TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / NON E’ STATO SOLO UN PROBLEMA DI TESTA: NON SI E’ RIUSCITI AD ADATTARSI IN TEMPO AD ADATTARSI A CIO’ CHE STAVA ACCADENDO IN CAMPO

(Patrick Fava) – Un pareggio, quello interno per 2-2 con l’Udinese, che sa di amaro in bocca per il Parma di Roberto d’Aversa: una gara, nella quale i Crociati sembravano in pieno controllo fino all’intervallo, ma le partite durano 90′ e una minima disattenzione, in questa categoria, la paghi a caro prezzo. I ducali hanno approcciato bene la gara, partendo ancora una volta con il sistema di gioco tanto caro all’allenatore abruzzese quel 4-3-3 che tante soddisfazioni gli ha dato nelle 4 stagioni fin qui disputate. I friulani, invece, rispondono con il consueto e collaudato 3-5-2 / 3-5-1-1. Il Parma parte forte e va in vantaggio con Cornelius, sfruttando un cross delizioso di Pezzella, con il centravanti danese abile a vincere il duello aereo con Kevin Bonifazi e a depositare alle spalle dell’incolpevole Musso per l’atteso suo primo gol stagionale. Il tema tattico della gara è molto chiaro: l’Udinese cerca di fare la partita, ma almeno nella prima frazione non sembra avere chiaro come mettere in crisi la fase difendente dei padroni di casa. I Crociati, in fase di non possesso, si schieravano con il 4-3-2-1, con Mihaila e Karamoh stretti e Cornelius su Arslan, il play basso di centrocampo avversario. Il principio, in fase di non possesso, era quello di togliere giocate centrali e dirottare la manovra sugli esterni, con i friulani che, nella prima parte, non sono riusciti a sfruttare la potenziale superiorità numerica sull’esterno che avrebbe coinvolto il terzo centrale, il quinto, e la mezzala di parte; in particolare, si sono notati degli smarcamenti, da parte degli interni avversari poco funzionali al contesto di gioco: De Paul e Wallace (mezzali) rimanevano in posizione centrale, occupando spazi intasati da maglie avversarie con la conseguenza di essere poco pericolosi nella loro metà campo. I nostri, fino a che la condizione fisica lo ha permesso, riuscivano sia con Mihaila che con Karamoh, a chiudere gli spazi centrali e allo stesso tempo contrastare l’avanzamento dei braccetti/terzi di difesa, rendendo asfittica la manovra friulana. I Crociati, oltre a difendersi con ordine, riuscivano anche a recuperare palla anticipando spesso e volentieri sia Llorente che Pereyra e sfruttando il mal posizionamento della difesa, in particolare dei braccetti, riuscivano a ripartire in campo aperto come nell’azione che ha portato al raddoppio con uno scatenato Mihaila steso da Rodrigo Becao, con conseguente calcio di rigore trasformato da Kucka. Un Parma perfetto nella prima frazione che sfiora il terzo gol, ancora con Mihaila, che con un taglio in mezzo tra Rodrigo Becao e Nuyntick, a seguito dell’ennesima transizione, lascia partire un diagonale sul quale Musso compie un intervento prodigioso. Il Parma più bello della stagione non lascia scampo ai friulani nel primo tempo, in cui ha anche da recriminare per un presunto fallo da rigore commesso ai danni di Karamoh che il direttore di gara non ha deciso di sanzionare.
Nella ripresa Gotti fa entrare Molina e Nestorovski per Rodrigo Becao e Wallace: Stryger Larsen passa nella posizione di Rodrigo Becao come braccetto di destra, Molina va ad occupare la posizione di tutta-fascia di destra, Pereyra si riaccomoda a centrocampo sulla stessa linea di De Paul, e Llorente, poi sostituito da Okaka, viene affiancato dall’ex Palermo Nestorovsky. I friulani, quindi, si ripropongono con la stessa disposizione, ma cambiando gli interpreti, con compiti e funzioni differenti, assegnati ad alcuni elementi. La partita cambia completamente: l’Udinese riesce a sfruttare meglio gli spazi in ampiezza e grazie alla posizione di Stryger Larsen come braccetto riesce a risalire velocemente il campo, le mezzali ed in particolare De Paul, sulla destra anch’esso, va a sovraccaricare la corsia esterna insieme all’ottimo Molina. Risultato? Il Parma si ritrova facilmente in inferiorità numerica in fascia con Hernani preso in mezzo tra Stryger Larsen e De Paul e con Pezzella, pure in difficoltà nella gestione sia di Molina che dello stesso De Paul: troppo facile per l’Udinese riuscire a creare il 3>2 laterale. La posizione stretta di Mihaila e Karamoh non era più congeniale e così facendo il Parma ha perso metri consentendo ai Friulani di risalire il campo con troppa facilità. Il gol del 2-1 era nell’aria: i Crociati non riuscivano a coprire l’ampiezza del campo con le giuste tempistiche e sui cross e traversoni provenienti dall’esterno la fisicità e la freschezza di Okaka ha permesso all’Udinese di creare apprensione nella retroguardia di casa che avrebbe potuto subire il pareggio anche prima del gol preso su calcio piazzato di Nuintyck.
C’è da dire che D’Aversa aveva annusato il pericolo forse con un pizzico di ritardo: la disposizione con i tre centrali e con i tutta-fascia avrebbe permesso di stare più alti e al tempo stesso di avere una superiorità numerica dentro l’area nel momento in cui avremmo potuto subire un cross o un traversone. Parlare di aspetti positivi in una partita nella quale si stava vincendo tranquillamente nella prima frazione, con un doppio vantaggio più che meritato, per poi esser ripigliati, sembra paradossale, ma in effetti si è visto un Parma più compatto e più ordinato in fase di non possesso e pratico in fase di possesso. Un Parma in perfetto stile D’Aversiano che predilige difendersi negli ultimi 35 metri con un blocco 4+3 molto stretto in senso orizzontale e compresso in verticale, con tre riferimenti offensivi pronti a transare velocemente con Mihaila autore di una primo tempo fantastico. Da notare, però, anche gli aspetti negativi: i Crociati non sono riusciti ad adattarsi in tempo a ciò che stava succedendo sul terreno di gioco. Il Parma, nella ripresa, ha perso campo troppo velocemente, soffrendo sulle corsie esterne, adottando la soluzione con i tre centrali in ritardo: certo che parlare dopo è sempre troppo facile, e cambiare disposizione iniziale per un tecnico è sempre molto difficile, nonché per i giocatori in campo che vedono cambiare le funzioni e i loro i compiti a partita in corso, ma la sensazione era che da un momento all’altro il Parma avrebbe potuto subire il pareggio e non credo fosse solo per la situazione psicologica che stava attraversando la squadra. Subire il gol del pareggio su palla inattiva, poi, fa ancora più male: le palle inattive sono sempre stata la forza di questa squadra che di punto in bianco sembra averla persa.
Un’altra cosa interessante da approfondire è questo modo di difendere su calcio di punizione laterale: questa linea di 7 giocatori disposta sul limite dell’area di rigore su una punizione a 40 metri dalla porta da difendere porta vantaggi? I gol a seguito di una palla inattiva rappresentano da sempre quasi un terzo dei gol realizzati complessivamente: questo significa che l’incidenza delle palle inattive è molto alta e il Parma in questa classifica è ultimo per gol subiti in serie A in questa stagione. Su punizione laterale dalla trequarti campo c’è la tendenza di alcune squadre, vedi Atalanta e Milan, a difendersi su due linee, rimanendo più bassi e stretti e all’interno dell’area di rigore, ma con il fattore positivo di poter attaccare la palla in avanti, mente facendo una linea unica si corre il rischio di colpire il pallone correndo all’indietro, posizione non particolarmente vantaggiosa per un difensore che deve oltretutto badare all’avversario nelle zone di competenza; l’unica linea, inoltre, non può prescindere da una corretta tempistica di lettura di scappata da parte di tutti i componenti che altrimenti si ritroverebbero a lasciare in gioco determinati avversari che potrebbero colpire con assoluta facilità. Altro elemento negativo dell’unica linea è la cattura della seconda palla, dove gli avversari potrebbero godere di una certa libertà al limite dell’area per poter concludere. Dopo tutti questi elementi è lecito chiedersi se sia davvero vantaggioso difendere con una linea sola? D’Aversa attuerà una proposta differente? Staremo a vedere: nel frattempo il Parma ha dimostrato di essere vivo e questo è comunque un fattore molto positivo sperando che già nella prossima gara si possa portare a casa i tre punti. Forza Parma! Patrick Fava

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

One thought on “TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / NON E’ STATO SOLO UN PROBLEMA DI TESTA: NON SI E’ RIUSCITI AD ADATTARSI IN TEMPO AD ADATTARSI A CIO’ CHE STAVA ACCADENDO IN CAMPO

  • 23 Febbraio 2021 in 18:06
    Permalink

    Anche quando andavamo bene D’Aversa era lento ad adattarsi ai cambi di modulo avversari. Ci salvava solo l’ottima difesa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI