GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “GOL PRESI EVITABILISSIMI, CON CARENZE DI GRINTA E COMBATTIVITA'”

(Gian Carlo Ceci) – A Napoli, come con la Sampdoria, è finita 2 a 0 per gli avversari, però si deve rilevare che sono state due prove differenti: con i blucerchiati al buon primo tempo aveva fatto seguito una ripresa che ha ricordato le peggiori prestazioni, mentre a Napoli s’è visto un Parma diverso, ancora insufficiente per riuscire a portare a casa un risultato positivo, ma che è stato punito oltre i propri demeriti. Con i partenopei la compagine Crociata ha dato a vita a un’altra prestazione negativa se si considera solo il classico risultato finale. Sembra un controsenso, però è proprio così: la formazione ducale è apparsa in progresso, almeno per quanto riguarda la prestazione globale, perché, rispetto al recente passato, pur palesando carenze di grinta e combattività, si è espressa con maggior continuità per tutto l’incontro (se non per la prima volta, certo una delle poche volte, e in più ha fatto registrare un maggior possesso di palla rispetto agli avversari) e ha invertito il tipo di prestazione rispetto alla precedente partita: meglio il secondo del primo tempo e, pur non con un gran ritmo e senza colpo ferire, nella ripresa è cresciuta, ha pressato e comandato il gioco, anche se si deve tener conto che il Napoli, passato in vantaggio, ha badato a non scoprirsi e a portare a casa il risultato positivo.
Oltre a questo, vanno sottolineati altri particolari. Innanzitutto, oltre ad aver subito due reti evitabilissime, favorite da evidenti errori difensivi in particolare sul primo gol (Kurtic ha dimenticato Elmas che partendo da metà campo è arrivato incontrastato, al limite dell’area e, saltato come un paletto, un piantato Osorio, che non ha nemmeno accennato all’intervento o a cercare di fare fallo, dopo aver evitato Grassi è riuscito a realizzare con relativa facilità) è giusto rilevare anche che il Parma ha affrontato uno dei peggiori Napoli degli ultimi tempi, una squadra certo non serena (la società campana pare non avere mai pace, sempre ricca di accese polemiche certo non spente dal presidente De Laurentis, personaggio sicuramente non simpatico e amabile che pare aver raccolto l’eredità di Zamparini come “mangia allenatori”) che non ha certamente impressionato e che giocando lentamente, sotto ritmo, è riuscita a sfruttare la prima occasione che ha avuto e poi, prima di tutto, ha badato a non prenderle.
Questo è stato abbastanza facile perché il Parma, in avanti, è apparso ancora una volta inconsistente, un refrain che, purtroppo, si ripete ormai da molto, moltissimo tempo (solo due gol nelle ultime nove partite) e se in fase difensiva ha tenuto abbastanza bene, anche per le marcature quasi a uomo predisposte da D’Aversa, è mancato notevolmente dalla cintola in su, come dimostrano le conclusioni effettuate, quattro (tutte fuori porta) contro le dieci della squadra allenata da Gattuso. Questo non solo per colpa dei due attaccanti di ruolo che pur senza brillare (Cornelius) e giocando a sprazzi senza incidere (Gervinho) poco hanno potuto per mancanza di rifornimenti e di palloni giocabili, anche perché l’attuale D’Aversa orfano di Kulusevski (sempre più appare evidente quanto incidesse sul rendimento della squadra lo svedese) ha rinunciato all’abituale 4¬3-3 e inserito sulla destra un centrocampista di ruolo, ultimamente il generoso Kucka che, tuttavia, raramente incide sul gioco, trovando la giusta posizione e spesso, come a Napoli quando il Parma ha dovuto recuperare il risultato, è stato costretto a mantenersi più avanzato, quindi ritrovandosi ad operare sulla fascia e a fare la vera e propria ala destra, ruolo per il quale non è assolutamente adatto.
Inoltre, si può discutere e dissertare anche sulle sostituzioni con il tecnico che ha preferito mantenere a lungo lo schieramento iniziale (unica variazione all’inizio ripresa con l’ingresso, al posto di Grassi, del legnoso, e sempre poco produttivo, Hernani, ma l’assetto tattico non è cambiato) e inserire, solo a dieci minuti dalla fine, una punta, il neo arrivato Man che praticamente non è riuscito a toccare palla.
A proposito di mercato: ancora dall’estero sono stati ingaggiati giovani prospetti tutti da scoprire per come si esprimeranno nel campionato italiano e appare difficilmente comprensibile che non si pensi (tranne gradevoli sorprese dell’ultimo giorno) a rinforzare il reparto che dimostra le maggiori lacune, il centrocampo dove operano giocatori più interditori che costruttori. Questi elementi ben poco aiutano e adeguatamente supportano le punte: si nota la mancanza, oltre che di un singolo in grado di saltare l’avversario, di un centrocampista con propensioni offensive, un centrale (per usare un vecchio termine un regista) in grado non solo di fare argine davanti alla difesa, ma di giocare in profondità (Brugmann palesa grandi limiti e per questo appare sempre più inspiegabile la cessione di Scozzarella che quando è sceso in campo, poche volte, ha dato ordine alla squadra) in verticale e rilanciare velocemente l’azione.
Nel post partita D’Aversa (che pare aver sempre più, se non perso, smarrito ciò che lo aveva contraddistinto nei precedenti campionati: la fortuna) ha cercato, come spesso è avvenuto in passato, di assolversi e trovare impalpabili e inconsistenti scusanti (ha detto che “bisogna cambiare mentalità”, ma questo suggerisce una domanda: chi principalmente, se non l’allenatore, deve far cambiare mentalità e dare la giusta carica a questi giocatori?); si è lamentato di avere solo un centravanti dimenticando che non tutte le altre società hanno due punte centrali (ma che fine ha fatto, o farà, Inglese? E poi: quando mai dall’inizio ha schierato due centravanti contemporaneamente?) e rilasciato pesanti, inopportune, dichiarazioni che certo avrebbe fatto meglio evitare: ha sottolineato che non sono arrivati giocatori pronti e, ancor più grave, che i dirigenti non seguono le sue indicazioni (“non sempre vengono ascoltate le direttive dell’allenatore: avevamo concordato e mi erano state date precise garanzie sul mercato”) e queste parole che, in un momento come questo, lasciano perplessi sono certo fuori luogo (come l’avranno presa Carli e il presidente?) perché paiono indicare uno scollamento fra i dirigenti e D’Aversa, peraltro non nuovo a queste impreviste uscite che già in estate avevano prima incrinato i rapporti e poi portato alla rottura con la precedente proprietà. Dichiarazioni che l’allenatore poteva, meglio doveva, risparmiarsi, destinate ad alimentare polemiche che dovrebbero essere evitate e che sono probabilmente anche indice del momento di sconforto di chi è ritornato (a malavoglia?) con delle speranze e promesse che non si stanno realizzando. Gian Carlo Ceci

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “GOL PRESI EVITABILISSIMI, CON CARENZE DI GRINTA E COMBATTIVITA'”

  • 1 Febbraio 2021 in 17:20
    Permalink

    Condivido tutto, complimenti per la lucida analisi.

  • 1 Febbraio 2021 in 20:05
    Permalink

    bhè…..se gli hanno dato delle garanzie per il mercato e sono state completamente disattese Ha chiesto giocatori pronti ma non ne sono arrivati, siccome poi a rimetterci con le critiche è sempre l allenatore bene ha fatto D aversa a mettere i puntini sulle i ,poi con sta storia che ci sono stati dissapori quest estate …..dailà !! gli hanno detto che volevano vendergli mezza squadra(per monetizzare e rientrare ) hanno prospettato una politica dei giovani (si cominciano dai vivai queste rivoluzioni non dalla prima squadra e non una squadra che ha come obiettivo la permanenza in A…in prima squadra ne lanci un paio e se ti va bene solo uno dei 2 è arruolabile per la massima serie o più facilmente vendibile nelle serie inferiori ) chiedendogli la salvezza non ha chiesto rinforzi per puntate in alto ,ma con coerenza avrà avuto da obiettare perchè con soli giocatori giovani e una squadra rivoluzionata negli effettivi non ti salvi mai …mai!!! hanno preso la palla al balzo per rimpiazzarlo ….non andiamo a difendere Carli perchè non è proprio il caso o l operato della vecchia e in parte anche della nuova proprietà ….110 milioni circa in due sessioni di mercato per rischiare di retrocedere??? secondo me Krause farebbe bene a nominare un AD serio e a strutturare in modo forte l organigramma societario.
    Non tiriamo in ballo D aversa perchè anche il cambio in panchina è stato fatto con colpevolissimo ritardo, non si aspettano 15 giornate per esonerare qualcuno che fino al esonero aveva stabilito il record di gol subiti e peggior attacco in stagione, dopo aver collezionato pareggi ignobili per 0 a 0 con benevento fiorentina cagliari spezia ( e qui abbiamo pure rubato 1 punto)e una meritatissima sconfitta a crotone

  • 1 Febbraio 2021 in 23:11
    Permalink

    Carli e D’Aversa non si amano. Qui dovrebbe intervenire il presidente invece di vivere nel suo mondo fatto solo di giovani promesse da Football Manager e ottimismo di facciata che nessuno capisce.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI