TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / ANALISI DI META’ CAMPIONATO: ATALANTA, VERONA E SPEZIA HANNO OFFERTO QUALCOSA IN PIU’ COME INNOVAZIONI E GIOCO

(Patrick Fava) – Vorrei proporre oggi una mia analisi, in chiave tattica, del Campionato alla fine del Girone d Andata. La Serie A è giunta al giro di boa con il Milan che, nonostante il calo dell’ultimo mese, si è platonicamente laureato Campione d’Inverno, rimando in testa alla classifica con 43 punti, due lunghezze sopra l’Inter di Antonio Conte (che si è aggiudicato il Derby nei Quarti di Finale di Coppa Italia) che dopo un inizio stentato è riuscita ad inanellare una serie di vittorie che l’hanno portata ad insidiare il primo posto dei rossoneri. Al terzo posto la Roma di Fonseca, quest’ultimo criticato dalla piazza dopo la bruciante sconfitta nel derby con la Lazio e l’uscita in Coppa Italia per mano dello Spezia di Italiano, in una partita dove è successo di tutto, dalla doppia espulsione in 40″ e dalla sesta sostituzione eseguita senza che fosse in effetti consentita dal regolamento. I giallorossi sono riusciti a vincere contro le cosiddette piccole, ma hanno fatto sempre molta fatica negli scontri diretti con le rivali per la corsa alla Champions League, dimostrando gravi cali di tensione e di avere parecchi limiti psicologici lasciandosi influenzare dagli eventi negativi: troppi gol presi nell’arco di pochi minuti l’uno dall’altro testimoniano la grave difficoltà nel saper gestire le emozioni negative. Al quarto posto Juventus e Atalanta, con i bianconeri che devono, però, recuperare una partita, quella con il Napoli che darebbe la possibilità ai bianconeri di insediarsi al terzo posto in classifica a – 4 dal Milan e quindi ancora in piena corsa per la lotta allo scudetto, così come i partenopei distanti a solo due lunghezze in coabitazione con la Lazio di Simone Inzaghi che dopo un inizio stentato sembra aver ritrovato la forma dei tempi migliori. Dopo le 7 sorelle troviamo le outsider Verona e Sassuolo, due squadre con filosofie completamente differenti, ma in grado di offrire prestazioni di ottimo livello sia in termini di gioco che di risultati: specialmente gli scaligeri hanno dato dimostrazione di esaltarsi nelle difficoltà, dando fastidio alle squadre più blasonate che soffrono tremendamente il pressing a uomo della squadra di Juric, la quale è abile a togliere immediatamente tempo e spazio di giocata ai giocatori avversari, non dando loro la possibilità di giocare palle libere verso la porta.
In posizione di centro classifica naviga in acque tranquille la Sampdoria che dopo la vittoria di Parma, con i suoi 26 punti, può ritenersi più che soddisfatta della stagione fin qui disputata.
Da qui in poi inizia una bagarre salvezza che coinvolge tutte le squadre dal Benevento in giù: in questo momento Crotone, Parma e Cagliari sarebbero retrocesse in B, ma la strada da percorrere è ancora lunga e nessuna può ritenersi fuori dal pericolo. La classifica può mutare nel giro di poche giornate, nella fattispecie il Genoa, che sembrava spacciato, con l’arrivo di Ballardini è riuscito a totalizzare 11 punti nelle ultime 6 giornate facendo un grosso balzo in avanti: tutto, quindi, può ancora succedere.
Il presidente Krause sembra disposto a fare investimenti importanti per cercare di mantenere la categoria, anche se, come nella precedente sessione di mercato, pare prediligere i giovani ai già affermati, come magari spererebbe il tecnico: fatto sta che, nonostante i soli 13 punti in classifica, il Parma ha ancora tutte le carte in regola per riuscire a raggiungere l’obiettivo, ma è chiaro che la concorrenza non sta a guardare e mai come quest’anno la lotta salvezza sembra essere davvero indecifrabile.
Dal punto di vista tecnico-tattico abbiamo visto cose molto interessanti: a mio avviso Sassuolo, Verona, Atalanta e Spezia sono le squadre che maggiormente stanno dando quel qualcosa in più dal punto di vista del gioco e delle innovazioni: in particolare Atalanta e Verona si stanno distinguendo per la fase di non possesso non comune alle altre, con il pressing orientato all’uomo già dalla prima costruzione avversaria e non solo. Le due squadre allenate da Juric e Gasperini applicano sistematicamente marcature fisse nella metà campo avversaria: nella fattispecie le due punte prendono i due centrali difensivi di una ipotetica difesa a 4, mentre il trequartista si oppone al play basso avversario di un ipotetico centrocampo a 3, mentre, se gli avversari attuano una linea a 3, le due punte prendono in consegna i braccetti, il trequartista prende il centrale puro della difesa a 3, uno dei due mediani prende il play, l’altro centrocampista prende una mezzala avversaria e l’altra viene presa in consegna da un braccetto il che significa accettazione della parità numerica dietro, con coperture solo ed esclusivamente quando il pallone è nei pressi della metà campo difensiva e a ridosso dei 16 metri. Verona e Atalanta schieratesi entrambe o con l’1-3-4-1-2 o 3-4-2-1 lasciano solamente un tempo di gioco in più agli esterni bassi di una difesa a 4: i tutta-fascia, infatti, si dispongono a metà strada su palla centrale in modo tale che, se gli avversari optassero per una costruzione diretta, sarebbero già pronti ad aiutare i 3 centrali difensivi. Atalanta e Verona attuano una marcatura a uomo nella metà campo avversaria, mentre, nella propria, potremmo definirla una marcatura a uomo nella zona, visto e considerato che entrambe le compagini non seguono i propri riferimenti sempre, ma solo quando quest’ultimi sono in procinto di poter ricevere il pallone. I tutta-fascia e gli uomini lontano dalla zona del pallone attuano i principi della difesa a zona, quindi potremmo definire che le due compagini attuano una marcatura a uomo sui possibili giocatori vicino alla palla, mentre su quei giocatori che potrebbero non riceverla, perché lontani dalla sfera, attuano il classico principio della difesa a zona, ovvero quello di mettersi in uno spazio tale che permetta di coprire la zona centrale, ma allo stesso di poter affrontare un avversario nel caso la squadra avversaria riesca a giocare sul lato debole. Sia contro gli scaligeri che contro gli orobici gli avversari fanno tremendamente fatica a risalire il campo in modo pulito, essendo costretti ad adottare una costruzione lunga sulla quale specialmente i difensori atalantini sono difficili da superare. I meccanismi difensivi di Atalanta e Verona, però, vanno in difficoltà quando salta una marcatura: lì possono aprirsi degli spazi importanti che puntualmente possono essere sfruttati dagli avversari, i giocatori atalantini e veronesi, infatti, danno priorità al movimento degli avversari che non a quelli dei compagni, di conseguenza ad una marcatura saltata vengono posti a quesiti che dovrebbero portarli a ragionare più sulla copertura di spazi e a un modo più univoco della situazione, invece gli uomini di Gasperini e di Juric tendono ad aggredire in avanti anche in queste circostanze rischiando di aprire grandi praterie per gli avversari. Questo nuovo modo di difendere ha aperto nuovi scenari e a constatare che le squadre con il minor PPDA (dato che viene estrapolato dal rapporto tra il numero dei passaggi effettuati da una squadra nella propria metà campo e il numero di interventi (falli, tackle, intercetti della squadra in fase di non possesso), ha la possibilità di rendersi più pericolosa in fase offensiva. Sappiamo bene quanto i bergamaschi siano pericolosi se riescono a recuperare il pallone vicino alla porta, ma anche quando i difensori riescono ad anticipare gli attaccanti avversari: giocare sempre su linee di anticipo ti consente di contrattaccare immediatamente: il gol dello 0-3 in Milan-Atalanta ne è un classico esempio.
Chi invece si è contraddistinto per una fase di possesso interessante sono Sassuolo e Spezia: specialmente la compagine ligure, dal mio punto di vista, è stata la vera rivelazione di questa prima parte di torneo: un 1-4-3-3 interessante quello proposto da Vincenzo Italiano, che si fonda sui principi del gioco di posizione, cercando di sfruttare la superiorità numerica partendo dal basso, utilizzando anche il portiere come sostegno per attirare la pressione in avanti degli avversari per poi giocare alle spalle delle linee di pressione con smarcamenti e occupazione degli spazi dei giocatori sopra la linea della palla. I bianconeri lavorano bene con le catene laterali e giocano con coraggio, concedendo anche qualcosa sulla profondità agli avversari, giocando, però, stabilmente nella metà campo avversaria, anche contro le compagini più blasonate. In particolare sono interessanti i movimenti degli esterni bassi a prendere ampiezza e profondità e i movimenti alle spalle del centrocampo avversario delle mezzali con Pobega, ex Pordenone, alla prima apparizione in serie A e già autore di 3 gol di cui 2 contro Napoli e Juventus. Lo Spezia ha deciso di provare a salvarsi in un certo modo: tenendo un baricentro medio alto, consapevole di tutti i rischi che questa scelta possa prevedere, ma la squadra di Vincenzo Italiano sta dimostrando personalità, non abbattendosi nelle difficoltà, e con coraggio cerca di pressare alti gli avversari attuando un pressing più orientato sull’uomo che non alla copertura degli spazi, meno invasivo di Atalanta e Verona, ma comunque abbastanza efficace. Una squadra che alla prima apparizione in serie A e decantata come possibile prima retrocessa sta ribaltando tutti i pronostici, ma siamo sicuri che solo l’organizzazione di gioco basterà? Nel frattempo anche il Parma, nonostante gli ultimi risultati non proprio positivi, si sta evolvendo sempre di più. Ci auguriamo che sia il viatico per un cambio di rotta. Forza Parma. Patrick Fava

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

One thought on “TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / ANALISI DI META’ CAMPIONATO: ATALANTA, VERONA E SPEZIA HANNO OFFERTO QUALCOSA IN PIU’ COME INNOVAZIONI E GIOCO

  • 29 Gennaio 2021 in 12:17
    Permalink

    Dell’Atalanta adoro il fatto dei due esterni che si crossano e segnano a vicenda. Nessuna squadra al mondo è così.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI