TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / IL RECUPERO PALLA IN ZONE VANTAGGIOSE ALL’ORIGINE DI ENTRAMBI I GOL DI GERVINHO A MARASSI

(Patrick Fava) – Ecco la mia analisi tattica di Genoa-Parma 1-2. Risultato prezioso per i ducali che, dopo un periodo difficile, ottengono a Marassi tre punti che per il momento li tengono fuori dalla zona calda. Una gara in cui gli uomini di Liverani hanno dimostrato di essere in crescita dal punto di vista della mentalità e della compattezza del gruppo: ricordiamo sempre che, prima di ordine e strategia, fondamentale è l’approccio e l’applicazione mentale del gruppo alla gara. Il Parma è sceso in campo con l’1-4-3-3, con alcune variazioni rispetto all’undici che ci si poteva aspettare: Scozzarella per Brugman davanti alla difesa, Cornelius per Inglese al centro dell’attacco, Karamoh al posto di Brunetta sull’out di destra nel tridente d’attacco e l’esordio dal primo minuto di Busi al posto del favorito Iacoponi da esterno basso di destra. Un Parma che è riuscito a sfruttare le gravi disattenzioni della difesa genoana, in particolare molto opaca la prova di Zapata che, sul primo gol, si lascia sorprendere alle spalle dell’incontenibile Gervinho: sulla palla scoperta sulla trequarti il difensore ex Milan avrebbe dovuto scappare, cercando di togliere profondità all’ivoriano cosa che fortunatamente non è successa; mentre nel secondo ha rinviato in maniera maldestra un cross di Kurtic proprio sui suoi piedi e lui è stato abilissimo, grazie anche alla deviazione dello stesso difensore colombiano a mettere il pallone alle spalle dell’incolpevole Paleari. In entrambe le segnature si può notare un particolare che nelle precedenti gare non si è mai verificato: ovvero il recupero palla in zone vantaggiose, in questo, molto probabilmente, si è vista la mano del mister che, a differenza dell’Olimpico, è riuscito a trasmettere una mentalità differente e più consona al suo credo calcistico. Intelligente è stata la mossa, specie nella prima frazione, di andare a pressare dal portiere la prima costruzione genoana, con i tre attaccanti Cornelius Gervinho e Karamoh sui tre centrali difensivi dei grifoni, ma soprattutto la posizione di Scozzarella su Badelj, lasciando al Genoa la solo la soluzione lunga sui due attaccanti, oppure cercare direttamente i quinti di centrocampo Luca Pellegrini e Ghiglione sui quali, in base alla loro altezza di campo, uscivano o le nostre mezzali oppure i nostri esterni bassi: da rimarcare la grande aggressività, fino a quando è stato sul terreno di gioco, di Gagliolo che usciva in pressione altissimo su Ghiglione, dando la possibilità ai compagni centrocampisti di essere aggressivi sulle mezzali altrui nella fattispecie Leragher da una parte e Sturaro dall’altra: insomma un Parma più aggressivo del solito ed intelligente anche sulla costruzione alta degli avversari: i Crociati, infatti, una volta in vantaggio, hanno abbassato leggermente la linea del pressing, portando la linea difensiva avversaria fuori, per poi colpirla alle spalle con transizioni fulminee, tendendo comunque un atteggiamento positivo in fase di recupero palla. I giocatori di Liverani, infatti, una volta che gli avversari arrivavano ad una certa altezza di campo, uscivano in pressione, in particolare con le punte esterne che cercavano di oscurare la linea di passaggio verso i quinti e Cornelius che cercava di mettere in zona d’ombra il play basso avversario: questo particolare permetteva ai centrocampisti Crociati di essere aggressivi, potendosi sagomare sui rispettivi avversari, come in occasione del secondo gol nato da un recupero palla dopo un’errata ricezione da parte di Badelj. Nel frangente ottima la prova di Kucka che, oltre all’assist al primo gol di Gervinho, si è rivelato molto importante in fase di non possesso, dando vita a pericolose transizioni. Un Parma nel complesso ordinato e che ha sofferto solamente quando vi è stato un rilassamento in fase di pressing sulla costruzione alta degli avversari in entrambi i tempi. In particolare quando in mezzo al campo i rossoblù riuscivano a girare sui quinti e specialmente a sinistra su Luca Pellegrini, i nostri andavano in difficoltà: Busi ha sofferto la velocità e la tecnica del giovane ex Roma, e specie nella prima frazione, un paio di cross e qualche duello vinto hanno lasciato suspense in area, con Scamacca che si è divorato un goal già fatto. Sempre nel primo tempo grande intervento di Sepe su Shomurodov lanciato a rete dopo un grave errore di Osorio, trovatosi colpevolmente piatto nell’ 1>1 con l’attaccante uzbeko. La sensazione di questa gara è che il Parma è vivo e che, piano piano, si comincia a vedere la mano del tecnico, ma la strada è ancora molto lunga. Ha vinto la squadra che ha sbagliato meno: i gialloblù hanno dato l’impressione di essere più compatti, ma è chiaro che bisogna migliorare: soprattutto non bisogna concedere invitanti occasioni agli avversari che nel primo tempo hanno avuto almeno tre nitide occasioni, e queste cose, con avversari di livello superiore, possono costare care; il Parma ha comunque dimostrato che con una fase di pressing più organizzata con un lavoro collaborativo da parte degli attaccanti, ha saputo creare occasioni importanti: manca ancora qualcosa in fase di costruzione dal basso, in fase di costruzione alta e nella fase di sviluppo e rifinitura contro difese posizionali, ma possiamo dire che il Parma, dopo questa vittoria, può vedere uno spiraglio di luce, e soprattutto che la mano del tecnico comincia a vedersi, anche se Spezia e Benevento – quest’ultima prossima avversaria al Tardini – sembrano avere qualche certezza, ovvero quella di lavorare già da più tempo con il proprio allenatore; nella prossima gara il Parma dovrà lavorare per migliorare lo sviluppo del gioco contro una formazione chiusa: ci aspettiamo quindi una squadra completamente diversa dal Genoa: sarà un test importante per capire quale sarà la strategia di Liverani contro un avversario che fa della difesa posizionale e delle ripartenze in campo aperto la propria arma migliore. Forza Parma. Patrick Fava

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

2 pensieri riguardo “TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / IL RECUPERO PALLA IN ZONE VANTAGGIOSE ALL’ORIGINE DI ENTRAMBI I GOL DI GERVINHO A MARASSI

  • 3 Dicembre 2020 in 19:10
    Permalink

    Se Scozza giocasse sempre il nostro gioco ne risentirebbe in positivo. è il nostro “unsung hero”, come dicono gli inglesi.

    • 4 Dicembre 2020 in 00:05
      Permalink

      Scozzarella, è l unico che ha effettivamente determinate caratteristiche, la sua presenza è stata molto importante, anche se Kucka da interno di un 4-3-3 è stato il migliore, ricordiamo che fare l interno in un 3-5-2 rispetto ad un 4-3-3 è diverso in fase di non possesso, se gli esterni d attacco del 4-3-3- lavorano allora le corse degli interni sono più corte e x un centrocampista oltre i 30 anni è una cosa da tenere conto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI