L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / CAMBIAMENTO SIGNIFICA AVERE IL CORAGGIO DI ABBANDONARE ALCUNI ASPETTI DI QUOTIDIANITA’ ABITUDINARIA

(Luca Tegoni) – Qualche cosa deve cambiare. È un modo per accettare che le cose non funzionano come ci si aspettava. Spesso, però, rimane come se fosse un colpo di bacchetta magica che, improvvisamente, porti tutto a funzionare. Chiaramente senza cambiare niente. Qui è il punto, che non si intende realmente un cambio di prospettiva, un cambio di valutazioni, di osservazioni, un modo nuovo di approcciare al lavoro quotidiano. Significa mantenere le stesse idee e faticare solo un po’ di più, allungare i tempi di allenamento, andare in ritiro qualche ora in più, mettere più intensità nei soliti allenamenti.

Cambiamento significa CAMBIAMENTO. Proviamo a immaginare che Liverani perda dieci chili in due mesi, caspita! Questo si che è un cambiamento. Proviamo a immaginare che Carli si rada barba e baffi e poi faccia un patto con il suo allenatore per radersi tutti i giorni. Altro grande cambiamento. Proviamo a immaginare che Lucarelli impari a cucinare e per farlo sia soggetto alla disciplina, a volte esasperata, di una brigata di cucina. Questo è un cambiamento.

Ognuno deve porsi nell’ottica non solo di fare un passo in più. ma di avere anche il coraggio di abbandonare alcuni aspetti di quotidianità abitudinaria.

A questo punto è necessario un gestore del cambiamento che sappia trarre valore per la squadra per tutti i cambiamenti individuali.

Torniamo a prima, prima del tormento senza estasi.  “A Dicembre tireremo le somme “ (detta da Liverani), “Mi assumo tutta la responsabilità” (detta sia da Liverani sia da Carli).

Io da tifoso conto dodici punti a cinque giornate dalla fine del girone di andata. Non sono pochissimi: il trend non è positivo, ma teniamo dietro squadre con meno punti. Però vedo, come costante da quattordici partite, una squadra senza capo né coda.

Quello che non so è come vedono questi due aspetti, punti e identità di squadra, Liverani e Carli.

Se hanno fatto le affermazioni sopra riportate è chiaro che non può andare bene. È chiaro che devono cambiare. Forza! Mostrateci che sapete cambiare. Diversamente alzate bandiera bianca, non c’è più tempo. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

13 pensieri riguardo “L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / CAMBIAMENTO SIGNIFICA AVERE IL CORAGGIO DI ABBANDONARE ALCUNI ASPETTI DI QUOTIDIANITA’ ABITUDINARIA

  • 29 Dicembre 2020 in 13:03
    Permalink

    Credo che bisognerebbe andare oltre la critica, seppur legittima, a Carli e Liverani.
    Hanno le loro responsabilità, ci mancherebbe, ma vorrei ricordare che Carli è entrato qualche settimana prima del cambio di proprietà, avvenuto a metà settembre e non a dicembre.
    Pertanto il dipendente Carli avrà seguito sicuramente l’indirizzo che la nuova proprietà ha pianificato.

    Iniziamo, a questo punto, ad andare un po’ più in alto con le responsabilità ed arriviamo alla proprietà, come è giusto che sia.
    Innanzitutto non ci beviamo la storia dei 100mln di euro, quelli sono impegni presi per garantire la continuità aziendale, non è che l’americano ha preso 100 biscottoni dalla sua tasca e li ha cacciati. Krause non è uno sceicco.
    Per quanto riguarda la campagna acquisti ho letto di 40 mln di euro spesi: ma finiamola.
    Anche in questo caso staremo a vedere se ricadono sull’indebitamento societario o se li sborserà lui con aumento di capitale… Staremo a vedere.

    Ammetto che a me l’americano fino ad ora non ha convinto. È un tifoso Juventino in cerca di squadre in Italia. Poteva prendere il Palermo, il Parma, piuttosto un’altra squadra. E non è che scolli un adesivo della Juve e metti quello del Parma e sei diventato tifoso.
    Comunque sia, il tempo dell’esame è arrivato, gennaio è alle porte, staremo a vedere se ci si potrà fidare di lui… Spero di ricredermi.

    • 29 Dicembre 2020 in 16:19
      Permalink

      Solo una considerazione, i soldi spesi da Krause, comunque la si giri la frittata, arrivano in ogni caso dalle sue tasche. Lasciamo stare discorsi tecnici correlati alla differenza tra competenza di cassa e contabili / di bilancio (che sono due piani diversi), ma se anche arrivassero dall’indebitamento bancario, secondo voi una banca presterebbe i soldi a babbo morto senza avere garanzie personali del proprietario del club? I soldi spesi (usando un gergo popolare) arriverebbero direttamente o indirettamente comunque dalle tasche del proprietario.

  • 29 Dicembre 2020 in 15:08
    Permalink

    condivido il post Toni. è un imprenditore e pertanto interessava acquisire qualsiasi squadra italiana per far girare suoi soldi e investimenti. Parma è stata la scelta più appetibile essendo una squadra da discreto palmares anche se datato, avendo avuto consecutive promozioni storiche ma soprattutto essendo marchio importante nel mondo a livello di territori e prodotti.
    non credo nemmeno io che si svenerà (come è giusto che sia poi) per portarci una rosa da vertice.
    il suo obbiettivo è la permanenza in A cercando di non spendere quasi nulla di altro per ora.
    di calcio sa pure molto poco come qualcuno a scritto i giorni scorsi, e pertanto non ha proceduto a cambiare DS e allenatore a dicembre ragionando nello stile “non so, non rischio, aspetto”.
    per il mercato pertanto preoccupano gli innesti di Saponara (quasi ex giocatore) e Pinamonti in un contesto come questo. Gervi andrà e non è un bene. Poi spero almeno monetizzino o cedano definitivamente il cartellino di Inglese piuttosto che di Cornelius.
    per Liverani che dire, se non si vince con il Torino spero abbia almeno il buon senso di dimettersi.

  • 29 Dicembre 2020 in 17:51
    Permalink

    Dal primo gennaio Krause si dedicherà solo al Parma. Mi aspetto quindi che prende delle decisioni immediate dopo aver visto lo schifo di questi primi 3 mesi in carica.

  • 29 Dicembre 2020 in 19:02
    Permalink

    Carli cedendo il solo giocatore in grado ogni tanto di fare la differenza, ovvero Gervinho in cambio di Pinamonti (già bidone al Genoa lo scorso anno) concluderà il delitto perfetto organizzato da Nuovo Inizio a maggio, ovvero la retrocessione (così i nostalgici potranno godere del derby con la Reggiana). Resta da capire se da ultimi o come credo io penultimi davanti al Crotone e dietro lo Spezia. A Krause hanno detto che la retrocessione non è poi male perché i vecchi soci prendono il paracadute e lui si toglie dal groppone tanti impegni che erano condizionati alla Serie A. Tutto questo spiega Busi, Mihaila, Liverani, Carli, Valenti. Tutta rantumaglia che chiunque “non stupido” come ha candidamente ammesso il pieraccionesco Ds volendosi salvare non avrebbe preso. Chi vuole salvarsi vedere Prezionsi, Commisso, Saputo. Noi come dico da luglio vedere Spal dell’anno scorso. Almeno con la B ci libereremo di Carli.

  • 29 Dicembre 2020 in 19:21
    Permalink

    Condivido in toto Davide

  • 29 Dicembre 2020 in 19:29
    Permalink

    Se infatti Gerviño e Inglese venissero ceduti … voterei Cutrone e Giovinco ….. per la sinistra personalmente spero che Valentin Mihăilă faccia un ottimo lavoro

  • 29 Dicembre 2020 in 20:15
    Permalink

    Prendersela con Krause è un’idiozia,
    una mancanza di rispetto verso il nostro presidente.
    Prendetevela con i DUE COMPAGNI DI MERENDE.
    Sono loro i responsabili.
    IL DIVINO KRAUSE ha preso quello che Carli e Liverani volevano.
    La spesa fatta da Carli al mercato mi fa rabbrividire.
    Pensate Kulusevky era costato 100.000 euro mentre Carli ha speso 40 milioni per prendere GIOCATORI SEGA.
    Il fatto è che giochiamo da cani e dicendo questo chiedo scusa ai cani.
    Lo dico e lo ripeto
    Io sono cattolico praticante ma vedendo
    il gioco praticato dal Parma contro il Crotone e il gracchiare continuo di LIVERANI sulla panchina come una vecchia e spelacchiata cornacchia, mi era venuta voglia di bestemmiare.
    Pensate, mai ho bestemmiato in vita mia ma Liverani quasi era riuscito nell’intento
    di farmi bestemmiare vedendo il suo orribile gioco ( che più orribile non di può)

  • 29 Dicembre 2020 in 21:30
    Permalink

    Scozzarella al Monza

  • 29 Dicembre 2020 in 21:31
    Permalink

    Saputo e Bigon due anni fa al primo giorno di mercato avevano già preso Sinisa, cacciato a pedate nel culo il bel labbro piacentino e già portato a Casteldebole Soriano e Sansone una settimana prima dell’apertura ufficiale del calcio mercato. Senza ridicole interviste scarica barile senza un capo né una coda, senza supercazzole prematurate che sono quelle che il panariellesco Ds ed disoccupato propina a noi tifosi credendoci con l’anello al naso. Ma loro volevano salvarsi, LORO.
    Noi non siamo stupidi e infatti puntiamo dritti alla B di Benevento per la gioia dei nostalgici e del derby con quello straccione di Amadei (a questo punto poteva essere chiamato a fare l’8 magnifico).

  • 29 Dicembre 2020 in 22:15
    Permalink

    INCREDIBILE SCOZZARELLA AL MONZA NON HO PAROLE MERITIAMO LA B !!

  • 29 Dicembre 2020 in 22:58
    Permalink

    Ma è questo ciò che voglio far capire…
    Ce la stiamo prendendo con Carli e Liverani; OK, sono i peggiori del mondo, non c’è dubbio, ma c’è qualcuno al di sopra di Carli eLiverani? C’è un Proprietario che decide?
    Oppure ci troviamo nella situazione che il servo comanda il padrone (non è la dialettica di Hegel in questo caso)… no perchè se è cosi è finita, andremo anche in lega pro.
    A sto punto cambiamo padrone

  • 30 Dicembre 2020 in 12:08
    Permalink

    a parte tutto, lette le dotte considerazioni che precedono, io dico che il piede illuminante di Gervi è ciò che mi fa piacere quando guardo le partite del Parma. Vero che molte volte rimango deluso, ma questi giocatori (lascio stare Messi e Maradona, però cito Morfeo e Cassano, tanto per dire) sono di un’altra dimensione calcistica. A questi non si può chiedere la costanza, sono artisti e non operai, ma persino la mia compagna (che di calcio ne sa quanto alcuni assidui frequentatori del sito, cioè quasi nulla) si accorge di qualcosa di diverso quando uno di questi tocca o toccava la palla.
    Faremo a meno anche di Gervi, anche il paesino di Sant’Ilario tornò grigio quando andò via Bocca di Rosa (cit.)…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI