CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / VIAGGIO ALLE ORIGINI DEL CALCIO POSIZIONALE

(Gianni Barone) – Non bisogna scomodare il sinonimo di persona (o cosa) poco nota per antonomasia, tirato in ballo dal tutt’altro che mitico Don Abbondio manzoniano durante la sua lettura del panegirico in onore di San Carlo Borromeo, per scoprire cosa sia il calcio posizionale, menzionato da Gazzetta.it del 3 Novembre scorso. Basta solo andare un po’ indietro con la memoria, diciamo fino al 2016, ad una trasferta del Parma, a Lumezzane, in Serie C, ed ecco che tutto si materializza. Ma andiamo per gradi: Sebastiano Vernazza, giornalista della Gazzetta dello Sport e scrittore di calcio reso facile, si chiede “Meglio un grande gioco o i grandi giocatori?”. Dilemma eterno, da lui definito, e posto in relazione alla Juventus attuale di Pirlo che, pratica un gioco posizionale e fluido, cioè 4-4-2 in fase difensiva e 3-5-2 in fase di possesso. “Ma per vincere ci vuole Ronaldo in campo”, aggiunge lo stesso Vernazza aprendo, di fatto, la disputa non più fra “giochisti” e “risultatisti”, su cui in tanti si cimentano, ma quella fra “giochisti” e “fuoriclassisti” che, viceversa, non infiamma molti, al momento, e che, però, su qualche chat, sito o piattaforma, potrebbe anche essere ripresa in assenza di veri argomenti interessanti in tema di calcio. Dopo essersi arrovellati e incartati su dispute intorno ai massimi sistemi di gioco, che ancora molti si ostinano, sbagliando, a chiamare moduli (inclusi gli addetti ai lavori, dimentichi dei fondamentali), e dopo aver discusso a lungo di calcio propositivo che non c’è, ma che il Parma dovrebbe praticare con o senza trequartista, e dopo, ancora, aver salutato, per sempre, la breve parentesi difensiva, da noi appellata “catenaccio senza contropiede” ecco che spunta all’orizzonte, in sordina, lento, lento, cacchio, cacchio, il “calcio posizionale”. Ma che è? Un nuovo Carneade da Cirene, della corrente degli scettici, fondatore della Nuova Accademia, ci dice che niente può essere in assoluto criterio di verità, sostenendo l’impossibilità di conoscere da parte degli esseri umani, in quanto tali, i quali si vedono costretti a sospendere il giudizio su tutte le cose. Infatti non c’è differenza tra “il non evidente” e “il non comprensibile”: tutte le cose sono incomprensibili, ma non tutte sono “non evidenti”. Quindi il calcio posizionale non è vero in assoluto, però è probabile? Ma soprattutto, il Calcio posizionale che cazzo è?, come alle spicce mi ha chiesto Majo.  Ed io ho abbozzato la seguente risposta: “quello che faceva, talvolta, D’ Aversa, in serie C: giocava con un sistema in fase di possesso e con un altro in fase difensiva”. Solo in C?, di rimando il curioso Majo, memore anche di casssini organizzati e mandrakate del suddetto, ahinoi, tristemente tornate di moda con la scomparsa del grande Proietti. Ricordo perfettamente, all’Amintore Fanfani, Lumezzane, Dicembre 2016, dopo aver pranzato in un posto “sufficientemente sporco”, si va allo stadio e si assiste ad un Parma schierato in modo “asimmetrico” tra le due fasi, o meglio così mi pareva di rammentare dai tempi del corso allenatori datato 2007. Due sistemi di gioco fusi insieme, sono meglio di uno, come sintetizzato alla fine dal prode D’Aversa. Quindi ben venga questo nuovo atteggiamento tattico, ora definito posizionale e fluido, però in assenza di “fuoriclasse” potrà bastare o servire? Che sia indispensabile la fluidità, lo ha affermato anche il nostro neo acquisto mister Patrick Fava, nel primo numero della sua rubrica “Tattica-Mente” su StadioTardini.it, quindi equilibrio, elasticità e tutto ciò che ne consegue dal punto di vista dei principi di gioco da trasgredire giammai. Ma allora il Parma di D’Aversa in C, ci era arrivato in anticipo rispetto alla Juventus di Pirlo, che però, se non avesse Cristiano Ronaldo, come inteso dall’assunto del buon Vernazza, non vincerebbe e non eviterebbe, aggiungiamo, l’esonero dello stesso, in luogo di un D’Aversa, per esempio, e per assurdo. Il quale D’Aversa, deve stare molto attento, a sua volta, a scegliere la squadra giusta per il prosieguo della carriera, onde non bruciarsi o fare la fine di un Giampaolo qualsiasi. Già gli è andata bene di non essere salito sulle prime panchine “traballanti” stagionali, ossia Crotone e Torino, ora assestatesi, non si sa fino a quando, o su quella della Fiorentina, orfana di Iachini proprio dopo la “fatal Parma”, occupata, da principio sosta, dall’ormai veterano ex c.t ed ex Parma, Prandelli. Per andare alla Juve o in Nazionale, a vincere, semmai il Mondiale, come vaticinato da anni dal nostro deus ex machina Majo, si fa sempre in tempo come pagare e morire. Ma proprio ora che il Parma sta per imboccare, finita l’emergenza – la sua, non quella dell’Intero Belpaese – la strada del grande gioco da tutti atteso perché possibile, probabile, anzi necessario, ecco che, dopo la parentesi conservativa, evocante il passato “daversiano”, che si affaccia questa nuova ipotesi di calcio posizionale o asimmetrico, che dir si voglia. Che sia questa la nuova frontiera? Un calcio pratico e diverso nelle due fasi? E’ meglio essere ottimisti (e propositivi) e avere torto, piuttosto che essere pessimisti (e catenacciari) ma aver ragione? Einstein, non quello dell’Eurospin, diceva che la teoria è quando si sa tutto e non funziona niente, mentre la pratica è quando funziona tutto e non si sa bene il perché. Spesso si corre il pericolo, coniugando teoria e pratica, di avere come risultato che non funziona niente e non si sa il perché. Quindi limitiamoci, si fa per dire, a dare i nomi alle cose. Nominare è una cosa preziosa per tutti. Lo scrittore Alessandro Baricco, ora impegnato in questioni morali in epoca di Covid, in in remoto programma di RaiTre, circa vent’anni fa, così recitava: “Noi raccontiamo delle storie. Loro, i grandi, nominano la vita, in particolare Carlo Emilio Gadda sapeva nominare le cose più strane con esattezza e bellezza, quasi, irripetibile”. Gadda, cattivo cittadino ante litteram per come manipolava il lessico, ci viene in soccorso spesso quando non riusciamo a capire o a spiegarci le cose, occupa un posto prezioso nella nostra vita: la cosa per cui, noi dobbiamo avere una grande gratitudine nei suoi confronti e in tutti quelli come lui, che non scrivono un semplice, facile e bell’italiano, ma sono capaci dare il nome alle cose. E noi, con il nostro italiano all’Alberto Manzi, di non è mai troppo tardi – ieri ricordato dal Tg5 – cerchiamo di dare il nome alle cose del calcio e del gioco, coi ricordi come quello di Lumezzane, non riuscendoci sempre e magari ripetendoci ogni tanto, cosa per la quale mi perdonerete… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / VIAGGIO ALLE ORIGINI DEL CALCIO POSIZIONALE

  • 17 Novembre 2020 in 17:56
    Permalink

    Calcio posizionale? Una supercazzola, dai 😀

    Rispondi
  • 18 Novembre 2020 in 00:04
    Permalink

    Caro Gianni complimenti per l articolo, il concetto di fluidità è molto ampio , così come quello del gioco posizionale, D aversa lo ha utilizzato in alcune circostanze ma con principi differenti dai soliti , d aversa cercava di attirare il pressing degli avversari facendoli uscire per poi colpire alle spalle delle linee di difesa avversarie sfruttando l abilità di Gervinho in campo aperto, quest’anno vedremo se lo stesso principio verrà utilizzato con scopi differenti

    Rispondi
  • 18 Novembre 2020 in 15:32
    Permalink

    Tanti giri di parole per farci capire che D’aversa è da Juventus??? Spero di sbagliarmi, ma se ci siamo salvati due volte, non è certo per il gioco propositivo, il primo anno grazie al fuoriclasse (per noi) Gervinho, il secondo grazie al fuoriclasse (per noi) Kulusewski + 1/2 Gervinho e con la squadra impostata per fare risaltare le loro qualità. Invece non mi meraviglierei se ad un eventuale fallimento di Pirlo, la Juventus optasse per un Juric o un Italiano, che senza fuoriclasse stanno facendo risaltare il gruppo, anche perché nonostante Ronaldo la Champions nisba e gli scudetti li vincevano anche senza. I tifosi della Juventus mal sopportavano Allegri perché troppo difensivista figuriamoci D’aversa.

    Rispondi
  • 21 Novembre 2020 in 12:04
    Permalink

    Il calcio posizionale a 90 gradi oppure a 180, piatto

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI