IL COLUMNIST di Luca Russo / SFIDA SALVEZZA VINTA SENZA STRESS, MA CON CALMA E LUCIDITA’ DA GRANDE SQUADRA

(Luca Russo) – Ebbene sì: è qui la festa! Arriva Dicembre e l’albero di Natale di Liverani inizia a dare i suoi frutti. O meglio a distribuire regali. Preziosissimo quello che il Parma ha saputo scartare sotto la Lanterna grazie a una doppietta di un Gervinho letteralmente incontenibile: vittoria per 2-1 nello scontro diretto col Genoa e tre punti che risulteranno non pesanti, ma pesantissimi nella corsa salvezza. Il successo rende un pochino più gradevole la nostra classifica, visto che al momento saremmo virtualmente salvi avendo alle spalle Fiorentina, Torino, lo stesso Genoa e il Crotone, e inguaia ulteriormente quella dei liguri, penultimi, scarichi nel fisico e nella testa e disorientati dal caos generato dal licenziamento di Faggiano. Rischia grosso a questo punto Maran che vede la sua panchina traballare pericolosamente. E per evidenti criticità tecniche e per corsi e ricorsi storici: da quando si è riaffacciato in massima serie il Parma ha sempre vinto col Genoa e due dei quattro successi ducali hanno determinato l’esonero del tecnico che in quel momento era alla guida del Grifone. Andreazzoli e Ballardini ne sanno qualcosa. Alla vigilia del match del Ferraris Liverani non si è nascosto: cercava, aspettava e forse pretendeva la svolta. Non ci è dato sapere se il successo conquistato ai danni di Scamacca e compagni effettivamente lo sia, intanto, però, qualche segnale piuttosto incoraggiante ce lo ha fornito, dall’approccio alla partita alla capacità di resistere al ritorno dell’undici di Maran passando per le ritrovate certezze tattiche. Il Parma è sceso in campo con l’atteggiamento e la determinazione che ci si attende da una formazione con l’obiettivo di conservare la categoria, e ce lo dimostra il “timing” delle due reti siglate da Gervinho, l’una in avvio di gara e l’altra all’alba della ripresa. Quando ti manca la concentrazione, due marcature così le subisci, mica le realizzi. Esemplare è stata pure la gestione complessiva del vantaggio. Dopo essere andato sotto, il Genoa è salito in cattedra, alzando il volume delle proprie manovre, guadagnando terreno e sciupando una palla gol clamorosa con Scamacca, ma i Crociati non hanno mai realmente dato l’impressione di essere vicini alla capitolazione. Anzi: sono stati proprio loro a sfiorare il raddoppio in più circostanze con Gervinho (che ha colpito pure una traversa) prima che lo stesso ivoriano lo siglasse in apertura di seconda frazione. Aver saputo preservare il risultato in un incontro così delicato, con al seguito una classifica per nulla promettente, senza farsi sopraffare dallo stress, e anzi esibendo una lucidità e una calma da grande squadra, è un passo avanti significativo rispetto alla resa incondizionata di Roma. Il colpaccio di Genova, però, è figlio anche di un assetto tattico di nuovo coerente con le caratteristiche del gruppo. Non è un caso che Kucka e Kurtic, impiegati nei loro ruoli e nelle loro posizioni, siano stati tra i migliori in campo, se non i migliori in assoluto. Eccellente la prestazione dello slovacco, autore di un assist “illegale” per la prima realizzazione di Gervinho. Convincente quella dello sloveno, che è stato protagonista di diverse iniziative che avrebbero potuto portarci alla rete oltre che del cross da cui è scaturito il raddoppio. Le uniche note stonate del duello di Marassi arrivano dall’infermeria, viste le noie fisiche occorse a Gagliolo, Scozzarella e Grassi. Le sole ombre di una serata da incorniciare e che ci permetterà di preparare in totale serenità il prossimo scontro salvezza col Benevento. Luca Russo

8 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / SFIDA SALVEZZA VINTA SENZA STRESS, MA CON CALMA E LUCIDITA’ DA GRANDE SQUADRA

  • 1 Dicembre 2020 in 07:50
    Permalink

    Sfida vinta senza stress? Scusa, senza offesa, ma su che canale eri collegato?
    Diciamo che abbiamo meritato di vincere, quello sì, ma abbiamo regalato un tempo a una squadra di cadaveri.

  • 1 Dicembre 2020 in 07:55
    Permalink

    Mi spiego meglio: dopo il primo tempo mi sono detto “contro questi si DEVE vincere” ma non dimentichiamo che ci sono anche dei difetti. Si è regalato una fascia (sx) per tutta la partita e Scamacca ha sbagliato un gol che lo facevo io. Al contrario noi non la abbiamo chiusa.
    Detto questo una vitoria ci voleva, ma credo che gli errori commessi con il Genoa se li fai con un’altra squadra li paghi tutti.
    In pratica: bene, ma non benissimo. Speriamo che sia l’inizio della guarigione, ma non mi aspetto certo un campionato sereno a metà classifica.

  • 1 Dicembre 2020 in 09:16
    Permalink

    Gaio1974 analisi lucida e che mi trova quasi pienamente d’accordo. Le note negative sono i tanti infortuni che peseranno purtroppo, e Busi che come prima partia l’ha ciccata pienamente. Mi auguro che sia un episodio, perchè la prestazione che ci ha offerto è gravemente insufficiente.
    Per il resto si sono visti segnali di ripresa, sopratutto per quanto riguarda l’atteggiamento con il quale siamo scesi in campo. Diciamo che ci siamo avvicinati ad essere una squadra di calcio e considerando le ultime prestazioni è tanta roba. E’ vero, il Genoa ha avuto le sue occasioni, così come le abbiamo avute noi, ma non possiamo pensare di non concedere nulla agli avversari. Magari più avanti, ma non certo adesso.La partita di ieri era molto complessa e importante, sopratutto dal punto di vista psicologico e averla portata a casa è stato determinante. Ora l’importante è che non rimanga un episodio e che la stessa determinazione messa in campo ieri sera continuino a metterla in campo anche nelle prossime partite. Domanica arriverà il Benevento e se riesci a portare a casa anche quella allora inizierà un altro campionato, ma sarà durissima. Forza Parma

  • 1 Dicembre 2020 in 09:49
    Permalink

    sinceramente stress tanto finché c era busi in campo dopo che è uscito ok mi sono tranquillizzato ma non una grande partita troppo sufficienza nelle ripartente

  • 1 Dicembre 2020 in 10:11
    Permalink

    Ottimismo esagerato, buon primo tempo, con disattenzioni che potevano ostare carissime, su tutte l’erroraccio di Scamacca. Inguardabile l’esordio di Busi, evidentemente non pronto per il nostro campionato, tenere in panchina Iacoponi è stato un grave errore a cui si è rimediato tardi. Ancora tanti, troppi errori su giocate semplici, con perdita di palloni in zone delicatissime del campo, per fortuna avevamo di fronte una squadra allo sbando, altrimenti i troppi errori, anche in fase realizzativa, li avremmo pagati carissimi. Un’idea di gioco si comincia ad intravedere, fin che gli attaccanti hanno pressato i loro difensori, tutta la squadra ne ha tratto beneficio, quando ci siamo presi delle pause (per alcuni l’età si fa sentire), abbiamo corso seri pericoli. Comunque la strada sarà lunga e difficile. Servono umiltà concentrazione, spirito di sacrificio e qualche errore tecnico in meno.
    Sempre
    Forza Parma

  • 1 Dicembre 2020 in 10:18
    Permalink

    Insomma dopo l’iniziale giustificata diffidenza, almeno dopo questa partita, diciamolo che Liverani ha intelligentemente cambiato rotta. Lasciato il velleitario “bel gioco” ha indossato il ben più pragmatico principio di “primo non prenderle” soprattutto con l’arma letale G27 e che gli dei del pallone ce lo conservino

  • 1 Dicembre 2020 in 10:39
    Permalink

    Buongiorno,
    dopo la partita di ieri sinceramente trovo un po’ fuori luogo parlare di senza stress, perchè un tifoso del Parma di questi tempi ha a che fare con una quantità di frustrazioni preoccupante. A partire dal non gioco della squadra che ripeto, a parte il risultato di ieri sera, non ha ingranato spesso nemmeno i passaggi più semplici. Poca impostazione e spesso palla ai soli che riescono a fare un po’ di luce nelle manovre offensive ossia Kuko e Gervinho. Karamoh indisponente e Cornelius lasciato quasi sempre in balia del fuorigioco avversario se non spostandolo indietro di 20 metri a fare la sponda al centrocampo. Bene Alves mentre non capisco l’involuzione di Kurtic e di Hernani che mi è sembrato irritante da come ha giocato il suo primo quarto d’ora ieri.
    Tanta approssimazione e tanta paura di non portare a casa la posta in palio sicuramente sì ma non è giustificabile un atteggiamento del genere come quello del secondo tempo. Il Gobbo felsineo Marocchi ieri sera in fase di commento ha detto bene:

    “Assurdo l’atteggiamento rinunciatario del Parma che da qualche minuto ha smesso di proporsi in avanti facendo avanzare così il Genoa, non è corretto come atteggiamento sperare che per altri 25 minuti non possa succedere nulla”.
    Ecco questa frase annota un po’ il senso di precarietà nella manovra del Parma e dell’inerzia che ha dato alla gara Liverani al cospetto di una delle squadre messe peggio psicologicamente della serie A. Occorrerà ben altro quando si giocherà con formazioni gagliarde in termini di proposizione al gioco e manovra, a partire dalla prossima.
    Capitolo infortuni: qualcuno faccia qualcosa per capire come mai il Parma annovera una schiera così elevata di infortunati. Lascito pacchi ex DS? oppure c’è qualche problema nella preparazione? Escludo Grassi ovviamente perchè la sua lussazione è di altra natura ma è stato per anni infortunato spesso così come Scozzarella e Inglese.
    Capitolo nuovi giocatori, sufficienza piena per Osorio e voto scarso per Busi che però ricordiamolo sta giocando da molto poco ed è ovviamente molto più indietro come ritmo gara rispetto ad altri. Avrei voluto vedere Brunetta. Mi auguro possa succedere alla prossima. Ma Valenti e Mihaila invece quando potranno giocare?
    Capitolo allenatore, non so se vi è capitato anche a voi ieri sera ma sentivo chiaramente l’allenatore del Parma chiamare tutti per cognome e non per nome i giocatori. Trovo solo io sia sinonimo di un certo distacco dall’allenatore al gruppo squadra? Io credo si debba creare empatia e rispetto a cominciare da un sano cameratismo per fare gruppo. Vedesi ad esempio Pioli o Gattuso come si propongono dal campo visto che i giocatori li chiamano tutti per nome e per soprannome. Pensiero mio personale si intenda.
    Ad ogni modo per concludere questo lungo post credo che la strada da percorrere sia molto molto lunga e difficoltosa. Se l’allenatore non si pone correttamente con il gruppo squadra e trova la quadratura del cerchio trovo difficile conquistare punti in questa serie A livellata comunque al ribasso.

  • 1 Dicembre 2020 in 18:16
    Permalink

    Kucka e Scozzarella migliori in assoluto, Gervinho croce e delizia, mentre Kurtic appena sufficiente per me.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI