L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / LA DORSALE D’ANTAN HA ANCORA IL SOPRAVVENTO SUL PARMA DELL’ANNO CHE VERRA’

(Luca Tegoni) – Quel vento freddo di Genova, che sospingeva o respingeva il pallone, non ha spazzato completamente la paura che intimidisce i piedi e la volontà dei Crociati.

Si affrontavano, ieri sera, due squadre in stato confusionale con pochi punti e un’identità tutta da trovare. Per quanto riguarda il Parma la squadra vecchia, quella dello scorso anno, ha avuto il sopravvento su quella che dovrebbe essere la squadra nuova, quella dell’anno che verrà.

E così con quei ricorsi alla memoria le giocate determinanti dei giocatori migliori del Parma mantengono nella confusione la squadra di Maran.

Recupera palla sulla tre quarti Kuçka, scarta l’avversario di potenza e tocca con grazia la palla in area per lo scatto di Gervinho che si avventa sulla palla e la scaglia in porta sul portiere in uscita. Kuçka e Gervinho poco più indietro Scozzarella, ancora prima Bruno e per cominciare Sepe. La dorsale del Parma caratterizza la partita pur nelle difficoltà incontrate da ognuno, ma si dimostra indispensabile per sopperire alle mancanze dei compagni. Veramente scarsa la prestazione di Busi, incapace a difendersi da Pellegrini e inadeguato a supportare l’attacco del Parma. Il Parma è ancora molto prudente e per quanto riguarda l’attacco gli esterni bassi non passano quasi mai la metà campo, per cui il gioco si sviluppa per sovrapposizioni dei tre più tre alla ricerca della verticalizzazione improvvisa o dell’appoggio per il lavoro da facchino che si sobbarca Cornelius non solo quando arrivano palle alte lanciate dalla difesa  da conquistare.

Nel primo tempo per due volte il Parma perde il controllo della situazione in difesa. La prima volta ci pensa Sepe a neutralizzare il tentativo di Eldor (Shomu …) mentre la seconda è Scamacca che si immedesima in Egidio (Calloni) del tempo che fu, e scaraventa la palla in tribuna ad un passo dalla porta sguarnita.

Per il resto solo Parma che trova anche il tempo, negli ultimi due minuti, per sviluppare due belle azioni d’attacco che però Gervinho non riesca a tramutare in rete, sciaguratamente nella prima, liscio al volo davanti alla porta e per merito del portiere, nella seconda, che riesce a deviare il bolide calciato dal nostro sulla traversa.

Karamoh sovente appare in uno stato catatonico come ipnotizzato. A sua insaputa, probabilmente, centra con una pallonata il volto di Osorio nel tentativo di liberare l’area di rigore.

Il secondo tempo si apre con il secondo goal di Gervinho dopo una bella azione in cui il Parma si distende in avanti ed è fortunato quando un cross sbagliato di Kurtic, ai suoi soliti livelli, gli capita tra i piedi e lui è bravo a destreggiarsi per andare al tiro e, con la complicità di un difensore che sfiora il tiro, infilare l’angolo basso alla destra del portiere.

Pochi minuti dopo, due contrasti consecutivi  lasciano a terra due giocatori del Parma e consentono al Genoa di presentarsi davanti all’area. La palla sarebbe troppo lunga, ma l’inefficace Busi rimane fermo, non attacca e il conseguente contrasto mette l’Uzbeko di prima davanti a Sepe e questa volta non perdona. Due a uno. Probabilmente da questo momento il Parma viene assediato dalla paura. Comincia un’altra partita, involuta, precaria, forse rabbiosa. Si infortuna anche Scozzarella e qui quel poco di lucidità che rimaneva a centrocampo lascia il posto alla mollezza delle movenze di Hernani, immancabilmente alla regia della squadra come nei recenti film horror trasmessi.

Il Genoa non c’è, ci sono solo molti individui che non riescono a giocare tra di loro e così il Parma, pur rimasto in emergenza per carenza di autostima e perché Grassi si fa male alla spalla e deve uscire senza poter essere sostituito, riesce a portare a casa questi tre punti che gli consentono di rimanere agganciati alle squadre fuori zona retrocessione.

Non mi pare che si possa dire che la strada sia stata tracciata, però almeno può crescere la consapevolezza che la qualità dei giocatori “di dorsale” non è andata perduta e che a quella ci si può affidare.

Il Parma per il terzo anno consecutivo vince a Genova sponda Grifone. Due a uno con doppietta di Gervinho. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / LA DORSALE D’ANTAN HA ANCORA IL SOPRAVVENTO SUL PARMA DELL’ANNO CHE VERRA’

  • 1 Dicembre 2020 in 15:25
    Permalink

    Forse la dorsale ha funzionato perchè Kucka ha giocato a centrocampo e Gervi largo sulla fascia? Prima di ieri i due erano sempre stati schierati fuori ruolo.

    • 1 Dicembre 2020 in 17:37
      Permalink

      Intendevo, per dorsale, gli uomini su cui fare affidamento. Poi sono d’accordo per Kuko che non può giocare fuori ruolo. Un po’ meno per Gervi perchè secondo me deve giocare dove gli pare e infatti ieri tutte le azioni pericolose le ha compiute centralmente e non largo sulla fascia. Saluti

  • 1 Dicembre 2020 in 17:46
    Permalink

    Possiamo essere felici per i 3 punti….ma anche la vittoria di ieri è ancora di “D’ aversiana” memoria quindi vuol dire che Liverani deve ancora plasmare la squadra ,e l apporto dei nuovi Osorio a parte è ancora inconsistente li abbiamo visti poco è vero ma……….in ogni caso vuol dire che sono ancora da inserire quindi ………siamo indietro su tutto,cosa vogliamo fare? incamerare punti o giocare col modulo convenzionale al mister ( manon ai giocatori)e rischiare fino al ultima giornata? no perchè trovo leggitimo che Liverani tenti di perseguire la strada del “gioco propositivo” ma…..siamo realisti i punti li abbiamo fatti tutti giocando come lo scorso anno.

  • 2 Dicembre 2020 in 14:39
    Permalink

    Io direi che si sono visti sprazzi di Liverani, che non è solo possesso palla, ma riconquista della stessa nella trequarti o metà campo avversaria con rapide ripartenze corte da cui sono venute le azioni più pericolose ed i gol. L’importante ora è la solidità di squadra e si può dire che nonostante diverse sbavature difensive e appoggi sbagliati nelle ripartenze a centrocampo, segno che i meccanismi non sono ancora ben oliati, l’atteggiamento era quello giusto. Se penso alla depressione in cui ci avevano sbattuto le ultime due partite, direi che il miglioramento c’è stato, e questa è la base da cui si deve ripartire, sperando che con il raggiungimento della migliore condizione fisica e la conoscenza reciproca e del gioco ci portino alla costanza di rendimento all’interno della stessa partita che è la base per una salvezza tranquilla. Per il completamento del gioco di Liverani c’è tempo (ci vogliono gli uomini giusti), io mi accontento di quello che ho visto lunedì con una maggiore continuità.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI