TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / FOTO ANALISI DELLA SCONFITTA CON LA LAZIO

(Patrick Fava) – Inizia con una sconfitta il D’Aversa bis, la quinta consecutiva per un Parma che, comunque, ha mostrato segnali incoraggianti, soprattutto nei primi 60′. In due giorni D’Aversa è riuscito a dare un’identità tattica e una logica ad una squadra che sembrava rassegnata dopo le sconfitte con Torino e Atalanta. Nonostante le importanti defezioni i ducali han ben figurato e chi si aspettava un Parma chiuso nel fortino per poi cercare di colpire con rapide transizioni, si è dovuto ricredere: D’Aversa ha preparato la gara in modo minuzioso, dando attenzione ad ogni minimo particolare, presentando, per la prima volta in stagione, un Parma fluido. Ma perché D’Aversa ha optato per due sistemi di gioco differenti tra fase di possesso e non possesso? Il mister ex Lanciano, probabilmente, si è reso conto che senza Kulesevski e con il solo Gervinho in rosa non può affidarsi esclusivamente alle transizioni dell’ivoriano in campo aperto, di conseguenza, assieme ai suoi collaboratori, ha optato per una manovra offensiva con una costruzione dal basso in superiorità numerica in base al numero degli attaccanti della squadra avversaria e in base alla disposizione globale della squadra da affrontare. La Lazio schierata da Simone Inzaghi con il consueto 1-3-5-2 è stata affrontata dai Ducali con l’1-4-3-2-1 in fase di non possesso e con l’1-3-5-2/1-3-4-2-1 in fase di possesso: la scelta è stata, quindi, di avere una doppia superiorità numerica in fase di costruzione dal basso con l’avanzamento del terzino sinistro Busi sulla linea dei centrocampisti, l’allargamento di Hernani, che passa da mezzala destra a tuttafascia di destra, Sohm che galleggia in una posizione intermedia fungendo da mezzala destra/trequartista destra in base alle situazioni di gioco, ed Osorio che da posizione di esterno basso di destra rimane legato a Bruno Alves e Valenti, fungendo da braccetto di destra di una difesa a 3 in costruzione. Il Parma quindi aveva un rombo di costruzione formato dai 3 centrali più il play Brugman, sì da mettere in inferiorità numerica la coppia di attaccanti Immobile e Caicedo.

In quest’ultima immagine si vede benissimo l’allargamento di Hernani che passa da una posizione di intermedio di destra a tuttafascia di destra.

I ducali, dopo i primi minuti di sofferenza, crescono e, a differenza di ciò che avevamo previsto, prendono in mano il match, sfruttando al meglio la superiorità numerica e il mal posizionamento dei biancocelesti nella pressione sulla prima costruzione, complice anche uno studio poco prevedibile per la squadra di Inzaghi, considerato il ravvicinatissimo cambio di allenatore degli avversari.

Nell’immagine sopra si vede Osorio che, fino a quando è stato in campo, ha avuto parecchia libertà per poter avanzare palla al piede, complice un Luis Alberto che talvolta usciva su Brugman, Immobile su Bruno Alves e Caicedo su Valenti: il centrale del Parma avrebbe potuto creare una superiorità numerica vantaggiosa sul centro destra mettendo in difficolta la coppia Marusic e Radu: una situazione che, se sfruttata a dovere, avrebbe permesso ai Crociati di rendersi ancora più pericolosi nei primi 45′ comunque lo stesso ben eseguiti dalla squadra di D’Aversa.

Qui sopra ancora il rombo di costruzione che porta al Parma grandi vantaggi nella risalita pulita del pallone.

Qui sopra le 4 immagini con l’occasione di Sohm che porta i ducali vicino al vantaggio al 10′ con la libertà concessa dai biancocelesti a Brugman che verticalizza per Gervinho, il pallone viene deviato da Luis Felipe, ma che finisce sui piedi di Sohm, il quale, da posizione favorevole, con il corpo troppo sbilanciato all’indietro, calcia alto un rigore in movimento.
Da notare la differenza del Parma in fase di possesso, rispetto alla prima gestione D’Aversa, con tanti uomini ad invadere la metà campo avversaria.

In questa immagine si può notare lo sganciamento di Osorio, con Sohm, Gervinho e Cornelius a fissare la linea difensiva, con Hernani, Busi e Kurtic anch’essi ad accompagnare l ‘azione per un Parma che, in fase offensiva, in alcuni frangenti si disponeva con un 3-4-2-1.

Sopra, un’altra grandissima occasione per il Parma: dopo un possesso prolungato, sul centro sinistra, Kurtic mette in mezzo un cross a rientrare per Cornelius che ha la meglio su Marusic, ma Reina, con una grande capacità di reazione, riesce a salvare i capitolini dalla capitolazione.

Insomma un Parma ben messo in campo e che non ha rinunciato a giocare. In fase di non possesso la squadra di D’Aversa si oppone con un 1-4-3-2-1 con Cornelius che cerca di schermare Lucas Leiva, mettendosi nella linea di passaggio tra Acerbi e lo stesso Leiva con Sohm e Gervinho ad occuparsi dei braccetti della difesa a 3. La strategia di D’Aversa era quella di cercare (come dice anche il grande Luca Ampollini) di schermare le giocate centrali indirizzando il gioco sugli esterni.

Da notare Sohm che, a volte, per eccesso di generosità andava anche fuori posizione, consentendo così ai biancocelesti un’uscita più pulita, sfruttando la collaborazione del terzo uomo Lucas Leiva.

È chiaro che in due giorni i problemi di una squadra non si risolvono e, nonostante l’ottima prima frazione, si è comunque concesso qualche occasione nitida ai biancocelesti, complice, ancora, qualche errore individuale importante.

Qui sopra un errore di disimpegno di Valenti dà la possibilità ai biancocelesti di trovarsi a concludere nei pressi dei 16 metri.

Qui sopra una palla persa in mezza al campo genera una pericolosa transizione con Immobile che, con un movimento fuori linea, attacca la profondità puntando Bruno Alves, la Scarpa d’oro serve Caicedo che viene fermato da un ottimo intervento di Sepe.

Qui sopra le immagini del gol preso da Luis Alberto: tutto parte da un rinvio di Sepe che prova a servire Kurtic sulla fascia sinistra, sulla palla che è considerata coperta perché su nessuno, Ricci, forse convinto delle capacità aeree del suo compagno di squadra, attacca erroneamente la profondità invece di dare sostegno, Lazzari anticipa il centrocampista Crociato, il pallone finisce a Milinkovic Savic, la difesa gialloblù è ancora non messa benissimo e Balogh temporeggia verso la porta aspettando il riposizionamento di Bruno Alves, Savic passa a Lazzari sul quale interviene Balogh che concede il cross arretrato su Luis Alberto che tutto solo, sul dischetto del rigore, batte l’incolpevole Sepe. Un gol sul quale ci sono stati vari dibattiti e ci sono stati diversi errori d’inesperienza: Ricci non avrebbe dovuto attaccare la profondità, se così fosse stato probabilmente il gol non si sarebbe preso. Il Parma, quindi, si è ritrovato in una posizione di netta inferiorità numerica e si sa che, in una situazione di questo genere, la cosa primaria è temporeggiare, cercando di ritardare l’azione avversaria, sperando nel rientro di qualche compagno sopra la linea della palla che purtroppo non c’è stato. Si è discusso molto sull’atteggiamento di Balogh che, dal mio punto di vista, scappa correttamente verso la porta, vista la posizione non ottimale di Bruno Alves sul pallone a Milinkovic: c’è chi sostiene che, se Balogh fosse uscito prima su Lazzari, probabilmente non si sarebbe subito il cross così facilmente: ma così facendo si sarebbe aperto il corridoio per Caicedo con Bruno Alves che, sì, era in recupero, ma che difficilmente avrebbe potuto ostruire una conclusione di prima intenzione dello stesso Caicedo sul primo palo.
Il Parma, da qui, accusa il colpo e, sommati anche i tanti infortuni e una condizione fisica non ottimale, cede alla forza dei biancocelesti, i quali, dopo aver sfiorato il raddoppio con Immobile, chiudono la pratica con il gol di Caicedo a suggello di una bella giocata degli uomini di Inzaghi, ma con la complicità della difesa di casa che si fa infilare sull’uno-due tra Milinkovic Savic e Immobile, con Bruno Alves che non riesce a stringere la sua posizione e con Sohm che, erroneamente, fa un passo avanti e con Kurtic che guarda il pallone invece di seguire il movimento di Caicedo. Un’azione sicuramente di grande qualità da parte degli uomini di Simone Inzaghi, ma che con un po’ più di attenzione si sarebbe potuta evitare: questo testimonia il grande lavoro che spetta a mister D’Aversa che comunque ha tutte le carte in regola per poter riuscire a raccogliere l’ennesimo miracolo della sua gestione. Forza Parma. Patrick Fava

 

 

 

 

 

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI