TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / IL PARMA CON LA SAMPDORIA SI E’ MOSTRATO IN SALUTE, MA IN GRAVE DIFFICOLTA’ PSICOLOGICA

(Patrick Fava) – Il Parma di D’Aversa perde immeritatamente 0-2 con la Sampdoria di Ranieri al termine di un match che ha visto i Crociati pimpanti nei primi 45′. I nostri scendono in campo con l’1-4-3-1-2 con Kucka alle spalle di Gervinho e Cornelius, i blucerchiati sono pure disposti con l’1-4-3-1-2: all’apparenza sembrano due sistemi di gioco speculari, ma la fluidità della manovra in fase offensiva permette ai gialloblù di mettere in grande difficoltà gli avversari che ne subiscono l’iniziativa per quasi tutti i primi 45′. Il Parma, infatti, col ritorno del Resuscitato, si è caratterizzato per la sua duttilità in entrambe le fasi di gioco: in fase di non possesso si schierava con un 1-4-3-1-2 con Kucka che si contrapponeva ad Adrien Silva , Gervinho e Cornelius sui due difensori centrali volley e Yoshida, e venivano lasciati liberi almeno inizialmente i due esterni bassi Augello e Berezinsky, sui quali uscivano in pressione con un tempo di ritardo Grassi e Kurtic, ovvero le nostre mezzali. Da notare la posizione di Grassi che, negli ultimi 25 metri, si posizionava alla destra di Conti, legandosi alla linea difensiva che diventava a 5, con l’ex Milan pronto a fungere da braccetto, molto probabilmente per avere superiorità numerica sui cross/traversoni avversari. In fase offensiva, invece, si disponeva con un 1-3-4-1-2 con Grassi che da posizione di mezzala si apriva sull’out di destra proponendosi come tutta-fascia, Conti che da esterno basso di destra fungeva da braccetto di destra e Pezzella che da esterno basso di sinistra passava a tutta-fascia con Kucka in una posizione ibrida, talvolta da mezzala in inizio azione e trequartista in costruzione alta: l’idea di d’Aversa era quella di aprirsi linee di passaggio già partendo da dietro, sfruttando una superiorità numerica 3 a 2 con Conti, Iacoponi e Gagliolo contro Quagliarella e Keita Balde. il Parma riusciva con facilità ad aggirare la prima linea di pressione grazie alla poca propensione dei due attaccanti doriani a difendere, l’uscita di un difensore palla al piede dava la possibilità ai Crociati di mettere in inferiorità numerica le mezzali avversarie, nella fattispecie Candreva che si trovava in mezzo tra Gagliolo e Pezzella che insieme a Gervinho, pure lui predisposto ad allargarsi sul centro sinistra, andavano a creare un 3>2 sulla destra, sfruttato bene visti i diversi pericoli creati ai liguri su quella corsia. La Sampdoria ha quindi sofferto sulla sua fascia destra, ma ha palesato anche enormi difficoltà nel coprire il lato debole, con Ramirez che non sempre nella prima frazione si è rivelato impeccabile nell’impedire i cambi di fronte; la capacità di risalire il campo tramite la creazione della superiorità numerica nella prima costruzione e coadiuvata dall’utilizzo del cambio di gioco, sfruttando l’ampiezza del campo grazie alla disposizione a rombo dei blucerchiati, ha permesso al Parma di avere il dominio del gioco, pur senza riuscire a portare in archivio una gara che, in base agli expected goals prodotti, avrebbe meritato. Purtroppo, però, nonostante i dati instat ci confermino la buona prova dei gialloblù nei primi 45′ il Parma è incappato in due episodi, dei quali uno assolutamente casuale, con la sfortunata deviazione di Cornelius che ha inavvertitamente servito Yoshida per il momentaneo vantaggio, mentre il secondo caratterizzato da un grave errore di Hernani, il quale viene anticipato dal suo diretto avversario che dà il viatico per il gol di Keita Balde che, dopo aver saltato con facilità Iacoponi, sigla il raddoppio; a nulla è servita l’ottima prova di Kucka uno degli ultimi ad arrendersi e di un Gervinho pimpante solo per 60′. Il Parma si è fermato sui due legni colpiti, dimostrandosi comunque in salute, ma in grave difficoltà psicologica, dopo un primo tempo di ottimo livello, il migliore della stagione, ci si aspettava una reazione veemente nella ripresa, che però è clamorosamente mancata: il passaggio ad un più compatto 4-4-1-1 ha permesso ai blucerchiati di coprire meglio il campo e di scivolare in ampiezza, con un tempo di gioco in meno; il cambio di assetto nella ripresa ha complicato il piano di d’Aversa che ha cercato di mettere più giocatori offensivi con il risultato di avere una manovra meno fluida, e con una squadra più lunga che non ha consentito ai Crociati di rendersi pericolosi se non con una conclusione di Kucka apprezzabilissima dal punto di vista tecnico, ma realmente poco pericolosa, con la parata di Audero servita solo ai fotografi.
Nonostante la conquista di un solo punto nella gestione D’Aversa il Parma sembra aver cambiato marcia sotto tutti i punti di vista, e anche chi si aspettava una squadra remissiva pronta solo a colpire con veloci transizioni, si è dovuto ricredere, visto che ha dimostrato di potersela giocare anche con avversari del calibro di Sassuolo e Lazio. I dati del possesso palla sono assolutamente maggiori rispetto alle passate stagioni: molto probabilmente l’allenatore è cosciente che, con questa rosa, ci si può salvare non solo puntando su una difesa posizionale bassa e ripartenze: la mancanza di Kulesevski, formidabile in questo tipo di situazioni (10 gol e 10 assist), ha probabilmente convinto il tecnico ducale che la fase offensiva avrebbe dovuto avere dei correttivi, con una partecipazione attiva di più giocatori, con il rischio calcolato di poter subire qualche ripartenza in più, come nel caso del secondo gol preso, ma siamo convinti che la strada intrapresa sia quella giusta e che con qualche acquisto che oggettivamente dovrà arrivare ,il Parma sarà presente per la corsa salvezza. A Napoli non sarà facile, ma come dice Mister D’Aversa ,per raggiungere la salvezza bisognerà cercare di fare punti anche con squadre apparentemente non alla portata, come fu nell’anno passato con il gol di Kulesevski che al 93′ sigló l’1-2 all’ex stadio San Paolo. Forza Gialloblù! Patrick Fava

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

5 pensieri riguardo “TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / IL PARMA CON LA SAMPDORIA SI E’ MOSTRATO IN SALUTE, MA IN GRAVE DIFFICOLTA’ PSICOLOGICA

  • 26 Gennaio 2021 in 20:57
    Permalink

    A casa Zamponi stanno guardando Pisa Foggia

  • 26 Gennaio 2021 in 22:33
    Permalink

    Non gira proprio. Anche quando giochi una delle miglior partite dell’anno finisci così…

  • 26 Gennaio 2021 in 23:22
    Permalink

    La discrezionalità di un regista televisivo che va a leggere il labiale che coglie il dito nel naso e denuncia la bestemmia è insopportabile. In campo ci sono giocatori e arbitri, non devono intervenire corpi estranei. Le televisioni sembrano la STASI.

  • 27 Gennaio 2021 in 09:27
    Permalink

    Prenderemo qui
    Prenderemo la’
    È vero la prenderemo
    ma…..dove non batte il sole

  • 27 Gennaio 2021 in 11:55
    Permalink

    Faccio un appello al buon cuore. Quando per emergenza e piòcioneria (dalle nostre parti ben più contagiosa del “vairus”) va in campo un imberbe giovinotto il pubblico unito applaude, lo incita, lo sostiene anche in caso di palesi e goffi errori, perché alla fine è brutto sparare alla croce rossa o come diceva mia nonna picchiare uno che sta ca…do. Non si fa. Non bisogna prendersela con un poveretto in panne. A questo punto oggi 27 gennaio, tutto il popolino di fede gialloblù si unisca in un incitamento al povero Ds (nonostante non sia imberbe) che goffamente e con affanno da oltre un mese si arrovella tra interviste, punte, difensori centrali, esterni, tra il tenente Fazio, Benatia, Zaza, Diawara, Musacchio e chi più ne ha più ne metta. Come nel giorno della marmotta serissimo imbastisce trattative su trattative, dalla Romania, al Qatar, passando per la Russia e la Spagna, in pompa magna, salvo svegliarsi la mattina e scoprire che è tutto com’era il giorno prima. Aiutiamolo con un applauso virtuale, anche con un coro se mai servisse anche perché il tempo è tiranno e il povero d’Aversa è venuto con la promessa di “rinforzi” che ad oggi appaiono miraggi se si esclude il timido ragazzino greco (tutti magri come dei picchi per altro). Come diceva lui stesso “…andare sul sicuro non è un problema…se avessimo preso due svincolati di livello e altri giocatori di categoria, pur spendendo meno avremmo rischiato meno. Sarebbe stato un percorso più semplice. Noi abbiamo preso dei rischi e giustamente la gente ci ha detto che avevamo sbagliato. A fine anno guarderemo chi aveva ragione”. Quindi se non è un problema…a maggior ragione sosteniamolo, magari richiamando per una consulenza spot Faggiano, che si sa era il mago delle ultime 3 ore, nominiamo un avvocatone o un dottorene, insomma aiutiamo il pover’uomo.Anche perché se no mi sa che a fine anno chi aveva ragione non era sicuramente lui…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI