ROMA-PARMA 3-0, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

ROMA-PARMA 3-0, IL TABELLINO

Marcatori: 28′ B. Mayoral, 32′ e 41′ Mkhitaryan

ROMA – Mirante; Karsdorp, Ibanez (8′ st J. Jesus), Cristante (cap.), Pedro (34′ st L. Pellegrini), Villar (34′ st Diawara), Veretout, B. Mayoral (20′ st C. Perez), Mancini, Spinazzola (34′ st B. Peres), Mkhitaryan. Allenatore: Paulo Fonseca
A disposizione: Farelli, P. Lopez, Feratovic, Providence, Calafiori, Milanese, Podgoreanu.

PARMA –  Sepe; Pezzella (40′ st Iacoponi), Gagliolo, Grassi (37′ st Busi), Cyprien, Sohm, B. Alves (cap.), Osorio (17′ st Brunetta), Gervinho (17′ st Karamoh), Kucka (17’st Kurtic), Inglese. Allenatore: Fabio Liverani
A disposizione: Colombi; Scozzarella, Cornelius, Brugman, Dezi, Camara, Nicolussi Caviglia.

Arbitro: Sig. Gianluca Manganiello della Sezione A.I.A  di Pinerolo (TO)

Assistenti: Sig. Giovanni Baccini di Conegliano) e Sig. Manuel Robilotta di Sala Consilina

Quarto Ufficiale: Sig. Giacomo Camplone di Pescara

V.A.R.: Sig. Paolo Mazzoleni di Bergamo

A.V.A.R.: Sig. Alessio Tolfo di Pordenone

Calci d’Angolo: 4-1

Recupero: 0’+3′

LA DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

Torna l’appuntamento con il campionato di serie A dopo la pausa delle Nazionali che ha consentito agli azzurri di Mancini di passare il turno della National League, sul manto dell’Olimpico di Roma i crociati sono chiamati, in quest’ottava giornata della competizione, ad affrontare i giallorossi.

La tradizione di questo match non è sicuramente favorevole ai crociati che sono riusciti a vincere solamente una delle 26 trasferte di serie A contro i capitolini, vedremo se la squadra Capitanata da Liverani riuscirà ad invert

ire questo trend negativo. I calciatori scenderanno, tra l’altro, in campo con un segno rosso sul volto per sostenere la campagna contro la violenza sulle donne.

01′ le due formazioni si sono schierate a centrocampo e danno il via al match proprio in questo momento; Parma che oggi indossa la seconda maglia mentre i padroni di casa si presentano con la classica tenuta giallorossa

02′ subito un calcio di punizione a favore della squadra di Fonseca poi ripartenza in contropiede del Parma capitanato dal grande ex di questa gara, Gervinho, imbeccato dal lancio lungo di Capitan Bruno Alves. La freccia nera viene arrestata dall’arbitro che pesca l’attaccante ivoriano in offside

04′ i ducali in questi primi minuti di gioco sembrano non subire il gioco della Roma e si propone ora in avanti; cross di Inglese intercettato da un buon intervento di Cristante

05′ primo calcio d’angolo del match guadagnato dai padroni di casa. Dalla bandierina di sinistra va Veretout che prova il traversone verso il cuore del fortino gialloblù; spazza via il pallone dalla propria area il Parma ma rimane in possesso del gioco la Roma

07′ il ritmo di gioco non è elevato, per ora le due contendenti si stanno ancora studiando

09′ primo brivido per i crociati: la Roma amministra il pallone all’altezza dei quaranta metri poi prova ad affondare il colpo con Veretout che, da buona posizione, prova la conclusione. Sepe c’è ed effettua la prima vera parata della gara stoppando la conclusione di destro dell’ex calciatore della viola

10′ prova a reagire a quest’occasione giallorossa il Parma nel tentativo di provare ad aggredire la Roma la squadra di Liverani, romano doc, prova ad innescare la corsa micidiale di Gervinho con un lancio firmato da Kucka. Chiude bene la Roma con Ibanez

12′ azione giostrata dalla Roma che sembra essersi incollata il pallone al piede; la squadra di Liverani, però, si è chiusa ottimamente e non concede varchi utili ai padroni di casa. I gialloblù per ora si chiudono ermeticamente e attendono con pazienza le occasioni per ripartire in contropiede

14′ Roma che quando scende nell’area di rigore riesce sempre ad incutere timore anche se Sepe, in realtà, è sino ad ora stato seriamente chiamato in causa solamente in un’occasione

15′ conclusione dei giallorossi: Mkhitaryan di potenza ma impreciso. Pallone che termina abbondantemente a lato della porta ducale. Una conclusione che non impensierisce Sepe ma che deve rappresentare un campanellino d’allarme per la squadra ducale che, in questi minuti, ha subito un pò troppo l’azione martellante giallorossa

17′ prova ad uscire dalla propria metà campo la squadra gialloblù e lo fa con un lancio lungo di Gagliolo all’indirizzo di Pezzella. Pallone che scivola direttamente sul fondo colpendo i cartelloni pubblicitari

19′ grande occasione per i crociati: bellissimo lancio in profondità per Gervinho che stava per ritrovarsi a tu per tu contro Mirante, ma c’è stata l’uscita coi tempi giusti del portiere che ferma tutto. Si era alzata però la bandierina dell’assistente. Mirante, altro ex di questo match, si infuria con i compagni di difesa lanciando qualche impropero anche all’indirizzo del guardalinee, reo di aver alzato con ritardo la bandierina

20′ riparte poi immediatamente la Roma grazie ad un taglio di Spinazzola, sfera che poi arriva tra i piedi di Villar che cade in aerea dopo un contrasto con Grassi; il calciatore capitolino cade a terra e si lamenta per la presunta spinta subita dal gialloblù. Per il direttore di gara non ci sono dubbi: si continua all’Olimpico

22′ ancora Roma in avanti; Villar allarga verso destra per Pedro ma, fortunatamente per i crociati, lo spagnolo ex Barcellona non riesce ad arrivare sul pallone e si smorza un’azione che sarebbe potuta diventare molto spinosa per i crociati

24′ Spinazzola punta Grassi lo salta e mette al centro un cross che viene deviato e per poco non sorprende Sepe, che però si fa trovare pronto e blocca ugualmente il pallone

26′ ripartenza crociata grazie alla proverbiale velocità di Gervinho (che tanto bene conoscono anche a Roma)

28′1-0 Roma GOOOAL! La rete, siglata da Mayoral, sarà, però, rivalutata alla VAR per analizzare un presunto fuorigioco dell’attaccante della Roma. Bel movimento di Spinazzola che si accentra e serve  Mayoral che libera un sinistro che si infila alle spalle di Sepe. Primo gol in Serie A per Borja Mayoral. Rete convalidata, Parma che, comunque, in quest’occasione si è fatta trovare impreparata sul taglio campo dell’avversaria

32′ 2-0 Roma GOOOOAL! Dopo solo quattro minuti i crociati subiscono la seconda rete insaccata da Mkhitaryan. Bellissimo e potentissimo il destro al volo del capitolino che insinua sotto la traversa. Colpo imprendibile per Sepe, Roma che ora che conduce con due reti di vantaggio. Gara in salita per la formazione ducale

34′ Parma in bambola in questi minuti; la formazione crociata sta sicuramente subendo il contraccolpo delle due reti giallorosse. La Roma continua ad insistere con il possesso palla, crociati che faticano ad uscire dalla propria trequarti, ci prova in questo momento

39′ corner per il Parma. Messo fuori dall’intervento di Cristante

38′ dura entrata di Villar su Kucka, il direttore di gara richiama verbalmente il calciatore senza però estrarre il cartellino

40′ prima vera reazione del Parma ma senza successo. Palla larga per Pezzella che prova a metterla al centro. Il suo traversone però è troppo lungo per chiunque e termina sul fondo

41′ 3-0 Roma GOOOAL! Ancora Mkhitaryan a segno, Parma che viene affondato in dodici minuti dal tris giallorosso. La strada di questa gara sembra davvero essere troppo in salita ora

45′ Finisce il primo tempo senza recupero.

Squadre che rientrano negli spogliatoi: il tabellone segna un 3 a 0 per la Roma che domina questa prima frazione di gioco. Parma che deve trovare, nei quindici minuti concessi per ristorarsi, le forze mentali (e magari qualche cambio tattico da parte del tecnico) per provare a reagire. Al ritorno sul terreno di gioco ci attendiamo un moto di reazione, e di orgoglio, da parte dei ducali

SECONDO TEMPO

46′ le due formazioni sono rientrate sul campo dello Stadio Olimpico di Roma; al via questa seconda frazione di gioco

47′ prova a guadagnare metri lungo la fascia sinistra fermato da Ibanes; il crociato si lamenta per l’intervento del capitolino che, a suo dire, è entrato in modo scomposto sulla sua caviglia. Per il direttore di gara, però, è tutto regolare

48′ errore della retroguardia del Parma che favorisce Mayoral. Lo spagnolo controlla e mette in mezzo per Pedro che però calcia male. Brivido per i tifosi gialloblù

50′ il Parma prova a palleggiare e trovare spazi tra le fila giallorosse; Roma meno intensa in questo inizio di secondo tempo

51′ Ibanez, dopo il precedente scontro con Gervinho, sembra non farcela; si anima la panchina giallorossa, forse è in arrivo il primo cambio del match

53′ arriva il cambio forzato per Fonseca: esce Ibanez ed entra Jesus

54′ Pedro si divora l’occasione per calare il poker giallorosso; lo spagnolo davanti a Sepe non trova lo specchio e spara alto era, comunque, in posizione di fuorigioco

56′ il Parma sembra annaspare sempre più, è forse il tempo di effettuare qualche sostituzione. In quest’occasione la Roma ci prova con Karsdrop che prova la conclusione. Trova, però, il muro crociato; giallorossi ancora pericolosi

58′ a breve ci saranno ben tre sostituzioni tra le fila crociate. Intanto Veretout servito dal tacco di Mayoral, controlla al limite dell’area e libera il destro a giro non trovando (di poco) lo specchio della porta presidiata da Sepe

62′ sono effettuati i cambi che abbiamo anticipato: escono Gervinho, Kucka e Osorio che lasciano il posto in campo a Kurtic, Karamoh e Brunetta. Liverani, con queste scelte, prova a dare una scossa alla propria squadra

65′ seconda sostituzione per i giallorossi: entra Sayol che prende il posto di Borja Mayoral (autore di una doppietta, questo pomeriggio)

67′ scambio tra Karamoh e Sohm, con il francese che dalla destra libera il destro potente ma centrale. Blocca senza problemi Mirante ma primo squillo della squadra ducale

68′ cross di Karsdorp che prova l’ennesimo affondo giallorosso di questo match; troppo alto per Pedro. Padroni di casa che, sullo sviluppo dell’azione, guadagnano un calcio d’angolo dalla destra che sarà battuto da Veretout

72′ Mkhitaryan ispirato questo pomeriggio: serve ora Carles Perez che può provare, da posizione interessante, la propria conclusione. Tiro respinto, tira un sospiro di sollievo il Parma, vicino a subire il poker

73′ sempre Roma in avanti; Sepe riesce ad anticipare in tempo Veretout

75′ ad un quarto d’ora dalla fine Fonseca prepara altri tre cambi; dovrebbe entrare anche Pellegrini di rientro dopo la positività al Covid

77′ palla a centro area del Parma dove si inserisce Brunetta che calcia ma impatta malissimo il pallone; il nuovo entrato spreca l’occasione più nitida organizzata dai crociati in questo match. Un vero e proprio rigore in movimento che non viene capitalizzato dal calciatore quando mancano, ormai, tredici minuti alla fine

’78’ ancora Mkhitaryan che con un tacco mette in difficoltà la retroguardia parmense, serve Pedro che a sua volta lascia sfilare per Spinazzola che  fa partire un gran destro. Devia Sepe sulla traversa

80′ Fonseca termina i propri cambi. Finisce la partita di Villar e Spinazzola rilevati da Diawara e Bruno da Silva Peres

82′ cambio anche per Liverani: entra Maxime Busi che prende il posto in campo di Alberto Grassi

84′ Pezzella arresta all”improvviso la propria corsa toccandosi l’adduttore. Brutta notizia per Liverani in una giornata non certo positiva per il suo Parma. Il difensore deve uscire dal campo. Al suo posto entra Iacoponi

86′ siamo, ormai, in dirittura d’arrivo: sta per essere consegnata alla storia anche questo match. In questi minuti finali la Roma fa girare palla con tranquillità attendendo, di fatto, il triplice fischio finale

90′ comunicato il tempo di recupero: ancora 3 minuti

91′ conclusione di Lorenzo Pellegrini che termina abbondantemente alta

Termina in quest’istante il match all’Olimpico, Parma che subisce tre reti dai giallorossi. Una domenica nera per il Parma che, salvo il primo quarto d’ora di gioco, non riesce ad opporsi alla Roma che, di contro, archivia la pratica in dodici minuti. I gialloblù devono urgentemente trovare una propria identità; è vero che oggi si sono battuti contro una delle squadre che lotteranno per accaparrarsi un posto nella zona alta della classifica ma è necessario iniziare a fare più punti. Solo sei raccolti sino a qui dai ducali. Troppo pochi. Parma che potrà riprovare a svoltare il proprio cammino a partire da Mercoledì quando si giocheranno, al Tardini contro il Cosenza, il passaggio di turno in Coppa Italia.

 

74 pensieri riguardo “ROMA-PARMA 3-0, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 22 Novembre 2020 in 15:34
    Permalink

    Siamo notevolmente oltre il concetto di vergognosi

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 15:39
      Permalink

      Sì oggi il gioco è molto deludente, quasi inesistente. Poco da salvare. Speriamo che dopo averne presi due liberino un po’ la mente per partire, altrimenti si prospetta una goleada.

      Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 15:38
      Permalink

      bisogna anche valutare il valore dell’avversaria, a mio parere

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 15:42
        Permalink

        Ilaria
        manca MEZZA ROMA
        Ilaria
        Nemmeno.un tiro in porta
        Ilaria
        salvo eccezioni prendiamo sempre 2 gol
        Ilaria
        Credi nella salvezza?
        Si?
        Beato ottimismo

        Rispondi
        • 22 Novembre 2020 in 15:48
          Permalink

          ho detto che bisogna valutare l’avversaria, chiaramente la Roma è una squadra costruita per ottenere risultati ben diversi dal Parma..ergo: ha una panchina estremamente diversa dalla nostra. Certo, concordo che l’atteggiamento del Parma non va bene ma bisogna essere onesti e ammettere che era una partita in salita dal primo minuto

          Rispondi
          • 22 Novembre 2020 in 15:57
            Permalink

            No, non concordo Ilaria.
            Perdere ci sta, e lo avevo anche messo in preventivo, ma questa è una debacle completa di una squadra che, messa così, non può mantenere la categoria.
            Possiamo sforzarci di sperare che le cose cambino, però dai e dai a essere ottimisti si fatica sempre di più.
            Io dicevo che bisognava aspettare per dare giudizi, però qua le partite passano e i risultati son sempre quelli ergo pare che qualcosa non vada. E pesantemente.

          • 22 Novembre 2020 in 16:05
            Permalink

            la mia precisazione era per sottolineare che ci sono squadre tecnicamente più forti, tra cui la Roma, il giudizio deve essere formulato tenendo in considerazione anche questo. Detto questo l’atteggiamento non è quello giusto, concordo

          • 22 Novembre 2020 in 15:58
            Permalink

            Invece io penso ( e guardo lo Spezia che ha calciatori di gran lunga inferiori al Parma) che una squadra che si definisce tale , deve avere una propria fisionomia e un’idea di gioco. Le partite cominciano 0-0 non sono tappe del giro che vanno in salita. Questo signore che allena è, per dirla in modo fine, un cialtrone. Parla molto, dà colpa a tutti gli altri e non si mette in discussione. Poi do buona anche l’ipotesi che i calciatori siano paurosamente scarsi

          • 22 Novembre 2020 in 16:00
            Permalink

            Ilaria non dire cavolate.
            Non abbiamo fatto un tiro in porta
            Gervinho e Inglese da schifo
            Perché non gioca,Karamok?
            LIVERANI se la nostra è una società seria
            deve esonerare domani LIVERANI e
            non aspettare Santa Lucia quando con il
            Crotone chiuderemo la classifica.

          • 22 Novembre 2020 in 16:03
            Permalink

            ah se è una cavolata dire che la Roma ha una panchina più strutturata..beh

  • 22 Novembre 2020 in 15:37
    Permalink

    Onestamente non riesco a capire se sia un problema di calciatori, scarsi , lenti e molli a livelli pari a quelli del Crotone o se sia un problema di allenatore che non li fa allenare e non ha una sola minima idea di calcio.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 15:46
      Permalink

      Io calcisticamente sono innamorato di kuko ma quest’anno, a parte il rigore, sbaglia tutto ciò che tocca.

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 15:56
        Permalink

        La cosa assurda che ci vorrà ancora del tempo per inserire i nuovi … cyprien è praticamente solo alla seconda partita e qualche spezzone, sinceramente non mi sta facendo una grossa impressione… poco dinamico e ancora assolutamente spaesato anche se va detto che salvare qualcuno oggi è difficile PS cyprien dovrebbe essere il pezzo pregiato del nostro mercato se non sbaglio

        Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 15:49
      Permalink

      Aldo finalmente uno che ha capito.
      Se vuoi giocare alla D’Aversa devi giocare con 3 attaccanti
      Se Liverami vuole giocate alla Liverami deve mettere BRUNETTA
      È una via di mezzo che poi è uno schifo
      Ora 3-0.
      Sarà goleada?
      Vi avevo consigliato di portarvi ilpallottoliere
      Affidatevi a D’AVERSA.
      Spero che Krause mi ascolti.
      Ridevate quando vi avevo detto che oggi vi voleva il pallottoliere.
      Ascoltatemi un po’ di più.

      Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 15:58
      Permalink

      Credo che il 3-5-2 del perma possa mettere in difficoltà la roma, un ridere 😂

      Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 16:39
      Permalink

      Beh Ilaria ma la panchina del
      BENEVENTO
      dello SPEZIA
      del BOLOGNA
      hanno panchine inferiori alla nostra. sono squadre che
      lotterà no per l’ultima piazza disponibile per non
      retrocedere ( Parma e Crotone sono spacciate)
      fanno punti
      Quindi muta

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 16:46
        Permalink

        che bon ton, un vero signore! Se il Parma è già spacciato invece che incupirsi le domeniche le suggerisco di trovarsi un nuovo hobby

        Rispondi
        • 22 Novembre 2020 in 17:55
          Permalink

          Ma io esagero Ilaria apposta per smuovere le acque
          per far capire AI DURI DI “COMPRENDONIO ” che questo allenatore va cambiato e lo dico perché voglio bene al Parma che è la mia squadra del cuore ❤
          E DAL PRIMO GIORNO CHE È ARRIVATO CHE HO scritto che prendendo LIVERANI la società aveva fatto.un AUTOGOL e quindi l’ho detto in tempi non sospetti perché conosco.il suo gioco che porta solo alla retrocessione.
          Se realmente fossimo già retrocessi non calcarei più la mano. lascerei perdere ma se si cambia LIVERANI presto prestissimo, ci credo ancora ma LIVERANI VA SOSTITUITO SUBITO senza ” SE ” e senza ” MA”
          e non come da me ipotizzato per Santa Lucia ma
          SUBITO perché per Santa Lucia saremo.in fondo alla classifica col Crotone perché ci sta a perdere con la Roma anche se decimata ma.in questo modo no.
          Oggi sembravano TUTTI e sottolineo TUTTI
          GIOCATORI SEGA
          Kuko sbagliava tutto quello che c’era da sbagliare.
          I.R.R.I.C.O.N.O.S.C.I.B.I.L E. rispetto al Kuko di D’Aversa
          Mi sento in vergogna per loro
          e come tifoso del Parma ho vergogna.
          M’È VENUTO UN SOSPETTO
          Non è che i giocatori si sono come ammutinati non volendo.piu questo allenatore capendo che è mediocre
          e che il suo schema non è gradito?
          Inglese è un centravanti
          ma ha bisogno di due ali che gll.diiano palloni.non di uno solo Getvinho è da inizio campionato ( Inter a Parte) che gioca da schifo.
          Scommettiamo che il CATENACCIARO LIVERANI in conferenza stampa sara’ contento della prestazione della squadra?
          Fortuna che non ho fatto…… l’abbonamento
          altrimenti dopo Sarà Lucia n lo butterei nell’immondizia.
          Se fossi in Krause……saprei io cosa fare.
          KRAUSE SE CI SEI BATTI UN COLPO.
          Arridateci D’AVERSA.

          Rispondi
          • 22 Novembre 2020 in 18:23
            Permalink

            esagerando zittendo me su un blog credo che non serva a perorare la sua causa di “smossa delle acque” ..gesto poco carino anche considerando la giornata contro la violenza sulle donne.
            detto ciò concordo che ora la classifica (e la prestazione di oggi) non ci danno motivi di farci sorridere ma siamo sicuri che cambiando il tecnico miglioreremmo la situazione? A lei l’ardua sentenza..

        • 22 Novembre 2020 in 18:06
          Permalink

          Ilaria ti esprimo la mia solidarietà. Io prima non ho condiviso un tuo post, ma ho replicato civilmente.
          Qui qualcuno ha confuso un blog calcistico, di importanza pratica pari a zero, come uno sfogo a una vita di fallimenti. Tutto molto triste, ben più del Parma di oggi.

          Rispondi
          • 22 Novembre 2020 in 18:16
            Permalink

            Grazie!!Ovviamente è lecito avere idee diverse, ci mancherebbe altro; se fosse il contrario sarebbe un calcio (ed un mondo) molto monotono. Accetto il confronto (e le critiche) quando, come hai fatto tu, sono presentate in modo educato!

          • 22 Novembre 2020 in 18:24
            Permalink

            La tua GAIO 1974 sarà una vita di fallimenti infatti
            da come scrivi hai sposato il gioco
            del CATENACCiARO LIVERANI e quello
            carissimo è un fallimento che accetti e quindi è
            UN TUO FALLIMENTO.
            Stasera saremo terz’ultimi e se finisse oggi
            il campionato saremmo.in B
            Dalla quasi Europa con D’Aversa alla quasi B con Liverani.
            Più fallimento di così.

      • 22 Novembre 2020 in 17:18
        Permalink

        Non ti è permesso in alcun modo cercare di zittire le persone. Cerca di moderare i toni. Il dialogo si svolga civilmente.

        Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:45
    Permalink

    Questa squadra deve migliorare sotto troppi aspetti…. non è colpa di liverani ,ma la situazione non permette a lui di poter lavorare serenamente con la squadra ,e alla squadra di poter assimilare i concetti del allenatore ….. in più lo scrivo al 38esimo minuto del primo tempo, L incapacità di creare di questi giocatori è evidente, chi ancora preferisce perdere vedendo però giocare bene si rassegni… con questi effettivi e questo allenatore si perde e basta, e anche rovinosamente perché siamo al. 40mo e abbiamo preso la terza noce in modo imbarazzante come il primo gol …. troppi gol presi fino ad ora liverani non smentisce la sua incapacità a livello difensivo

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:52
    Permalink

    Non commento mai prima del 90 e ho sempre cercato di difendere il più possibile la squadra e il tecnico.
    Non mi disturba perdere a Roma, ci sta, ma non così.
    Una pena infinita, una inferiorità molto molto più che disarmante.
    Almeno la voglia di provare a fare 2 passaggi, non abbiamo di fronte il Liverpool o il Bayern Monaco.
    Sono più forti, ma sembra l’allenamento del Martedì negli amatori, 5 stanno in difesa e 5 attaccano e il copione è quello.
    Ho provato a difendere l’allenatore, ha avuto poco tempo per mettere insieme la squadra, i giocatori erano quelli dell’anno scorso, insomma ho cercato di non buttare merda come fanno alcuni e di cercare di essere positivo.
    Però qui si esagera. Vabè tut… mo desà basta ah.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:54
    Permalink

    Abbiamo preso un allenatore appena retrocesso
    che volevate vincete lo scudetto con lui!
    Vi ricorto che nelle statistiche di Skype la Roma ha fatto
    7 tiri totali
    5 tiri in porta
    Gol 3
    Il Parma
    Tiri totali 0
    Tiri in porta 0
    Gol 0
    Non dico altro.
    Spero che Krause provveda e cacci
    A LIVERANI e CARLI il quale aveva
    garantito per LIVETANI.
    ARTIFATECI D’AVERSA.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:56
    Permalink

    Abbiamo preso un allenatore appena retrocesso
    che volevate vincete lo scudetto con lui?
    Vi ricorto che nelle statistiche di Sky. la Roma ha fatto
    7 tiri totali
    5 tiri in porta
    Gol 3
    Il Parma
    Tiri totali 0
    Tiri in porta 0
    Gol 0
    Non dico altro.
    Spero che Krause provveda e cacci
    LIVERANI e CARLI il quale aveva
    garantito per LIVERANI.
    ARRIDATECI D’AVERSA.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:56
    Permalink

    Semplicemente imbarazzanti sotto tutti i punti di vista

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 15:58
    Permalink

    Io dico solo che ci può stare che la Roma sia molto più forte e quindi di perdere ma c’è modo e modo per perdere le partite, in questo modo è inaccettabile… manca tutto. Sinceramente ormai il mister ha avuto tempo per lavorare, la rosa è praticamente al completo e se i risultati non arrivano (parlo di risultati non di gioco) allora occorre cambiare rotta.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:15
    Permalink

    Perdere lottando ci può anche stare ma questa squadra
    da Livorno è stata trafitta al cuore anzi
    ALLE SPALLE
    Sembra un ammasso diGIOCATORI SEGA.
    che gigioneghiano in mezzo al campo.
    Ma Krause scusate ha speso 140 milioni
    e non ha voce in capitolo?
    Se fossi in lui richiamarsi subito D’Aversa ed
    esonereri subito LIVERANI specialista in
    retrocessioni in serie,A
    Questa è la seconda retrocessione, se rimane ovviamente, su due campionati.
    Un record
    ARRIDATECI D’AVERSA

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:21
    Permalink

    L apatia di questa squadra è irritante urge prendere provvedimenti questa sera ! E non bisogna aver paura di ammettere che liverani è stata una scelta fatta perchè sul mercato era L unico disponibile e il più economico…. detto questo cambiare proprio quest anno guida tecnica e ds è stato un errore di “nuovo inizio” per carità grazie di tutto e ci mancherebbe ma la conseguenza dello “spettacolo”ignobile non solo visto oggi ( oggi è L apice)ma da iniziò campionato parte da qui, se krause non vuole pagarne le conseguenze, cambi ds e allenatore visto che d Aversa lo paghiamo ancora

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:33
    Permalink

    Ma brunetta è del mestiere? 🤣🤣

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 16:55
      Permalink

      Questo è un Parma di cui VERGOGNARSI. Non mi sarei mai immaginato di scrivere una roba del genere, ma veramente non ci siamo.

      Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:40
    Permalink

    Nessuno dei nuovi ,per il momento, è in grado di giocare nella serie A italiana. Il peggiore mi sembra Brunetta. Sbaglia controlli e passaggi a meno di cinque metri con un ritmo da campionato amatori. Diciamo che oggi è giornata particolare così vediamo il bicchiere mezzo pieno. A vuotarlo aspetto domenica prossima.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 18:04
      Permalink

      CARLI
      SI
      DEVE
      DIMETTERE insieme a Liverani.
      Ha fatto spendere a Krause decine di milioni
      per prendere anonimi mestieranti.
      Questi giovani che ha preso oggi erano inguardabili.
      Ci voleva gente diversa.
      Spero in Krause.
      È un imprenditore e quando un.prodotto
      non va, son certo che sa quello che deve fare
      Fossi in lui…💣💣💣💣

      ..

      Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:42
    Permalink

    Va cambiato anche Carli
    Ha fatto spendere un patrimonio a Krause
    per prendere giocatori SEGA
    Santa Lucia… arriva presto.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:48
    Permalink

    Io credo che nella vita si possa anche sbagliare scelte, o meglio, il momento in cui le fai. Io credo che siamo entrati in un vortice di scelte non sbagliate ma fatte nel momento meno opportuno, quando si sceglie un allenatore de genere e una campagna acquisti de genere lo fai quando hai una fase preparatoria della stagione normale.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:55
    Permalink

    Grazie Nuovo Inizio. Dell’allenatore, del Ds e della “campagna acquisti”. Sarà serie B ma almeno spero senza geremiadi di mancanze di soldi. Uno schifo indecoroso

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 17:55
      Permalink

      Tutto vero !se vogliamo fare in analisi seria ( che non vuol dire non riconoscere enormi meriti a nuovo inizio per quanto fatto) la cessione della società è avvenuta nel momento meno opportuno con vicissitudini e tempi totalmente a sfavorevoli per poter intraprendere ,o solo mantenere un progetto sportivo sostenibile e competitivo come quello delle passate stagioni nella massima serie……abbiamo così perso un allenatore e un ds in un unica soluzione, messo sul mercato i pezzi pregiati in fretta e furia senza poi vendere nessuno… ovviamente non sono andati via i migliori ( per fortuna) e ci sono rimasti in cantina tutti i prestiti ( tanti e scarsi) in giro….. poi è arrivato krause e si è affidato ad un ds per il mercato ,e ad un allenatore x la guida tecnica che lui non ha scelto,….. tutto il pacchetto è stato confezionato dalla vecchia proprietà questa è la storia poi … ognuno la pensi come vuole L importante è che krause non ci ripensi perché i presupposti per farlo stancare ci sono tutti ora come ora…..

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 18:12
        Permalink

        Come già danme scritto all’arrivo di LIVERANI,.se si voleva cambiare allenatore e dar un nuovo gioco alla squadra bisognava aspettare un anno quando si sarebbe potuta fare una preparazione estiva normale che col Covid non era possibile fare.
        Ora abbiamo solo una via di fuga
        L’UNICA
        ESONERARE LIVERANI il più presto.possibile
        altrimenti perderemo.in rapida successione con Genoa Benevento r nel giorno di Santa Lucia col MILAN
        Se invece arriverà D’aversave vedrete che i risultati arriveranno.
        Ogni domenica che passa con LIVERANI, avremo
        sempre meno speranze per salvarci.

        Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 18:12
        Permalink

        Concordo in pieno. Analisi perfetta.
        Nuovo Inizio ha meriti giganteschi che riconosco in pieno, ma la gestione della tempistica del passaggio di proprietà lascia molto perplessi.
        L’idea che mi sono fatto è che hanno battezzato Krause come quello giusto (e potrebbe pure essere…) e hanno detto “dagh tut sùbit primmà c’al cambia idea”.
        Però il risultato è questo.

        Rispondi
        • 22 Novembre 2020 in 18:27
          Permalink

          esatto è la sintesi perfetta del mio pensiero ,loro non potevano davvero tenerlo più il parma,però…..l analisi dei fatti è questa: “oh ragas! è arrivato uno “adatto e solido” ok diamoglielo prima che faccia la stessa fine del emiro”
          Questi sono i fatti e anche liverani diciamolo è una vittima in questa situazione, però nel calcio non esiste logica o riconoscimento della meritocrazia, o perdono……l allenatore ne fà sempre le spese e anche in questo caso dovrà essere così,….anche perchè avere ancora a libro paga d aversa e non richiamarlo sarebbe un peccato mortale

          Rispondi
          • 22 Novembre 2020 in 18:45
            Permalink

            Ma guarda che i bene informati dicono che D’Aversa non è più dipendente del Parma poichè avrebbe negoziato una buona uscita molto sostanziosa.
            E poi se fossi in lui col piffero che torno.

  • 22 Novembre 2020 in 16:55
    Permalink

    Il vero problema del Parma calcio è che nessuno prende decisioni. Dopo una partita come quella di oggi, dovrebbero essere rimossi dagli incarichi Lucarelli, Carli e Liverani. Ma Krause dubito abbia qualcuno che possa consigliarlo e quindi dovrebbe prendere decisioni da solo e su materia che non conosce appieno. L’unica speranza è che cambi qualcosa e scocchi una scintilla. Ma mi sembra di affidarmi più a Dio ( che per inciso credo abbia altro a cui pensare) che a un progetto, un lavoro o qualcosa di attinente al calcio.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 16:56
    Permalink

    Carli è una macchietta toscana preso a caso da gente che stava mollando la baracca perché era a spasso costava poco e non chiedeva garanzie. Il mercato a caso con gente presa a caso è figlio di questo errore alla radice colpa della vecchia società.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 17:00
    Permalink

    Siamo messi peggio di Benevento e Spezia e a livello della Crotone. Questo è il lascito ereditato. Cacciare Carli e Lucarelli rimandarlo a fare il team manager e prendere uno che sa fare il suo mestiere non un battutaro toscano.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 17:08
    Permalink

    Come volevasi dimostrare, l’Olimpico si conferma tabù. Con tutte le loro assenze sembrava potessimo sperare in un punticino, ma con una prova a dir poco disarmante ci abbiamo malamente lasciato le penne. D’altra parte a chi poteva fare il suo primo gol in Italia l’immarcabile fuoriclasse Borja Mayoral??
    Nei primi 40′ 4 tiri, 3 gol subiti; non abbiamo fatto un tiro in porta, il primo (e unico, ahimè…) è arrivato dopo oltre un’ora; niente in attacco, niente in mezzo, perennemente in affanno dietro. I nuovi acquisti, per usare un eufemismo, hanno deluso non poco. Se poi esce zoppicando anche Pezzella, oggi negativo come tutti, ma l’unico capace di spingere un po’, mi riesce difficile essere ottimista…

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 17:10
    Permalink

    Subito liverani e carli a casa se vogliamo avere qualche speranza di salvezza, altrimenti a natale siamo già in b

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 17:35
    Permalink

    donde estas los cornacchiones de pencroff ? estoy preocupado

    forse sotto un metros de mierda ?

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 17:46
    Permalink

    Ho sentito la conferenza stampa di Liverani, si è preso le colpe e penso che sia giusto così. Oggi non ha funzionato nulla e la colpa non è stato di errori dei singoli ma di un approccio complessivo sbagliato sotto tutti gli aspetti: tecnico, tattico, di mentalità di agonismo etc.
    A parer mio il Parma ha una rosa competitiva e completa con un buon mix di giocatori giovani ed esperti. Non gli manca nulla per una salvezza (molto) tranquilla che è l’obiettivo di quest’anno.
    Non mi piace reiterare le stesse considerazioni, ripeto che si può perdere, anche contro il Crotone, ma c’è modo e modo di perdere, come fatto oggi non è tollerabile tenuto conto anche della classifica del Parma. Per quanto mi riguarda il tempo dell’attesa è finito ed adesso occorre vedere i fatti altrimenti si rischia di scivolare in un vortice molto pericoloso anche perchè quest’anno sarà un campionato molto strano per cui dobbiamo fare doppiamente attenzione.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 18:14
    Permalink

    Però signori venirmi a dire che Lucarelli deve andarsene è davvero inaccettabile.
    Volete il bene del Parma? Attraversate l’Enza e andare a fare il tifo per i vostri colleghi con la maglia granata. Che quest’anno vi daranno soddisfazioni.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 20:07
      Permalink

      Non si vive di ricordi. Da due anni non gioca più e da due anni non offre nulla alla causa. Se ha avuto un ruolo attivo nella campagna acquisti e questi si rivelano sbagliati, anche lui va rimosso dall’incarico. Poi può essere impiegato in altro ruolo ma non si resta in posizioni apicali a prescindere.

      Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 18:19
    Permalink

    Ma LG stiamo scivolando verso ilbaratro
    con Liverani
    Ma non te ne sei accorto.
    Ora andremo a Genova dove con D’Aversa abbiamo
    sempre vinto
    Scommettiamo che con Liverani si perderà ancora
    perché i suoi schemi fanno ridere.
    In due partite con.i viola e la Roma abbiamo fatto solo un modesto tiro in porta.
    ESONERO DI LIVERANI altrimenti se lo volete ancora alla guida del Parma non siete tifosi gialloblu’

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 18:50
      Permalink

      Ma infatti non ho scritto di tenere Liverani… ho detto ben due volte che la prestazione di oggi è stata inaccettabile sotto tutti i punti di visti e che non ci sono scusanti… aggiungo però che le sorti di Liverani dovranno dipendere dalla partita con il Genoa che dovrà essere vinta senza se e senza ma. Se non sarà così inevitabilmente bisognerà pensare alla sostituzione.
      Io mi chiedo però voi che bramate così tanto sostituirlo, fate nomi concreti di allenatori da mettere al suo posto. Ovviamente che non siano D’Aversa perchè non potrebbe mai tornare dopo quello che è successo. Attendo nomi… io sinceramente non vedo tante alternative se non una o due che comunque mi lasciano (molti) dubbi

      Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 18:19
    Permalink

    Carli e Liverani se vogliamo sperare di salvarci vanno gentilmente rispediti da dove venivano. E Lucarelli rimesso a dare i cambi al quarto uomo.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 18:33
    Permalink

    Come già danme scritto all’arrivo di LIVERANI,.se si voleva cambiare allenatore e dar un nuovo gioco alla squadra bisognava aspettare un anno quando si sarebbe potuta fare una preparazione estiva normale che col Covid non era possibile fare.
    Ora abbiamo solo una via di fuga
    L’UNICA
    ESONERARE LIVERANI il più presto.possibile
    altrimenti perderemo.in rapida successione con Genoa Benevento r nel giorno di Santa Lucia col MILAN
    Se invece arriverà D’aversave vedrete che i risultati arriveranno.
    Ogni domenica che passa con LIVERANI, avremo
    sempre meno speranze per salvarci.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 19:42
      Permalink

      D’aversa non può tornare… Nomi al posto di Liverani?

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 20:12
        Permalink

        Ecco bravo.
        Mentre tutti son capaci a dire “esoneratelo” nessuno fa nomi. E’ tipico dei personaggi che sbraitano ssciocchezze in TV, senza però fornire soluzioni. Giustamente poi non li chiama più nessuno.
        Non tirate fuori Mourino o Klopp per favore, intendo nomi validi e soprattutto qualcuno che abbia davvero voglia di imbarcarsi in una pericolosa avventura.
        Un Ranieri del caso insomma. Francamente al momento non mi viene in mente nessuno di valido.

        Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 20:01
    Permalink

    Nicola, Longo, delio rossi, de rossi , sarri, bastano?

    Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 20:14
      Permalink

      D’Aversa da quello che mi risulta ha risolto il contratto col Parma e ha ricevuto il premio per la risoluzione almomento della vittoria contro il Verona. Io però darei una nuova chance a Liverani, giocherei a 4 dietro e metterei fuori Bruno Alves. Credo che lui sia comunque un ostacolo insormontabile al gioco di Liverani. Tolto Alves con stessi risultati, esonerare. Poi vorrei capire veramente se i c. D. Vecchi stiano dalla parte del mister e si allenino seriamente oppure facciano come vogliono. La squadra comunque non corre, non lotta e si abbassa nella propria area al 5′ del primo tempo. Davanti mollati nel nulla, inglese (che è mille anni lontano dal giocatore di due anni fa) e Gervinho, non tirano in porta da due partite intere. E domenica se perdiamo a Genova siamo penultimi in classifica.

      Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 20:56
      Permalink

      Nicola: non si contano gli esoneri
      Longo: bravo a Frosinone… ma solo lì, non ci sono altri riscontri degni di nota
      Delio Rossi: forse è un nome che potrei condividere, mi pare però che ci abbia già detto di no una volta 4 anni fa, è vero che ora le cose sono cambiate però… anche all’epoca era una scommessa
      De Rossi: non ha mai allenato
      Sarri: la prendo come una battuta, second tì, uno che fino a ieri giocava la Champions con CR7 al venà chi?

      E comunque sia ricordo che un nuovo allenatore va pagato insieme a quello vecchio, oh mangalerga…

      Rispondi
      • 22 Novembre 2020 in 22:35
        Permalink

        Gaio dici bene… tutti ad invocare l’allontanamento del mister ma nessuno poi che proponga nomi credibili… tutti impresentabili.
        Personalmente l’unico che prenderei (pur con qualche riserva) è Donadoni… tutti gli altri liberi davvero pochissima roba buona.

        Rispondi
    • 22 Novembre 2020 in 23:48
      Permalink

      NO CARO LG
      D’AVERSA È ANCORA NEL .LIBRO.PAGA.DEL PARMA.
      Sarebbe stato sciocco per lui risolvere il contratto senza
      andare in.un altra squadra.
      Ci avtebbe rimesso molto denaro.
      D’Aversa e’ ancora nostro per cui…..

      Rispondi
      • 23 Novembre 2020 in 08:27
        Permalink

        Ma che certezze hai? i rumors darebbero tutti la risoluzione con buona uscita.
        Per D’Aversa, quando un allenatore ti dice che non ha più stimoli e che vuole lottare per traguardi più ambiziosi per me è ciao e ci vediamo la prossima vita…. ed io D’Aversa non lo avrei mai cambiato perché era la garanzia di un campionato tranquillo.

        Rispondi
  • 22 Novembre 2020 in 21:16
    Permalink

    Liverani era quello che pretendeva di meno in circolazione, secondo te perché l’hanno preso? E quanti anni di contratto ha?

    Rispondi
  • 23 Novembre 2020 in 02:53
    Permalink

    Ma straje e pencroff dove sono andati a finire?

    Rispondi
  • 23 Novembre 2020 in 09:17
    Permalink

    Pencroff ha risposto ad una provocazione ma il messaggio è stato bannato.
    Quindi sono nella incapacità sostanziale di partecipare, salvo che io dica cose in linea col conformismo generale. Mi spiace. Lasciatemi in pace e continuate il vostro titic titoc

    Rispondi
    • 23 Novembre 2020 in 09:41
      Permalink

      Cerchi di postare commenti da persona educata e nessuno la cestinerà. E cerchi di evitare stucchevoli battibecchi con altri utenti. Le dispute da cortile mi infastidiscono parecchio

      Rispondi
  • 23 Novembre 2020 in 10:26
    Permalink

    non sono una persona borghesemente educata, sono un capanò di origine, quindi rustico ma leale. non so insultare in punta di forchetta come altri, vado diretto o niente.
    meglio niente, comunque continuo a leggere pur con nostalgia di com’era 5 anni fa.
    grazie a tutti

    Pen

    Rispondi
  • 23 Novembre 2020 in 20:06
    Permalink

    D’Aversa ci abituò molto male…
    Liverani è solo un tecnico comune

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI