HELLAS VERONA-PARMA 2-1 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ANDREA BELLETTI

HELLAS VERONA-PARMA 2-1, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

HELLAS VERONA-PARMA 2-1, IL TABELLINO

Marcatori: 7′ Kucka (rig.), 12′ Grassi (autorete), 17′ st Barak

HELLAS VERONA – Silvestri; Dimarco (38′ st Magnani), Lovato, Barak, Lazovic (Cap.) Ilic (48′ st Veloso), Cetin, Gunter, Tameze, Colley (6’st Bessa), Lasagna. Allenatore: Juric
A disposizione: Berardi, Pandur, Udogie, Terracciano, Vieira, Sturaro, Amione, Yeboah.

PARMA CALCIO 1913: Sepe; Conti (43′ st Man), Gagliolo, Grassi (12′ st Sohm), Karamoh (24′ st Mihaila), Cornelius (12′ st Zirkzee), Bani, Kurtic, Osorio (24′ st Pezzella), Gervinho (cap.), Kucka. Allenatore: D’Aversa
A disposizione: Colombi; Iacoponi, Brugman, Cyprien, B. Alves, Dierckx, Brunetta.

Arbitro: Sig. Luca Massimi della Sezione A.I.A. di Termoli

Assistenti: Sig. Dario Cecconi di Empoli e Sig. Daniele Marchi di Bologna 

Quarto Ufficiale: Sig. Eugenio Abbattista di Molfetta

V.A.R.: Sig. Davide Massa di Imperia

A.V.A.R.: Sig. Matteo Passeri di Gubbio

Ammoniti: Silvestri, Cornelius, Dimarco, Gunter, Mihaila, Lovato

Calci d’Angolo: 4-4

Recupero: 2’+5′

LA DIRETTA LIVE, di Andrea Belletti

Amici di Stadiotardini il Parma è chiamato a dare un forte segnale alla sua stagione in quel di Verona. Per farlo D’Aversa non lesina novità nella formazione titolare. In difesa spazio a Bani che affiancherà Osorio, in attacco si rivede Karamoh inserito nel tridente insieme a Gervinho e Cornelius. A centrocampo Grassi prende il posto di Brugman

PRIMO TEMPO

1′ Subito in attacco il Parma: cross di Kurtic, il colpo di testa di Bani è deviato

4′ Incomprensione tra Lovato e Silvestri si inserisce Karamoh che anticipa il portiere in uscita, l’arbitro controlla il VAR: rigore per il Parma

6′ GOL DEL PARMA: dal dischetto Kucka calcia un bolide che piega le dita a Silvestri

12′ GOL DEL VERONA: Cross di Lazovic dalla sinistra, taglia l’area Di Marco che anticipa tutti trovando una deviazione di Grassi, Sepe spiazzato non può nulla

16′ Il Parma è partito a mille peccato per la doccia fredda del gol di Di Marco

17′ Lasagna prova ad accendersi, sinistro potente, alto

20′ Gervinho cerca di trovare un varco in area tenta la conclusione, Cetin chiude tutto

35′ Dopo un inizio scoppiettante la partita sembra veleggiare su spartiti più tranquilli, il Parma nonè più veemente come ad inizio gara il Verona cerca di affacciarsi in avanti

36′ Punizione di Di Marco sepe con un miracolo toglie la sfera dalla ragnatela

40′ Il Parma soffre le incursioni di Di Marco dalla sinistra, troppi cross sorvolano l’area crociata

45′ Sinistro di Di Marco da distanza ravvicianta, Sepe copre il suo palo

SECONDO TEMPO

1′ Nessuna sostituzione, si parte

2′ Karamoh ci prova dalla distanza, scelta infelice

4′ Sostituzione Verona, esce Colley per infortunio entra Bessa

9′ Gagliolo pennella in area per Cornelius, il danese svetta su tutti la palla finisce alta sopra la traversa

10′ Doppia sostituzione Parma esce Cornelius entra Zirkzee esce Grassi entra Sohm

12′ Bella girata di Bessa in area che non riesce ad imprimere forza alla sfera

15′ Buon momento per il Verona, ci prova Barak che serve a rimorchio Bessa il Parma si rifugia in angolo

16′ GOL DEL VERONA Il gol è nell’aria e arriva al 16′: cross con il contagiri di Di Marco per la testa di Barak che anticipa Zirkzee e trafigge Sepe

23′ Doppia sostituzione Parma esce Osorio entra Pezzella, esce Karamoh entra Mihaila

30′ Ci prova Kucka al volo, palla alle stelle

36′ Bessa prova ad incrociare palla sul fondo

36′ Sostituzione Verona esce l’ottimo Di Marco entra Magnani

40′ Sostituzione Parma esce Conti entra Man

41′ Rasoterra di Gervinho central nessun problema per Silvestri

45′ Palla in area scaligera c’è una deviazione Silvestri ci arriva

45′ Sostituzione Verona esce Ilic entra Veloso

48′ Cross di Man per la testa di Zirkzee che non riesce a schiacciare il pallone

50′ Altra sconfitta per un Parma volenteroso, purtroppo ancora troppo ingenuo. Da salvare l’impegno e la rabbia mostrata nel finale. ma la squadra sembra slegata tra i reparti, incapace di creare trame di gioco ficcanti. Siamo ancora in gioco seppure a 4 punti dalla quart’ultima, basta però una vittoria per rientrare in gioco. Non si molla di un centimetro, noi ci crediamo. Andrea Belletti

 

47 pensieri riguardo “HELLAS VERONA-PARMA 2-1 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ANDREA BELLETTI

  • 15 Febbraio 2021 in 20:53
    Permalink

    Vamos Ragazzi 💪💪⚽️⚽️

  • 15 Febbraio 2021 in 21:04
    Permalink

    Dai!

  • 15 Febbraio 2021 in 21:36
    Permalink

    Peccato per il gol subito alla prima occasione del Verona (ma a me pare che i difensori del Parma, TUTTI indistintamente, siano intreghi e scarsi) , perché eravamo partiti bene. Male grassi che nelle ultime due partite giocate ha segnato due gol per gli avversari. Non ho aggettivi per cornelius. Dico solo che è più probabile che Rocco c. si fidanzi con Belen Rodriguez, che cornelius segni un gol. Oltre tutto fa falli pericolosissimi al limite della nostra area e davanti fa lo stopper divinamente. Ovviamente zero tiri in porta, zero assist per gli altri attaccanti e zero punizioni prese nella metà campo avversaria. Un sogno per le squadre avversarie, trovarlo contro. Generoso lo definisce Ambrosini. Preferirei uno molto tirchio che segna 15 gol. Magari d’aversa lo sostituisce verso il 97′ minuto.

  • 15 Febbraio 2021 in 21:37
    Permalink

    Finora il Verona ha dormito. Se si svegliano ci distruggono.

  • 15 Febbraio 2021 in 21:40
    Permalink

    Un allenatore con gli attributi adesso cambia tutti e tre gli uomini davanti e butta dentro gente che vuole vincere la partita. Ma non lo farà.

  • 15 Febbraio 2021 in 21:48
    Permalink

    Io dico solo uno spettacolo scandaloso

  • 15 Febbraio 2021 in 22:16
    Permalink

    Una squadra di cadaveri. Gli altri crescono fisicamente e noi non facciamo nulla. Mettiamoci poi che Gervinho e karamoh sono utili come c… senza buco e d’aversa non se ne accorge, fra trenta giorni pareggiamo. Se finisce così il campionato è finito.

  • 15 Febbraio 2021 in 22:27
    Permalink

    È possibile chiedere di finire anticipatamente questo schifo e passare direttamente in serie B?E’ una cosa vergognosa e la mancanza del pubblico toglie anche a squadra e soprattutto società vecchia e nuova i giusti insulti. Vergogna!

  • 15 Febbraio 2021 in 22:34
    Permalink

    Ma un allenatore che non ha il coraggio di togliere uno con la Bandana vuol dire che non ha le palle per farlo perché vedere uno che non si sbatte o non è più capace e tenerlo in campo mi fa pensare che il mister vuole farci retrocedere .

  • 15 Febbraio 2021 in 22:34
    Permalink

    Sei partite e un pareggio. Mi spiace ma se veramente si vuole provare a salvarsi, bisogna aprire nuovamente il portafoglio e prendere un allenatore che dia gioco , condizione e morale subito. Non costruiamo, una che sia una ,azione da gol. Ma non in una partita, in sei partite è andata così. Come possiamo vincere? Aveva ragione Krause a volere Paulo Sousa e non cadaverersa. Forse bastava il cane pastore Gunther era già stato Presidente del Pisa poteva allenare anche il Parma.

  • 15 Febbraio 2021 in 22:46
    Permalink

    Game over. E per favore, ritiriamo la squadra dal campionato perchè andare avanti così altri 3 mesi anche no.

    • 15 Febbraio 2021 in 22:50
      Permalink

      Guarda, per quello se non hai voglia di soffrire basterebbe che tu non accendessi la televisione. Chi vuole mollare via dalla barca a questo punto. Giocatori e tifosi. Chi rimane lo faccia con la voglia di giocarsela fino all’ultimo minuto.

      • 15 Febbraio 2021 in 22:58
        Permalink

        … la domanda me la faccio tutte le volte ormai. Perchè? Perchè sono davanti alla TV a guardare il Parma? Perchè?
        Non trovo risposta. Stupidità? Ingenuità? Niente altro da fare? Boh… è che non ci riesco. e’ più forte di me. Io sono Parmigiano e tifo Parma. E sto qua. Sempre. comunque vada.
        Va mo là.

        • 15 Febbraio 2021 in 23:01
          Permalink

          Fai bene, penso che siamo in tanti nella tua situazione da tifoso. Ma chi pensa di alzare bandiera bianca può anche alzarsi lui e lasciare chi ha le palle di soffrire e combattere al suo posto.

  • 15 Febbraio 2021 in 22:47
    Permalink

    Zirkzee mihaila man provano a dare gioco e velocità. Credo che d’aversa vada precettato e venga obbligato a farli giocare sempre e comunque. Di fatto bisogna impedirgli di fare la formazione. Una sorta di interdizione perenne. Mette il nome e basta e si dedica all’uncinetto in panchina. Gervinho deve tornare a fare il toro da monta nella sua comune con le sue numerose mogli. Solo li , da’ spettacolo. Veramente , retrocediamo con onore e seguiamo le idee del Presidente. Basta con questi morti. Siamo penultimi e retrocessi. Ha senso continuare a farli giocare?????

    • 15 Febbraio 2021 in 22:56
      Permalink

      Condivido parte del tuo pensiero. Gervinho e karamoh oggi erano molli, non hanno vinto un contrasto, non hanno preso una seconda palla, gervinho ha fatto un dribbling. Se deve essere così forse sarebbe meglio dare fiducia a qualche giovane con della voglia di mettersi in mostra.

  • 15 Febbraio 2021 in 22:50
    Permalink

    D’Aversa va esonerato solo per schierato solo 5 minuti Man

  • 15 Febbraio 2021 in 22:53
    Permalink

    E niente… la prossima partita sarà quella in cui scocca la scintilla…MO CHE DO BALI che fola che tristessà.
    Ah basta su la Maggio è lontanissimo, mi vergogno di tifare per questi qua. Potremo fare un punto con il Crotone a fine campionato, impossibile schiodarsi da quota 13. E al momento chiedo solo di non finire ultimi.
    Ho visto la formazione all’inizio e mi son detto “lo fa apposta, gioca con i soliti apposta”, hanno giocato più Mihaila, Zirkzee e Man in 15 minuti che tutto il resto della squadra in 75. Non dico che si pareggiava eh, ma i fatti sono evidenti. Ma non vengono fatti giocare.
    I vari Sepe, Gervinho, Cornelius, Karamoh, in panca e largo ai giovani. Tanto si perde lo stesso no? Elora …
    Ma vedrete che dalla prossima partita spicchiamo il volo…

    • 15 Febbraio 2021 in 23:01
      Permalink

      Gaio amico mio ricordati quello che ti dico ora. Che lo Spezia salvo fa saltare tutti conti. E come purtroppo spesso accade avrò ragione.

      • 15 Febbraio 2021 in 23:34
        Permalink

        Secondo me invece proprio non c’è da guardare lo Spezia perché fare meno punti di noi è quasi impossibile, Spezia o no, meritiamo con questa mentalità di retrocedere e basta.

  • 15 Febbraio 2021 in 23:03
    Permalink

    Cerco di fare una semplice analisi per punti e spero costruttiva.
    1) d’aversa non va bene per questa squadra. Ha finito il fuoco dentro e non ha il coraggio di far giocare i tre ragazzi entrati nel secondo tempo, perché si fida di chi gli ha salvato il culo gli anni scorsi. Problema è che il tempo passa, un anno è diverso dagli altri e un atleta ha alti e bassi.
    2) ho rivisto Kurtic motivato ma la difesa ( salvo gagliolo e pezzella) è una roba da serie B. Lenti svogliati e addormentati. Conti è un ex giocatore. Anche qui rischiamo e dentro i giovani. Uno tra dierckx e Balogh fisso. Perso per perso bisogna provare.
    3) davanti solo i giovani, dando fiducia anche a Brunetta come cambio. Basta con Gervinho inglese e cornelius. Il gioco di d’aversa è la cosa più prevedibile del mondo. Ogni squadra lo conosce e scherma Gervinho che non ha nemmeno più gamba e voglia.
    4) in mezzo via grassi hernani e brugman. Solo Kurtic e kucka e un ragazzo. Anche Camara se del caso ma io proverei cyprien.
    Davvero serve una svolta vera. Anche quei due succhia soldi di Lucarelli e Carli, facciano qualcosa che giustifichi lo stipendio o si dedichino al Burraco

    • 15 Febbraio 2021 in 23:09
      Permalink

      L’ultima considerazione te la potevi risparmiare, che è poco rispettosa nei confronti delle due persone che hai menzionato, e che lavorano fino a prova contraria in linea con quanto deciso dalla dirigenza. Non sono d’accordo neanche su conti, ma questa è solo un’opinione personale.

      • 15 Febbraio 2021 in 23:15
        Permalink

        Detesto l’ipocrisia. Carli ha dichiarato di non meritare la fiducia riposta in lui. I risultati confermano che ha ragione ma non s i dimette rinunciando allo stipendio. Dunque è lui stesso a qualificarsi. L’altro è l’esempio di una bandiera per caso ( scaduto il contratto nel 2014 gli fu rinnovato per gratitudine e saltato su, mille carri, piazza compreso quando, sembrava dover comprare) . Smette di giocare e, unico caso al mondo, chiede e ottiene un contratto a tempo indeterminato. Per fare cosa? Sono contento che arriveranno due nuove figure. Non sono l’unico a pensare certe cose.

        • 15 Febbraio 2021 in 23:24
          Permalink

          Carli deve dimostrare di meritare la fiducia che hanno riposto in lui, e lo vedremo solo quando potremo vedere crescere i ragazzi che ha portato quì. Non sta scritto da nessuna parte che si dovrebbe dimettere adesso. Altrimenti Crotone Cagliari e Torino sarebbero tutte senza ds. Chi ha le palle di soffrire e combattere resti, gli altri si diano pure malati. Lucarelli sta facendo il suo lavoro con Carli, molto in sordina, non penso che abbia molte colpe palesi che hanno portato a dove siamo ora, ma se tu ritieni che ne abbia sono contento di leggerle.

          • 15 Febbraio 2021 in 23:29
            Permalink

            Il paragone con Crotone ( Ursino ha idee chiare e spende zero), Torino ( vagnati è già ,di fatto, esautorato) e Cagliari ( rosa da settimi posto e problema enorme di Francesco) è del tutto fuori luogo. La classica iperbole di chi non sa cosa dire. Carli e Lucarelli sono i due dirigenti e i primi responsabili. Mi stupisco che un giornalista non sia a conoscenza dei, fatti di, spogliatoio. Evidentemente ci sono sensi selettivi

          • 15 Febbraio 2021 in 23:47
            Permalink

            Scusami non voleva essere un’iperbole. Ma seguendo il tuo ragionamento tutti i ds delle ultime squadre a metà campionato dovrebbero dimettersi. questo è secondo me ridicolo. I conti e i progetti si fanno insieme. a fine anno chi di dovere farà una bella linea e dirà se Carli merita di andare avanti o no. Fino ad allora, se Carli ha le palle è giusto che difenda le sue convinzioni e vada avanti, se non le ha si faccia da parte.

        • 15 Febbraio 2021 in 23:25
          Permalink

          Concludo il ragionamento, dicendo che ogni giorno che passa, apprezzo il Presidente. Sono il primo a aver pensato che l’operazione non fosse chiara. Magari non la è. Ma riconosco a questo signore che ha idee chiare, che ha capito dove abbia sbagliato ( anche se la tavola era già stata apparecchiata da altri), che è comunque sempre positivo, che abbia investito e abbia voluto garantire i tifosi che non ci sarà fine in caso si serie B. Potenziera’ la società che è oggi quasi inesistente e ha una mentalità vincente , lontana anni luce da quella dei, suoi dipendenti. Siccome sarà lui o gli altri che c’erano già, io sto con lui.

          • 15 Febbraio 2021 in 23:38
            Permalink

            Io sto con il Parma, con Krause, Pizzarotti o Pepèn, non è un mio problema. Dicevo però in estate che è pericoloso avere un magnate esterno che investe molto se poi le cose non vanno bene, perché se poi stacca la spina si torna con i libri in tribunale. Questo non deve succedere, quindi prima di tutto tifiamo e salviamoci, però spero che nuovo inizio abbiano anche quì delle clausole di salvaguardia.

  • 15 Febbraio 2021 in 23:08
    Permalink

    #daversaout

    1 punto in 6 partite, quando avrebbe dovuto ricompattare il gruppo e dare una svolta al campionato.
    Si continua a puntare su giocatori che non hanno più nulla da dare a discapito di quelli più giovani e più vogliosi di emergere.
    La media punti è nettamente peggiorata rispetto a Liverani (e non era facile fare peggio eh…) e con questa classifica il campionato l’è bello che andato.

    Ricominciamo domani affidando la squadra al mister della primavera e pensiamo a come progettare la serie B con calma.

  • 15 Febbraio 2021 in 23:20
    Permalink

    Non sei d’accordo su Conti?Ma lo hai visto???Un fantasma.
    Su Carli e Lucarelli su amico mio prendiamo posizione. Chi ha fatto la squadra che è la peggiore della serie A?Leonardi?O siamo tutti idioti o se tutti se la prendono con i due “professionisti” in questione forse c’è un po’ di vero o sono stati bravi?

    • 15 Febbraio 2021 in 23:28
      Permalink

      Conti non è malaccio secondo me, però gli va data libertà sulla fascia. Solo con compiti difensivi perde molto. Chiamatemi pure fesso, ma non sono per nulla convinto che abbiamo la rosa peggiore della serie A. Se prendi però solo giovani bisogna avere tempo, e questa serie a di tempo non ne darà ancora molto purtroppo.

      • 15 Febbraio 2021 in 23:35
        Permalink

        Conti ha fatto molto bene, giocando quinto di centrocampo. Credo che quello, sia il suo ruolo. Del resto, di Marco visto stasera e quello di d’aversa sono due calciatori molto diversi . L’allenatore è determinante per la carriera di un calciatore. Se il procuratore di pezzella ha ragione sulle qualità del nostro terzino, occorre certamente un mister che lo valorizzi. Con d’aversa si perde.

        • 15 Febbraio 2021 in 23:39
          Permalink

          Infatti su questo sono assolutamente d’accordo con te.

  • 15 Febbraio 2021 in 23:29
    Permalink

    Ale moderatore scusami quindi stai dicendo che il compito di Carli era far crescere i “ragazzi” anche retrocedendo? Quindi stai dicendo che la retrocessione dopo un decimo posto in A non è un parametro su cui giudicare un Ds? Se è così allora va tutto bene facciamo crescere pure i ragazzi e grande Carli.

    • 15 Febbraio 2021 in 23:42
      Permalink

      Ovviamente non sto dicendo questo, ma chi non legge a fondo non può poi neanche pretendere di capire.

  • 15 Febbraio 2021 in 23:35
    Permalink

    Aldo non solo la tavola era già apparecchiata da altri ma quegli altri mangeranno pure le briciole.

    • 16 Febbraio 2021 in 00:00
      Permalink

      1 punto in 6 partite penso che la cosa si commenti da sola. D Aversa ritorna a casa. Sta lavorando contro. Quindi chi? Liverani ha fallito… Che poi avevamo una media punti mica male…Si inizia petizione perCarmignani. Comunque cambiare cambiare cambiare. Così entreremo nella storia.

  • 16 Febbraio 2021 in 00:00
    Permalink

    Ale-moderatore ma come si fa pensare di potersi salvare. Abbiamo vinto 2 partite su 22. Ne dobbiamo vincere 8/9 su 16. I numeri valgono molto più delle parole e del tifo e dicono che non è possibile. D’aversa doveva vincerne 8/9 su 22 quando è arrivato. Non so cosa possa salvarci. Forse la cancellazione del Campionato.. Krause in Serie B stacca la spina alla piazza maniera? Forse. Nessuno può dirlo. Certo che la questione paracadute ridotto per la cessione d’azienda fatta da nuovo inizio, con nuova affiliazione alla lega potrebbe essere una ragione plausibile. Vero che è stato chiesto un parere preventivo alla Lega ma la stessa lega, vale a dire i presidenti della società, al, momento, della spartizione potrebbero avere molto da ridire. Speriamo bene anche qui.

    • 16 Febbraio 2021 in 00:06
      Permalink

      Hai ragione, però i numeri buoni nel calcio dipendono anche dai numeri che fanno gli altri, e con 4 punti di distacco non si può mollare il campionato. Chi vuole mollare si dia malato subito, e lasci giocare chi ha ancora voglia di giocarsela.

      • 16 Febbraio 2021 in 00:12
        Permalink

        Il Cagliari sta vivendo una stagione strana e i segnali sono pessimi. Col Sassuolo gol preso al 95. Con Atalanta preso al 91 e rigore non dato al 96. Credo però che presto faranno punti. Il Torino non perde più e muove la classifica. Credo che la corsa del, Parma sia su Spezia, Benevento e udinese che sono a più 11. A 37/38 almeno devi arrivare. Udinese, Spezia, Benevento, Sassuolo , sampdoria e Crotone sono da vincere per sperare di salvarsi. 18 punti. Ne mancano sempre sette/otto. Dove andiamo a prenderli?

        • 16 Febbraio 2021 in 00:22
          Permalink

          Con i se, i ma e i forse non si fa molto. La realtà attuale dice che il Torino dista 4 punti. Il resto sono chiacchiere. Ogni squadra, compresa la nostra, ha le sue attenuanti per i pochi punti fatti, ma secondo me è tempo perso andare ad analizzarle. I conti si fanno sempre sulla quartultima.

          • 16 Febbraio 2021 in 00:41
            Permalink

            Proverò a darti fiducia, ma di certo bisogna cambiare passo subito. TMW ha scritto che Krause medita un cambio in panchina. Credo sia giusto cambiare di nuovo. Se il Presidente ragiona con la sua testa o magari interpellando i suoi nuovi dirigenti che ha già evidentemente , preventivamente scelto, potrebbe essere la svolta. Se si confronta con quelli che ha, è meglio non cambiare niente. È comunque vero che sono molto prevenuto nei confronti di Carli e Lucarelli. Non nutro nessuna stima nei loro confronti. Mi spiace.

      • 16 Febbraio 2021 in 00:14
        Permalink

        Giusto. Bisogna giocare e provarci finché matematicamente non sarà detta l’ultima parola.

    • 16 Febbraio 2021 in 00:12
      Permalink

      Basta paragonare Krause a Piazza! … Poi non lamentiamoci se il pres vende al primo venuto perché come tifosi non stiamo dando una buona impressione… Un sacco di dietrologia e illazioni sul futuro che niente hanno a che vedere con i punti in classifica e con le partite perse ed è solo di queste cose che possiamo lamentarci, non della società . Basta chiedersi cosa farà o non farà Krause… È francamente offensivo verso chi ha comprato e ha detto che continuerà il progetto comunque vada

      • 16 Febbraio 2021 in 00:45
        Permalink

        Il Presidente non vende al primo che passa. Non si buttano tantissimi soldi in questo modo. Se dovesse mollare, lo farebbe per tornaconto.
        Sono convinto anche io che porterà avanti il progetto anche in Serie B. Certo dovrà riuscire a piazzare tanti calciatori finiti e mi spiacera’ molto perdere mihaila, man e altri giocatori che non scenderanno mai di categoria.

        • 16 Febbraio 2021 in 09:05
          Permalink

          E perchè i vari Man e Mihaila non dovrebbero eventualmente scendere di categoria? sono pagati e con discreti anzi ottimi stipendi. Sono nostri a tutti gli effetti e sono molto giovani. Secondo me dovrebbero rappresentare il futuro attacco del Parma.
          Dico solo che se in B sono scesi i vari Buffon, Trezeguet, Batistuta possono benissimo scendere (ovviamente motivati) anche loro.

  • 16 Febbraio 2021 in 11:24
    Permalink

    Credo che ormai l’annata sia compromessa ed è una mia opinione che le colpe siano di tutti, dai vecchi soci che hanno ragionato più da tifosi che da imprenditori, hanno voluto mantenere la serie A, facendosi convincere a strapagare dei giocatori anziani e rotti, che ora non ne hanno più, dal DS precedente che ha strapagato giocatori anziani e rotti, e mi fermo qui senza far riferimenti a certi procuratori, che hanno dato un contributo minimo alla squadra e indotto la vecchia proprietà ad accelerare la vendita per non avere ulteriori esborsi, dall’allenatore precedente, poi richiamato, che pensava alla fine della scorsa stagione di meritare qualcosa di più di quello che gli era stato dato fino ad allora ed è tornato solo perché aveva un contratto in essere, al nuovo DS che era stato preso dai vecchi soci per riuscire a vendere quello che si poteva e rimpiazzarli con giocatori a poco prezzo, ma poi si è trovato il nuovo proprietario con idee diverse e o non ha voluto o non è stato ascoltato, non lo sapremo mai, convincerlo che con l’attuale rosa non ci si salvava, per finire con la scelta del nuovo allenatore, che si è prima ostinato a far giocare a pallone gente che faceva fatica a fare due passaggi consecutivi giusti, poi cercando di venire incontro alle caratteristiche dei giocatori è andato completamente in confusione, per finire ai giocatori che per loro fortuna prendono regolarmente lo stipendio perché sono inquadrati come dipendenti/professionisti, ma che non si stanno comportando per nulla da professionisti. Per quanto riguarda il nuovo proprietario credo che il giudizio sia più complesso, poteva acquistare qualche giocatore pronto per cercare di salvare la categoria, forse più di qualcuno visto come stanno giocando quelli già in rosa, oppure andare per la sua strada ed iniziare ad inserire solo giovani promesse per formare un gruppo per il futuro, ha scelto la via dei giovani che si è rilevata infelice per il mantenimento della categoria. L’unica mia speranza, come tifoso del Parma, è che la figura che sta scegliendo per gestire tutta la parte tecnica nei prossimi anni sia quella giusta, si prenda il tempo che vuole si faccia consigliare da chi vuole ma la scelta questa volta deve essere giusta. Per finire con i tifosi del Parma, quelli veri seguono la propria squadra in qualsiasi serie giochi, non c’è scritto da nessuna parte che il Parma debba giocare in serie A, ci gioca chi se lo merita e quest’anno, mi spiace molto, ma noi non lo meritiamo. Comunque la speranza è l’ultima a morire e fino a quando non saremo retrocessi matematicamente ci spero, anche se la logica dice altro, ma logica e tifo non vanno d’accordo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI