CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / UN NUOVO “VECCHIO” PARMA

(Gianni Barone) – Come spesso capita, quando si prevede il peggio, arriva il meglio che nessuno si sarebbe mai aspettato. Tutti ad ipotizzare esoneri e cambi terapeutici e necessari, in caso di ulteriore sconfitta, ed ecco all’improvviso che sboccia un nuovo “vecchio” Parma. Nuovo perché mai quest’anno si era espresso così (bene) sul piano della praticità, e vecchio, sistema di gioco (non alias modulo) compreso, in certe pieghe dell’incontro, in cui si è rivisto il Parma di lotta e sacrificio degli anni passati, con verticalizzazioni azzeccate e accelerazioni puntuali (una volta su quattro o cinque occasioni, a dire il vero) di Gervinho. In più si è visto qualche buon movimento e qualche interessante incrocio in avanti, che mai si erano riscontrati prima, e che hanno scombussolato la precaria difesa genoana (sarà stato proprio per questo?), come al solito, disposta non bene dal sempre più traballante, tremebondo e a mio avviso  mediocre Maran. Sopravvalutato un po’ troppo, non ce ne voglia il suo grande ammiratore Condò (rimasto uno dei pochi ora) e alla resa dei conti insufficiente, prima a Cagliari ora al Grifone, per condurre una squadra alla salvezza sicura e tranquilla. Liverani, dal canto suo, è stato di parola: attendeva e auspicava una svolta, una scintilla, da parte della sua squadra, che puntualmente ha illuminato il cielo sopra Marassi grazie ad una prestazione di sicuro valore. I suoi detrattori, cresciuti in maniera esponenziale, dopo il rovescio di Roma, sono andati delusi: qualcuno già pregustava il ritorno di D’Aversa, mai tanto amato e stimato a Parma, come adesso che non c’è, oppure quello di Faggiano fresco di eliminazione dal “Grande Fratello Giochi Preziosi” di Genova, per giusta causa o manifesta incapacità di svolgere appieno le proprie funzioni dirigenziali che dovevano essere massime, ma che si sono rivelate, a giudizio del suo ultimo datore di lavoro (diametralmente opposto a quello dei precedenti parmigiani, men che minime. Al momento Liverani regge sulla panchina bene e per D’Aversa non c’è posto neanche come Diesse – tanto per rinverdire i tempi di Lanciano, come responsabile dell’area tecnica – e nemmeno per Faggiano, neppure come allenatore dei portieri, ricordando il suo passato al Noicattaro. A parte gli scherzi, il tecnico del Parma ha dimostrato di rispettare uno dei principi su cui un sistema di gioco si basa, cioè la razionalità: la capacità di tenere conto delle caratteristiche tecnico-fisiche-tattiche e di personalità dei giocatori a disposizione. Infatti, dopo aver provato quasi tutti i centrocampisti della rosa, in regia, ha trovato l’unico, che in quella posizione, può far girare bene la squadra, vale a dire Scozzarella. Ha capito, poi, che si può rinunciare al trequartista pur avendo l’opzione Brunetta, restituendo a Kucka il suo ruolo naturale d’interno e preferendo giocare, in avanti, a tre: due ali veloci e un riferimento centrale importante. Con Gervinho e Cornelius si può giocare in un solo modo: con il 4-3-3: questo il campo lo ha confermato. Quindi senza tanti fronzoli il centrocampo con Kurtic funziona meglio, non ci sono dubbi. La strada della concretezza e della semplicità è sempre la migliore e quella più indicata; poi, se di fronte si ha un avversario messo male in campo che non regge l’urto, sbaglia i tempi di uscita e fatica nell’intera fase difensiva, il gioco si compie quasi per incanto e per magia. Il “vade retro” 3-5-2 presidenziale ha funzionato, si direbbe, e anche nelle prossime gare si prospetta un Parma di corsa (è una delle squadre che macina più chilometri) e di lotta, come dimostrato nel secondo tempo quando c’era da difendere un risultato di vantaggio importante. Si diceva che il vecchio Parma funziona, anche perché ieri, i giocatori più in difficoltà sono apparsi i nuovi, sebbene Osorio (magnificato forse troppo all’esordio dalla critica) e Busi, entrambi in difesa, siano stati, comunque, nei momenti critici, ben supportati dagli esperti compagni di reparto, ritornati sugli abituali livelli di rendimento e sicurezza. Un buon Parma, che fa gridare Roberto Perrone, sul Corsport, ad una squadra abile nelle verticalizzazioni e nel contropiede: eredità di D’Aversa. “Con un Genoa – ha aggiunto – che è stato bravo a farsi male da solo”. Concludendo “entrambe le squadre sono apparse simili più che in cerca d’autore, di una buona sceneggiatura, con il Parma, leggermente, più avanti sul piano della concretezza”. Analisi condivisa anche da parte degli altri commentatori, molto presi, inoltre nell’esaltare le gesta di Gervinho e Kucka, un po’ troppo in ombra, per essere veri, nelle precedenti uscite. Si è arrivati in una settimana, di doppia vittoria, in Campionato e in Coppa, ad un livello che sembrava, sette giorni fa, inimmaginabile. Capacità del tecnico di farsi capire, finalmente? Dopo l’autocritica dell’Olimpico, per raggiungere i livelli alti di attenzione in allenamento e quindi in partita? Forse. Di sicuro la consapevolezza di aver ottenuto un risultato che vale doppio sul piano della classifica, e triplo di quello del morale, aiuta a crescere individualmente, e a far crescere la serenità per affrontare i prossimi impegni con maggiore sicurezza. In più si è capito come bisogna affrontare, d’ora in poi, le gare aldilà di schemi o idee: con approccio, intensità, sacrificio e sofferenza e con la capacità d’investire, in fase di non possesso, anche gli attaccanti in un lavoro utile alla squadra. Se prima del rovescio dell’Olimpico, del daversisismo, il successore aveva mutuato l’ideologico pullman davanti alla porta, ora, nel nuovo vecchio Parma 2.0 riscopriamo anche il contropiede, prima dimenticato quando si trattava solo di catenaccio tout court. Oltre alle scelte fatte (le due frecce ai lati del pingaglione centrale: Cornelius è rimasto a bocca asciutta dopo la doppia scorpacciata della passata stagione), decisivo anche l’andamento del match, specie nel finale quando Maran, nel tentativo di ripigliarla ha oltremodo potenziato l’assetto offensivo della propria formazione, favorendo il gioco di rimessa degli ospiti che dalla propria avevano già il vantaggio. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

2 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / UN NUOVO “VECCHIO” PARMA

  • 1 Dicembre 2020 in 18:21
    Permalink

    Maran ha fatto bene al Cagliari fino a che giravano Nandez e Joao Pedro, poi una volta spompi, è crollato ed è stato esonerato. Allenatore buono, ma non fenomenale.

  • 2 Dicembre 2020 in 18:23
    Permalink

    Nelle partite giocate finora l’unico contropiede puro è stato quello con il Verona, con lancio di Darmian dalla nostra trequarti per Karamoh, volata sulla fascia e passaggio al centro per Kurtic. Le altre reti e azioni pericolose, frutto di palle recuperate nella metacampo avversaria, quindi ripartenze corte e di azioni manovrate.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI