PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / LA (PROBABILE) CESSIONE DI SCOZZARELLA E CERTI STRANI DISCORSI “PARACADUTISTICI” DA EVITARE

(Luca Ampollini) – A meno di sorprese dell’ultim’ora Matteo Scozzarella saluterà Parma. Credo sia giusto tributare un grande ringraziamento a questo piccolo, grande regista, arrivato in Lega Pro nel mercato invernale del 2017 rivelandosi, poi, come uno dei grandi protagonisti della storica scalata Crociata. Fu il primo colpo dell’era Faggiano e ricordo che, al suo arrivo, ripescai una vecchia dichiarazione di Serse Cosmi che lo descriveva come “un piccolo Pizarro” e, sostanzialmente, “forse il più forte regista avuto nella sua carriera”. Dichiarazioni che utilizzai a “Calcio e Calcio”, un po’ roboanti, ma non eccessive, perché l’allora pensatore di mediana del Trapani era senza dubbio il miglior centrocampista della Serie B. Fu quindi un gran colpo, sebbene nella prima stagione in Lega Pro non avesse avuto un rendimento sempre pari alle attese. Il grande agonismo della 3^ serie non sempre lasciava spazio alle idee di fini pensatori di categorie superiori. Le sue qualità si ammirarono decisamente in B, ma soprattutto in A e solo miriadi di infortuni e un fisico non da massima serie ne hanno limitato il rendimento. Il suo maggior pregio è sempre stato quello di non perdere mai un tempo di gioco, manovre pulite, di qualità, un piede destro molto educato e sorprendenti capacità, soprattutto nell’ultimo anno, anche nell’interdizione. Ma la sua probabile cessione, sia ben chiaro, non smobilita nulla. No, perché, soprattutto sui social diventano virali concetti francamente difficilmente condivisibili. Il Parma quest’anno, lo sappiamo, sta deludendo ed è inutile ribadire qui i motivi di un inizio di stagione così complesso. Ma leggere, ascoltare, discorsi del tipo che “Krause vorrebbe retrocedere per ricevere il paracadute”, beh, scusate, MA non si può proprio sentire! Un super industriale americano, facoltoso, di successo, acquista il Parma, investe tanti milioni e poi? Vorrebbe scendere in B per ricevere i compensi che spettano alle squadre retrocesse? Ma le perdite legate alla retrocessione, oltre ad un inevitabile smacco a livello di immagine, sono molto più pesanti e più gravi rispetto ai vantaggi (😳) di un “paracadute” legato alla caduta in B. Krause ha ambizioni, un progetto importante a lungo termine, legato anche alla progettazione della nuova “Tardini Arena” (si chiamerà così?), ma deve conoscere i meccanismi di un mondo nel quale si è immerso da pochissimo. E questo ambientamento passa inizialmente anche da risultati negativi, dai quali ci si dovrà riscattare, perché sono fondamentali, ma è doveroso avere pazienza, il progetto è credibile e importante, lasciamo stare, dunque, strani (e strampalati, ndd) discorsi “paracadutistici”…  Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

44 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / LA (PROBABILE) CESSIONE DI SCOZZARELLA E CERTI STRANI DISCORSI “PARACADUTISTICI” DA EVITARE

  • 30 Dicembre 2020 in 18:51
    Permalink

    Mi sono permesso di aggiungere, al testo del sempre educato Ampollini, un aggettivo, pure abbastanza misurato (“strampalati”) relativo ai discorsi, per l’appunto senza né capo né coda, di certuni a proposito del tema “paracadute”. Idiozie che mi capitava di leggere, anche in questo spazio (che purtroppo sta degenerando non poco, rimarcando la mancanza di equilibrio dei soliti noti) anche mesi fa, allorché KK era ancora al di là di venire. Pensare che il Parma intenda VOLONTARIAMENTE calare di categoria per beneficiare (beneficiare, si fa per dire) del paracadute, sulla cui effettiva entità io nutro considerevoli e ragionevoli dubbi. Men che meno, come spiegato da Luca, un vincente americano non si gioca la faccia con un machiavellismo italico, appena arrivato. La retrocessione in serie B sarebbe un gravissimo incidente, non certo, alleviato dal paracadute, che, per inciso, verrebbe sì elargito (ma sarebbe lontanissimo parente dei diritti tv persi con il declassamento), ma una sola volta e nessuno può garantire il ritorno in serie A immediato e di bagni di sangue del genere ne abbiamo vissuti parecchi. Dunque, almeno in questo spazi, si evitino di scrivere castronerie che oltre ad offendere il nuovo presidente, che si meriterebbe social-tifosi migliori, prima di tutto offendono il buon senso di cui ciascuno di noi dovrebbe essere dotato.

    • 30 Dicembre 2020 in 22:32
      Permalink

      Totally agree with you mr. Majo.

    • 31 Dicembre 2020 in 16:11
      Permalink

      Se ricordo bene, il paracadute viene elargito in 3 anni e solo se rimani in cadetteria per tutti e 3 gli anni. Sicuramente non ne vale la pena. .

      • 31 Dicembre 2020 in 16:33
        Permalink

        Non precisamente. Viene erogato nella massima misura (circa 25 ml se non sbaglio) alla matricola federale retrocessa che vanti una militanza di almeno tre stagioni consecutive nella massima serie. L’importo è decisamente inferiore rispetto al gettito dei diritti TV (circa 20 ml in meno) mentre i costi (stipendi tesserati) resterebbero pressoché inalterati avendo ambizione di essere promossi subito. Impresa che non è detto riesca, per cui il rischio di un bagno di sangue resta enorme. Nessuna persona di buon senso può programmare la retrocessione per il miraggio del paracadute. Men che meno un ricco tycoon americano appena arrivato in Italia col desiderio di cavarsi soddisfazioni

  • 30 Dicembre 2020 in 20:12
    Permalink

    Sarà tuto ció che vuoi, probabilmente il motivo è un altro, meno strampalato, di come si sta evolvendo la situazione, così parló zaraustra. Il colmo non è il colmo finchè non è colmo

  • 30 Dicembre 2020 in 20:36
    Permalink

    Se KRAUSE avesse ambizioni dopo la partita da oratorio senza gioco senza idee e senza palle fatta con il Crotone avrebbe licenziato immediatamente il gatto e la volpe come avrebbe fatto qualsiasi presidente di A di B e di C ed anche di D.
    Perché caro Majo non l’ ha fatto visto che la stragrande maggioranza dei tifosi la pensa come me?
    Non ci vuole un cieco o un sordo per capire che che il mercato estivo è stato fallimentare, direi agghiacciante ( Lei pensa di non?) e che il tanto decantato gioco di LIVERANI dopo 4 mesi non si vede proprio anzi più partite facciamo e più giochiamo.male.
    Con il Crotone abbiamo fatto nel primo tempo il più brutto gioco nella storia del Parma dal 1.913
    Avremmo perso anche con il Bargone che è una frazione di Salsomaggiore
    Adesso arriva il Torino.
    Giocatori ammutinati e giocatori che già sanno di andarsene da Parma faranno col Torino una partita VIGLIACCA perdendo
    per 2-0 senza grinta e senza palle tanto loro se ne fregano, pubblico non c’ è e quindi non possono venire fischiati ed anche le ire dell’allenatore o del D.S. a loro non fanno un baffo.
    Sono in ritiro ma che cavolo di ritiro è se per San Silvestro possono brindare e ubriacarsi fuori del ritiro?
    Questo doveva essere in ritiro punitivo.
    A me non sembra proprio.
    M’è venuto un dubbio.
    Non è un per caso che Krause avendo capito che i giovani presi fanno orrore e ribrezzo e per contratto se li deve tenere se rimaniamo in A salvo restituirli al mittente in caso di retrocessione preferisca restituirli al mittente retrocedendo?
    Chi mi dice che pur di risparmiare 40 milioni per dei GIOCATORI SEGA preferisce la B anche perché quei Brocchi nessuno li vorrebbe nemmeno gratis?
    Teoria che può essere anche fantasiosa ma bisogna tenerla in debita considerazione per non trovarci poi spiazzati caro Majo dall’ evolversi dei fatti.
    Krause non può tenere un allenatore che in 4 mesi non ha saputo dare una parvenza di gioco alla squadra e non può nemmeno tenere nemmeno un D.S. che ha fatto spendere 40 milioni per dei giocatori giovanissimi che forse hanno sbagliato mestiere volendo fare i cslciatori.
    Tutto è possibile anche la mia teoria e questo è avvallato anche dal fatto che i migliori del Parma stanno per essere ceduti per arrivare così più in velocemente in B.
    Qualcosa di torbido e di losco bolle in pentola.
    Chi non crede a questo molto probabilmente crede invece a Babbo Natale e alla Befana.
    Dopo
    Parma 0- Torino 2
    ne riparleremo

    • 30 Dicembre 2020 in 21:19
      Permalink

      Mi sembra che non sia così palese che la maggioranza del tifo la pensi come te, solo i più attivi online del tifo, per quello che si vede almeno in questi spazi. Mi sembra più probabile inoltre che, a credere a tutte queste storielle di paracaduti e diritti di riscatto all’avanguardia, sia più facile che finisca tu per credere a babbo natale. Tranquillo, puoi sempre chiedergli un nuovo allenatore se preferisci 😉

    • 30 Dicembre 2020 in 23:39
      Permalink

      Vediamo caro moderatore chi avrà ragione.
      Diamo tempo al tempo e parliamone dopo aver incontrato il Torino.
      Spero ardentemente di sbagliarmi ma mi sa che Liverani e Carli hanno preparato un autostrada per andare
      più velocemente in B.
      Dopo la partita col Torino per quelli duri di ” COMPRENDONIO” forse cominceranno a capire che tutto sommato non sto dicendo cazzate
      Diamo tempo al tempo e vedrete che non mi sono PURTROPPO sbagliato.
      Tante cose non quadrano per niente.
      Per lei moderatore va tutto bene.?
      Tutto regolare
      e allora CHAPESU.
      La invidio, lei sta vedendo il bicchiere mezzo pieno quando nemmeno c’e il bicchiere.
      COMPLIMENTI.
      Ma mi scusi, ma chi è quel tifoso che è contento del Parma attuale con giocatori che giocano da schifo con un allenatore che era venuto a Parma come uno che aveva nell’attacco il suo fiore all’ occhiello, e invece a malapena si riesce a superare la.meta’ campo con giocatori che sono costati un occhio, vedi Busi Cyprien Brunetta e Sohm e altri che non giocherebbeto nemmeno nella Reggiana.
      E lei pensa che ci si siano tifosi che sono contenti di LIVERANI, di Carli, della classifica attuale del PERMISSIVISMO DI KRAUSE e nel mercato di gennaio della vendita dei migliori del Parma per prendere dal Lecce giocatori appena retrocessi e QUINDI DI SERIE B.
      Ma mi faccia il piacere.

      • 30 Dicembre 2020 in 23:49
        Permalink

        Attenzione però a non cantartela e suonartela contemporaneamente. Io non ho mai detto di essere contento. Fortunatamente ci sono altre vie rispetto a essere contenti o a essere d’accordo con quello che scrivi.
        Le opinioni sono come le palle: ognuno ha le sue. (cit.)

        • 31 Dicembre 2020 in 10:22
          Permalink

          E allora caro moderatore
          LE MIE PALLE SONO CICLOPICHE

          • 31 Dicembre 2020 in 12:39
            Permalink

            Ne hai una sola?? 😉

  • 30 Dicembre 2020 in 20:37
    Permalink

    Chi dice queste caz.. merita indifferenza, è assurdo pensare dopo aver speso quasi 100 milioni di retrocedere per prenderne 25 non c’è logica sono gli anti Parma Calcio
    A me da fastidio l’atteggiamento di Gervinho, decide lui quando tornare ogni volta che se ne va fa questo, spero che lo vendano tanto al massimo la differenza la fa 7 8 partite, 4 5 non c’è male, è le altre se le guarda
    Scusate se sono uscito fuori tema ma ci sono giocatori in squadre come la nostra che fanno la differenza è si caricano le squadre sulle spalle prendendo un ingaggio inferiore al suo

    • 30 Dicembre 2020 in 23:43
      Permalink

      Scusa Marco ma chi sono quei giocatori che si caricano la squadra sulle spalle?
      A me sembra non ce ne sia NEMMENO UNO.
      Sono curioso di sapere da te chi sono.

      • 31 Dicembre 2020 in 14:44
        Permalink

        io tutto questo gran giocatore in scozzarella non l ho visto !!! in lega pro il rendimento fu veramente scarso e anche in B gioco poi poco tra infortuni e roba varia ma scusi dove ha visto giocate lucide di scozzarella ? si riguardi le partite 90% pressato la passa indietro !!! non è un regista uno che appoggia al portiere !!! poi il regista e quello che fa più assist ebbene scozzarella in due anni non è mai entrato nella nostra classifica di assist men come intenditore eta scarso per cui cosa perdiamo ? poi dulcis in fondo sempre infortunato gioca mezz’ora e a uno strappo dai non è un giocatore infatti lo hanno
        lasciato a gratis !! se ne sono liberati finalmente …..

  • 30 Dicembre 2020 in 20:42
    Permalink

    Scusate ma Ampollini in questi anni che partite ha visto del Parma??? No perché sembra che perdiamo xavi o iniesta… io a parte qualche bella giocata ( siamo in serie A e non all’oratorio) non ricordo grandi prestazioni di scozzarella. Tanti infortuni, poco fisico e poco carattere… per salvarsi serve altro e i risultati lo stanno dimostrando. Il problema è che siamo riusciti a prendere giocatori peggio di lui…. Brugman hernani e Sohm……

    • 31 Dicembre 2020 in 10:27
      Permalink

      Nel nostro piccolo togliere Inglese Gervinho Scozzarella è come togliere dalla Juventus CR7 DYBALA e MORATA
      quindi se la Juventus rinunciasse a questi tre sarebbe ovvio che la Juventus non mirerebbe più alla scudetto.
      Nel nostro piccolo se ci vengono tolti Scozzarella Inglese e Gervinho è ovvio che non mireremmo più alla salvezza.
      Capito Luca?

      • 31 Dicembre 2020 in 15:03
        Permalink

        per favore scozzarella un velo pietoso stendiamo e da serie B e li finisce non è un regista da serie A mai fatto in assist sempre infortunato !! inglese e un fantasma non so neppure se può continuare ad essere un calciatore o seri dubbi sono passati mesi dal suo infortunio e non è mai riuscito a tornare in forma avrà problemi psicologici il ragazzo e finito o comunque al più una riserva …..non perdiamo nulla infatti quanti goal ha fatto ? non vedi che fa sempre fallo ormai non tiene più palla non scatta non segna a cosa deve ? poi gervinho gioca metà delle partite tra infortuni veri o falsi !!! quelle che gioca 80% non ti accorgi che gioca e nullo e stucchevole non marca non vorre una star che non possiamo più accettare visto che ormai raramente si accende …..voleva andarsene da tempo che senso a tenerlo ?

  • 30 Dicembre 2020 in 20:44
    Permalink

    Concordo sulla questione paracadute ma ci sono comunque aspetti inquietanti della gestione attuale. Non è possibile che Gervinho salti queste due partite decisive, denunciando un malanno molto discutibile e avendo fatto capire a più riprese di voler essere ceduto. I medici della costa d’Avorio non mi sembrano così all’avanguardia nelle cure… Dov’è la società a obbligare questo “professionista” a tornare ieri? Non è possibile che Carli rilasci un’intervista in cui dichiara che avrebbe voluto tenere d’aversa perché non era così pazzo da cambiare allenatore quest’anno e di essere stato costretto dalle arrabbiature di d’aversa con ciò dichiarando implicitamente che Liverani è una seconda scelta. Certo in una squadra in cui mancano qualità e soprattutto motivazioni mentali, prima di un big match una simile dichiarazione lo rafforza nello spogliatoio. Non è possibile sentire Carli che dice di non pensare al mercato dopo i capolavori estivi e dopo che Liverani ha chiesto giocatori pronti e per tutta risposta prepara il rinnovo di contratto per Bruno Alves. Qui la barca fa acqua e il pesce puzza dalla testa della gestione sportiva. Prima si cambia Carli prima si può mettere a tacere la voce del paracadute. Ci vuole coerenza tra dichiarazioni e comportamento, diversamente si, diventa degli sparacaz.

  • 30 Dicembre 2020 in 21:10
    Permalink

    Non c’e’ alcun dubbio che quella del paracadute sia una stupidaggine da leoni della tastiera che non merita ulteriori commenti. Personalmente sarei più interessato a capire le dinamiche che hanno portato alla, per me, dolorosissima separazione dal gagliardo scozzy, guarda caso solo pochi giorni dopo l’ennesimo e misteriosissimo infortunio durante Parma Cagliari rispetto al quale nutro le stesse perplessità che ho sul piu recente stiramento di Gervigno. Onestamente non vorrei che il piccolo ed amato ormai ex regista possa rappresentare il primo capro sacrificato per la beatificazione ed il salvataggio del nostro florido allenatore perché temo che in tal caso si corra il rischio di commettere pericolosissimi doppi errori.
    Un saluto

  • 30 Dicembre 2020 in 21:44
    Permalink

    Scusate, ma qualcuno può confermare le cifre investite dal neo Presidente nella acquisizione del Parma calcio e nella campagna acquisti…..oppure tutti parlano senza cognizione di causa ma per sentito dire,
    e nel contratto se qualcuno che conferma le cifre suddette ne ha avuto scienza è prevista qualche clausola di exit e se sì con quale penale——pare infatti PESSIMA….. best practice acquisire una nuova società investendo cifre iperboliche e lasciarla in gestione al management comprato…NON ESISTE….nessuna azienda seria ( e coinvolta realmente) si comporterebbe così ma metterebbe subito propri uomini a tutela del capitale investito.

    • 30 Dicembre 2020 in 23:28
      Permalink

      Ciao “numeri”, mi sono fatto anch’io, spesso, la tua stessa domanda.
      Al momento ci sono solo voci, che parlano di fatidici 100mln (che ridere), e non c’è alcun documento ufficiale che possa spiegare i dettagli di vendita del club.
      Sul sito alla voce società esce “in aggiornamento”, da mesi ormai.
      Manca un AD… Mancano un sacco di cose.

      • 30 Dicembre 2020 in 23:34
        Permalink

        Concordo con te, se investo 100 milioni (continuo a ridere) non faccio gestire l’azienda a Carli e Lucarelli, con tutta la stima per quest’ultimo.
        Ci sono cose poco chiare che devono essere comprese, oppure Krause si svinazza col suo Barolo d’annata e non si rende conto di ciò che sta accadendo. Ma questo credo che sia poco probabile.

    • 30 Dicembre 2020 in 23:52
      Permalink

      Numeri la penso come te. Nell’anno Covid un imprenditore americano digiuno di calcio , viene in Italia, compra il Parma ( non la Juve) , fa trapelare sui giornali di aver speso tra acquisto quote, pagamento debiti e nuovi acquisti 100 milioni e lascia che i vecchi proprietari dettino le linee sportive,
      mantenendo allenatore e ds scelti in fretta e furia. I tempi dell’acquisto sono rapidissimi, specie se si considera che la vecchia proprietà non riusciva a saldare gli acquisti fatti l’anno precedente e rischiava l’escussione delle fideiussioni personali rilasciate alla Lega serie A, a fine mercato. I risultati sono sotto le aspettative e forse pessimi ma, dopo aver speso tanto, persevera nel lasciare i responsabili dei pessimi risultati. Non sono nella testa di Krause e non giudico il suo operato. Osservo e aspetto il mercato di gennaio per capire quanta coerenza ci sia. Quanto a domenica spero tanto di vincere, perché è decisiva ma temo ci sarà una cocente e pesante delusione. La squadra è svuotata e in troppi vogliono andare via. Difficile pensare giochino col coltello tra i denti. Finger crossed.

  • 30 Dicembre 2020 in 22:29
    Permalink

    Ho già scritto nell’altro articolo cosa penso della teoria del “paracadute”: in breve le ho definite stronzate.
    Non mi trovo però in accordo con Ampollini, da questo punto di vista la abbiamo sempre vista diversa: lui Scozzarella lo adorava, io non potevo vederlo e dico che la sua cessione è tutto fuorché un privarsi di una pedina fondamentale (mi permetta Ampollini: ma ha mai contato il numero di palloni passati all’indietro e quelli persi dal giocatore di cui sopra? Ma al solito rispetto la sua opinione differente).
    Gervinho? Lo sapete come è la fola: prendere o lasciare. Dico la mia: è tempo di farlo partire e sul serio stavolta. Ovviamente serve un sostituto. Chi? Il portafoglio non è il mio…
    Certo è che i nomi che circolano finora sono un po’ preoccupanti. A parte Saponara, che prenderei solo per farla finita e per far contento Liverani, per il quale pare sia una pedina equiparabile a CR7 per la Juve, leggo dei vari Petriccione (?), Falco (che attenzione, in realtà gramo gramo non lo è), ma non è che si possa essere sereni.
    Ce la avete con Krause? e dagla. Gli americani non hanno nel DNA l’idea del cambio di allenatore. E Krause inoltre dovrebbe essere consigliato di cambiare staff… da quelli che dovrebbero essere licenziati. Un po’ pindarico come ragionamento no?
    Certo, una scossa ci vorrebbe, la partita con il Torino non è l’ultimo treno (quello è già passato a Crotone), è di più, è un piccolo regionale che arriva verso sera e che potrebbe farci continuare l’avventura, scomodi, lenti, pigiati, ma ancora in viaggio… se siscende definitivamente lo dirà il mercato di Gennaio.
    Buon anno a tutti!

  • 30 Dicembre 2020 in 22:41
    Permalink

    Scusate ma scozzarella è stato venduto perché ha preso per il colletto Liverani …. credete all’infortunio??? Ma per favore

    • 30 Dicembre 2020 in 23:50
      Permalink

      Quando capirete che tra molti giocatori e LIVERANI sono volati simbolicamente i piatti, capirete tutto.
      Ecco perché perderemo con.il Torino in casa per 2-0 e continueremo a perdere fino a quando il gatto e la volpe se ne andranno.

    • 31 Dicembre 2020 in 08:45
      Permalink

      Toc toc, c’è nessuno? 🤔

      • 31 Dicembre 2020 in 09:29
        Permalink

        Mi pare evidente che “nessuno” ci sia

  • 31 Dicembre 2020 in 00:16
    Permalink

    Bene se le teorie paracadutistiche sono una boiata faccio una domanda. Perché Carli e Liverani sono ancora lì?In particolare il primo che va ad aggiungere al nulla da Ds, castronerie a raffica ogni volta che apre bocca.Krause sa che servono 38 punti per salvarsi o Lucarelli e Carli gli hanno detto che ne bastano 18?

  • 31 Dicembre 2020 in 03:36
    Permalink

    Grazie a krause ci stiamo sportivamente suicidando, vediamo domenica sera dopo la sconfitta con il Torino cosa succederà

  • 31 Dicembre 2020 in 12:42
    Permalink

    E allora se non fosse così, come mai vogliamo cedere anche Cornelius/Inglese e Gervinho per prendere il solito Pinamonti? A me puzza di bruciato.

    • 31 Dicembre 2020 in 13:34
      Permalink

      Ma qualcuno della società ti ha detto che l’intenzione sia quella? Oppure credi a di Marzio come ad un oracolo?

      • 31 Dicembre 2020 in 14:09
        Permalink

        Onestamente dubito che il Parma prenda Pinamonti. Krause vuole solo calciatori di proprietà ( Also sprach zarathustra Carli) eil cartellino costa, poi ha un ingaggiò più alto di Gervinho e quindi è assistito da Raiola e non Alessandro Moggi. Andiamo a vedere cosa abbia moggino e forse troveremo qualche possibile “affare” per Carli e molto molto molto dopo per il parma

    • 31 Dicembre 2020 in 15:09
      Permalink

      Pinamonti è l’ ultimo che dovremmo prendere per due motivi.
      1) È scarso, il Genoa non l’ ha confermato
      2) Quest’estate ha rifiutato il Parma.
      Viene solo per giocare altrimenti fa perenne panca e stare in panca perennemente o venire in una squadra che odia, preferisce giocare e venire ovviamente ad l Parma che odia

      • 31 Dicembre 2020 in 15:51
        Permalink

        Odia Parma?? Un sentimento un po’ forte nel calcio di oggi dove sono un po’ tutti dei mercenari. Magari preferisce non venire al Parma perché si dovrebbe dimenticare i tre milioni netti di ingaggio annuo.

  • 31 Dicembre 2020 in 14:55
    Permalink

    krause segue personalmente il parma calcio a milano era presente direttamente lui è firmava lui meglio di un amministratore delegato alla leonardi !!! poi scusate suo figlio è a parma fisso per cui gli relaziona ogni giorno che senso ha pagare un altro magna magna che nel calcio spuntano come i funghi se poi da inizio anno ha detto che avrà più tempo per stare in italia a maggior ragione sarà presente !!! il discorso del paracadute solo pochi ignoranti non avezzi alla contabilità aziendale possono dire una cazzata del genere e esserne convinti ma io penso che sia più il gusto della zizzania non oso pensare che siano così ignoranti

  • 31 Dicembre 2020 in 15:11
    Permalink

    Pinamonti è l’ ultimo che dovremmo prendere per due motivi.
    1) È scarso, il Genoa non l’ ha confermato
    2) Quest’estate ha rifiutato il Parma.
    Viene solo per giocare altrimenti fa perenne panca e scegliere se stare in panca o venire in una squadra che odia, ha scelto, pur di giocare, di venire ovviamente al Parma anche se lo odia

  • 31 Dicembre 2020 in 15:16
    Permalink

    Ma come si fa a preparare una partita provare schemi durante la settimana con Scozzarella se dopo 15 minuti di partita è già fuori uso.!!!!

  • 31 Dicembre 2020 in 16:53
    Permalink

    Non dire Pablo cazzate.
    Se abbiamo giocatori sempre infortunati è perché la preparazione atletica è deficitaria.
    È da quando eravamo in B che lo dicevo.
    Scozzarella è giocatore di A e in forma avrebbe fatto sicuramente la differenza
    infatti è nettamente uno dei più bravi del centrocampo crociato.
    Barilla’ con Scozzarella andranno in Ad noi invece ce ne andremo in B
    Inglese è un ottimo giocatore non per niente è nel mirino di squadre di prima fascia.
    Costato 25 milioni lo stiamo
    regalando per 5.
    Sembra che l’importante sia incassare
    Dopo il mercato di gennaio mi direte se ci siamo rinforzati o indeboliti.
    MA NON AVETE ANCORA CAPITO CHE IL GATTO E LA VOLPE STANNO COSTRUENDO IL PARMA PER LA SERIE B.?
    Diamo via giocatori di serie A per prendere giocatori di B.
    Perché lo fanno ?
    Semplice Carli che sembra sia diventato il nuovo presidente del PARMA CALCIO essendosi accorto che i soldi che ha fatto spendere a KRAUSE per dei giovani che valgono una cicca frusta sono tanti e visto che se andiamo in B i giovani c’è li riprendono tutti come da contratto ecco spiegato perché la serie B anche per KRAUSE è un l’approdo naturale.
    Retrocedendo il Parma oltre al paracadute eviterebbe di spendere 40 milioni che investirebbe in giocatori di serie B.
    Non per niente stiamo comprando mezzo Lecce

  • 31 Dicembre 2020 in 19:54
    Permalink

    Non prenderemo nemmeno mezzo Lecce. Se domenica si dovesse perdere, Liverani e il suo sodale che lo ha scaricato Carli farebbero immediatamente le valigie. Il mercato del Parma a oggi non è decifrabile né in entrata né in uscita. Ogni squadra vuole e deve guadagnare cash dalla vendita dei calciatori ma nessuna squadra vuole pagare cash i calciatori. Dunque faranno scambi con plusvalenze fittizie e qui omnia licet. Vendi ciò che ha mercato e ciò che ti viene richiesto, non ciò che vuoi. Il mercato sarà un last minute con giocatori impensabili. Lasciamo perdere i giornali

  • 1 Gennaio 2021 in 10:37
    Permalink

    Ieri tutti ubriachi fuori dal ritiro.
    In giornata rientreranno per smaltire l’alcol di San Silvestro e domani giocheranno.
    Il brindisi non lo potevano fare in ritiro.?
    Almeno sarebbero stati controllati così invece…..
    Va bene che il Parma perderà ancora in casa con l’ultima in classifica per 2-0 ma diamine poi avremo Atalanta e Lazio.
    Il presidente CARLI è forse il peggior presidente che mai abbia avuto il Parma peggiore anche di Ghirardi, almeno con lui si vinceva.
    Qualcuno mi dirà che il presidente è KRAUSE
    No amici, lui è solo una figura simbolica di facciata, il vero presidente è CARLI.
    È lui che decide.
    Potremmo perdere anche tutte le partite da qui alla fine del campionato ma Carli non esonererà mai LIVERANI.
    Sono CULO & CAMICIA
    KRAUSE è il portaborse del nostro presidente Carlibe deve fare quello che CARLI gli ordina senza “se”e senza” ma”
    Cacciare i soldi
    Ubbidire e basta.
    Fortuna che non sono abbonato altrimenti prenderei l’abbonamento e gli darei fuoco 🔥🔥🔥🔥🔥🔥

    • 1 Gennaio 2021 in 16:28
      Permalink

      S’i’ fosse foco, arderei ’lo abbonamento
      s’i’ fosse vento, lo tempesterei

  • 3 Gennaio 2021 in 04:35
    Permalink

    Oggi è il giorno della caduta in B. Grazie ai magnifici 7 e grazie a chi le cose le ha sempre nascoste….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI