IL GALLO DI CASTIONE / LA FANTASIA VORREBBE CORRERE, MA LA REALTA’ LA TIENE AL GUINZAGLIO

(Il Gallo di Castione) – Abbiamo vissuto diverse favole e, come i bambini che sono i tifosi quando si parla della loro squadra, abbiamo creduto a tutte. La favola dei grandi campioni comprati da Carli, la fiaba del bel gioco di Liverani, ed infine quella del ritorno del messia che ci avrebbe salvato senza problemi. La fantasia vorrebbe correre, ma la realtà la tiene al guinzaglio: principessa la vita è dura, è ora di togliere la corona e di infilare l’armatura.

Siamo messi male e toppata la falla del terzino destro, che ci aveva tolta la vittoria col Sassuolo, ecco aprirsi il problema del centro della difesa e del mediano che imposta il gioco: sapevamo di avere questi problemi, ma non sapevamo che li avremmo pagati subito con la Sampdoria, con l’aggravante che neanche Kulovic non gioca più nel Parma. Ho finito le parole. Mi restano solo le parolacce. Cosa scrivo?

Che a Castione i contadini non smettono di seminare neanche quando una tempesta si è portata via il raccolto. Anzi, restano attaccati alla terra. A un contadino della ridente località della bassa (cosa cavolo avrà da ridere ?) qualcuno ha detto all’osteria, durante un bianchino pomeridiano, che gli stavano trombando la moglie nel suo campo. E’ partito a razzo e poco dopo era già di ritorno a sorseggiare il manico, dicendo: “non era il mio campo”. Bisogna leccarsi le ferite e guardare avanti.

Caro D’Aversa, non lo so se sei astemio o no, altrimenti un bicchiere di vino ti farebbe bene: ‘Finché c’è vita c’è speranza’ o anche ‘Meglio tarli che mai’, come diceva un antiquario. Perché non scrivi una lettera a Krause per via del mercato in ritardo? Magari te la respinge al mittente, ma si sa ‘Non c’è prosa senza spine’. Comunque abbi fede: hai una grande esperienza e questa dovrebbe guidarti. In altre parole: hai commesso un’infinità di errori, e ciò ti permetterà di compierne molti altri. Come affidarti ciecamente alla vecchia guardia dopo la bella prova dei giovani rampanti in Coppa Italia. Neanche uno in campo, tutti bocciati: vero che gli manca l’esperienza, ma a volte nemmeno quella è garanzia, vedi la cagata di Hernani che ci è costata il secondo gol. Follia è fare sempre le stesse cose ed aspettarsi risultati diversi. In questo calcio basta un rimpallo, un calo di attenzione che sei punito duramente. Hai voglia di prendere traverse e pali, subire parate miracolose e salvataggi sulla linea. Non sono i rimpianti che fanno punti ed ora è solo dei punti in classifica quello di cui abbiamo bisogno. Il povero Cornelio non è mai in area di rigore (in quella avversaria) e non segna gol, in compenso procura assist (nella nostra area) a un giapponese alla prima marcatura. E’ tutto sbagliato, va tutto storto, non si raddrizza neanche col Viagra. Vero è che siamo passati da zero tiri in porta a tante occasioni, ma sono cinque partite senza gol al Tardini, dove invece ne abbiamo sempre incassati. Numeri impietosi che non fanno prevedere nulla di buono, per il prosieguo. Ci manca un attaccante, un tornante, un rifinitore. Praticamente ci manca tutto per fare gol. Ci mancano un mediano e uno stopper, praticamente tutto per non subire gol. Siamo attaccati alla prossima favola, quella del mercato che ci porterà i giocatori per fare la differenza. Siamo alla ricerca del nuovo colpevole, quello che non ci comprerà i giocatori per salvarci. E’ tutto sbagliato, bisogna rifarsi il senno.

Eppure è meglio essere ottimista ed avere torto, piuttosto che essere pessimista ed avere ragione. Insomma, il Parma ce la farà? A ripigliarsi, a fare qualche risultato, a giocare bene, a comprare qualcuno al mercato, a prendere fiducia e a lottare sino alla fine? Si, perché il rischio è lo scoraggiamento e la rassegnazione, il rischio è assoggettarsi alle leggi di Murphy che ci dicono “Se qualcosa può andar male lo farà; se non può andar male lo farà lo stesso”. Invece io resto ottimista e tiro fuori quella bandiera che nessuno appende più sul balcone, quella con l’arcobaleno con su scritto: “Andrà tutto bene”. Forse. Il Gallo di Castione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

18 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / LA FANTASIA VORREBBE CORRERE, MA LA REALTA’ LA TIENE AL GUINZAGLIO

  • 26 Gennaio 2021 in 00:09
    Permalink

    D’Aversa è il medico senza vaccino. Cosa può fare senza materiale?

    • 26 Gennaio 2021 in 14:17
      Permalink

      Il Mister ha accettato di tornare mettendo come condizione un rafforzamento della squadra. Stiamo attenti perché i 40 milioni investiti nel mercato estivo sui giovani potranno anche fruttare, ma con quei soldi in estate prendi tre giocatori di prima fascia. Se avessimo avuto sin dall’inizio un mediano costruttore di gioco, un terzino destro e il tornante destro all’altezza forse qualche punto in più lo portavano a casa, anche con Liverani. Ora bisogna mettere insieme i cocci e provare a ripartire.

  • 26 Gennaio 2021 in 11:38
    Permalink

    Luca hai ragione ancora…allora si può dire che al tanto Vituperato Liverani che le colpe non erano tutte sue…o no ?
    Poi cambiare tattica ogni tanto non ci farebbe male, vero mister?

    • 26 Gennaio 2021 in 14:12
      Permalink

      Attenzione che con Liverani abbiamo fatto zero tiri in porta per tre partite. Qualcosa di meglio abbiamo visto ma non è bastato.

  • 26 Gennaio 2021 in 12:00
    Permalink

    Se posso aggiungere un commento, direi che sia stato in bene che non siano arrivati rinforzi ancora così almeno abbiamo visto bene su chi si può contare per un prossimo futuro…(la controprova con d’Aversa è eloquente) … Praticamente nessuno..

  • 26 Gennaio 2021 in 12:24
    Permalink

    Caro Gallo, Liverani ci aveva provato con i giovani vedendo che i vecchi si erano imbolsiti, ma il risultato lo abbiamo visto tutti, vanno centellinati con il contagocce.

    • 26 Gennaio 2021 in 14:10
      Permalink

      Centellinati si, non certo largo ai giovani ma un inserimento a partita ci sta. Visto che Mihaila si era particolarmente distinto con una traversa e un gol mi aspettavo almeno il suo subentro, e non a 5 minuti dalla fine.

    • 26 Gennaio 2021 in 17:39
      Permalink

      Si Gallo ma credo che i zero tiri in porta siano dovuti ad una squadra scarica ormai mentalmente.
      L’adrenalina che ha portato d’Aversa potrebbe spegnersi pure per lui purtroppo se si va avanti con questo trend.
      Solo con gente coi controcoglioni che spero arrivino si può svoltare.

  • 26 Gennaio 2021 in 15:04
    Permalink

    Liverani credo abbia avuto 2 effetti negativi non completamente imputabili alla sua professionalità/ capacità. si è inimicato con il suo credo calcistico i senatori che nel mentre si sono un po’ rincoglioniti o appiattiti forse perché avevano anche dato più di quello che valevano i mesi scorsi quando c’ era entusiasmo e gruppo compatto. condivido con Claudio che ha bruciato o rischiato di bruciare i giovani che andavano dosati. qui del suo ci ha messo anche Carli che ha allestito una squadra tipo da subito con parecchi under da campionati pure esteri.

  • 26 Gennaio 2021 in 15:44
    Permalink

    Ma Inglese cosa ha che non viene mai convocato?

  • 26 Gennaio 2021 in 15:56
    Permalink

    La nuova società ha investito nel Parma cercando prospetti per ottenere rendimenti, purtroppo questo contrasta con la salvezza, oltretutto la maggior parte dei neoacquisti non giocherebbe nemmeno in serie C (Busi, Cyprien, Lo svizzero etc….) il Ds era il meno costoso sul mercato e idem Liverani.
    Apriamo gli occhi campagna acquisti estiva ed invernale assenti dal lato pronti per serie A e D’Aversa che può fare al massimo 17 punti per finire a 30 punti buoni ultimi, se avete visto giocare le altre dei bassifondi Cagliari, Torino. Genoa, Udinese etc. rispetto a noi sono squadre mentre noi sembriamo l’armata brancaleone.
    Spiace dirlo ma è GAME OVER peggiore attacco ed una delle peggiori difese 2 vittorie 7 pareggi e 10 sconfitte.
    Vedrete adesso venderanno Kurtic e Inglese o Cornelius , dopo avere ceduto Scozzarella l’unico che seppur spesso rotto accendeva la lampadina.
    Forza Parma

  • 26 Gennaio 2021 in 15:58
    Permalink

    Ma credete veramente che abbiano speso 40 milioni in estate per questi pedatori?

    • 26 Gennaio 2021 in 16:58
      Permalink

      Così dicono. Quaranta milioni. Sohm è un po’ mamlone, è impacciato nei movimenti ma ha 19 anni. Cyprien era un buon prospetto (a 19 anni lo volevano i grandi club), poi si è rotto e non è più tornato a un rendimento decente, Brunetta e Mihaila sono promesse, forse si faranno, Odorico e Valenti sono due buoni giocatori, il primo con esperienza internazionale, l’altro giovane, DirectX (altro acquisto di quest’anno) ha 17 anni e ha fatto benissimo da diciassettenne difensore centrale. Io domenica lo avrei confermato a fianco di Iacoponi e avrei tenuto Tagliolo pronto per il subentro come centrale o terzino sinistro. L’usato garantito delle volte non funziona bene.

      • 26 Gennaio 2021 in 21:16
        Permalink

        Eh ho capito, ma adesso prenderlo n’koulu significa scavarsi la fossa. Ma puoi in una stagione disgraziata prendere questo qui? Non perché non sia bravo ma anche la forma è importante.

  • 26 Gennaio 2021 in 18:47
    Permalink

    già concordo…. cosi dicono ma sarei curioso di leggere i contratti….delle due l’una o il ds è “inadeguato esponenziale” (sic) o qualcosa tocca……..

  • 26 Gennaio 2021 in 21:32
    Permalink

    Bell’articolo. Riassume bene e con ironia il tutto.
    E’ inutile: il cervello del tifoso spera sempre, il cervello della persona normale dice Serie B. Non troveranno mai un accordo.
    Io son del partito che è inutile buttare nel cesso carovane di milioni, qua serve un’altra squadra, etòr che bali. Non un difensore, un centrocampista… un rifinitore… chi agh’ vol tùt.
    Le altre sono troppo superiori, Torino, Genoa, Cagliari, lo stesso Spezia tutti in fondo alla classifica, ma però squadre di A. Noi invece… bah che tristessà…
    Avanti Crociati, A, B, C, D non importa!

    • 27 Gennaio 2021 in 01:23
      Permalink

      La vita senza speranza sarebbe drammatica. È anche guardare la prossima al San Paolo col Napoli partendo già sconfitti non sarebbe mica bello. Saremo sconfitti, se lo saremo, al 95°, e saremo retrocessi, se lo saremo, quando l’aritmetica ci condannerá. Così come non si può vivere senza speranza, così non si può tifare da sicuri sconfitti.

      • 27 Gennaio 2021 in 15:13
        Permalink

        Bravo Gallo. D’accordo su tutto. Non si può tifare da sicuri sconfitti. Avanti Crociati.
        #iocicredo
        #maiserieB
        #vialasfiga
        #sempresoloforzaparma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI