CARMINA PARMA, di Luca Savarese / ORA SI SALVI ALMENO LA BARAK DELLO SPIRITO


(Luca Savarese) – Alla fine il Parma che gioca di Lunedì sera è lo stesso che aveva giocato al Tardini Domenica. Cambia il giorno, ma non il risultato. No, nemmeno questa volta arrivano i punti, ma si aggiunge solo un’altra amarezza nel baule di una stagione davvero scriteriata. Eppur le cose si erano messe bene in avvio per la truppa Crociata: il rigore trasformato dal cecchino degli undici metri, Jurai Kucka, pareva essere l’inizio di una di quelle trasferte rivoluzionarie che ogni tanto il Parma sa (o sapeva?) tirare fuori dal cilindro. Invece, era solo l’ennesima illusione destinata ad essere smentita da un inesorabile piano inclinato. Più squadra il Verona, capace di trovare con l’ex Dimarco, un altro della Juric band che merita, e seduta stante, la nazionale, la rete del pari. Più gruppo quello scaligero, cioè in grado di non fasciarsi la testa se subisce il gol, ma al contrario, di cavarne materiale prezioso per ributtare la pallina oltre la rete. Soffrono insieme e insieme gioiscono i ragazzacci di Juric. La pallina, la mette definitivamente di là, con una schiacciata in perfetto stile ping-pong, uno che nel mercato estivo, era stato a lungo corteggiato dall’allora Parma di Liverani, poiché il tecnico viterbese lo aveva allenato a Lecce: Antonin Barak. Inzuccata di testa su preciso corner calciato da Dimarco. Il ceco, nel dopo partita, non si limita a dire le classiche frasi di circostanza, ma dice una cosa che raramente si sente dai suoi colleghi. “Certo noi facciamo quello che ci dice il mister, ma ci piace anche sentire calcio”. Ecco, è proprio questo verbo sentire, unito al complemento oggetto calcio, che permette agli scaligeri di scalare montagne fino a qualche tempo da solo impreviste. Di “sentire calcio” riesce ancora il Parma? Non questo, adesso non ancora. Quello che al Bentegodi si è sentito è solo una grande fretta di fare. La pressione si taglia col coltello e la classifica stagnante racconta che l’andazzo intrapreso è da tregenda, ma in certi frangenti, occorrerebbe magari non forzare la giocata, passare la palla se non si è lucidi per la conclusione: vero signor Gervinho? La bottega tecnica e tattica sembra essere andata a ramengo, ora si salvi almeno la Barak dello spirito. Luca Savarese

10 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / ORA SI SALVI ALMENO LA BARAK DELLO SPIRITO

  • 16 Febbraio 2021 in 08:12
    Permalink

    A vedere come gioca e come segna Barak e poi a vedere Cyprien…

  • 16 Febbraio 2021 in 09:55
    Permalink

    Sepe è quello che ha toccato più palloni di tutti… non aggiungo altro. Per me poi l’unico allenatore che doveva arrivare era Donadoni. Tanto lo sbruffone non verrà esonerato.

  • 16 Febbraio 2021 in 10:16
    Permalink

    Mi spiace caro Parma, a cui il mio amore è incondizionato. Ti stanno umiliando tutti, non salvo nessuno…Quanto vorrei essere ancora a ARZIGNANO dove l’amore e l’atmosfera erano magiche…. Spegnerò la luce per non ricordarti in questo momento buio, forse peggio di quello del fallimento, sperando di aprirli quando tutti questo banditi se ne saranno andati….

    • 16 Febbraio 2021 in 11:04
      Permalink

      Tornaci tu ad Arzignano. Se hai mollato e non hai più voglia di soffrire e lottare, fai il piacere agli altri tifosi di andare ad Arzignano senza farti troppo sentire, che con questi commenti deprimenti rischi di portarti dietro ad Arzignano altri tifosi che avrebbero ancora voglia di combattere. La salvezza è ancora possibile. Se non ci credi più, secondo me è più salutare per tutti che tu non scriva più niente.

  • 16 Febbraio 2021 in 11:10
    Permalink

    Ma Ferrari e Pizzarotti che ad Agosto in conferenza stampa, dicevano che il Parma spendeva troppo per i punti che faceva rispetto alla concorrenza e che per salvarsi bastava fare un punto in più della 3° ultima anche riducendo il budget, dove sono finiti? Non parlano più?

    Hanno trovato lo Zio d’America cui vendere Fontana di Trevi (come in un celebre film di Totò) e sono scappati ?

    Noi sono mesi che parliamo di Krause, di Carli, di Liverani, di D’Aversa, etc.
    Ma i veri responsabili di questa tragedia sportiva sono loro due, insieme agli altri magnifici 7, con la complicità della stampa parmigiana tutta, che si guarda bene da andarli a prendere sotto casa per chiedere spiegazioni. Vergogna!

    Povera Parma, città piena di industriali e di miliardari, ma nessuno che ha avuto la bontà di restare e di costruire qualcosa di importante per la città e per questa maglia gloriosa.
    Per 30 denari hanno abbandonato la Gloria delle promozioni, per abbracciare la via della Damnatio Memoriae nella loro stessa città.
    Hanno preferito abbandonare il loro gioiello di famiglia appena creato ad uno yankee qualsiasi, che seppur pieno di entusiasmo e di dollari, pensa di gestire una squadra in serie A come se fosse un torneo di FIFA o di Football Manager.
    Sono curioso di leggere i suoi tweet l’anno prossimo, quando saremo in serie B con una squadra da rifondare da zero! Ne vedremo delle belle.

    Da “Come noi nessuno mai” a “Come noi mai più” è un attimo

    • 16 Febbraio 2021 in 11:39
      Permalink

      Grande Markness !!!ti quoto al 100% anzi al 1000% io è da un pò che lo scrivo …dopo i vari pareggi insipidi e indegni con fiorentina cagliari e benevento, tutto il male di questa stagione che oramai al 90% ci vede condannati parte dalla cessione della fontana di trevi ,perfetta questa metafora che hai usato per descrivere il misfatto compiuto quest’ estate……nessuno che chiede qualcosa a i 7 del ” come noi nessuno mai”sul momento della squadra

  • 16 Febbraio 2021 in 11:12
    Permalink

    Forse è meglio che impari a leggere, ho detto che vorrei tornasse l’atmosfera di arzignano, ma probabilmente tu in quel periodo tifavi juve e certe cose non puoi capirle. Purtroppo chi deve combattere sono i giocatori e non i tifosi perchè altrimenti avremmo già vinto diversi scudetti…. continua a crederci poi vedrai che ti sveglierai anche tu…

    • 16 Febbraio 2021 in 12:14
      Permalink

      Scusami, ma so leggere abbastanza bene: ”Quanto vorrei essere ancora a ARZIGNANO” è una frase non particolarmente difficile da capire. Al limite dovresti imparare meglio tu ad esprimerti se non vuoi essere frainteso. Io tifavo Parma quando c’era Zola e tiferò Parma anche domani, non ho bisogno di star qua a fare la gara a chi sputa più lontano. Se tu per primo però hai perso l’amore magico che stai rimpiangendo, non fare l’errore di generalizzare questo tuo sentimento a tutto il tifo.
      Io tifo sempre Parma. Fino alla fine. Secondo me, chi non vuole più tifare ma vuole solo cercare dei colpevoli, è il momento che stia zitto e che lasci i tifosi che hanno gli attributi a supportare la squadra.
      In campo ci vanno i giocatori, ma l’atmosfera che si respira in questa sede virtuale come in altre arriva anche a chi poi va in campo. Siamo e saremo sempre il dodicesimo uomo.
      Io magari avrò un brutto risveglio a maggio come dici tu, ma intanto finchè i numeri non ci condannano continuo a tifare.

  • 16 Febbraio 2021 in 13:03
    Permalink

    Markness hai centrato in pieno il punto. I 7 hanno fatto una figura di pelma colossale, manco tre anni di A in grado di fare. Quando un Preziosi è lì da 20…
    Faccio due appelli. Uno a straje e su questo ringrazio l’amico pencroff di lascere li col vamos o a questo punto chiamiamo direttamente l’oslone nero parmigiano tifoso strisciato penna d’oro della Gazzetta dello sport amico di Ancelotti e facciamo prima. Il secondo a parmalive. Vi prego di piantare lì con gli articoli altri crociati. Di quanti minuti fa Carannante, Golfo o Nocciolini non frega nulla a nessuno.

  • 16 Febbraio 2021 in 13:05
    Permalink

    Faggiano che ha preferito Preziosi la dice lunga…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI