TUTTO PARMA E CHIESA… / UNA PARTITA DI PALLAMANO GIOCATA COI PIEDI, MA PER VINCERE, NEL CALCIO, NON BASTA IL SOLO POSSESSO PALLA

(Carlo Chiesa) – L’occasione era davvero unica. Sarebbero bastati i tre punti per far schizzare i Crociati a cavallo tra l’ambita parte sinistra della classifica e le prime posizioni della parte destra, viatico fondamentale per affrontare con maggiore serenità le prossime tre giornate, che comprendono, fra l’altro, le sfide contro Milan e Juventus. Invece nulla. La speranza di una svolta al proprio campionato, alimentata dalla vittoria di Genova, è rimasta tale a causa di una prestazione contro il Benevento, nella quale i Crociati, ormai fedeli al 4-3-3, non sono riusciti nell’intento, peraltro poco manifesto, di sporcare anche con un solo tiro i guanti del portiere avversario. Se il possesso palla portasse punti, il Parma avrebbe vinto in carrozza considerato che per il 58% dei 94 minuti giocati il pallone è rimasto tra i piedi dei propri giocatori. Purtroppo, però, il gioco del calcio non prevede soltanto passaggi, ma anche, e soprattutto, che la palla venga messa in uno spazio chiamato “porta” attraverso la creazione di azioni pericolose, ripartenze micidiali, trame ficcanti e imbucate illuminanti. E seppur qualche miglioramento nel fraseggio, davvero imbarazzante nelle prima giornate, e nell’organizzazione di gioco si sia colto, in tutto il resto il Parma ha dimostrato di dover ancora migliorare parecchio e, speriamo, anche velocemente. Più che a una partita di calcio o al massimo, come si poteva pensare vista l’abbondante pioggia caduta sul Tardini da un paio di giorni prima, a una partita di pallanuoto (complimenti invece ai giardinieri per l’ottima tenuta del terreno di gioco), abbiamo assistito a tratti ad una partita di pallamano giocata con i piedi, con il Parma a far girare il pallone per linee orizzontali senza troppa convinzione e tutti gli uomini di Inzaghi a difesa della propria porta. Dopo un inizio col piglio giusto, infatti, i campani hanno pensato unicamente a difendersi, giocando solo di rimessa (peraltro spesso pericolosa) e chiudendo tutti gli spazi, rendendo ancora più difficile il compito dei Crociati, incapaci di sfruttare con i loro movimenti quei pochi pertugi disponibili e rendendo vana anche la smania di verticalizzazione di un ritrovato Scozzarella, sempre più indispensabile alla manovra Crociata.
A complicare il tutto in fase offensiva, dove si è sentita parecchio l’assenza last minute dell’ispirato Kucka di lunedì scorso: ci si è messa anche la giornata decisamente negativa di Gervinho, il cui vocabolario, ahimé, non prevede la parola continuità, e di un Karamoh che sembra continuare a non capire come questa stagione possa essere decisiva per la sua carriera e a non sfruttare la bontà di un tecnico sempre pronto a rinnovargli la fiducia nonostante le prestazioni totalmente insufficienti sia come gioco che, aspetto ancor più grave, come approccio e concentrazione. Chi si aspettava, inoltre, il concreto contributo da parte dei nuovi giovani virgulti pescati dal DS Carli in sede di mercato, è rimasto ancora una volta parzialmente deluso. Al di là di Osorio – che sta crescendo al fianco di Bruno Alves, ma che non dà ancora la necessaria sicurezza, e degli assenti Cyprien e Sohm – Busi ha dimostrato ancora una volta di essere discretamente dotato in fase di spinta, ma di ignorare totalmente i fondamentali di difesa, mentre i 45 minuti di Brunetta, entrato nel secondo tempo al posto del “fantasma” Karamoh, sono stati incoraggianti per qualche buon movimento e soprattutto per la sua caparbietà nei contrasti, a volte fin troppo veementi come testimonia l’ammonizione subita. Tra tanti giovani spicca, però, ancora una volta un vero combattente come Iacoponi, ritornato titolare per necessità dopo gli ultimi due scampoli di gara giocati da subentrante, e schierato nel per lui inedito ruolo di laterale di sinistra della linea difensiva. Lottatore come sempre in fase difensiva, ha anche provato, pur non essendo nelle sue corde, a spingersi in avanti con discreta efficacia, come richiesto dal proprio allenatore a chi occupa quella posizione. Seppur Liverani non lo veda né come difensore centrale titolare, dove gli preferisce Osorio, né come difensore laterale, non avendo le caratteristiche di spinta a lui care, il Mister Crociato farebbe bene a tenersi stretto il Capitano, perché del suo cuore, della sua grinta e della sua efficacia il Parma ne avrà ancora tanto bisogno.
In fondo, la vecchia guardia (leggasi Iacoponi, Scozzarella e Gagliolo, quando chiamato in causa) sarà pur sempre vecchia in mezzo a tanti giovani e a tanti volti nuovi, ma rimane, ora e sempre, un costante sinonimo di affidabile garanzia. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E CHIESA… / UNA PARTITA DI PALLAMANO GIOCATA COI PIEDI, MA PER VINCERE, NEL CALCIO, NON BASTA IL SOLO POSSESSO PALLA

  • 7 Dicembre 2020 in 12:06
    Permalink

    Per vincere caro CHIESA ci vogliono
    LE PALLE cosa che invece i nostri
    GIOCATORI SEGA non hanno

  • 7 Dicembre 2020 in 12:10
    Permalink

    Mi raccomando stasera poi a tv Parma leccate il culo come sempre e mandate tutto a tarallucci e vino…

  • 7 Dicembre 2020 in 12:21
    Permalink

    Si, ok. Affidabilità per quanto riguarda Iacoponi per quanto riguarda la partita di ieri, ma se andiamo a vedere le altre prestazioni meglio stendere un velo pietoso. Non facciamoci ingannare dalla singola prestazione vah. Ieri ha giocato alla grande, su questo non si discute.

  • 7 Dicembre 2020 in 12:23
    Permalink

    Ma vogliamo parlare di Hernani? Orco cane ma un giocatore più inutile di questo non lo ricordo a memoria. Passaggi sempre indietro o sbagliati, lento e falloso… Da 30 anni che seguo il Parma un giocatore così scarso non lo ricordo.

    • 7 Dicembre 2020 in 19:34
      Permalink

      Effettivamente HERNANI fa pena

  • 7 Dicembre 2020 in 13:30
    Permalink

    A parte alcuni forse due o tre, mancano giocatori da serie A.
    Hanno costruito una squadra da calcio dilettantistico.
    La colpa non è certo di Liverani, ma della proprietà assente.
    A no c’è il presidente che con un twitter risolve tutto.
    Ma siamo seri…una vergogna…

    • 7 Dicembre 2020 in 15:00
      Permalink

      il problema è che hanno preso liverani ma si sono scordati di prendergli un trequartista valido per cui deve giocare con altri moduli e la differenza si sente io non so cosa dire se lei legge instagram di liverani scoprirà che il 80% scrive gente di lecce e terni ringraziandolo per gli anni di bel calcio o per offenderlo perché è andato via ma anche quello sintomo di rabbia per averlo perso ecdimostrano quanto ci tenevano !! di parma nessuno scrive , insomma sembrerebbe che lui sa far giocare bene le sue squadre perché qui non riesca e dovuto ai giocatori che gli hanno dato che sono per d aversa …..

  • 7 Dicembre 2020 in 15:25
    Permalink

    Arrivare a criticare un presidente che ha una visione futuribile sia della squadra sia dello stadio e ci mette soldi buoni, ci vuole coraggio ! Ma cosa si pretende? Siamo cmq a piu 4 dalla terzultima con evidenti difficoltà si’, ma guardate per favore quante partite hanno giocato i nuovi finora…come fanno ad essere in forma campionato?
    Ho già scritto che a gennaio mi auguro il completamento della squadra con qualche acquisto (un paio di esperienza) e molte partenze …
    Comunque Forza Parma

  • 7 Dicembre 2020 in 16:34
    Permalink

    il presidente non ha colpe. continua a fare buon viso anche se lo sa che non va troppo bene. tanto di cappello direi a lui che ha messo la grana e per adesso il sorriso.
    tanti troppi giovani di belle promesse e quindi si fatica quando manca qualche senatore o qualche altro non è in giornata. qualche giovane verrà fuori con il tempo.
    argomento infortuni non ne parliamo. forse è davvero il campo di allenamento che non va bene non saprei.
    buttarla dentro davanti è comunque diventato un odissea.
    per il resto brodino sperando in un pari stasera fra la viola e l’ altra squadra (penso la peggiore che forse andrà in B finalmente).

  • 7 Dicembre 2020 in 17:46
    Permalink

    Già. Non è un caso che finora si è vinto due gare solo grazie ai vecchi (Kurtic e Gervinho). Dei giovani l’unico pronto sembra Osorio, mentre gli altri sono o pippe o acerbi.

  • 7 Dicembre 2020 in 19:26
    Permalink

    penso che il discorso infortuni vada analizzato ora sono cambiati i preparatori con d aversa adesso anche l allenatore eppure siamo sempre con problemi muscolari io on avrei dubbi come ha detto l altro commentatore che siano i campi d allenamento lo stesso problema lo ebbe la juventus 10 anni fa lo risolsero andando alla continassa , so che li hanno rifatti ma si vede che il sottofondo non è adatto ma io altri motivi a questo punto non ne trovò o tutte le settimane due o tre con problemi
    muscolari !! non se ne può più

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI