urlo con il CATENACCIARO LIVERANI
    ne avremo parecchie ma saranno urli
    di disperazione quando capiremo che, giocando
    solo per non prenderle, le prenderemo.sempre
    ugualmente in modo matematico andando sparati in B

I commenti sono chiusi.