CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ZERU TIRI, ZERU IDEE E ZERU TITULI. O NO?

(Gianni Barone) – Eh no: i tituli questa volta non mancano, anche se non nella accezione mourinhana del termine, relativa a conquiste e trofei, ma a quelli dei quotidiani, perché chi ha visto la partita dal vivo, e non si è addormentato, ha cercato di dare i nomi alle cose: “Partita orrenda”, per Andrea Schianchi, Gazzetta dello Sport, “Paura di perdere” per Tuttosport (Antonio Boellis), “Manca il guizzo”, per Paolo Grossi della Gazzetta di Parma. Tre titoli diversi, ma che fotografano una partita sbiadita, sonnolenta, soporifera come urlato persino nella Prima Pagina del Tg 5 delle 20 di ieri. Però la conclusione migliore è quella trovata da Carlo Brugnoli, nel consueto fondino del lunedì, del giornale locale: “Insomma, sarebbe meglio cominciare a divertirci”. Eh si, bravo Carlo: ciò che manca è proprio il divertimento in questo Parma, in questo calcio che avrebbe dovuto darcelo il tanto pompato e conclamato calcio propositivo che ancora non c’è, e che non c’è mai stato. Regna la noia e la pochezza tecnica, come suggerito da Schianchi, costante mancanza di qualità nelle giocate, come affermato da Boellis, bassa velocità nella circolazione della palla, come eccepito da Grossi. In poche parole si è vista, scarsa abilità tecnica, tout court, che vuol dire tutto, ma non ci capire niente fino in fondo. Leo Longanesi scriveva: “un vero giornalista spiega benissimo quello che non sa”. Oltre alla mancanza di divertimento, testé denunciata, si aggiunge la scarsa comprensione univoca del gioco. Non più sterili dibattiti sui sistemi di gioco, definiti moduli dagli stessi allenatori cui il patentino andrebbe sottratto per questo vilipendio, ma discorsi seri e profondi sulla qualità o sulle qualità che mancano, ahinoi, a livello individuale e di squadra. E il discorso, come cantava Guccini, si fa peso e tetro, non più per colpa di un semplice ricorrere a numeri o formulette astratte che identificano uno schema migliore rispetto ad un altro. Qui si parla di zero idee, zero tiri, di un gioco lento senza inventiva, e di ritmi, ossessivamente, bassi, perché se s’introduce la velocità, con l’abilità tecnica che viene meno, si sbagliano i passaggi e i controlli. Cosa resa ancor più grave dalla mancanza di coraggio di forzare la giocata a causa dei limiti di natura tecnica di cui sopra. In soldoni: mancano le soluzioni tattiche proprio in proporzione alla scarsa e bassa qualità tecnica dei singoli. Questo è ciò che emerge dai commenti di chi ha voluto sovvertire la massima di Karl Kraus, che non è un parente del Presidente del Parma, anche perché gli manca la vocale finale, che così recitava: “I giornalisti scrivono perché non hanno niente da dire, e hanno qualcosa da dire perché scrivono”. In questo caso si dice e si scrive qualcosa che si vede o s’intuisce, però non lo so spiega fino in fondo e senza arrivare ad un perché si verifica tutto questo. D’improvviso i calciatori di serie A si sono imbrocchiti tutti in un colpo? E gli allenatori cosa fanno? Stanno a guardare? O si limitano ad urlare, da bordo campo e le loro invettive, ben comprensibili, per mancanza di pubblico, diventano preziosa materia, ai pochi fortunati presenti, per la redazione dei loro pezzi del giorno dopo. E a proposito d’informazioni e allenatori infuriati, Mihajlovic, non si è certo trattenuto nei confronti di qualche suo giocatore reo, a suo avviso, di aver svelato a compiacenti e complici giornalisti, variazioni tattiche studiate nel segreto dello spogliatoio e di campi blindati, allo scopo di ottenere un mezzo voto in più in pagella. I calciatori non devono violare il dovere di riservatezza: è ciò che è stato ribadito, senza tanti giri di parole, dal vulcanico Sinisa, che minaccia, addirittura, di attaccare al muro i delatori. Pensavamo che la pretattica non fosse più tanto importante per i tecnici. L’allenatore quando parla di tecnica scarsa, tornando all’argomento precedente, dovrebbe avere qualche responsabilità in più, perché oltre a quella individuale (calciare, trasmettere, controllare e ricevere palla) quella collettiva (che diventa individuale), la di può e la si deve allenare e migliorare con esercitazioni specifiche. Il “tempo di gioco” è la chiave del calcio: ormai questo lo sanno tutti e lo si può sentire anche nelle radiocronache, tifose, urlate con forza nell’etere. Però, la tecnica è sempre fondamentale per la ricerca di nuove soluzioni tattiche da proporre. Una squadra con varietà di schemi in fase di possesso palla ha molte più probabilità di successo rispetto ad una squadra monocorde dagli schemi prevedibili. La semplificazione, anni 80, riconducibile a Sacchi, ai tempi del Milan degli olandesi, che diceva: “L’importante non è vincere, ma giocare bene”, sappiamo tutti che non è proponibile all’attualità, sebbene la stessa fosse più una provocazione pronunciata da chi aveva con sé l’abilità tecnica di un Van Basten, dettaglio sicuramente non trascurabile, per riuscire a vincere le partite. E’ dalla tattica che si vede l’abilità dell’allenatore: la disposizione in campo, il modo di giocare, gli equilibri, le variabili, lo smarcamento, il marcamento, il modo di riconquistare palla, le soluzioni su palla inattiva: tutti elementi per una corretta lettura delle situazioni di gioco nel corso di una partita, e non solo il “coraggio, l’altruismo, la fantasia” richieste, in musica, al giovane calciatore “Nino”, da De Gregori nella sua mitica “Leva calcistica del…”. Al calciatore è richiesta, ora, una tecnica superiore e sopraffina che, stando ai commenti, scarseggia sempre più sui nostri campi dagli spalti deserti. Finalmente la tecnica supera la tattica, nei discorsi: non è più solo questione di principi di profondità, ampiezza, mobilità e imprevedibilità non rispettati, abbiamo saputo e scoperto, che è questione di “piedi buoni” che non ci sono, e che vista la stagione culinaria in atto, dovrebbero essere esclusiva prerogativa del solo maiale o “gosino” che dir si voglia. Perché: dove si vuole andare quando non si è in grado di superare in dribbling il diretto avversario? O quando si fanno solo appoggi laterali o all’indietro e non passaggi illuminanti in verticale? Non esistono più i dribblatori alla Giampaolo Montesano, che pochi ricordano, ala di Palermo, Cagliari, Udinese, che un fuoriclasse come Zico, suo compagno di squadra a Udine, su di lui si spinse a dire: “Non ho mai visto al mondo un dribblatore come lui”, oppure il Van Haneghem dell’Olanda di Crujiff, capace di lanci illuminanti in verticale come pochi. Un tempo chi dribblava era più croce che delizia: ora qualcuno lo invoca… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

7 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ZERU TIRI, ZERU IDEE E ZERU TITULI. O NO?

  • 7 Dicembre 2020 in 17:15
    Permalink

    La partita Parma Benevento è la classica
    partita da far vedere per fare ODIARE il
    gioco del calcio.
    In vita mia non ho.mai bestemmiato
    ma ieri i.nostri baldi GIOCATORI SEGA
    con il loro impegno e con.la loro pochezza
    quasi mi facevano bestemmiare.
    Fortuna che non l’ho fatto.

  • 7 Dicembre 2020 in 17:22
    Permalink

    Volevo fare un appello alla società.
    Dite per favore a BUSI di trovarsi un
    lavorodiverso da,quello del calcio.
    E un ragazzo giovane, il calcio non fa
    per lui e un lavoro diverso potrebbe
    anche trovarlo in tempi rapidi.
    Ci ha provato col calcio e ha fatto bene ma
    l’XFACTOR del calcio non c’è l’ha
    assolutamente.
    Ci sono tanti lavori in cui.potrebbe rendersi
    utile ev fare bene ma per il calcio no, non è portato
    Deve appendere simbolicamente le scarpette
    al chiodo e trovarsi un altro lavoro a cui è più
    portato.

  • 7 Dicembre 2020 in 17:42
    Permalink

    Lungi da me fare l’avvocato difensore di chicchessia, tuttavia le critiche lette mi sembrano esagerate.
    Peraltro critiche analoghe a quelle fatte al precedente allenatore per il non gioco (ovviamente anche io non sono contento e pretendo di più soprattutto sul piano della grinta ma ciò che si legge sarebbe giustificabile se fossimo al posto del Crotone).
    Sui punti non capisco le aspettative, forse avremmo dovuto/potuto avere un paio di punti in più (uno sfuggito a Udine che grida vendetta) ma quest’anno la nostra dimensione di classifica è questa, essere nel gruppone che lotterà x salvarsi. Forse qualcuno si era illuso che i giovani acquistati dovevano essere 9 nuovi kulusevski ma ovviamente non poteva essere così. Inoltre abbiamo questi punti con tutte le difficoltà del caso e senza avere una identità di gioco eppure siamo alla pari di chi invece si esprime molto meglio, quindi possiamo solo migliorare.
    Occorre recuperare gli infortunati, bisogna far crescere i nuovi e probabilmente bisogna ulteriormente intervenire sul mercato a gennaio con un paio di innesti già pronti ma non mi sembra un disastro cosmico.
    Restiamo uniti perché occorre soffrire oggi per avere un domani migliore.
    Sempre e solo forza Parma

  • 7 Dicembre 2020 in 19:32
    Permalink

    Caro LG purtroppo è vero abbiamo
    10 punti ma il gioco non c’e assolutamente.
    La cosa preoccupante è che ad ogni partita
    peggioriamo come gioco è come voglia
    SEMPRE DI PIÙ e il fondo lo raschiamo
    ogni domenica.
    Non ti dice niente il fatto che col Benevento
    e sottolineo con il BENEVENTO e non con
    il BARCELLONA non abbiamo fatto un solo tiro
    in porta e giocavamo oltretutto in casa.
    Poi.i giocatori sembra non hanno voglia di
    correre, lottare, sono spenti, rassegnati
    BISOGNA MANDARE QUESTI
    MANGIAPANE A TRADIMENTO
    IN RITIRO A COLLECVHIO FINO
    A NATALE poi si vedrà.
    Vorrei sapete una cosa e presumo che
    nessuno.mi saprà dare una risposta.
    Stiamo giocando con il MODULO D’AVERSA
    solo che non essendo un modulo di
    LIVERANI molto probabilmente non lo sa fare
    E ALLORA RICHIAMIAMO IL GENIO CHE QUESTO
    MODULO LO SAPEVA FARE.
    D’Aversa poi a ogni giocatore sapeva toccare le
    corde giuste facendoli rendere sul campo di più
    per cui un giocatore che come calore era da 7
    con D’AVERSAera da 9 con LIVERANI quel
    giocatore da 7 è da. 6 o forse da meno.
    Ecco perché ci vuole IL GENIO.
    Per me LIVERANI non mangerà il panettone a Natale.
    Krause non è uno stupido…..

  • 7 Dicembre 2020 in 20:21
    Permalink

    Si, è l’amara verità: siamo semplicemente scarsi.

  • 8 Dicembre 2020 in 09:40
    Permalink

    La citazione di Giampaolo Montesano è davvero per palati sopraffini!! Il sottoscritto ha la metà della metà della competenza calcistica dell’amico Gianni, per cui non posso che concordare sulla assoluta carenza di talento sui nostri campi, tutti presi come siamo (da diversi anni) ad osservare il modulo 4-3-3, 5-3-1-2, 5-5-5 ecc. La giocata estrosa, il colpo di genio è stato quasi bandito dai campi di calcio: fin dai campetti dei ragazzini, i vari mister, dirigenti ecc ecc privilegiano l’altezza del ragazzo alla pura tecnica ed estrosità. Si dirà: guarda che dei Messi, dei Maradona ne nasce uno ogni 10/15 anni. Vero, così come però è vero che parecchi potenziali talenti temo si trascurino (o peggio) a causa della loro probabile ritrosia ad adattarsi “allo schema”.

  • 8 Dicembre 2020 in 12:54
    Permalink

    un tifoso del fu parma ac, dopo aver visto tre partite in fila del parma ,dovrebbe essere dichiarato cerebralmente morto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI