D’AVERSA: “UN RISULTATO POSITIVO CON LA FIORENTINA PUO’ CAMBIARE TANTE COSE” (VIDEO) / I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Quella di domani è certamente una partita molto importante, un risultato positivo può cambiare tante cose. Due anni fa un risultato positivo ci ha permesso di raggiungere l’aritmetica salvezza, domani non sarà possibile con la singola gara ma il risultato è molto importante e ha la stessa valenza di due anni fa“. E’ questo il pensiero di Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Fiorentina in programma domani alle 15.00 allo Stadio ”Artemio Franchi”. “La gara con l’Inter? A volte le sconfitte possono servire più di un risultato positivo. Se si va a ragionare sui due pareggi contro Udinese e Spezia, sono state più due occasioni perse. La prestazione ti fa ragionare in maniera positiva se affronteremo le prossime tredici partite con le stesse qualità mostrate giovedì contro la prima della classe, andando a limare qualche errore che ci sta penalizzando sul risultato finale. La squadra sta crescendo sotto l’aspetto fisico, sotto quello del concretizzare anche se dobbiamo migliorare ancora. Stiamo subendo un po’ troppi gol, quello prima era un nostro punto di forza: alla fine nel campionato italiano, che si lotti per lo scudetto o per non retrocedere, i risultati si ottengono con le migliori difese”.

Quello di domani è uno scontro diretto perché in caso di risultato pieno tireremmo non solo la Fiorentina ma anche altre squadre. Troveremo un avversario determinato, avremo di fronte una squadra che vuole allontanarsi da questo pericolo. E’ una gara importantissima, sappiamo cosa ci aspetta nonostante abbiamo avuto meno di 72 ore per prepararla. Detto questo, dobbiamo andar lì consapevoli che troveremo di fronte una squadra determinata e con dei valori per cercare di portare a casa un risultato. Questo lo si percepisce comunque in ogni partita. Per noi è arrivato il momento di fare un risultato positivo perché mancano soltanto 13 partite ed è arrivato il momento di portare a casa il bottino pieno. Abbiamo avuto neanche 72 ore per prepararla, abbiamo giocato giovedì sera e la Fiorentina ha giocato un giorno prima anche se questo per noi non deve essere un alibi seppur ci sia una piccola differenza. Anche contro l’Inter avevamo preparato la gara per vincerla. Era quasi scontato arrivasse una buona prestazione giovedì sera perché quando si affronta la prima della classe si va in campo con il pensiero che non si ha nulla da perdere, perché i valori sono totalmente diversi sulla carta. In campo però si va cercando di far sempre il risultato pieno a prescindere dall’avversario, dunque lo abbiamo fatto con l’Inter e dobbiamo farlo anche con la Fiorentina ragionando sul fatto che sarà sempre una partita difficile, pensando solo a cosa c’è da fare in fase difensiva e offensiva, senza scendere in campo con una pressione eccessiva al di sopra delle difficoltà che presenta la partita stessa“.

“Il provvedimento disciplinare nei confronti di Gervinho è nato e morto dopo la stessa gara con l’Udinese. Lui dopo si è fatto male durante la rifinitura della partita con lo Spezia, ha fatto degli allenamenti differenziati e oggi si è allenato con la squadra. Sono valutazioni che mi riserverò fino all’ultimo momento, non soltanto per Gervinho ma per tante altre situazioni. Il fatto che si è giocato giovedì sera e si rigioca in maniera così ravvicinata fa sì che le valutazioni vengano fatte fino all’ultimo momento, considerando il recupero dei singoli e tutto il resto. Si cerca comunque di mandare in campo gli 11 più prestativi e poi avere anche delle alternative in panchina: più giocatori abbiamo a disposizione e meglio è anche per cambiare l’esito della partita”.

“Inglese e Pellè stanno dando la disponibilità ma è stata una forzatura, in questo momento. Il minutaggio di questi due calciatori è piuttosto limitato, ci trovavamo sotto e li ho buttati dentro entrambi per provare a pareggiare la partita. Si ragiona su quelli più prestativi: se reputo Brunetta più prestativo di altri ci sta che possa partire lui. Sono valutazioni che farò fino alla fine ma è bene evidenziare che sia Roberto sia Graziano sono molto indietro dalla miglior condizione di forma. Dal punto di vista mentale, Roberto viene da una serie di infortuni che hanno rallentato il suo rendimento e sappiamo quanto il ragazzo sia sensibile e si senta responsabile – questo succedeva già in passato – dell’importanza che può avere per questa squadra. Sappiamo tutti quello che ha passato, con la scomparsa del papà. Detto ciò il ragazzo è concentrato sul campo per dare una mano alla squadra. Il fatto che dia la disponibilità nonostante non sia in perfette condizioni, parlo di quelle fisiche, è da ringraziare”. 

Il fatto che i ragazzi stiano crescendo fisicamente è un dato di fatto, anche contro l’Inter – che è una squadra molto forte – abbiamo finito in crescendo e le ultime immagini che ho sono una punizione e un calcio d’angolo. Se una squadra non sta bene fisicamente difficilmente finisce in crescendo. Rimangono le difficoltà numeriche degli infortuni, che purtroppo vanno a colpire sempre e spesso un reparto in questo momento l’attacco. La squadra? I risultati sono importanti, inutile tornare indietro ma se avessimo vinto con il Sassuolo molto probabilmente avremmo adesso una posizione di classifica totalmente diversa. C’è un aspetto mentale che ha contribuito molto di più, secondo me, rispetto all’aspetto fisico sul quale si lavora e si sapeva che sarebbe andato a migliorare. Mentalmente dobbiamo giocare con la Fiorentina come se stessimo giocando con l’Inter. Il nostro obiettivo è sempre di fare un risultato pieno, di avere la serenità giusta che poi fa avere determinazione, intensità, affrontando la partita nel migliore dei modi e commettendo meno errori. Parlavo con il Presidente Krause questa mattina, mi chiedeva quali fossero le mie sensazioni. Post gara è normale, c’era <<soddisfazione>> perché poi quando si perde è difficile essere soddisfatti. Dal mio punto di vista, il finale della partita con l’Inter mi ha convinto ancora di più. Credo di avere a disposizione una squadra di qualità: non me ne voglia lo Spezia, ma dicevo al Presidente che se dovessi cambiare un giocatore della mia rosa con un calciatore dello Spezia non ne cambierei neanche uno. Dobbiamo ragionare sul fatto che le qualità ci sono. Ci sono delle problematiche di risultati, delle problematiche di calciatori che non ci sono ma questo – anche in passato – non ha mai influito nulla sui nostri obiettivi anzi ha sempre ricompattato la squadra e fatto sì che si andasse in campo con più responsabilità. Dobbiamo andare in campo convinti dei nostri mezzi perché le qualità ci sono altrimenti non avremmo fatto una prestazione del genere contro l’Inter che sta dando tre gol a tutte le squadre a prescindere dall’avversario che ha di fronte. La stessa Udinese stava vincendo mercoledì sera contro il Milan fino al 94′ eppure nel confronto con lui – tra le due squadre – avremmo meritato noi di vincere. Delle qualità ci sono, dobbiamo ragionare sulle qualità di questa squadra e portare in campo la determinazione, la cattiveria che non ti fanno commettere errori in fase difensiva e allo stesso tempo, lì dove c’è una possibilità di fare gol anche su una sola azione, bisogna concretizzarla. Bisogna avere la fame e la cattiveria in tutti i calciatori, tutti sono importanti. Karamon, Dennis Man sono calciatori che possono determinare. E’ un discorso che vale per tutti”. 

“Quando si parla che i calciatori si devono adeguare al campionato italiano si parla di questo. Man stava giocando in un campionato diverso, qui sanno che se c’è un giocatore tecnico e forte al primo pallone toccato ti fanno capire che il campionato è diverso. Dennis è molto bravo, è un giocatore molto tecnico quando ha la palla e può fare ancora meglio. Quello che deve migliorare, dal mio punto di vista, è sulle palle un po’ più sporche. E’ bravo a lavorare tra le linee, a ricevere, ma per diventare un calciatore forte in Italia bisogna migliorare sulle palle un po’ più sporche e non solo su quelle semplici. E, soprattutto, sull’interpretazione della fase difensiva. Le qualità fisiche le ha, facendo dei test abbiamo notato che ha sia resistenza che intensità. E’ il tempo che gli farà capire che per diventare un calciatore completo anche in Italia deve migliorare su quell’aspetto”. 

“Nelle valutazioni fatte giovedì sera, abbiamo valutato le condizioni fisiche di Gagliolo e Pezzella che non si era allenato per due giorni a causa dell’influenza. Quando si scelgono gli undici iniziali si considerano le condizioni fisiche ottimali, perché avendo giocato giovedì sera bisogna valutare tutto. Giuseppe è migliorato, sta diventando un calciatore completo a differenza degli altri anni dove doveva migliorare l’aspetto difensivo. Adesso credo stia diventando un calciatore completo e lo dimostrano sia gli assist fatti quest’anno ma anche la fase difensiva in cui si sta ben comportando. Si ragiona sempre per dare un equilibrio alla squadra, è vero che dobbiamo fare un risultato vero ma è altrettanto vero che lo si ottiene se principalmente non subiamo gol che il problema che stiamo avendo. Per la scelta degli undici iniziali mi servo anche domani mattina, farò una valutazione con il medico e i miei collaboratori. La Fiorentina? E’ una squadra che adotta il 3-5-2, alterna le fasi di attesa a fasi di aggressione. E’ chiaro che, principalmente, è una squadra che adotta un sistema di gioco in cui cercheremo di sfruttare i loro eventuali difetti. Sappiamo le capacità di alcuni calciatori, hanno una rosa molto forte, in questo momento magari sono in difficoltà per i risultati ma questo non significa non conoscere il valore della squadra. Dobbiamo affrontare questa partita come se fosse la prima del campionato, con la stessa qualità, con lo stesso coraggio di giovedì sera, con la stessa personalità, limitando quegli errori che permettono o meno di portare un risultato a casa. L’interpretazione della gara degli avversari non lo posso sapere, va chiesto a Prandelli. Probabilmente partiranno forte perché vogliono fare un risultato pieno ma noi dobbiamo essere pronti a tutto, dal punto di vista tecnico, fisico e mentale“. 

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI FIORENTINA-PARMA

FIORENTINA-PARMA, I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della seduta di allenamento sostenuta oggi, Mister Roberto D’Aversa ha convocato per la gara contro la Fiorentina, in programma domani alle 15.00 allo Stadio ”Artemio Franchi” e valida per la ventiseiesima giornata del campionato di Serie A 2020-2021, i seguenti 26 calciatori:

Portieri: Colombi, Sepe, Turk;
Difensori: B. Alves, Bani, Busi, Gagliolo, Iacoponi, Laurini, Pezzella, Osorio, Zagaritis;
Centrocampisti: Brugman, Cyprien, Grassi, Hernani Jr, Kucka, Kurtic, Sohm;
Attaccanti: Brunetta, Gervinho, Inglese, Karamoh, Man, Mihaila, Pellè.

Lautaro Valenti non fa parte dell’elenco dei convocati a causa di una lesione di I grado al muscolo soleo sinistro subìta durante la gara di giovedì sera contro l’Inter. Il calciatore ha già iniziato le terapie del caso. 

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “D’AVERSA: “UN RISULTATO POSITIVO CON LA FIORENTINA PUO’ CAMBIARE TANTE COSE” (VIDEO) / I CONVOCATI

  • 6 Marzo 2021 in 17:51
    Permalink

    Valenti bele rot.
    Ma come è possibile che i nostri non riescono a fare due partite di fila? Due dico due.
    Ma chi prepara la squadra? Un ferramenta? Un ortolano? No… loro farebbero meglio.
    Eni fat ed vedòr?

  • 6 Marzo 2021 in 18:18
    Permalink

    🤣🤣👍

  • 6 Marzo 2021 in 20:24
    Permalink

    La squadra l’ha allestita il Màt Sicuri e la prepara Tognét Polenta insieme a Cilién che dicono fosse l’8 di Nuovo Inizio ma a mezzo di un prestanome.

  • 7 Marzo 2021 in 00:24
    Permalink

    Nessuna menzione per Cornelius? Scomparso?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI