CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / TRA BICCHIERI MEZZI VUOTI O MEZZI PIENI SI RISCHIANO L’ASTEMIA O LA SBORNIA

(Gianni Barone) – Quando si vince, tutti si tacciono, perché ogni santo “bevitore” aiuta, quando si perde “l’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare”, e tutti invocano cambi di rotta e di gestione; quando si pareggia, invece, scattano le opinioni e tra la, scontatissima, logica del bicchiere che si riempie o si svuota, ecco che si rischia la sbornia del mutismo e rassegnazione o l’astemia da bieco scetticismo. Quindi, nel caso Parma, specialista in pareggi interni per 0-0 (3 in stecca, ma non solo), il ricorso enologico o idrico, a secondo del liquido preso in esame o prediletto, diventa decisamente d’obbligo e materia corrente per calciofili censori, esteti, alchimisti e bevitori in genere, tutt’altro che santi. Prima della gara in casa col Cagliari, quindi dopo il Milan, nel poco spazio di tempo a disposizione, Mister Fabio Liverani si è confessato, esprimendo il suo giudizio di merito, sul calcio che gli tocca praticare, all’attualità, un po’ dissimile da ciò che era stato il suo marchio di fabbrica a Lecce, che tutti speravano traslocasse dal Salento alla Padania (denominazione geografica un po’ in disuso) nostra. Invece no, il calcio nei suoi massimi – e non infiniti – sistemi, non può e non deve essere sempre fedele a sé stesso, anzi è di tutti perché non è di nessuno. Il mio calcio, il mio gioco, ma de che ? Il calcio di Liverani, ammirato in passato, tranne che nella fase difensiva – ora decisamente migliorata, ed è un ottimo segno! – non ha longitudini e latitudini precise, e lui stesso non si vuole attribuire nessun tipo di paternità. Ciò che funziona in un posto, con determinati interpreti, al cambio di coordinate calcistiche, non sempre o necessariamente, può attecchire o essere riproposto ovunque senza subire “aggiustamenti”, continui dovuti a schiacciamenti o deformazioni d’ambiente, dettate non solo da tempi e spazi – sempre sovrani nel mondo del pallone – ma anche da altri fattori e da altri tipi di caratteristiche e qualità. Che sono tecniche, nel nostro ambito, e che da individuo ad individuo differiscono non poco e condizionano scelte orientate verso un tipo di gioco che sia il più razionale possibile, come più volte espresso su queste colonne, e che deve “adattarsi” negli equilibri alle capacità, qualità e valori dei singoli. Niente è oggettivo come idea e come struttura, è ciò che Liverani ha voluto far capire a tutti, tra un pareggio e l’altro, uno brillante a suon di goal, fatti e subiti, col Milan, e uno a reti bianchissime, col Cagliari, con qualche sussulto in più rispetto alle scialbe prestazioni precedenti contro Fiorentina e Benevento. Un allenatore vorrebbe ottenere un gruppo di calciatori in funzione della propria idea di gioco, e sempre questo succede, vedi il nostro caso, quindi deve, pur mantenendo i propri principi ispiratori, progettare, verificare ed adattare un sistema di gioco che riesca a sviluppare le potenzialità individuali per creare un’unità (la squadra) solida, capace, elastica, equilibrata e razionale. Questo non sempre riesce subito e non porta a vittorie immediate: questo richiede tempo fasi da superare e quando sortisce solo pareggi incontra le perplessità di chi non si accontenta di ciò che si ha, il cui contrario sarebbe, secondo alcune illuminate e non pietistiche filosofie, la ricetta o meglio la ricerca della felicità. Quindi brindiamo tutti all’ennesimo pareggio (sperando di vederne qualcuno in meno) e all’onestà intellettuale di chi ammette che occorre rinunciare al trequartista, per alcune partite, forse per sempre, e che la fase difensiva, vecchio tallone d’Achille del trainer in passato, va curata a dovere inserendo, sulle fasce non solo “quattrocentisti”, ma arcigni baluardi, bravi nel contrasto e nella marcatura. “Non bisogna sempre guardare la palla”, aveva ammonito Liverani dopo le reti incassate col Milan, il controllo degli uomini, stretto e attento, evita di subire, nel recupero, i pareggi. Verrebbe da dire, quasi, che non è Liverani che ha migliorato il Parma, ma si tratta proprio del contrario: l’allenatore Crociato, dopo l’inizio difficile, ha compreso l’importanza della buona difesa dei confini dell’area e della porta. Però manca, di converso, l’attenzione alla fase d’attacco: avevamo lamentato la scarsità di tiri e digiuni, anomali, degli attaccanti Cornelius e Inglese, schierati in alternativa, contro il Cagliari, ci si poteva, francamente, aspettare qualcosa in più in termini di concretezza. “Mancano idee e coraggio sulla trequarti” attacca il solito Schianchi, sulla Rosea, che continua a batterla sulla scarsità tecnica imperante, suggerendo, addirittura, un po’ di muro per tutti. Il che trattandosi, di giocatori della massima serie, in teoria, non dovrebbe essere necessario, però il “vorrei, ma non posso” dello stesso Schianchi ci suggerisce che non sempre, come diceva quasi un secolo fa Pesaola, si riesce a fare la partita sempre in attacco, perché o gli altri “ti rubano l’idea”, come argomentava con arguzia il “Petisso”, o anche gli altri non riescono ad attuarla quella “benedetta” idea di gioco. “I goal che servono” invocati da Piovani sulla Gazzetta di Parma, non arrivano con le cosiddette piccole, e quando arrivano con le grandi non bastano mai per la vittoria: questo l’annoso problema che ci fa naufragare nella tempesta di un “bicchiere” che non si riesce a riempire mai bene o del tutto. La sbornia del goal che manca, e l’astemia di risultati ad occhiali, come si diceva a un tempo, non ci permettono, complice la situazione del Paese, nessun tipo di brindisi: nessun “Cin cin con gli occhiali” come cantava Herbert Pagani, più conosciuto per il suo “Albergo a ore”, che non per altro. “E’ mancato quel pizzico per metterla dentro” ha chiosato Liverani, con una frase da maschietto non riuscito a muovere la classifica mentre parla con gli amici: il cinismo di San Siro, non è esportabile, al momento, al Tardini, dove concretezza, aggressività e convinzione, non sono stati contemplati nel percorso di crescita che ha, finora, migliorato solo l’atteggiamento che permette di difendere bene, ma non riuscire a fare altrettanto in fase di contrattacco o di contropiede, che ancora non c’è. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

7 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / TRA BICCHIERI MEZZI VUOTI O MEZZI PIENI SI RISCHIANO L’ASTEMIA O LA SBORNIA

  • 17 Dicembre 2020 in 15:39
    Permalink

    Stasera a TV PARMA avranno il coraggio di dire che il progetto è naufragato??
    O aspettiamo sempre la prossima partita… io vedo una squadra triste…
    Non mi da mai la sensazione di vincere le partite

  • 17 Dicembre 2020 in 18:32
    Permalink

    Purtroppo le nozze coi fichi secchi le ha fatte il primo anno di serie A solo d’Aversa, questa squadra è nettamente inferiore a quella dell’anno scorso.
    La catena di destra attuale Jacoponi/Basti e Karamouh non è nemmeno confrontabile con quella dell’anno scorso Darmian / Kulusewski.
    Liverani se non gli comprano un’esterno destro (Messiah od altri) ed un centrocampista mediano metodista in gamba, suderà le proverbiali sette camicie per salvare il Parma.
    I nuovi acquisti tanto sbandierati soprattutto a centrocampo sono risultati scarsi ed impreparati.
    Forza Parma.

  • 17 Dicembre 2020 in 19:03
    Permalink

    Liverani è diventato pragmatico per necessità. Se avesse continuato con il tentato calcio bailado adios!

  • 17 Dicembre 2020 in 19:43
    Permalink

    Volendo coinvolgere Monsieur De Lapalisse (o, più modestamente, il grande Catalano, che chi ha capelli tendenti al grigiastro ricorderà in “Quelli della Notte”), se chiediamo ad un qualsiasi tifoso: “Preferiresti vincere giocando bene o perdere giocando male?”, credo che arriveremmo ad un esito che definirei “bulgaro”. In questo momento noi siamo più o meno esattamente in mezzo al guado. Personalmente però, a tanti più o meno sinceri complimenti dopo un’immeritata sconfitta, preferisco far punti (e, semmai, fare i complimenti all’avversario…). L’Empoli, due anni fa, era bello da vedere: però è retrocesso. Ecco perchè credo che non ci sia da fare troppo gli schizzinosi se arrivano punti, pur non dando spettacolo (e non mi riferisco a Parma-Cagliari)

  • 18 Dicembre 2020 in 07:28
    Permalink

    Bravo juniorcasalasco nerostellato, beviamo per dimenticare sta tristessa

  • 18 Dicembre 2020 in 11:54
    Permalink

    Si certo preferisco vincere e non giocare bene, il problema che qui non si vince e si gioca male… sotto abbiamo genoa torino e fiorentina io starei molto attento…. quest’anno è un attimo fischiare giù…

  • 19 Dicembre 2020 in 17:30
    Permalink

    Ma qualche miglioramento si è fatto o no?
    Direi di sì senza dubbio. Le cose crescono bene ma lentamente , per alcuni é troppo lento e altri non lo vogliono vedere.
    Col Cagliari che è una squadra che alza la squadra e gioca (cerca) da metà campo in su, noi li abbiamo costretti a difendersi x larghi tratti.
    3o4 occasioni limpide li abbiamo avute, quasi 60 percento possesso,(Ma quando mai?…) non vuole dire che ci stanno provando ? Scusate se non ce più Kulu…
    Acquisti deficitari? Osorio era criticato perché non era titolare nello Zenit, oggi il migliore, qualcuno sarà acerbo ma almeno altri 3 potrebbero diventare titolari ..Sohm Cyprien (quando sarà al 100 per cento) come Mihaila che la società ci crede molto, gli altri sono acerbi ? Cresceranno..tanto qui si criticava Crespo..ci vuole tempo !
    Servono 2 giocatori a gennaio per finalizzare ? certamente si e penso che Krause oltre a far capire (cerca) che il progetto c’è e compra giovani talenti (anke oggi) ma ci vuole pazienza e lui, che vede lontano non capisce per questo le varie critiche che sono piovute (lo ha dichiarato lui ).
    Quindi direi di ritenerci fortunati che ci sia piombato un tifoso presidente o viceversa e aspettare gli eventi, se servono giocatori lui li prenderà e ci salveremo .
    Forza Parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI