CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / MERCATO PARMA KYLE STYLE

(Gianni Barone) – Il Parma, dalla sessione invernale di mercato, dovrebbe uscire obiettivamente rafforzato –  almeno in assoluto, poi se si considerano le altre competitor per l’obiettivo ci si può ragionare su – anche se qualcuno, alle nostre latitudini, ha avuto l’ardire di storcere il naso perché quelli che sono arrivati non sono proprio ciò che si aspettavano. Graziano Pellè, ad esempio, che nella sua carriera ha fatto meglio all’estero che non in Italia, a Parma non aveva lasciato un gran ricordo, eppure si tratta di una prima punta con fiuto del goal dotato di discreta intelligenza tattica e di grande prestanza fisica-atletica: una sorta di Luca Toni de noantri che, in due anni di Premier con la maglia del Southampton, è sempre andato in doppia cifra e che in Olanda ha vinto un campionato con l’ AZ Alkmaar, e nelle due stagioni al Feyenoord ha segnato la bellezza di 50 reti: bottino veramente ragguardevole. Chi voleva vedere in Crociata Scamacca o Cutrone sarà prevenuto, ma entrambi non hanno mai segnato tanto quanto Pellè, attaccante dal pédigrée internazionale alla Kyle Style (età a parte, ma qui gioca anche l’esigenza di avere in organico non solo figliuoli di prospettiva, ma uomini già pronti per la dura lotta per la sopravvivenza di cui il tycoon americano, ipermetrope nelle vedute a lunga gittata, non sembrerebbe, secondo diversi tifosi da tastiera, tener in debito conto). Poi, ecco l’arrivo dell’altra prima punta, il giovanissimo olandese Zirkzee per consentire una certa varietà di scelte da parte del tecnico D’Aversa il quale, non più di ventiquattr’ore prima aveva lamentato, a mezzo stampa, l’esiguo numero di attaccanti centrali a propria disposizione: si è così passati dal solo attaccante (Cornelius, dalle polveri costantemente bagnate) a quota 4 centravanti o punte (compreso l’imminente ritorno a disposizione del desaparecido Roberto Inglese, sul quale troppo a lungo han latitato info ufficiali a proposito delle reiterate mancate convocazioni a seguito di quella pel grave lutto famigliare che lo aveva colpito) che potevano addirittura diventare 5 se si fosse concretizzato il ventilato acquisto del giovane Bonazzoli, come ventilato nell’ultimo giorno di mercato e come confermato dallo stesso DS Carli poi intervistato da Sportitalia, il quale ha parlato apertamente dell’idea di acquistare anche il giovane attaccante del Torino, poi tramontata proprio per le evidenti ragioni numeriche. Marcello Carli tra il serio e il faceto (dalla faccia mi sembrava più il primo, anche se poi mi dicono che a 12 Tv Parma lui stesso abbia arriso al secondo) ha candidamente ammesso di non aver, finora, meritato la fiducia del presidente, visti i risultati del girone d’andata. Su questo si potrebbe anche discutere e accettare la franchezza e riconoscergli rispetto per l’onestà intellettuale dimostrata, pur indulgendo un po’ troppo a fare il parafulmine attirando su di sé le saette di molti tifosi/stakeholders superficiali e poco avvezzi a prendersela coi datori di lavoro, di cui, il nostro segue, in modo aziendalmente corretto, le indicazioni, pur cercando, con educazione e modi non sgarbati, di proporre qualche suggerimento. Mi raccontano, ad esempio, che in alcuni incontri con individualità qualificate della tifoseria organizzata, svoltisi in momenti particolarmente caldi della stagione, egli avesse non taciuta la sua difficoltà nel far comprendere alla proprietà stranger l’impellenza di innesti utili alla bisogna di salvarsi, ergo quegli elementi pronti all’uso di cui parla ripetutamente anche lo stesso allenatore, che molti, anche tra i frequentatori del nostro spazio commenti, assai superficialmente, ritengono ostile nei confronti del dirigente. Ora, comunque, si spera che la situazione migliori e che i nuovi innesti – un mix di esperienza e gioventù, che stamani la Gazzetta dello Sport ha premiato con un 7 in classifica, lontano parente della netta insufficienza dopo la sessione estiva (quando in effetti erano state prese solo acerbe primizie e non frutta già matura, anche se nel giudizio della Rosea il colpo sarebbe Dennis Man, anni 22, prelevato dallo Steaua Bucarest) – riescano a colmare quelle lacune che sono emerse in maniera molto evidente in questa tribolata prima parte di stagione. Adesso la rosa, quantitativamente, è ricchissima: 6 difensori centrali più due giovani, 5 difensori laterali, 8 centrocampisti, 6 attaccanti esterni e 4 centravanti appunto. È arrivato in difesa Bani mentre molti avrebbero voluto che arrivasse anche Rugani acquistato poi dal concorrente alla salvezza Cagliari e non ritenuto da me il profilo ideale proprio per la sua scarsa grinta. Invece nessun volto nuovo a centrocampo dove i tifosi – in primis il nostro Morosky, che prosegue il suo personale sciopero e silenzio stampa, ma che speriamo presto torni a ciclostilarci appassionati dispacci pregni di amore per il Parma – avrebbero voluto qualche innesto, dopo la partenza, non surrogata di Matteo Scozzarella: evidentemente la società, prima ancora che il tecnico, crede ancora nei fedelissimi della scorsa stagione e spera nell’inserimento graduale ed efficace, ma in tempo per la bisogna, di coloro che sono giunti in estate come Sohm e Cyprien. È difficile stabilire se con questa squadra si riuscirà ad invertire la tendenza, per trovare, finalmente, quelle soluzioni tattiche offensive che finora sono mancate. Non sappiamo di preciso se i nuovi arrivi siano ciò che D’Aversa, in effetti, si aspettava, ma ormai è tempo di ragionare su quello che occorre fare per recuperare fiducia e autostima al fine di lottare con grinta e determinazione su ogni pallone, come dichiarato dallo stesso tecnico nel dopo partita di Napoli. La stagione degli alibi è finita per sempre e gli sforzi della società (i movimenti complessivi in entrata, documentati dal sito specializzato Transfermarkt relativi alle ultime due sessioni – talmente qualificato da essere fonte persino per la pubblica accusa nel procedimento penale a seguito del fallimento del Parma F.C. – sarebbero addirittura 76, numeri da far invidia a quelli dello specialista della pesca a strascico Pietro Leonardi, con il Parma Calcio 1913 al non posto assoluto nel continente e sul podio in Italia, terzo dopo Juventus, 3^, ed Inter, 7^, con investiti ben 95,79 milioni di euro ed entrate solo per 4,30) dovranno essere accompagnati dal desiderio di ottenere un pronto riscatto dopo le ultime opache prestazioni, senza scuse, alibi, personalismi. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

18 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / MERCATO PARMA KYLE STYLE

  • 2 Febbraio 2021 in 12:47
    Permalink

    Tuttosport: “7 a Parma e Milan, le migliori del mercato”
    Forza Parma

  • 2 Febbraio 2021 in 13:42
    Permalink

    Diventa difficile mediare quando un Presidente ha delle idee che vuole perseguire ad ogni costo, Carli non penso sia uno sprovveduto è da anni nel mondo del calcio tra A e B, e sa benissimo cosa occorre per salvarsi, investimenti ne sono stati fatti anche ingenti che siano buoni o no a questo punto testa bassa e pedalare tutti nella stessa direzione.

    • 2 Febbraio 2021 in 14:49
      Permalink

      sembra anche a me che in questa societa’, ognuno remi per conto proprio. Il Presidente batte la propria strada, D’Aversa rilascia una dichiarazione che avrebbe dovuto portare all’esonero immediato e il D.S. che palesemente non prende decisioni di alcun tipo e col cilicio si percuote la schiena ( ma non si dimette).
      In tutto questo, alcuni calciatori ( leggi kurtic) giocano in modo da costringere (inutilmente) la societa’ a cederli, altri marcano visita e il piu’ costoso di tutti sparisce dai radar (problemi personali sicuramente seri e gravi ma che dubito gli impediscano di continuare da due anni a prendere lo stipendio altissimo senza mai giocare e dopo aver chiesto la cessione – cosi dicevano i giornali almeno- ).

  • 2 Febbraio 2021 in 13:57
    Permalink

    Game over..il ciclo dei “vecchi” fedelissimi di D’Aversa è finito e quello dei nuovi chissà mai quando inizierà….se il DS riteneva che la linea green non era da condividere doveva convincere il suo principe e non scusarsi di aver comprato un mazzo di di schiappe in estate, di aver scelto un allenatore scarso e di averlo difeso sino a pregiudicare ogni possibilità di salvezza…..ora da avvocato d’ufficio si appella alla clemenza della corte …dei tifosi…….ma mi faccia il piacereee….

  • 2 Febbraio 2021 in 14:22
    Permalink

    A Bologna i tifosi sono tutti incazzatissimi perché il Presidente non caccia i soldi e non hanno neanche un centravanti, forse dovremmo fare cambio così sentiremmo il mister lamentarsi per qualcosa di reale

    • 3 Febbraio 2021 in 15:54
      Permalink

      Magari Pelle’ fa un gol di la Victoria di Parma …come ha fatto Gilardino anni anni fa e Parma prende tre punti …
      Forza Crociati

  • 2 Febbraio 2021 in 15:15
    Permalink

    Imparare dai tifosi del Marsiglia.

  • 2 Febbraio 2021 in 17:44
    Permalink

    Certo che senza regista è davvero dura. Non abbiamo un giocatore che sia lontalmente vicino a quel ruolo come intelligenza ed interpretazione tattica.

  • 2 Febbraio 2021 in 18:00
    Permalink

    Ma Pellé Carli si è dimenticato di fargli avere un biglietto aereo?O ha sbagliato anno e l’ha tesserato per la prossima serie B pensando a uno squadrone in stile Monza?

  • 2 Febbraio 2021 in 22:31
    Permalink

    Mi sa che il regime dei rigoristi e dello stareincasismo duro e puro anti stadi e sport ha le ore contate…
    Ancora qualche mese e la movida riprenderà i suoi diritti.

    • 3 Febbraio 2021 in 06:58
      Permalink

      Ma va’!!! Non ci sono dubbi in proposito quando saremo tutti vaccinati.

  • 3 Febbraio 2021 in 08:37
    Permalink

    Quando i rigoristi ci faranno tornare all’Ennio (con sedute distanziate di 1 metro e plexigass tra una e l’altra) verosimilmente tra due anni quindi si spera in serie A dopo l’anno di B, per accedere ai tornelli sarà obbligatorio passaporto vaccinale, esame di feci e orine, misurazione della temperatura e certificato di buona salute. La bella notizia è che il vecchio davanti a me che sfumazza il cigallo, scaracchia e sputa per 100 minuti non avrà accesso a meno che non porti esami falsi.

    • 3 Febbraio 2021 in 15:13
      Permalink

      Dovrebbe far ridere? Hai proprio tempo da perdere

  • 3 Febbraio 2021 in 10:24
    Permalink

    Luca il regista lo cercavano già Minotti, Galassi e il Presidente coltivatore diretto senza successo, poi Faggiano, poi il numero uno di tutti Carli. A questo punto mi viene da dire che il regista basso sia una figura mitica, una chimera a cui non conviene pensare più. La cosa strana è che le altre Verona in testa ce l’hanno…Mah..misteri della vita.

    • 3 Febbraio 2021 in 16:03
      Permalink

      Per quel ruolo, il Mister, nell’intervista prepartita di Sabato ha fatto il nome di Cyprien, che dopo la lunga inattività per il Covid, si stava allenando seriamente, lo aveva visto in grande crescita, e stava valutando la possibilità di farlo giocare dal primo minuto. Aggiungendo che quella di Cyprien era una figura che era stata presa già in seria considerazione anche con Faggiano per quel ruolo. Quindi abbiate fede, di Cyprien siamo noi tifosi che non abbiamo capito le grandi potenzialità e sono sicuro che per il prossimo campionato di B, se sarà ancora con noi sarà al top.

  • 3 Febbraio 2021 in 17:25
    Permalink

    Cyprien ce lo invidiano tutti. Anche Guardiola lo vorrebbe al City per alternarlo con “Debruign”. Penso anch’io che in B o ancora meglio in C sarebbe un gran colpo. Si sa che il Covid è una brutta bestia anche Ronaldo e Ibra (che hanno il doppio degli anni del francese) stanno infatti ancora giocando male causa precedente infezione (per dirla alla Galli).

    • 4 Febbraio 2021 in 14:00
      Permalink

      Inanzi tutto Cyprien non sta giocando nel suo ruolo, ma sia Liverani che D’Aversa lo stanno “adattando” a fare il regista di vertice basso (quando in realtà è centrale puro di centrocampo) visto in realtà non abbiamo nessuno in quel ruolo.
      Lo stesso Kucka giocando fuori ruolo non è il massimo

  • 3 Febbraio 2021 in 18:38
    Permalink

    serie BKT , krause tanner, ah mi sembrava ,lovisa stiamo arrivando ,prepara il burrai

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI