D’AVERSA: “SE ASPETTIAMO PASSIVAMENTE UN EVENTO POSITIVO QUESTO NON ACCADE. VA RICERCATO ATTIVAMENTE” (VIDEO) / I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – “Parlo per il periodo in cui ci sono io e i numeri d’attacco non sono paragonabili a quelli dell’anno scorso. Credo che, a parte la partita con il Bologna, abbiamo creato situazioni per fare gol ma non siamo stati lucidi e determinati nel concretizzarle. Vale anche per le palle inattive che sono la nostra forza. Io credo che sia un discorso generico e non solo degli attaccanti. In questo momento penso non si vada a concludere o a mettere in difficoltà l’avversario con la giusta determinazione e la giusta cattiveria”. E’ questo il pensiero di Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro l’Udinese in programma domani alle 12.30 allo Stadio ”Ennio Tardini”. “Anche a Verona, per esempio, Gervinho ha avuto due occasioni per poter concretizzare eppure non è stato fatto molto probabilmente perché nella gestione gli ho concesso molta quantità e lui è un calciatore di qualità. A livello generico credo dipenda sia dal fatto che bisogna fare di più sotto tutti i punti di vista, dal passaggio semplice – a Verona abbiamo sbagliato molto tecnicamente – a tutto il resto. Lunedì siamo passati in vantaggio, siamo partiti forte, abbiamo messo in difficoltà una squadra fisica come il Verona che sta facendo un campionato importante ed è una squadra forte. Credo che sia soprattutto un aspetto mentale. Poi è anche vero che bisogna considerare il livello numerico nel momento in cui ti manca il centravanti: l’assenza di Inglese, è arrivato Zirkzee ma è un giovane che deve conoscere ancora il campionato e deve apprendere, Cornelius adesso penso stia un po’ meglio. E’ un problema generico in cui ognuno di noi deve migliorare, non vale solo per gli attaccanti ma anche per i centrocampisti, per i terzini che si ritrovano a mettere quella palla che può essere determinante. I numeri sono emblematici. Tutto questo mi fa pensare che non facciamo le cose in maniera determinata: chi va a battere, chi va a saltare. E’ un discorso generico”.

Aver nominato Kulusevski e Bastoni sottolinea che il sottoscritto non si è mai posto limiti d’età nel fare giocare i calciatori. Bastoni è subentrato a Torino ed era arrivato da un’operazione al ginocchio. Dejan ha dimostrato di essere pronto, magari arrivava da una scuola in cui conosceva già la lingua e questo è certamente un vantaggio. Riguardo ai ragazzi che abbiamo quest’anno bisogna un po’ dividersi, tra coloro che sono arrivati a gennaio e che quindi possono avere delle difficoltà di lingua, apprendimento, dialettica, di ciò che si cerca sotto l’aspetto tattico, e chi è arrivato prima. Questo processo viene velocizzato quando si lavora in ritiro e porta dei vantaggi. Quando si arriva durante il mercato di gennaio ci possono essere delle difficoltà perché si lavora cercando di raggiungere un risultato. Ci vuole un percorso di inserimento, ci vuole tempo e tempo non ne abbiamo. Questo non significa che non si lavora tutti i giorni, questo non significa che non si metta a disposizione una persona per capire la lingua, questo non significa che non ci si mette un po’ più di tempo per far capire a pieno il video e ciò che c’è da fare sotto l’aspetto tattico. Non è una responsabilità ma una cosa normale. Mihaila, per esempio, è arrivato qui quest’estate ed è arrivato con delle problematiche fisiche che ne hanno ritardato l’inserimento. Adesso è un po’ più avanti rispetto agli altri. Il percorso di crescita è normale. Se andiamo nello specifico, Dennis è arrivato venerdì, a Napoli ha giocato, la partita successiva ha giocato 45′ e a Verona ha giocato meno perché è entrato Mihaila che in questo momento magari può essere più pronto non per l’aspetto fisico. Il nostro campionato è diverso e magari si fa fatica a capire determinate situazioni. Bisogna ragionare su ogni singola persona e non è semplice. Lo stesso Joshua fa fatica a capire in allenamento cosa c’è da fare e cosa non c’è da fare. L’apertura, da parte mia, dell’allenamento di oggi a voi è proprio per questo, per far capire che delle difficoltà ci sono. Questo non significa scaricare delle responsabilità ai giovani, ai vecchi, alla società, all’allenatore. E’ solo per far capire che in questo momento ci sono delle difficoltà, siamo penultimi in classifica e dobbiamo lavorare solo ed esclusivamente per ottenere un risultato. Tutto il resto sono chiacchiere, quello che conta in Italia è risultato. Noi dobbiamo lavorare per far sì che venga un risultato. Giovani o vecchi a me non interessa. Bisogna considerare anche la condizione fisica, la settimana scorsa abbiamo fatto dei test. L’allenatore quando fa delle scelte valuta tutto, gli undici iniziali sono quelli che possono dare più garanzie. Non faccio dispetto a nessuno, il dispetto lo farei a me stesso”.

“Sicuramente sotto l’aspetto psicologico abbiamo attraversato dei momenti migliori, forse anche perché da quando siamo tornati in Serie A non ci siamo mai trovati in questa situazione. Molto probabilmente i ragazzi si sentono anche responsabili, hanno questo fardello in testa. Nei momenti di difficoltà viene meno l’autostima ma ho cercato di far capire loro che sì, è vero che si commettono degli errori, ma questi errori possono avvenire anche per il modo in cui si interpreta o affronta una situazione. Dopo Verona ho usato un termine che non ho mai utilizzato in vita mia, ma non esiste che si vada in campo con il timore di poter non vincere o perdere una partita. La gara di lunedì è emblematica: siamo partiti benissimo, siamo passati in vantaggio, poi sembrava avessimo il timore di tutto ciò che è successo fino ad ora. Noi dobbiamo ragionare in maniera positiva, perché quando si va in campo bisogna mettere in difficoltà l’avversario. Bisogna giocare con coraggio. In questa settimana il termine principale, il concetto principale, è stato quello di andare in campo con coraggio. Perché ci sono calciatori forti, penso di avere una rosa di calciatori forti e non lo dico perché devo autoconvincermi o convincere i ragazzi: lo dico perché lo penso veramente. La maggior parte dei giocatori c’era già l’anno scorso, alcuni sono partiti dal percorso della Lega Pro quindi immaginiamoci che fiducia posso avere in questi ragazzi. Questa fiducia, però, la devono ritrovare loro stessi. E’ normale che nei momenti difficoltà viene a scemar quest’aspetto ma dobbiamo essere bravi, sotto l’aspetto mentale, a ricredere in noi, andare in campo con coraggio e affrontare ogni singola situazione con la voglia di determinare, vincere il duello. Basta una scintilla per far sì che tutti gli aspetti negativi si trasformino in positivi ma noi per primi dobbiamo ragionare in questa maniera“.

Ogni settimana ci si confronta con il Presidente, di persona oppure in conference call quando non è qui, e mi ha confermato – ma non avevo bisogno di alcun tipo di garanzia – che non c’è stato nessun incontro. Io che sono un allenatore, ma penso che valga per tutti coloro che fanno questa professione, alla fine di ogni partita si fa un esame di coscienza e si analizza la situazione. Lo faccio quando vinco il campionato, quando ottengo gli obiettivi, figuriamoci se non lo faccio nel momento in cui faccio un punto in sei partite. E’ normale che un allenatore deve sentirsi responsabile. Io in questo momento sto ragionando solamente su come poter fare un risultato, perché se abbiamo fatto un punto in sei partite devo pensare a migliorare me e il mio staff di lavoro. Non posso pensare che le responsabilità siano di alcuni. Ognuno di noi deve ragionare in questa maniera e allora, forse, se ne esce fuori. Sulle critiche o non critiche ci sono abituato, in questi quattro anni qui mi è arrivato addosso di tutto. La critica la accetto, mi dà fastidio quando si tocca la professionalità o si mette in dubbio la volontà di fare bene o meno il proprio lavoro. Sotto questo punto di vista posso garantire che quando perdiamo non dormo la notte, ho un pessimo rapporto con la sconfitta e mi trasformo in maniera negativa. Ho questo difetto da quando giocavo”.

L’Udinese è una squadra molto fisica con calciatori di qualità, come Deulofeu anche se non si sa se dall’inizio, De Paul, Arslan. E’ vero che vengono da una sconfitta ma è una squadra forte. L’Udinese è una di quelle squadre che, in ogni campionato, ha avuto una classifica magari peggiore rispetto a quelle che sono le qualità tecniche e di forza della squadra. Più che ragionare sugli altri, che sappiamo benissimo sotto l’aspetto tattico e delle qualità, dobbiamo ritrovare noi il nostro spirito e andare in campo per fare quella prestazione che ti porta a fare un risultato positivo. La vittoria del Torino? E’ una difficoltà in più, c’è un risultato che magari va a complicare un po’ la situazione ma le situazioni cambiano settimana dopo settimana e lo dimostra il fatto che la quota salvezza può variare in qualsiasi momento. Il Torino ha portato a casa un risultato su una situazione di palla inattiva, altre occasioni da gol non se ne sono viste se non dopo la rete del vantaggio: questo deve darci ancora più forza perché veramente basta poco per uscire da questa situazione. E’ solamente il modo in cui si interpreta, la determinazione o no di portare a casa un risultato. Nella partita di domani sarà importante andare in campo in maniera coraggiosa“.

“Se D’Aversa non fosse voluto tornare, non sarebbe tornato. Così come ha avuto altre possibilità di andare ad allenare altre squadre e non sono andato. Il fatto che sia tornato è perché sono convinto di salvare la squadra e sono convinto di salvare i quattro anni di lavoro che ho dedicato a questo club. Ho mille difetti ma sotto l’aspetto professionale e sotto l’aspetto umano chiedo scusa ma nessuno – sotto questi punti di vista – può insegnarmi niente. Non penso di aver commesso errori, sono il primo responsabile e non cerco alibi avendo fatto un punto in sei partite. Però io credo che si stia continuando a dare alibi alla squadra: si possono tirare fuori mille motivazioni, perché il capitano è uno e non l’altro, perché si è giocato a cinque e non a quattro in difesa e via dicendo. Il problema non è quello ma che bisogna affrontare le partite per fare un risultato. In Italia si tirano fuori tante cose ma per me restano chiacchiere. Noi dobbiamo tirarci fuori da questa situazione di classifica e sotto questo punto di vista mi sono sempre preso le mie responsabilità”.

Tutte le problematiche mi portano ad una sola cosa: l’aspetto mentale. Perché nel momento in cui viene meno l’autostima, a prescindere se si difende a zona oppure a uomo anche se il modo di difendere è lo stesso degli altri anni, è proprio quell’aspetto che dobbiamo migliorare. Bisogna cercare l’aspetto positivo. Se nei calci piazzati io da marcatore penso di subire gol, è la volta buona che prendo gol. Noi dobbiamo pensare di avere la meglio sull’avversario, è l’aspetto mentale che determina tutto. Poi è chiaro che, per esempio, per fare gol su palla inattiva bisogna batterla con qualità ma bisogna essere lucidi anche per realizzare, nel pensare ad una situazione sporca, ad un rimpallo. Se aspettiamo l’evento, l’evento non arriva. Noi dobbiamo andare alla ricerca dell’evento, alla ricerca della fortuna. E’ il modo di ragionare che ti porta ad avere fortuna oppure no. E’ quell’aspetto che va migliorato oltre chiaramente alle altre situazioni che si migliorano col lavoro e sotto quel punto di vista non ci si tira indietro“.

La squadra fisicamente sta migliorando sempre di più, a Verona ha finito in crescendo. Il riferimento ai test era semplicemente per dire che quando si scelgono gli undici si guarda anche l’aspetto scientifico oltre che l’occhio. I test non mentono. Ma anche in questo caso, è l’aspetto mentale a fare la differenza anche quando l’aspetto fisico magari non è ottimale. A Reggio Emilia con il Sassuolo, Simone Iacoponi ha giocato senza aver fatto un allenamento con la squadra. Eppure nel dialogo prima della partita mi ha dimostrato una certezza, una sicurezza, una convinzione che mi ha portato a farlo giocare. Ecco cosa è la scintilla. Se avessimo vinto quella partita che stavamo conducendo fino al 93′ sarebbe magari cambiato tutto. Quell’episodio, negativo, noi lo dobbiamo trasformare in energia positiva: veramente basta poco per far sì che le cose cambino. La differenza la fanno l’aspetto mentale, la voglia di vincere il duello con l’avversario, la voglia di sapere che i tre punti sono fondamentali visto che siamo penultimi in classifica. Sportivamente parlando è una questione di vita o di morte. L’aspetto fisico è importante, sta migliorando, ma quello che conta di più è l’aspetto mentale“.

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-UDINESE

PARMA-UDINESE, I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della seduta di allenamento sostenuta oggi, Mister Roberto D’Aversa ha convocato per la gara contro l’Udinese, in programma domani alle 12.30 allo Stadio ”Ennio Tardini” e valida per la ventitreesima giornata del campionato di Serie A 2020-2021, i seguenti 28 calciatori:

Portieri: Colombi, Rinaldi, Sepe;
Difensori: B. Alves, Bani, Busi, Conti, Dierckx, Gagliolo, Iacoponi, Laurini, Pezzella, Osorio, Zagaritis;
Centrocampisti: Brugman, Cyprien, Grassi, Hernani Jr, Kucka, Kurtic, Sohm;
Attaccanti: Brunetta, Cornelius, Gervinho, Karamoh, Man, Mihaila, Zirkzee.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “D’AVERSA: “SE ASPETTIAMO PASSIVAMENTE UN EVENTO POSITIVO QUESTO NON ACCADE. VA RICERCATO ATTIVAMENTE” (VIDEO) / I CONVOCATI

  • 20 Febbraio 2021 in 15:05
    Permalink

    Ma la ciliegina del mercato di Carli ovvero Pellè preso per dare una mano all’attacco una settimana dopo la chiusura del mercato si sa se per aprile sarà disponibile?
    Ma Inglese esiste un modo per una rescissione per giusta causa del contratto?

    Rispondi
    • 20 Febbraio 2021 in 19:11
      Permalink

      Scusate ma ho sentito bene??? Crede nella salvezza ???? Ma per favore …. solite conferenze che sentiamo da settembre…. domani 0-2 e tutti a casa

      Rispondi
    • 20 Febbraio 2021 in 20:04
      Permalink

      Amigo mio ….Magari gioca Zirkzee titolare …come no abbiamo Pellé ,,,,, con Mihaila a su sinistra e Man a la destra ……

      Rispondi
  • 20 Febbraio 2021 in 17:46
    Permalink

    D’Aversa si dimostra anche nella cattiva sorte un grande e serio professionista.
    forza parma sempre

    Rispondi
  • 20 Febbraio 2021 in 18:47
    Permalink

    Inizia ad essere un po’ nervoso. Poi ti chiedi perchè la squadra non gira.

    Rispondi
  • 20 Febbraio 2021 in 19:51
    Permalink

    Infatti positivamente speravo che d’aversa si togliesse dalle p… e non è successo. Devo dire che lo psicologo, nonché filosofo ( ma non allenatore) d’aversa ha proprio ragione.

    Rispondi
  • 20 Febbraio 2021 in 20:50
    Permalink

    Devo ammettere che mi mancano profondamente i rapporti di Mauro da Collechio … quando andò lì e fece il suo rapporto ….. Sì ora tutto è chiuso come un’ostrica … non so se è per Covid o cosa …. conosco la mia idea forse “fuorigioco” ma dirò almeno di dare a Mauro un pass speciale per assistere alle sessioni di allenamento del Parma ….
    Forza Mauro
    Forza Parma

    Rispondi
  • 20 Febbraio 2021 in 23:16
    Permalink

    Domani spero di vincere. Ogni volta credo si possa vincere. Poi non succede. Credo che d’aversa sia intellettualmente onesto, nel momento in cui allena e sceglie gli undici. Ma se le cose vanno male bisogna avere l’umiltà di cambiare idea. Se non cambi mai idea non cambi mai niente. Lo diceva Churchill, che aveva uno spessore diverso da d’aversa. Solo con due vittorie contro udinese e Spezia puoi provare a lottare per la salvezza. Mi auguro che oltre a dirlo, lo sappia e lo abbia presente anche quando farà le sue scelte.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI