PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / DA KROTONE SI TORNA CON RABBIA E DELUSIONE

(Mauro “Morosky” Moroni) – Premessa necessaria, anche a costo di rendermi impopolare, giusto con gli amici-lettori che mi scrivono in privato: pur rispettando i pareri di tutti voi, non mi posso sdoppiare, scrivendo ciò che vorreste leggere, è una questione di personalità, di credo, forse di cecità, ma di rispetto, dapprima per me stesso e, in secondo luogo, per chi “LAVORA”, per chi ha immesso soldi, per chi ha preso decisioni  giuste o sbagliate che possano essere), per chi è stato scelto per allenare e chi, per giocare (bravi, meno bravi, pronti o meno pronti!): tutto questo, per essere coerente, lineare, convinto di un credo personale, filo aziendale, le scelte fatte credo che vogliano avallate e portate avanti (Prandelli per Iachini e Ballardini per Maran sono gli esempi di cambi in corsa che io non gradisco, ma, visto che pagano i mecenati, padri padroni, a me, ad un certo punto, cosa importa?): il tempo è sempre galantuomo e, alla lunga, vedremo chi la vince!
Sarebbe bastato tornare a casa coi 3 punti, buona classifica, Buone Feste, Italia in rosso clausura e tutti contenti, in vacanza, in attesa di ripartire il 3 Gennaio in casa contro il Toro: invece, tra un paio di palle gol letteralmente “sgagnate” da Karamoh, ha piazzato due “giochesse” il brasiliano Messias (5, 6 anni fa giocava in una squadra di amatori Uisp, ci pensate?) e il primo tempo si chiude 2-0 per i calabresi!
Rabbia e delusione perché al 57′, Kuko aveva accorciato le distanze e, a seguire, ancora Karamoh non ha approfittato di una frittata difensiva, poi Cordaz si è superato su colpo di testa di Brunetta e, all’ultimo minuto di recupero, un tiro di Kuko ha lambito il palo!

* Circa i singoli *

Sohm, per fare il play centrale, è ancora giovane, lento ed ingenuo: nei primi 15 minuti credo di aver contato non meno di 4, 5 palloni persi nella zona mediana, non tanto lontano dalla nostra area e, per un metodista, questo è anticalcio; Busi, sulla fascia destra, ha gamba, ha corsa e generosità, ma, alla fin fine, produce poco e latita quando c’è da difendere; Kuko deve giocare mezz’ala, ruolo e posizione a lui congeniale, per caratteristiche, tempo negli inserimenti e “maruga tattica”, su questo non ci piove!

I due centravanti, prima uno e poi l’altro, sono sempre per terra, giocano spalle alla porta e, verso questa, non tirano mai: ribadisco che, in 14 partite, non hanno messo insieme nessun gol, in due!

Lascio perdere il resto della truppa ed insisto nella mia cocciutaggine: a noi servono, necessariamente:

  • 1 play maker centrale, tosto, esperto e leader importante
  • 1 centravanti che metta dentro 12 / 15 gol ogni campionato
  • per il prossimo mercato serve questo, non ci sono altre richieste da parte mia!

Mi ostino a rimanere cocciuto, sognatore, “non vedente” e speranzoso col bicchiere mezzo pieno, contro i risultati, contro la classifica e contro i pareri generali; io rimango testardo e coerente col mio pensiero: è stato scelto un Direttore Sportivo (da Nuovo Inizio?), è stato scelto un allenatore nuovo ed è stato approntato, tardivamente (i soldi chi li avrebbe messi e garantiti?, io, tu, noi, i tifosi o i bla bla bla?) il mercato, tutto questo non fa una grinza, ma, ciò nonostante, fino a quando ho tre, o quattro, squadre dietro non mi preoccupo più di tanto!

Ci mancano quei 3..4 punti che potevano farci star meglio in classifica, ma sono convinto che si possa ampiamente recuperare; il disfattismo generale (via allenatore, Direttore Sportivo e quant’altri) non conduce da nessuna parte: mancano 5 gare alla fine del girone, bisognerebbe portare a casa almeno 7-8 punti. Dove e come non saprei, ma nulla è impossibile: molto dipende dai giocatori stessi, giustamente anche dal manico, ma i singoli sono questi, a Gennaio riapre il mercato e, chi dovere, dovrà provvedere alla bisogna!

Io, sempre da bastian contrario, in assenza di alternative valide e migliori – intendiamoci, di ruolo – penserei ad un canovaccio tattico diverso, prettamente conservativo e difensivo: perché non osare una posizione tattica novella in stile Milan anni ‘90, con un difensore, tipo Rijkaard o Desailly, davanti alla nostra difesa? Chi potrebbe essere costui? OSORIO, fuori luogo, fuori posizione, ma diga centrale, forte di testa, forte fisicamente, e grande esperienza, tale da poter agire da “distruttore, recuperatore ed elemento equilibratore tattico per poter usufruire, a metà campo, di tre elementi offensivi che potrebbero dare più profondità alla manovra d’attacco:

SEPE

IACOPONI   BRUNO ALVES   GAGLIOLO

OSORIO

KUKO   HERNANI   KURTIC

GERVINHO   CORNELIUS   BRUNETTA

* I gol ciapè * (25)

Mertens-Insigne (Napoli), Soriano(2)-Skow.Olsen-Palacio (Bologna), Samir-aut. Iacoponi-Pussetto (Udinese), Chabot-Agudelo (Spezia), Brozovic-Perisic (Inter), Borja Majoral, Mikhitaryan (2), (Roma), Shomurodov (Genoa), Theo Hernandez (2) (Milan), Kulusewski, Ronaldo (2), Morata (Juventus), Messias (2) (Crotone)

* I marcador Croszè * (13)

  • 4 Gervinho
  • 3 Hernani
  • 2 Kurtic (Jasmin), Kuko
  • 1 Karamoh, Gagliolo

* I nostar cartlen geld *

  • 04 Hernani (in diffida)
  • 03 Kucka, Iacoponi
  • 02 Alves, Pezzella,,Kurtic, Inglese,
  • 01 Laurini, Brugman, Grassi, Sohm, Busi, Karamoh, Scozzarella, Brunetta, Osorio, Cornelius, Cyprien.

* I risultati del 14° Turno *

2-1 Crotone-Parma (Martedì 22/12 ore 18.30)
0-3 Juventus-Fiorentina ( ore 20.45 ) 

1-2 Verona-Inter (Mercoledì 23/12 ore 18.30 )
2-2 Bologna-Atalanta
3-2 Milan-Lazio
2-3 Sampdoria-Sassuolo
1-1 Napoli-Torino
0-2 Udinese-Benevento
3-2 Roma-Cagliari
1-2 Spezia-Genoa

*Il Borsino Morosky*

Il campionato è sempre un cantiere dinamico: ogni turno muove classifica e speranze future: le partite “sbagliate” sono state contro Napoli, Bologna, Udinese, Viola, Roma, Benevento e Cagliari: non tutte uguali tra di loro, alcune giocate e non perse o pareggiate immeritatamente, ma, se considero anche le altre (Verona e Spezia, in primis) il borsino va ad equilibrarsi, senza crediti, ma neppure debiti (se la butti dentro sei furbo e vincente, se non succede perdi e stai zitto, indipendentemente dalla prestazione, la quale non ci ha mai visto dominare più di tanto, sfido a dimostrare il contrario, dal primo minuto al 98°).

Ed ora non resta che leccarsi le ferite (a Collecchio, anche se, ritiro o non ritiro, a mio avviso serve poco), serve solo capire, SOCIETA’, DIRIGENZA TECNICA, STAFF e GRUPPO GIOCATORI, cosa bolle in pentola, cosa è successo, cosa sta succedendo, cosa vogliamo fare?

Credo che questa sorta di chiarimento in casa, in famiglia, a  50 o 70 occhi, nessuno escluso, con chi di dovere al pulpito, debba esser risolto, affrontato, sviscerato e, se serve, ALESSANDRO LUCARELLI, per quanto nelle tue competenze, con tutto il tuo carisma, esperienza e voce in capitolo, BATTI IL PUGNO, TIRA GIU’ PESANTE, A MODO TUO, DA CAPITANO, DA LEADER, tutto questo senza voler darti responsabilità maggiori di quelle che potresti avere ma, LA TUA PAROLA, IL TUO ESSERE GRANDE PROFESSIONISTA, può sicuramente incidere, ora ed in futuro, su questa squadra che PUO’ e DEVE FARE DI PIU’, ca$$o!

IO NON MOLLO, NON SI ARRIVERA’ AI MIEI 50 PUNTI, CERTO, HO CAPITO, MA non siamo nemmeno da retrocessione; però, VOI, TUTTI, DOVETE PROMETTERMI DI GIOCARE, LOTTARE, SUDARE, SBATTERVI, OGNI ISTANTE, OGNI PARTITA, OGNI FRANGENTE, SENZA MAI TIRARE INDIETRO LA GAMBA! Ci siamo capiti? Ci siamo intesi giovanotti?

Io vengo a Collecchio e vi aspetto fuori, alla sbarra, giusto per guardarvi in faccia, ognuno di voi, assolutamente senza cattiveria, senza intenzioni bellicose, solo con l’orgoglio di essere tifoso, appassionato, verace, credente e mai domo, anche se, con le ultime prestazioni, mi sono un po’ ..smarronato!

Tutto questo non è un controsenso; si tratta di carota e bastone; si tratta di chiedere a tutti voi, grinta, cazzimma, voglia di sbattersi per la causa (la maglia, il sudore, l’attaccamento, eccetera eccetera, spesso sono frasi fatte e parole, parole, parole), dateci dentro, dateci l’anima, il core, la faccia, la gamba e …gli attributi, proprio come fanno quelli del Benevento, del Crotone e delle squadre, sicuramente più scarse di noi, o di voi?

Buone festività a tutti,

Covid e Dpcm permettendo, zone rosse pure,

Forza Parma e, non saprei cos’altro dire,

Cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

26 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / DA KROTONE SI TORNA CON RABBIA E DELUSIONE

  • 24 Dicembre 2020 in 01:01
    Permalink

    Ho capito bene?
    Non siamo da retrocessione?
    Ma Co dit?
    Ancora un mesetto e saremo in fondo alla classifiga

    • 24 Dicembre 2020 in 13:51
      Permalink

      Non sono d’accordo. Senza se e senza ma. Siamo salvi.

    • 24 Dicembre 2020 in 14:53
      Permalink

      la classi Figa e’ un lapsus freudiano o una fissazione

  • 24 Dicembre 2020 in 03:05
    Permalink

    Se questo campionato arriviamo quart ultimi e già tanto ci giochiamo la salvezza con Crotone Torino Genoa e spezia

  • 24 Dicembre 2020 in 07:24
    Permalink

    Caro Mauro, qui il problema non è di mettercela tutta…ho visto una squadra che correva e picchiava a Crotone..ma nulla più…qui si tratta di ripassare lo scopo del gioco, è uno..FARE GOL…
    Il punto è che ho visto sbagliare mille passaggi, mille cross…nervosismo e smarrimento…e questo può succedere se non si hanno delle direttive chiare e lineari.
    Io non vedevo una squadra così imbarazzante dai tempi di Silvio Baldini…mi dispiace dirlo ma non credo che liverani stia facendo un lavoro che possa consentirci di salvarci..
    Parma spezia 1-1 (per un soffio)
    Parma Benevento 0-0
    Crotone Parma 2-1
    Questa siamo ultimi negli scontri diretti contro le neopromosse…in 14 partite, 2 vittorie..una casuale col Verona è una con un Genoa che forse è l’unica a star peggio di noi.
    Mi dispiace ma così si retrocede meritatamente, non si discute.
    Il mercato? Lo vedo quasi inutile…non credo a salvatori della patria..non credo che un altro centravanti risolverebbe nulla (per quanto un cambio lo farei a prescindere), non credo che un play svolti la stagione.
    Credo che la squadra abbia il potenziale per far bene in serie A e i giocatori sono poi quelli che un anno fa hanno fatto bene, più qualche giovane che sta facendo la prima esperienza importante.
    È un problema di idee che non ci sono, non a caso emergono solo saltuarie individualità (vedi kucka, gervinho), esattamente come all’oratorio..ed esattamente come all’oratorio ci stiamo abituando a pensare che ‘il risultato non conta’.
    Caro Mauro, il buon don Fabio Liverani non funziona, se ci siano alternative valide non lo so..ma così non va.
    Per il resto buone feste a tutti! Saranno strane…per qualcuno tristi…ma mai come questa volta auguro a tutti un buon nuovo inizio…
    Un abbraccio e forza Parma!

  • 24 Dicembre 2020 in 09:52
    Permalink

    CARLI & LIVERANI sono come
    IL GATTO E LA VOLPE
    e KRAUSE che di calcio ne capisce poco è come
    PINOCCHIO
    Mi spiego meglio
    Il Gatto e la Volpe capendo che Pinocchio è un credulone, hanno fatto seminare a Pinocchio monete dicendogli che da,quelle monete poi nascerà una pianta è darà cento volte di.piu’ di quelle monete seminate.
    Poi dopo che Pinocchio ha seminato e se ne è andato il gatto e la volpe vengono a prendersi le monete seminate e se le mettono in tasca.
    Le monete sono.i giovani balordi che abbiamo e i giovani
    per quello che valgono, sono costati troppo anche se verranno pagati solo se il Parma rimarrà in 🅰 dato che ora sono in.prestito.
    Non vi fa riflettere questa cosa?
    Non è che qualcuno….. A buon intenditori, poche parole.
    D’ora in.poi chiamerò
    KRAUSE Pinocchio
    CARLI La volpe
    LIVERANI il gatto

  • 24 Dicembre 2020 in 10:26
    Permalink

    Mauro mi sa che insieme all’ inadeguato Carli e al Don Giovanni Lucarelli sei il solo che vede il bicchiere mezzo pieno. Capisco che in tempi di vacche magre anche la feccia in fondo alla bottiglia non si disprezza (chiedere al Ponte Caprazucca su come fare economia e spese oculate), però qui siamo anche senza feccia, siamo a zero con in più spogliatoio fuori controllo. Come ripeto sempre in due mesi la vecchia proprietà ha distrutto e azzerato tutto lasciando macerie, oltre che assumere alla c…o gente totalmente inadeguata. Io se fossi in Krause però assumerei come uomo forte il mitico sindaco sceriffo di Sorbolo l’epico Cesári. Che dopo aver dato la caccia per mesi a delinquenti a spasso nonostante il locdaun, inseguito con la Panda della Municipale criminali “in giro”, essersi fatto boccare da cani feroci adesso lèggiamo che sgomina bande di ladri! Da solo e a mani nude. Sarebbe perfetto per mettere ordine nell’esplosivo spogliatoio gialloblù.

    • 24 Dicembre 2020 in 14:54
      Permalink

      iga Davids a don giovanni sono imploso ,ahahahah

  • 24 Dicembre 2020 in 12:04
    Permalink

    Caro Moro, Davide ha scritto che vedi il bicchiere mezzo pieno.
    Ma come fai a vedere il bicchiere mezzo pieno se
    NON C’È NEMMENO IL BICCHIERE?
    Il Parma continuerà a perdere fino a quando Pinocchio
    si accorgerà che il gatto e la volpe hanno fatto troppi danni
    e li manderà via.
    Ma lo farai purtroppo fuori tempo massimo, a tempo scaduto
    quando ormai nemmeno un Conte o un Allegri riusciranno a salvarci.

  • 24 Dicembre 2020 in 12:05
    Permalink

    A Liverani servono due lì davanti trequartisti o esterni ma che sappiano tirare verso la porta, come aveva lo scorso anno Mancosu Saponara e Falco. Karamoh si è dimosrato non all’altezza, va bene come vice Gervinho. Altrimenti vada via il mister e senza mercato si punti sul ritorno di D’Aversa per cercare una salvezza molto difficile ad oggi: squadra stile gli ultimi 2 anni, compatti dietro, cinici davanti…..guardate con questo atteggiamento il Benevento dov’è!

  • 24 Dicembre 2020 in 12:07
    Permalink

    Carli e liverani confermatissimi e quest’anno serie b sicura

  • 24 Dicembre 2020 in 12:28
    Permalink

    Non è vero che non ci sono alternative a Liverani: Semplici, il ritorno di D’Aversa e pure Donadoni. Lascerei stare solo Zenga, pompato a bestia dai media, ma sega di allenatore.

  • 24 Dicembre 2020 in 12:30
    Permalink

    Dov’è la società? Dov’è l’amministratore delegato? Dov’è Kraus? Dove sono i qatarioti? Forza Parma e buon Natale, l’americano ci manda in B

    • 24 Dicembre 2020 in 14:52
      Permalink

      ma soprattutto donde estas cordon ?

  • 24 Dicembre 2020 in 12:39
    Permalink

    La mia opinione …. che non è necessariamente un’opinione critica … perché sono solo un tifoso che ama il Parma Calcio. Ho letto tutti gli articoli postati in questo momento e molti commenti … (non gli histeriocos che ripetono e ripetono la stessa merda).
    Ho già detto in passato che essere un tifoso di Parma è accettare di fare un giro sulle montagne russe. Per qualche motivo alla fine della giornata … il Parma si ritrova a vincere la battaglia in quel momento. Non ho motivo e non ho il potere di pensare di cambiare il manager in questo momento … di Sarri che ha lavorato bene con Carli o altri possibili candidati ….. i team seri hanno più pazienza per il lavoro del manager e si spera il La magia di Parma si mostrerà ancora una volta e saremo tutti contenti di essere sulla pista di cui saremo tutti contenti. Ricordate i miei colleghi Tifosi del Parma Calcio … il nostro Presidente … non è Preziosi o Zamparini …. e ‘Krause … credete nel Parma e nel nostro Presidente.
    Buon Natale a Tutti
    Forza Parma

    • 28 Dicembre 2020 in 18:22
      Permalink

      👍

  • 24 Dicembre 2020 in 13:14
    Permalink

    le dichiarazioni di Carli lasciano presagire che l’ ordine di scuderia sia proseguire così. la cosa preoccupa perché oltre ai vari problemi noti, come scritto sopra si ha pure lo spogliatoio fuori controllo con la novità di liti interne. una decisione forte andava presa anche perché con la sosta si avrebbe avuto occasione di ripartire. il tutto è incomprensibile.
    crotone e spezia, che alla lunga sta scendendo, sono 2 posti assegnati. ne manca uno.
    il genoa con il cambio allenatore ha fatto 3 punti in un derby salvezza fondamentali per il morale e penso che cambierà passo.
    il torino sinceramente ha una rosa da metà classifica e non credo proprio in una B. se ci sarà bisogno alla fine qualche regalino riceverà.
    molto dura anche perché come scritto da Velenoso anche io ho qualche perplessità sull’ infortunio di Gervinho l’ unico cha almeno una partita ogni 3 ti fa fare punti. mi sa che li ci rifileranno Pinamonti (tutto da vedere quante ne butta dentro in un ambiente pure poco tranquillo) e per completare il credo del mister Saponara giocatore da anni in declino con 15 presenze a stagione.
    Mah.

  • 24 Dicembre 2020 in 13:56
    Permalink

    Sono con Moro. Ci salviamo tranquillamente. Brutto periodo, da incazzatura ma siamo superiori ad altre squadre. Probabilmente non guardate le altre partite ma solo i risultati. Lo stesso Benevento è da retrocessione molto più di noi. È vero facciamo cagare adesso ma presto co posizioneremo dove è giusto ovvero tra il 10 e il 13 posto. Senza se e senza ma. Io vado controcorrente perché è troppo facile sparare alla croce rossa. Penso ci risolleveremo presto prestissimo. Avanti crociati. Sempre e forza gialloblu. Buon Natale a tutti. Con rispetto. Vs. LELE

    • 24 Dicembre 2020 in 14:51
      Permalink

      ma quale croce rossa ,chicsì an ghe gna pu la crosa

    • 24 Dicembre 2020 in 15:27
      Permalink

      Follia pura…. non essere consci della realtà!!!

      • 24 Dicembre 2020 in 16:57
        Permalink

        Sarà una lunga agonia

        • 24 Dicembre 2020 in 21:09
          Permalink

          Lunga resistente e morbida o yeah

  • 24 Dicembre 2020 in 16:29
    Permalink

    Oggi hanno detto che gli lasciano ancora le due partite dopo il ritiro
    Se le perdiamo saremo terzultimi…
    Dopo ne lasceranno altre o sarà abbastanza? tanto la storia non cambia neanche in ritiro.
    Se poi vendono Gervinho e Inglese …

  • 25 Dicembre 2020 in 09:42
    Permalink

    moro intanto buon natale,per usare un eu-femismo (un femismo europeo) .

    lessi (arf arf ) qui sopra il titolo rimato,a sto punto se da crotone tornammo con delusione meglio non aver giocato sul monte barigazzo ,prendiamola cosi’ o prendiamolo cosi’ stringiamci a coorte e stringiamci le chiappe ,at salud ,di ve mi ha detto pesenti di farti gli auguri

  • 25 Dicembre 2020 in 14:48
    Permalink

    L’idea di mettere Osorio a difendere davanti alla difesa è molto interessante. Potrebbe ridurre le occasioni nelle quali Alves deve affrontare l’avversario uno contro uno palla a terra, ormai sono situazioni dove fa fatica. Sarebbe stato opportuno confermare Dermaku.
    Busi e Sohm, fossero nelle mani di Liedholm, farebbero un’ora di muretto dopo gli allenamenti. Il fisico c’è, ma saper correre e fare a sportellate non serve molto, se poi si perdono troppi palloni per errori nel controllo e nei passaggi. Ora come ora non sono pronti per fare i titolari in Serie A, va dato loro il tempo di migliorarsi.
    Cyprien è fuori condizione, ci vorrà un po’ di tempo per vedere la sua versione migliore.
    A questa squadra serve gente che giochi sempre con la giusta intensità e che rimanga concentrata durante tutta la partita.
    Sono cose che non dovrebbero aver bisogno di alcuna sollecitazione.
    Sul mercato non servono grandi movimenti, nel complesso la rosa è ampiamente in grado di conquistare la salvezza.
    Un paio di arrivi sono sufficienti, un centrocampista che sappia impostare il gioco e un trequartista in grado di vincere l’uno contro uno e di creare la superiorità numerica.

  • 25 Dicembre 2020 in 21:56
    Permalink

    Con questo allenatore si va in B sparati.
    Via Liverani e via il suo mentore Carli.
    Non ci sono alternative all’esonero di entrambi. Ma come si fa a schierare gente come Basti, Sohm, e Cyprien, che non giocherebbero titolari nemmeno in diverse squadre di categoria inferiore, quanto a Messiah. aveva già dimostrato le sue qualità anche prima ad esempio contro il La Spezia ma lo staff tecnico del Parma non se ne è accorto ed è stato lasciato libero di fare quello che voleva, se il Lecce ha subito 85 reti un motivo ci sarà pur stato e noi in quanto a reti subite siamo già da podio e tra un pò anche per le reti realizzate. Comunque se per il Presidente va bene faccia pure …il Bologna l’anno scorso se avesse tenuto Inzaghi e non avesse comprato a gennaio sarebbe retrocesso, con perdite in conto economico pesantissime.
    Forza Parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI