L’insostenibile leggerezza del pallone, anno terzo / QUESTA NON E’ UNA SQUADRA ALLO SBANDO: E’ IMPOTENTE

(Luca Tegoni) – La scintilla che si è accesa nella vittoriosa partita giocata contro il Genoa si è spenta. Mister Liverani e i giocatori tutti, insieme al DS Carli e vice DS Lucarelli, non sono stati in grado ne di tenerla accesa e, tantomeno di ravvivarla, facendola diventare un fuoco. Le metafore sono sostitutive di parole celate, sono verità nascoste.

Ieri è stata forse la prima volta, in questo campionato, che il Parma ha giocato con continuità e con impegno per tutti i minuti fino al fischio finale. Il risultato, proprio per questo, cancella le speranze e manifesta lo sconforto.

Non c’è stata una sola azione che si sia conclusa con un tiro. Solo episodi e iniziative individuali hanno consentito ai giocatori del Parma di cercare il goal.

Solo dei guizzi, delle intuizioni che, però, senza il supporto di una manovra corale incisiva e costante servono a poco. Il mister sta sbagliando tutto, non sta riuscendo a far funzionare questi giocatori in modo che siano competitivi contro le altre squadre.

Il primo goal l’abbiamo subito con il Toro in contropiede e noi con la difesa schierata. Il secondo da calcio d’angolo e il terzo non conta, potevamo prenderne altri prima, sempre in contropiede.

Non funziona nulla e non si vede che cosa debba o possa funzionare. I nuovi giocatori si producono in prestazioni insufficienti (per rispetto del lavoro e della fatica non le qualifico per quello che in realtà sembrano). I vecchi faticano a tener palla, a passarla a fare qualsiasi cosa e intanto perdono gli avversari che se ne vanno. Questa non è una squadra allo sbando, è impotente.

Comincia il mercato invernale dei calciatori e cambiare tutto adesso, intendo allenatore e DS, potrebbe essere catastrofico. Bisogna avere coraggio e competenza. Oppure tornare a D’Aversa.

È vero che il lavoro può far diventare la squadra competitiva, ma se gli attuali metodi, modelli di lavoro, sono sbagliati non ci si può aspettare il miracolo. Ecco, un “guizzo”, come dice Liverani, non serve proprio.

Toro vince a Parma tre a zero. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini