TUTTO PARMA E… CHIESA / IL CAMPIONATO DELLE OCCASIONI PERSE

(Carlo Chiesa) – Il campionato delle occasioni perse. Il Parma perde a Spezia l’ennesima succulenta occasione per incamerare punti fondamentali per la corsa alla salvezza e vede l’obiettivo sempre più lontano. Nel malaugurato caso che il Torino vincesse il recupero con il Sassuolo, i Crociati si ritroverebbero lontani otto punti dalla permanenza in Serie A, rendendo l’impresa sempre più titanica.

La sfida del Picco ha confermato che non bastano ormai nemmeno più due reti di vantaggio per assumere la consapevolezza di poter arrivare alla conquista dei tre punti. Un trend, molto prossimo a diventare ormai una maledetta regola, considerate le ultime due gare. La tanto attesa vittoria continua a non arrivare nonostante l’attacco meno prolifico del campionato abbia ritrovato finalmente una decisa continuità (cinque reti nelle ultime tre gare) e i suoi diretti protagonisti (Cornelius in goal contro l’Udinese, Karamoh contro lo Spezia). Basterebbe questo aspetto per alimentare la rabbia dei tifosi, che si trasforma in vera e propria frustrazione ripensando ai 16 punti che il Parma ha lasciato sul campo per non essere stato capace di difendere una situazione di vantaggio.

Difficile non pensare, quindi, che il punto focale di questo disgraziatissimo campionato del Parma sia da ricercare proprio nell’assetto difensivo, non più così organizzato e solido come quello sul quale D’Aversa aveva fatto affidamento nelle passate stagioni per raggiungere due tranquille salvezze. E uno dei pochi a non essersene ancora accorto sembra essere proprio D’Aversa. Come il suo credo tattico impone, in maniera speculare sia contro l’Udinese che contro lo Spezia, il Parma, dopo il doppio vantaggio, ha arretrato in maniera considerevole (per non dire troppo) il proprio baricentro, finendo con il subire il doppio recupero da parte degli avversari. Mettere il TIR davanti alla propria porta evidentemente quest’anno non serve più e il sistema tattico del Mister Crociato sembra non essere più ideale per gli uomini che l’allenatore ha a disposizione.

Senza ombra di dubbio l’aspetto psicologico della posizione in classifica e delle tante reti subite, condiziona la squadra, ma è altrettanto vero che lo schieramento difensivo – oltre ad un Sepe ircconoscibile rispetto al Sepe dell’anno scorso – ha perso l’elevato rendimento di Bruno Alves e Iacoponi, trovando un Osorio, sicuramente il neoacquisto più positivo, molto bravo tecnicamente e ad uscire palla al piede, ma non così aitante fisicamente e propenso a lasciare qualche spiraglio di troppo agli avversari all’interno della propria area di rigore. Lo stesso Bani, lasciato partire dopo una stagione dal Bologna e dopo solo mezza stagione dal Genoa (sarà casuale?), sembra non essersi ancora inserito. Le fasce sono presidiate da Conti, ancora lontano dal rendimento che ci si aspetta da lui (chiedere referenze a Gyasi, suo diretto avversario a Spezia e autore di una doppietta) e un Pezzella impeccabile nella spinta e nel mettere in mezzo palloni interessanti, ma non così efficace in chiave difensiva. A centrocampo l’importanza di Scozzarella non si faceva sentire soltanto in fase di impostazione, ma anche nell’interrompere efficacemente le trame avversarie, aspetto che a corrente alternata prova ad offrire anche Brugman, ma che né Kurtic (schierato in quel ruolo contro lo Spezia), né tantomeno Hernani possono garantire.

Come è noto, poi, la fase difensiva comincia dai tre attaccanti e in questo caso la perdita di Kulusevski, che inseguiva gli avversari sulla propria fascia, ma che si francobollava anche a disturbare come una zanzara fastidiosa l’operato del centrale di centrocampo avversario, si fa sentire. Karamoh, in netta crescita davanti, non riesce a garantire quella copertura a tutta fascia richiesta da D’Aversa, facendo mancare un contributo fondamentale al proprio centrocampo e anche Mihaila, seppur volenteroso, non sembra essere troppo propenso al ripiegamento, così come il titolare Gervinho.

Con lo Spezia si è aggiunto, inoltre, il problema infortunati. I ritmi elevatissimi della massima serie (oltre alla situazione Covid delle ultima due stagioni) obbligano tutte le società ad avere a che fare con numeri spesso elevati di giocatori indisponibili. Difficilmente, però, gli infortunati arrivano tutti da uno stesso reparto, come sta succedendo al Parma. Il problema muscolare last minute di Cornelius ha costretto D’Aversa a schierare il leggero Brunetta, depauperando ulteriormente l’apporto del danese in chiave difensiva (non per niente il primo goal dello Spezia è nato proprio da una sua mancata difesa del pallone) e obbligando lo stesso allenatore gialloblù a cambi prettamente difensivi, ma necessari, a fronte dell’infortunio di Karamoh e dell’affaticamento di Mihaila. Anche questo aspetto non ha aiutato la squadra ad alzare il proprio raggio d’azione, dando, al tempo stesso, un segnale non positivo alla squadra.

Gli aspetti migliorativi nella partita del Picco ci sono comunque stati. Il Parma si è dimostrato superiore allo Spezia, rivelazione del campionato, e anche dal punto di vista della tenuta fisica ha provato ad attaccare fino all’ultimo minuto, contrariamente a quanto fatto contro l’Udinese quando il crollo fisico della ripresa era stato netto. Ma i miglioramenti non bastano, ci vogliono i punti. E senza vittorie salvarsi diventa sempre più complicato. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

5 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / IL CAMPIONATO DELLE OCCASIONI PERSE

  • 1 Marzo 2021 in 08:09
    Permalink

    Torno sul caso Scozzarella: sapendo che Liverani era in blico, era proprio necessario cedere il centrocampista triestino? Sicuramente D’Aversa se lo sarebbe tenuto stretto. E a ragione.

  • 1 Marzo 2021 in 16:23
    Permalink

    E cosa avrebbe fatto Scozzarella? Manco se fosse Federico Chiesa….ma per favore….
    Nel Monza non fa una partita intera…ci sarà un motivo…..

  • 1 Marzo 2021 in 17:28
    Permalink

    GAME OVER

    Dopo il doppio pareggio in rimonta contro Udinese e Spezia, credo non ci sia più nulla da fare per rimediare alla retrocessione del Parma.
    A conti fatti siamo retrocessi dopo la sconfitta di Crotone. Da lì in poi non c’è stata nessuna reazione e nemmeno il cambio di allenatore ha portato cenni di reattività.

    Semplicemente questa squadra non esiste.
    Prendiamone atto e iniziamo il prima possibile a programmare la prossima stagione, in serie B.

    • 1 Marzo 2021 in 18:23
      Permalink

      👍👍

  • 2 Marzo 2021 in 00:49
    Permalink

    ciitare scozzarella come salvatore !! allora siamo propio a B luca era sempre infortunato una mezza calzetta

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI