LONGHI SU QUATTRO TRE TRE RICORDA L’INCREDIBILE COPPA UEFA 2004/2005 DEL PARMA

L’INCREDIBILE COPPA UEFA 2004/2005 DEL PARMA

di  – giornalista e autore, scrive di sport sotto molteplici punti di vista. Saggista per Treccani, ha collaborato con Sky Sport, Il manifesto, Alias, l’Unità e Avvenire – da QuattroTreTre.it

In una stagione complicata, con la salvezza acciuffata solo grazie allo spareggio con il Bologna, la squadra di Carmignani affronta la Coppa schierando i ragazzini. E arriva a un passo dalla finale…

Ah, le trasferte europee; i grandi stadi, l’internazionalità, antidoto alla relativa monotonia del campionato, alle solite facce. Affrontare una squadra e non vedere le città, ma aeroporti e aerei. E allora, Bilbao, codice BIO, la prima del girone: autunno, qualche turbolenza, vento molto forte in fase di discesa, con tutto quello che ne consegue, godibile non è per nulla, comunque atterri, vai in albergo, giochi e perdi. Poi Liegi, codice LGG: lì prima perdi, poi t’imbarchi per il ritorno e il decollo è da film e nei film in cui si parla di aerei il volo raramente è un pleasant flight; virata decisa, cappelliere che si aprono e bagagli che cadono, volti impietriti, panico, qualche mezzo svenimento. In assoluto non dura troppo, ma il tempo non è solo una questione di lancette: il tempo è relativo, si sa.

L’Europa del Parma 2004-2005 non sembra il massimo e c’è da capire perché l’allora direttore generale del club, Oreste Cinquini, ad un certo punto non ne volesse più sapere; coincidenza, proprio dopo Liegi. Ma il motivo non erano i voli. Piuttosto, la ragion di Stato, una A da salvare in un campionato prospettava la retrocessione come una possibilità concreta. Meglio non farsi distrarre.

Vero che il Parma allenato da Baldini aveva superato i play off eliminando il Maribor e nel girone B aveva pescato l’Athletic Bilbao di Valverde, la Steaua di Zenga, il Liegi e il Besiktas di Del Bosque, ma è vero anche che, nonostante il girone prevedesse 4 gare di sola andata, per un club in amministrazione controllata era pure troppo, e in Uefa iniziarono a vedersi fra i titolari sconosciuti ventenni tipo Gaetano Grieco e Francesco Ruopolo o il guineano Ibrahima Camara che vent’anni nemmeno li aveva.

Sconfitto nei Paesi Baschi, vittorioso sulla Steaua e ko in Belgio, il Parma ha tre punti alla quarta giornata del girone, quella in cui non deve giocare e, alla vigilia dell’ultimo turno contro i turchi, la classifica dice Athletic e Steaua 6, Standard e Besiktas 4, Parma 3. Si può uscire con onore e pensare al campionato. Tutti d’accordo?

No. Perché il 12 dicembre il Parma perde a Livorno, esonera Baldini e poco oltre annuncia Pietro Carmignani. Ora: Carmignani è un hombre vertical senza bisogno che gli uomini di marketing lo definiscano come tale, è démodé già dal soprannome biblico – Gedeone – ed è uno che non si è fatto cruccio di tornare ad allenare nel vivaio dopo avere portato nel 2002 un Parma risucchiato nel vortice dei tecnici effimeri (ricordate Passarella?) a vincere la Coppa Italia contro la Juventus.

Carmignani è uno di quelli di cui ci si può fidare, uno che capisce i motivi superiori ma, quando gli fanno capire che uscire dalla Uefa non solo non sarebbe un reato ma anzi verrebbe considerata cosa buona e giusta, s’intestardisce. Così con il Besiktas mette quasi tutti i migliori, da capitan Cardone a Gilardino passando per Simplicio, fra gli inesperti si concede solo il ventiduenne Degano, vince 3-2 e passa da secondo.

Conta il campionato, gli dicono, in Europa fa’ un po’ come vuoi, ma fallo con ciò che resta. Carmignani recepisce, eppure non vuole lasciare andare nulla. Accetta il suggerimento, ma prepara ogni sfida come se dovesse passare il turno. Perché vuole passarlo. Ai sedicesimi contro lo Stoccarda di Sammer, con Hildebrand e Cacau, dopo lo 0-0 del Tardini getta nella mischia il 19enne Tonino Sorrentino (uno che aveva debuttato in Uefa due anni prima segnando una doppietta al Salisburgo) e la vince ai supplementari grazie a Marchionni e a Pisanu, che fra i ragazzi pare un veterano ma di anni ne ha 23 e mai aveva giocato in Europa prima di quella stagione.

Arriva così agli ottavi, il campionato dolente esige ulteriori risorse, il tecnico pesca dalla Primavera e con un Siviglia in cui giocano Sergio Ramos, Jesus Navas e Dani Alves mette in campo dall’inizio un umile ma spavaldissimo diciassettenne di nome Daniele Dessena e il ventenne Alex Gibbs. Niente, all’andata segna Cardone, al ritorno è 0-0 e avanti. Si intuisce frattanto che salvare la categoria sarà un casino, ma ah, l’Europa, ai quarti c’è l’Austria Vienna, una caterva di giovani e due pareggi (1-1 e 0-0), ma il gol in trasferta lo fa Pisanu, bello di notte di quella Uefa, ed è semifinale. Fuori da ogni logica e da ogni pronostico, eppure in campionato è sempre peggio, il discorso ormai lo sapete, il disco è rotto. Fa’ quel che vuoi Gede, ma usa giudizio.

L’avversario? Il Cska Mosca allenato dall’ex ct russo Valeri Gazzaev. Vi giocano Akinfeev, Zhirkov, Krasic, Daniel Carvalho, Olic, pure Vagner Love.

Il Parma? Formazione titolare: Bucci in porta, Cardone, Bovo e Paolo Cannavaro in difesa, Vignaroli in attacco, ok. Gli altri?

Ibrahima Camara, anni 20 e quattro mesi, prima stagione da professionista.

Filippo Savi, anni 18 e tre mesi, esordio tra i pro’ due settimane prima.

Daniele Dessena, anni 17 e undici mesi, senza nemmeno il foglio rosa.

Davide Furlan, anni 19 e quattro mesi, al debutto assoluto.

Francesco Ruopolo, anni 22 e un mese, ormai una colonna avendo giocato pure in C.

Tonino Sorrentino, anni 20 e un mese, vedi alla voce Ruopolo.

0-0. Zeroazero. Sul serio.

Al ritorno il Parma ne prende tre, i crociati l’impresa non la fanno, ma accade qualcosa. Bucci viene colpito da un petardo dopo venti minuti, è stordito, deve uscire e viene sostituito da Frey. Nove su dieci, se fai ricorso lo vinci. Il club, a questo punto il ricorso lo fa, tanto bene che vada resta solo la finale e ci si è preso gusto. Lo fa e lo perde. Il motivo? La Commissione disciplinare dell’Uefa respinge perché il Parma non ha presentato in campo la formazione migliore, la qual cosa va contro il regolamento, e perché a sostituire Bucci era stato Frey, il primo portiere, quindi più che rimetterci, la squadra ci ha guadagnato, dice Nyon quando il Parma ormai è tornato a casa. Bucci sarebbe rientrato dopo tre giorni. Nessuna complicazione su entrambi i voli. Ah, l’Europa.

(Col senno di poi, della nidiata il solo Dessena ha avuto una carriera di buon livello mentre tutti gli altri, chi per un motivo chi per un altro, hanno ballato solo in quella avventura improbabile, ma non fine a sé stessa: il Parma in campionato fu costretto allo spareggio salvezza col Bologna e l’andata, privo di qualcosa come sei squalificati – Bonera, Contini, Bolaño, Vignaroli, Morfeo e Gilardino – Carmignani, appiedato anch’egli, se la dovette giocare con quei ragazzini. Ma li aveva rodati in Uefa, il testardo Gedeone, e fu probabilmente anche grazie a quell’esperienza che il Parma resse e perse solo 0-1 al Tardini, per poi ribaltare il risultato salvandosi al ritorno, col rientro degli squalificati e il 2-0 firmato Cardone-Gilardino). da QuattroTreTre.it

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GEDE A STADIOTARDINI: “CON UN GRUPPO DI GIOVANI ARRIVAMMO IN SEMIFINALE UEFA…”

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “LONGHI SU QUATTRO TRE TRE RICORDA L’INCREDIBILE COPPA UEFA 2004/2005 DEL PARMA

  • 24 Febbraio 2021 in 09:18
    Permalink

    Grande Gede ….
    Grande Parma

  • 24 Febbraio 2021 in 10:03
    Permalink

    Intanto Cairo non giocando col Scansuolo ci ha dato un’ennesima lezione di come si fa a sopravvivere per anni nelle paludi mefitiche della parte destra della classifica…dove non servono solo annunci, progetti, Ajax, Borussia Dortmund ma capacità e pelo…Infatti lui resterà in A come Alessandria e poi si tornerà per la ennesima volta in pochi anni in B come Domodossola, dimostrando come la gestione alle nostre latitudini, anche in mano a così detti geni dell’imprenditoria italiana, transatlantica o mediorientale sia sempre disastrosa.

  • 24 Febbraio 2021 in 18:36
    Permalink

    Mi ricordo che seguì la gara contro il Siviglia dalla gita di quarta a Praga. Che ricordi!

  • 24 Febbraio 2021 in 22:24
    Permalink

    Era penso la seconda stagione del Parma che seguivo. Da ragazzino vedere questa quasi impresa è stato fantastico e la conclusione dello spareggio di Bologna ancora meglio.
    Grazie per aver rinfrescato la memoria su questa bella storia

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI