QUANDO DAAN DIERCKX, NEL 2019, GIOCO’ IL MONDIALITO UNDER 16 A BRESSO: I VIDEO DI COACH 6100. LA WEB RASSEGNA SULL’ESORDIO IN A DEL DIFENSORE CLASSE 2003

(Gmajo) – Una delle note più liete di Sassuolo-Parma è stato il felice esordio di Daan Dierckx, una scoperta del responsabile del Settore Giovanile Luca Piazzi che lo ha portato al Parma dopo il termine della trafila del difensore nella squadra belga del Genk. Le statistiche certificano che il ragazzo è stato il primo calciatore nato dopo il 2003 a giocare un match della serie A italiana ed il difensore più giovane ad essere partito titolare in questa stagione nei cinque maggiori campionati europei, con tanto di tweet dal presidente Kyle Krause che si è complimentato con lui per come ha giocato. Gli scout Crociati a lungo lo hanno seguito negli anni della sua formazione, ma, a riprova della importanza che hanno i tornei giovanili, il nostro amico Franco Ricci del canale YouTube Coach 6100, ci ha fatto avere i video di due partite disputate, nella Primavera del 2019 a Bresso (Milano) nel Mondialito Junior Under 16, dal Genk (contro lo Zenit il 24 Maggio 2019, contro la Cremonese il 25) nelle cui file militava il forte difensore centrale, in quella che è stata la sua prima esperienza italiana, assieme ad una sua video-presentazione. Per la cronaca il Parma Under 16, allenato illo tempore da Mister Riccardo Monguzzi, si piazzò secondo della kermesse, superato in finale solo ai calci di rigore (2-4) dal Siviglia. (Clcca qui per vedere i video integrali di tutte le gare).

Cogliamo l’occasione per pubblicare, sotto, a guisa di web-rassegna, due interessanti articoli sull’esordio di Daan Dierckx nelle file del Parma: il ritratto tracciato da Guglielmo Trupo di ParmaToday e l’intervista di Niccolò Pasta di ParmaLive al suo agente Vitor Saba.

VIDEO DAL CANALE YOUTUBE COACH 6100

FRANCO RICCI E L’ESORDIO DI DAAN DIERCKX

MONDIALITO JUNIOR UNDER 16: ZENIT-GENK (24 MAGGIO 2019)

MONDIALITO JUNIOR UNDER 16: GENK-CREMONESE (25 MAGGIO 2019)

NEL MITO DI COMPANY CRESCE DAAN DIERCKX: IL DIFENSORE PIU’ GIOVANE D’EUROPA

di Guglielmo Trupo (da ParmaToday)

Dietro a Dessena e al mostro sacro Gigi Buffon c’è la sua faccia da bravo ragazzo, rigata dai ciuffi biondi belli folti. Magari non farà la storia, ma Daan Diercxk ha già accumulato qualche record. Gli è bastata una partita. A 17 anni e 237 giorni, è il terzo giocatore più giovane a esordire in Serie A con la maglia del Parma. Il primo 2003 a esordire in Serie A, e infine risulta essere il difensore più giovane partito titolare in questa stagione nei maggiori cinque campionati europei. Altro che progetto giovani. Il Parma di Krause, costretto a giocarsi la salvezza con i cerotti, ha pescato dall’Accademy più per necessità che per altro, affidandosi ai giovanissimi.

Sarà contento KK, che dall’Iowa cinguetta la sua felicità per l’esordio del teenager, ma sarà ancora più contento Roberto D’Aversa, che nel giorno in cui ha perso due punti ha ritrovato lo spirito giusto dei suoi e la fame per combattere certe battaglie. E questo giorno sarà anche quello di Daan, ragazzone impavido, dato in pasto alla Serie A in maniera inaspettata, aggregato alla prima squadra principalmente per bisogno, poi perché ha tecnica e personalità. Eppure era rimasto senza contratto, lasciato a casa dal Genk, ‘rapito’ dal Parma, pescato dal responsabile del settore giovanile Luca Piazzi e portato a Collecchio. Dove si è notata subito la tranquillità di un calciatore che, seppur giovane, ha mostrato il temperamento necessario per convincere Roberto D’Aversa a fidarsi di lui.

Quella personalità mostrata anche al Mapei nella partita contro il Sassuolo, lo porterà lontano, a patto che mantenga l’impronta dell’educazione impartita da una famiglia di lavoratori. Industriosi, quelli delle Fiandre, come amava dire l’imperatore Commodo ai tempi dell’Impero Romano. A Leuven, cittadina delle Fiandre, si cresce in fretta. Conserva un tocco di Parma, tra l’Università e le biciclette, è raccolta e ha una storia che si respira in ogni angolo della città fiamminga. Il beghinaggoi di Lovanio è un piccolo quartiere dove un centinaio di antichi edifici ordinati si stagliano, riportando la memoria all’antichità. Mattoni rossi e pietra arenaria, tutto circondato di acqua. E’ qui che Daan è cresciuto. La disciplina, le origini di una famiglia umile e l’educazione che si riflette in campo. Lotta, governo, anticipi e contrasti vinti.

A testa alta, contro un avversario come il Sassuolo che cercava di imbucare il Parma nello stretto, cosa che è riuscita poche volte anche per merito di Dierckx, chiamato DDouble e cresciuto nel mito di Vincent Kompany, colonna dell’Anderlecht, visto da Daan con gli occhi di chi vede un mito. Da quando ha capito di nutrire una passione per il calcio, il giovanotto belga lo ha eletto a eroe, l’idolo invece e un altro difensore, Van Dijk del Liverpool. Per la sicurezza, per la personalità che mostra e per il fatto di essere un leader. Studia già da grande, Daan, che conserva ancora la sua prima maglia da calcio incorniciata nella sua stanza. Quella del Manchester United, regalatagli dal padre che poco tempo fa ha subito un intervento delicato a schiena e collo, tale da lasciarlo a casa dal lavoro. La famiglia è sulle spalle della madre la direttrice delle vendite di Makro (marchio noto di negozi al dettaglio), la prima a complimentarsi con il ragazzo nel giorno del debutto. Un giorno che Dierckx ricorderà per tutta la vita. Guglielmo Trupo (da ParmaToday)

VITOR SABA, AGENTE DI DIERCKX: “VAN DIJK IL SUO MODELLO, SCELTO IL PARMA PERCHE’…”

di Niccolò Pasta (da Parma Live)

Quella di ieri non è stata una giornata come le altre per Daan Dierckx, giovane del Parma classe 2003, che ha esordito in Serie A, da titolare, nella sfida contro il Sassuolo, conquistando il favore della critica che lo ha premiato per la prestazione contro il forte attacco dei neroverdi. E per commentare la gara del giovane belga e il suo arrivo a Parma, la redazione di ParmaLive.com ha intervistato l’uomo che ha portato a Parma il giovane Daan, il suo agente Vitor Saba.

“Daan è stato il primo 2003 nei cinque maggiori campionati europei a giocare da titolare – esordisce Saba ai nostri microfoni. – Questo è un traguardo davvero importante. Ha giocato bene, ha personalità, ha il fisico per essere già lì nonostante abbia solo 17 anni. Mi è piaciuta la sua personalità, la sua cattiveria. Ha fatto una bella partita”.

Mi racconta qualcosa in più di questo ragazzo?
“Lui viene dalla scuola del Genk, dove tanti giocatori imparano a giocare a calcio, anche i difensori. È forte tecnicamente e ha un’uscita da dietro molto buona per i passaggi tra le linee. Daan dal punto di vista generale è già bravo nell’impostazione da dietro”.

Lei sapeva che avrebbe giocato ieri?
“La cosa che mi è piaciuta di più è che lui non sapeva che sarebbe sceso in campo fino a un’ora e mezza prima della partita. L’ha presa bene, mi ha chiamato per dirmelo e poi ha spento il telefono e ha fatto alla grande. L’ho saputo anche io con lui, ma avevo una sensazione che potesse giocare, perché era stato provato anche negli allenamenti”.

E dopo la partita che le ha detto?
“Mi ha chiamato prima di sua mamma! Io gli ho detto di chiamare prima sua madre e lui invece voleva sentirmi per ringraziarmi e dirmi che era felicissimo. Io ho fatto il lavoro prima e sarò sempre con lui, ma i novanta minuti che ha fatto lì ha fatti lui da solo. Era contentissimo, era anche sollevato perché tutto fosse andato bene. Era un po’ nervoso, ma dopo i primi minuti gli è passata e si è visto”.

Mister D’Aversa cosa gli ha detto a fine partita?
“Sai, il Parma stava vincendo fino all’ultimo minuto e l’aver pareggiato è stato preso come aver perso. Questo ha un po’ tolto la goduria del momento di Daan e magari qualcuno che poteva andare da lui a fargli i complimenti non l’ha fatto nell’immediato. In tanti gli hanno fatto le congratulazioni, ma non mi ha raccontato niente di speciale”.

Lui è arrivato a Parma poco fa: com’è nata la trattativa per portarlo in Italia?
“In realtà lui arriva a Parma prima, l’ufficialità è stata data il 19 dicembre perché avevamo problemi con la documentazione per la scuola di Daan, in Belgio. Senza quei documenti non poteva essere tesserato, e sono arrivati solo a dicembre. Lui era a Parma già da un mesetto”.

Nel post partita sono arrivati anche i complimenti del presidente Krause: avete scelto Parma anche per il progetto che vuole la società?
“Fa piacere, è stato molto bello. Noi che collaboriamo col Parma sappiamo che ora si investirà tanto sui giovani. Questo è stato uno dei motivi per cui ho voluto in prima persona portare Daan a Parma. Potevo portarlo da tante altre parti, in tante squadre che ad oggi potrebbero avere un’attrazione migliore. Abbiamo scelto il Parma perché io ho pensato fosse la squadra giusta con la nuova linea optata dalla società. Penso di aver fatto la scelta giusta”.

Qualche squadra me la può dire?
“Meglio di no (ride, ndr), che poi non gliene riesco a portare altri. A parte gli scherzi, stamattina peraltro una squadra della Top 3 in Olanda mi ha chiamato, perché in passato avevamo parlato di Daan: gli ho detto che sono stati troppo lenti”.

A fine partita ha detto che dedicava l’esordio a famiglia e amici perché “venivano dal nulla”: in che senso?
“Non va inteso letteralmente come se non avessero niente, ma era più inteso come il salto fatto. Lui giocava nell’Under 18 del Genk e ieri ha esordito in A, è stata una crescita molto veloce”.

Qual è il suo modello?
“Lui è matto di Van Dijk, lo studia molto. Una delle nostre prime conversazioni è stata proprio su Van Dijk, perché quando abbiamo iniziato a lavorare gli ho detto di guardare tutte le partite del Liverpool perché ha uno stile di gioco simile a Van Dijk. Ovviamente non dobbiamo fare paragoni, il ragazzo deve crescere”.

Inizialmente immagino che Daan fosse un rinforzo per la Primavera…
“Sì, era così, doveva essere un rinforzo della Primavera ma ha fatto talmente bene nei primi allenamenti che lo hanno aggregato subito. Da quando è arrivato a Parma si allena con la prima squadra, dopo una settimana in Primavera faceva da spola e dopo poco è rimasto fisso in prima squadra”.

E ora cosa dobbiamo aspettarci?
“Nulla, non dobbiamo avere aspettative. Ha fatto benissimo, ha fatto un esordio storico ma il Parma ha Bruno Alves, ha preso Benatia, ci sono tanti difensori esperti. Noi dobbiamo sperare che Daan continui a crescere e lavorare, e quando avrà un’opportunità dovrà essere pronto, perché abbiamo visto che è all’altezza”. Niccolò Pasta (da Parma Live)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

UNDER 16, IMPRESA DEL PARMA 2° AL MONDIALITO, SUPERATO IN FINALE SOLO AI RIGORI 2-4 DAL SIVIGLIA (VIDEO INTEGRALI DI TUTE LE GARE)

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI