CIAO ALFREDO, UNA PIGNA PIENA DI GUSTOSI PINOLI

(Luca Savarese) – Si saranno sicuramente incontrati all’ottavo piano, quello appena dopo i “Sette piani”, racconto dal sapore misterioso e caleidoscopico della penna di Dino Buzzati, amico fraterno di Alfredo Pigna, spentosi a 94 anni. Curò la sceneggiatura di “Il fischio al naso” un film interpretato da Ugo Tognazzi e tratto da un racconto dello stesso Buzzati. Scrittore, anche lui, come attestano “Il Romanzo delle Olimpiadi”, “I padroni della Domenica”, “I Re dei ring”, “Monaco ‘74”. Ma, il suo nome è legato a doppio filo alla Domenica Sportiva, della quale ne fu il conduttore dal 1970 al 1974 e nell’edizione 1983-84 coadiuvato da Tito Stagno e Mariolina Cannuli e nelle due stagioni successive in compagnia di Marino Bartoletti e Marina Brivio e ancora con Tito Stagno, Mariolina Cannuli ed Adriano De Zan. Ha prestato la voce come telecronista al racconto dello sci e della vela. Fu lui, a portare nelle case degli italiani, il calore dei protagonisti delle freddi nevi: la valanga azzurra, guidata da Pierino Gros e Gustav Thoni, come nel 1984 quando raccontò l’oro di Paola Magoni ai Giochi di Sarajevo e i successi dell’istrionico Alberto Tomba. Nacque a Napoli, il 6 giugno del 1926. Nel dopoguerra, una volta restato orfano, lavorò al porto di Napoli, così da potersi permettere gli studi universitari, grazie ai quali, raggiunse la laurea in Giurisprudenza. Scrisse di sport per il Corriere Della Sera e la Domenica del Corriere. Approdò solo successivamente alla Rai, vincendo un concorso. Preparava quasi minuziosamente ogni disciplina della quale si occupava. Guai a non conoscere anche un solo atleta di uno sport, che avrebbe dovuto trattare. Aprite bene le orecchie, narratori dello sport attuale, così allergici alla completezza… Competenza e stile, appresi, in silenzio, prima sulla carta, quella dei giornali e quella dei libri e solo successivamente volto, mezzo busto o intero, televisivo. Come attesta il ricordo apparso sui social, di Franco Zuccalà: “Se né andato anche Alfredo Pigna, giornalista di razza che prima scrisse e poi fece tv” Ti sia lieve la terra, Alfredo. Luca Savarese

One thought on “CIAO ALFREDO, UNA PIGNA PIENA DI GUSTOSI PINOLI

  • 20 Novembre 2020 in 08:31
    Permalink

    R.I.P.

I commenti sono chiusi.