FIORENTINA-PARMA 3-3 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

FIORENTINA-PARMA 3-3, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

FIORENTINA-PARMA 3-3, IL TABELLINO

Marcatori: 28′ M. Quarta, 31′ Kucka (rig.), 42′ Milenkovic, 27′ st Kurtic, 45′ st Mihaila, 49′ st Iacoponi (aut.)

FIORENTINA – Dragowski; M. Quarta, Biraghi, Milenkovic, B. Valero (32′ st Callejon), Vlahovic, Pezzella (Cap.), Malcuit, Amrabat (25′ st Bonaventura), Pulgar, Eysseric. Allenatore: Cesare Prandelli
A disposizione: Terracciano, Rosati, Bianco, M. Olivera, Caceres, Venuti, Barreca, Montiel, Munteanu

PARMA – Sepe; Iacoponi, Pezzella, Karamoh (17′ st Man), Bani (35′ st Gagliolo), Kurtic, Brugman, Laurini, Hernani Jr (1′ st Mihaila), Gervinho (17′ st Brunetta), Kucka (Cap., 43′ st Inglese). Allenatore: Roberto D’Aversa
A disposizione: Colombi, Grassi, Pellè, Cyprien, B. Alves, Osorio, Busi

Arbitro: Sig. Rosario Abisso della Sezione A.I.A. di Palermo

Assistenti: Sig. Alberto Tegoni di Milano e Sig. Valentino Fiorito di Salerno

Quarto Ufficiale: Sig. Marco Serra di Torino

V.A.R.: Sig. Luca Pairetto di Nichelino

A.V.A.R.: Sig. Matteo Passeri di Gubbio

Ammoniti: Kucka, Pezzella, Bani

Calci d’Angolo: 3-3

Recupero: 1’+5′

LA DIRETTA LIVE DI Ilaria Mazzoni

Benvenuti all’Artemo Franchi di Firenze, dove cercherò di raccontarvi il match che avrà inizio alle ore 15.00 quando i gialloblù si batteranno contro la viola.

Un match fondamentale, anche se, per il Parma, ormai davvero tutte le gare sono cruciali; vincere sul campo toscano servirebbe a fare punti, che ai ducali servono come l’acqua nel deserto, e a dare un’iniezione di fiducia al team e al suo allenatore. Il Parma è obbligato a crederci, a questa partita e alla salvezza in campionato. In campo, anche se seduto in panchina a guidare la sua viola, un grande ex mai dimenticato anche dalla piazza ducale: Cesare Prandelli.

PRIMO TEMPO

01′ Partiti! Prima palla ai ducali che provano poi a scendere lungo la fascia destra con Kuckca che tenta il cross in mezzo. Palla troppo profonda che si disperde sul fondo

04′ punizione a favore dei padroni di casa che si apprestano a batterla con Biraghi; pallone in mezzo, prova la deviazione di testa Pezzella. Conclusione che termina alta; buona partenza dei crociati che provano a fare la partita mentre la Fiorentina, almeno in questi primi cinque minuti, si sta limitando ad attendere l’avversaria

08′ sono quasi trascorsi dieci minuti sul cronometro; per ora i ritmi della gara non sono elevati, le due formazioni si scontrano, per lo più, a livello del centrocampo in questa Domenica soleggiata di Firenze

09′ Kucka prova ad imbeccare sulla verticale Karamoh, nulla di fatto perché Pezzella protegge con il corpo l’intervento del proprio portiere, Dragowski

11′ Cross pericoloso in area di Karamoh dopo che è riuscito ad accentrarsi dalla destra, va a chiudere in modo tempestivo Eysseric su Kurtic; primo calcio d’angolo della gara a favore dei ducali. Dalla bandierina di destra va Hernani, pallone in mezzo, deviazione di testa indirizzato verso la porta viola di Kucka che non riesce, però, a sorprendere l’avversaria

13′ Fiorentina pericolosa con Vlahovic che penetra in area con la palla al piede scartando in serie i difensori crociati, Bani riesce poi a chiuderlo sventando il pericolo viola

15′ palla persa a centrocampo da Amrabat; il gioco torna in possesso dei crociati. La partita sembra davvero bloccata, la tensione in campo è palpabile: entrambe le squadre hanno, per ora, forse troppa paura di affrontare a viso aperto questo scontro. La paura di perdere non è stata lasciata negli spogliatoi e sta decisamente influenzando l’andamento di questo match

16′ Milenkovic copre bene su Gervinho che stava per tentare la progressione verso l’area viola, pallone spazzato in fallo laterale

18′ buon fraseggio dei crociati nella metà campo avversaria poi Kucka commette fallo su Martinez Quarta

20′ scadono in questo momento i primi venti minuti di questa settima gara di ritorno, una gara fondamentale per entrambe le formazioni che sembrano aver troppa paura per offrire ai rispettivi tifosi una gara frizzante. Poche le emozioni sino ad ora al Franchi

21′ gioco fermo per qualche istante: Vlahovic deve cambiare gli scarpini. Fase confusa della partita anche se l’impressione è che il Parma si sia rivelato più propositivo. Nessuna occasione da rete, comunque, da ambo le parti

28′ 1-0 GOOOOAL FIORENTINA! La viola si porta in avanti alla prima occasione utile, qualche errore da imputare alla difesa crociata che si dimostra poco reattiva nelle marcature. A insaccare il pallone in rete è Martinez Quarta che devia, indisturbato, di testa

29′ non giustificabile l’errore commesso dai ducali che, in quest’unica occasione creata dalla Fiorentina, su una situazione di calcio da fermo, concede troppo

30′ calcio di rigore per il Parma per un fallo commesso ingenuamente da Pulgar: da fallo laterale stoppa con il braccio un tentativo di dribbling della freccia nera. Il lampo fantasia di Gervinho, e un pizzico di fortuna, offrono ai ducali l’opportunità di riportarsi in carreggiata

32′ 1-1 GOOOOAL PARMA! Il Parma, dopo solo tre minuti, riesce a riprendere ossigeno con il penalty battuto da Kuckca, sesto goal di questo campionato per il giocatore crociato che eguaglia il suo record in una singola stagione della competizione; bravo (e fortunato) il Parma che riesce subito a riprendere per i capelli questo match

33′ grande reazione gialloblù; la partita è esplosa negli ultimi minuti dopo la tanta, troppa, tensione iniziale: subito altra occasione per il Parma con Gervinho che brucia in velocità la difesa viola, calcia col destro ma Dragowski respinge di piede.

34′ un pareggio giusto quello che si sta realizzando al Franchi; nessuna delle due formazioni è riuscita a proporre un gioco più convincente dell’altra. Bene il Parma che non si lascia scoraggiare dal goal della viola e riprende subito il passo, è questo l’atteggiamento che serve

36′ Fiorentina che ora prende in mano la partita, il Parma si è abbassato dopo il gol di Kucka; al contrario la squadra di Prandelli ha alzato il proprio baricentro aggredendo il terreno di gioco

41′ buona azione insistita dei crociati in avanti che spingono con l’accoppiata Gervinho-Karamoh; i due riescono a guadagnare solo un calcio d’angolo dalla destra. Dalla bandierina va Hernani, prova lo stacco aereo Bani che devia ma pallone sul fondo. Buona l’dea, esecuzione da perfezionare

42′ 2-1 GOOOOAL FIORENTINA! sull’esecuzione di un calcio piazzato Sepe che commette il più banale e il più grossolano degli errori consentendo, con un’uscita con una mano poco fortunata, a Milenkovic di battere a rete. Un goal che può tagliare le gambe ai crociati che, addirittura, negli ultimi minuti stavano dando la sensazione di poter rendersi più pericolosi della viola

44′ azione del Parma in avanti; palla sprecata da Hernani, scivola sul fondo così come sta scivolando via anche questo primo tempo del match, ducali con l’amaro in bocca: i due goal della viola sono stati favoriti da due errori della squadra di D’Aversa che, con un pò di attenzione in più, forse ora non sarebbero in svantaggio

45′ l’arbitro assegna un minuto di recupero

46′ è finita la prima frazione di gioco

Si ritorna tutti nel tunnel verso gli spogliatoi del Franchi; Fiorentina in vantaggio per 2-1, Parma che deve prendersi questi quindici minuti per riordinare le proprie idee e cercare di tornare in campo con la massima concentrazione. Due errori, commessi dai ducali, hanno consentito ad una Fiorentina non di certo spumeggiante di primeggiare, almeno per il momento, sui ragazzi di D’Aversa. Perdere questa gara assomiglierebbe ad una condanna, non matematicamente per la salvezza, ma per il morale dei crociati.

SECONDO TEMPO

46′ le squadre sono rientrate ora sul manto del Franchi: via alla seconda frazione di gioco di questo Fiorentina-Parma. Roberto D’Aversa opera la sua prima sostituzione: dentro Mihaila al posto di Hernanim dopo questa sostituzione Kucka arretra a centrocampo. Si riprende con la viola che ha l’occasione di manovrare il gioco

47′ prova ad attaccare la formazione crociata con Gervinho; nulla di fatto, perché Martinez Quarta difende con il fisico la palla portata avanti dall’ivoriano tutto ciò mentre a bordo campo si stanno scaldando Man, Busi e Brunetta. Un altro cambio imminente per il tecnico ducale?

50′ resta a terra dolorante Iacoponi per un colpo subito al ginocchio sinistro

52′ Iacoponi ce la fa: stringe i denti e rientra sul terreno di gioco, il direttore di gara fa quindi riprendere il gioco

53′ accelerazione di Mihaila ma è pronto l’estremo difensore della viola che blocca con il fisico il tentativo dei ducali

54′ punizione per la squadra ospite, a battere va Brugman ma nessuno dei suoi compagni è pronto per la deviazione; forse serve un cambio per ravvivare l’attacco crociato che in questa ripresa non sembra essere in grado di creare pericolo alla viola

56′ cartellino giallo per Kucka che interviene in ritardo su Borja Valero. Il crociato era diffidato, salterà il prossimo match contro la Roma

57′ il Parma prova a far girare il pallone mentre la Fiorentina attente nella propria metà campo mostrando un buon assetto difensivo in questa fase della gara; poi Gervinho si acccentra dal fondo ma Pulgar è ben posizionato e chiude gli spazi all’ivoriano

59′ squillo del Parma, conclusione defilata ma velenosa di Karamoh. Dragowski incerto rischia l’errore ma para in due tempi; occasione ghiottissima per i ducali di rimettere in parità il risultato. Niente di fatto, purtroppo

62′ ammonizione per Giuseppe Pezzella poi cambio nel Parma: fuori Karamoh che lascia spazio a Man, finisce anche la partita di Gervinho il cui posto viene rilevato da Brunetta

67′ spinge sulla destra Man, il pallone giunge nei pressi di Brunetta che si avventa, viene, però, anticipato dall’intervento di Biraghi che riesce a chiuderlo

68′ tentativo dalla distanza di Kucka ma la palla viene involontariamente intercettata da Mihaila. Parma che, alla luce dei risultati delle altre, sta, momentaneamente, occupando l’ultima posizione della classifica di Serie A

70′ sostituzione nella Fiorentina: esce Sofyan Amrabat ed entra Giacomo Bonaventura

72 2-2 GOOOOAL PARMA!! E quando sembrava ormai l’ennesima partita sfortunata di questo campionato ci pensa Kurtic a rimettere in pari il conto; Mihaila crossa da destra, la deviazione di Biraghi fa impennare la palla e Kurtic anticipa Malcuit firmando il pareggio

77′ sostituzione per Prandelli: fuori Borja Valero, inizia la partita di Callejòn

79′ fallo di Bani che, dopo lo scontro con Vlahovic, rimane a terra. Il calciatore crociato riceve anche l’ammonizione

80′ nuova sostituzione per Roberto D’Aversa, ad uscire dal terreno di Franchi è lo stesso Bani. Al suo posto Riccardo Gagliolo

82′ Parma  in avanti in questi minuti finali, Malcuit rischia ora su Gagliolo poi il direttore di gara fischia un fallo di mano al ducale; il Parma è però in difficoltà con Laurini che ha i crampi

84′ Brunetta scatta sulla destra, niente di fatto perché è chiuso da Pezzella che poi spazza via il pallone, sventando il pericolo per i propri compagni, poi riparte la Fiorentina

85′ i crociati stanno ora con aggressività cercando il goal della vittoria, tre punti che sarebbero davvero ossigeno puro per i ducali; ultimi assalti crociati alla ricerca della vittoria. Poi cross di Laurini che termina, però, direttamente sul fondo

86′ occasionissima per Man, davvero un peccato; poteva essere la rete di svolta del campionato sia per il Parma che per il calciatore. Sul cross di Pezzella il crociato colpisce di testa, impattando ottimamente sul pallone che, però, riesce solamente a sfiorare il palo

88′ sostituzione nel Parma: dentro Inglese al posto di Kucka. Appesantisce l’attacco Roberto D’Aversa che vuole provare a vincerla

89′ colpisce la traversa la Fiorentina dopo un brutto errore difensivo del Parma

90′ 2-3 GOOOOOAL PARMA!! In area di rigore Inglese riesce a trovare un pertugio all’indirizzo di Mihaila che, di piatto, con il mancino, insacca il pallone in rete. Parma avanti, forza crociati! Assegnati cinque minuti di recupero

91′ il direttore di gara sventola un cartellino rosso all’indirizzo della panchina crociata: ad essere allontanato dal campo è Roberto D’Aversa reo di aver reitarato le proprie proteste. Gli animi si accendono, non solo sul campo ma anche sulle panchine

94′ 3-3 GOOOOAL FIORENTINA! Autorete di Simone Iacoponi; il campionato dei crociati si tinge, dopo soli tre minuti, ancora di nero quando manca un solo minuto al termine

Giunge in questo momento il triplice fischio, Iacoponi si allontana dal terreno di gioco visibilmente provato in volto, quasi alle lacrime, il calciatore, autore, suo malgrado, della rete che incatena il Parma al pareggio è rincuorato da tutta la panchina crociata. Un Parma che lotta ma ancora non in grado di portare a casa la vittoria, per tre minuti ci siamo tutti illusi di essere finalmente ritornati in sella e di star cavalcando verso la salvezza. Si chiude un match rocambolesco, con due errori difensivi in meno, i due che hanno permesso alla viola di rendersi pericolosa e di insaccare il pallone in rete, probabilmente saremmo usciti dal Franchi con uno spirito diverso; Parma che, comunque, non molla e che proverà a far punti Domenica prossima contro la Roma. Non sarà facile, ma forza Parma!

 

 

 

 

40 pensieri riguardo “FIORENTINA-PARMA 3-3 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 7 Marzo 2021 in 15:05
    Permalink

    Gervinho di nuovo titolare…

  • 7 Marzo 2021 in 15:13
    Permalink

    Vamos Ragazzi

  • 7 Marzo 2021 in 15:45
    Permalink

    Bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa Sepeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee! Ci gioca palesemente contro!

  • 7 Marzo 2021 in 15:46
    Permalink

    W Sepe. W D’Aversa. W Gervinho.

  • 7 Marzo 2021 in 15:48
    Permalink

    Scelte sbagliate da d’aversa e errori in serie ( Sepe ha raggiunto 10 gol su cui ha responsabilità diretta) . Loro sono balordi a livelli inimmaginabili.

    • 7 Marzo 2021 in 16:01
      Permalink

      Ma noi siamo peggio

  • 7 Marzo 2021 in 15:52
    Permalink

    SEPE HA ROTTO IL CAZZO.

  • 7 Marzo 2021 in 15:54
    Permalink

    Essere sotto in una partita contro una pessima Fiorentina, per colpa delle scelte scellerate e testarde a cominciare da Sepe…secondo me lo fa apposta per prendersi le rivincite da tutte le critiche che gli sono piovute negli anni…tanto lui se ne andrà e a noi rimarrà la B come regalo.
    Complimenti, degno di Hitchcock !

  • 7 Marzo 2021 in 15:57
    Permalink

    Ora aspettiamo il 75 per i cambi?
    Se avesse le palle tira giù anche il portiere.

  • 7 Marzo 2021 in 16:01
    Permalink

    D’aversa basta!!!!!!

  • 7 Marzo 2021 in 16:18
    Permalink

    Strajé sia bannato porta più sfiga e tristezza leggere il suo vamos lui di vedere Speranza, Ricciardi, Crisanti, Miozzo, Galli, Brusaferro e la Fondazione Gimbe insieme.

    • 7 Marzo 2021 in 16:24
      Permalink

      Guarda, per gli argomenti portati al sito non ti dovresti sentire nella posizione di consigliare di bannare altri utenti.

      • 7 Marzo 2021 in 16:26
        Permalink

        Non tiriamo a mano la sfiga perché non c’entra niente.
        E qualcuno disse che la sfiga non è un alibi ma un difetto.

    • 7 Marzo 2021 in 19:15
      Permalink

      Grande Speranza….. quello si che porta sfiga

  • 7 Marzo 2021 in 16:23
    Permalink

    Meno male che Craus ieri non vedeva l’ora di vedere la partita. Secondo me non gli hanno ancora spiegato bene cosa succede e maggio che qui non siamo in MLS con l’ultima che tanto non retrocede. Sicuramente NI mette brindavano per avergli mollato il pacco gli han detto che l’ultima prendeva un bonus.

  • 7 Marzo 2021 in 16:27
    Permalink

    Nel 2016 il derelitto Pescara fece 15 punti e la penultima il fallendo Palermo di Zampa nel fece 26. Direi che per noi i 26 punti sono una chimera stiamo battendo ogni record di figure di m…a. Certamente è molto comodo farlo in assenza di pubblico, di pernacchie, cori, contestazioni. E certamente chi di dovere lo sa e lo sapeva..

  • 7 Marzo 2021 in 16:28
    Permalink

    Non capisco questa continua fiducia in Sepe… ennesimo erroraccio anche oggi… o siamo masochisti o scelta inspiegabile. Oggi poi tutto sbagliato, formazione iniziale, cambi, atteggiamento, mancanza di rabbia… cambiare allenatore per l’onore altrimenti da qui alla fine le si perde tutte… si arriva ultimi dietro al Crotone

  • 7 Marzo 2021 in 16:52
    Permalink

    Il Crotone ne ha vinte più di noi e ci ha pure battuto. Vamos!

  • 7 Marzo 2021 in 16:53
    Permalink

    Non ci credo! Vergognatevi tuttiiiiiiiiiii!

  • 7 Marzo 2021 in 16:57
    Permalink

    Degno finale di una stagione di m….
    5 minuti. 5 minuti solo. Non ci siamo riusciti.
    Non valiamo nulla.
    E non parlatemi di sfiga.

  • 7 Marzo 2021 in 16:57
    Permalink

    Io procuratore di Sepe ha appena detto che lo cerca il Bayer Monaco o in alternativa il Psg. E sono anche disponibili a fargli arrivare una claque sa Napoli

  • 7 Marzo 2021 in 16:58
    Permalink

    Iacoponi è ora che smetta di giocare. Sembra addirittura volontaria l’autorete guardando la posizione del corpo e come mette il piede. È un calciatore da serie D miracolato per due anni. Quest’anno non ne va una che sia una giusta. Il culo di 4 anni lo paghiamo tutto quest’anno.

    • 7 Marzo 2021 in 20:32
      Permalink

      Quanta ingratitudine, Iacoponi e altri hanno tenuto su la baracca per tre anni. Non si merita certi insulti.

  • 7 Marzo 2021 in 17:00
    Permalink

    Senza parole .
    I giovanotti almeno hanno portato brio e velocità …Sepe e Iacoponi da pensionato albergo.
    Pace .

  • 7 Marzo 2021 in 17:05
    Permalink

    Abbiamo i difensori più grami di tutta le serie A. Il portiere non giocherebbe titolare nemmeno in Serie B e qui gioca perché probabilmente è il cocchino del mister. Ma di tutti i difensori che abbiamo salvo solo valenti e dierckx. Gli altri sono impresentabili. Con vette inarrivabili per Bruno Alves e iacoponi. Qui si arriva all’anticalcio proprio.

    • 7 Marzo 2021 in 20:33
      Permalink

      Cioè salvi solo quelli che hanno giocato due partite finora. Salviamo anche Balogh dai. La prossima partita difesa a tre Valenti, Balogh e Diercxx. Poveri noi.

      • 8 Marzo 2021 in 06:48
        Permalink

        …e perché no ?
        Putost che Alves Gagliolo e Iacoponi …ormai la Storia si scrive ma il futuro si costruisce.

        • 8 Marzo 2021 in 10:37
          Permalink

          Perchè siamo una squadra di calcio e non di Football Manager.
          Poveri i nostri vecchiardi della difesa, sapessero la memoria corta, l’ingratitudine, e quanto bastino due errori per cancellare tutte le qualità espresse fino a quel momento. Poi ci si chiede perchè oggi non ci sono più le bandiere. Tutti dicono che è colpa di soldi e testa dei giocatori. Nessuno dice mai che è anche colpa dei tifosi. A leggere certi commenti quì ogni tanto mi vergogno di far parte di questa categoria.

  • 7 Marzo 2021 in 17:09
    Permalink

    Primo tempo completamente sbagliato da D’aversa per non avere messo dentro Mihaila, Man (insomma i giovani che hanno “fame”) e per aver schierato Gervinho (che riesce pure a spegnere Karamoh). Colpa di D’Aversa come al solito. Poi senz’altro anche Sepe sta deludendo

  • 7 Marzo 2021 in 17:26
    Permalink

    Beh quelli che avrebbero dovuto migliorare la difesa inguardabile erano Busí, Bani, Osorio e Zagaridis. Non c’è da aggiungere altro. Speriamo solo in Speranza e Ricciardi adesso che hanno fatto San Remo possono chiudere tutto prendiamo lo scatolame e arrivederci al 2023.

  • 7 Marzo 2021 in 17:56
    Permalink

    Le parole sono inutili quando hai una squadra che riesce ogni maledetta partita a deluderti in un modo diverso.
    Ogni volta una presa in giro, una fastidiosa litania come un mocciosetto maleducato che si diverte a farti scherzi stupidi, stancanti, senza che nessun genitore venga a rimproverarlo.
    E tu subisci, subisci e subisci ancora, sperando… sperando di retrocedere matematicamente e di porre fine a questo strazio. Perché noi tifosi di gente così non ne possiamo più.
    Sono stufo di imbufalirmi solo leggendo la formazione iniziale; dopo che il “clan dei giovani” aveva portato una ventata di freschezza nelle ultime partite, dopo che un minimo di speranza si era rimesso in circolo, ecco che puntiamo sui veterani, sulla solita balordaggine mista a menefreghismo.
    Tra i pali si insiste con un personaggio bollito che con la categoria non ha più nulla a che fare, lasciando in panca un giovane che, pur non essendo Buffon, quando chiamato in causa ha fatto sempre bene, ecco che ti chiedi: ma lo fa apposta? Ma cosa è una ripicca perché a Gennaio non hanno preso chi voleva lui?
    Possibile che si pigli ancora due gol da palla ferma da una squadra PIETOSA come la Fiorentina di oggi?
    Possibile che giochi un pensionato con le trecce e la bandana invece di un giovane che scalpita e che appena messo su ha cambiato la partita in meglio?
    Possibile che si compri una punta che si chiama Pellè, che personalmente non reputo un gran campione, ma che magari là in mezzo qualcuna la prende, che si infortuna… DOPO UNA CONFERENZA STAMPA???
    Possibile che Valenti, che con Dierckx reputo la coppia di migliori difensori che abbiamo, si rompa ancora dopo una sola partita? E proprio Dierckx… perchè metterlo da parte? E’ necessario che si rompano tutti per mettere su uno buono davvero?
    Potrei chiudere con “oggi si è toccato il fondo”, ma non posso farlo. Il nostro fondo non esiste.
    Con la Roma vediamo cosa altro si inventano, sono curioso, ma ormai disilluso.
    E al primo che dice che non ci credo più auguro una invidiabile regolarità intestinale.

    Perché ancora una volta è stato preso in giro il Parma con i suoi tifosi, e questo non lo tollero.
    Indegni, Ignobili. Vergognosi.

  • 7 Marzo 2021 in 17:56
    Permalink

    Se nemmeno segnare 3 gol, di cui l’ultimo al 90°, ci porta alla vittoria, allora mettiamoci pure il cuore in pace…

    Però, spero che il mister, dopo aver trovato il coraggio di fare accomodare Gervinho e Kurtic (al quale mi dà l’impressione abbia giovato…), lo trovi anche per schierare dal primo minuto Colombi: magari gli rimbalzerà sul coppino dopo aver colpito il palo, ma almeno si muove e si impegna!!!

  • 7 Marzo 2021 in 17:59
    Permalink

    ps: a 10 minuti dalla fine, sul 2-2, ho scritto a un amico “possiamo vincere, oggi la possiamo vincere”.
    Per chi dice che non ci credo più… sono LORO che non ci credono più. Non io.

  • 7 Marzo 2021 in 18:52
    Permalink

    Questa è una squadra che non sa soffrire, la buona volontà ce la mettiamo, ma non abbiamo più la capacità di difendere il risultato, nemmeno segnando al 90° minuto si riesce a vincere. Si prende immancabilmente gol sempre su calcio piazzato è una cosa inconcepibile… basta che l’avversario spinga un pochino che il castello di carta cede, Gaio ha ragione alla stragrande.
    Oggi D’Aversa ha messo in campo una squadra senza capo ne coda lasciando fuori i giovani che almeno si impegnano. Mi vengono molti dubbi e domande… Se hai convocato Inglese e Pellè (che peraltro hanno giocato qualche minuto la scorsa partita e si allenano regolarmente in gruppo) perchè non fargli fare un tempo per uno? Se un giocatore non ha la benzina per fare almeno un tempo io neppure lo convoco… Come si può pensare di vincere una partita contro una Fiorentina che si difendeva e basta, senza schierare una punta di ruolo? Perchè due terzini di spinta portati ad andare sul fondo e crossare se poi al centro non c’era una punta… Perchè ancora una volta Kucka attaccante togliendo al centrocampo il miglior giocatore che abbiamo… Perchè solo una manciata di minuti ad Inglese che peraltro in quei pochi minuti, proprio un suo taglio da attaccante vero, ha propiziato il gol? Perchè in porta ancora Sepe? Perchè l’ennesima coppia di centrali diversa e male assortita? Potrei andare avanti ancora per molto ma tanto non serve a nulla. Ultimamente ho scritto pochissimo e penso che da qui alla fine non lo farò più e non so neppure se guarderò le partite e lo dice uno che negli ultimi trent’anni ha perso solo una partita perchè ero in viaggio di nozze. Penso che una delusione così grossa per i tifosi neppure nell’anno del fallimento. Occorre ricostruire tutto da zero, l’unica cosa che salverei è parte del gruppo di giovani che ha portato il tanto criticato Carli (in primis Valenti, Dierchx, Mihaila, Man ma penso che anche altri potrebbero rivitalizzarsi), trovare un bravo allenatore e primo tra tutti costruire una società con uomini veri di calcio. C’è tanto da lavorare ed è il momento di rimboccarsi le maniche.

  • 7 Marzo 2021 in 19:06
    Permalink

    Ma come mai mi chiedo si insiste con d’Aversa ??? Chi lo protegge ? I risultati? Ma anche se si vede qualcosa di meglio chi non mi dice che con un”altro non ne avremmo vinti di più?
    Peggio di così non si può..4 punti su 30 se non è record negativo questo…il primo che passa ..il primo…Liverani pure..

    • 7 Marzo 2021 in 19:18
      Permalink

      nessuno lo protegge ( a parte Ampollini per cui, cito sue parole, se fosse stato chiamato dopo la partita con la juventus, oggi saremmo fuori da sto casino ).
      Hai a libro paga d’aversa e liverani fino al 2022, non ne paghi un terzo.
      Aggiungo che forse anche in serie B per gli stessi motivi avremo uno di loro due.
      Anche a Carli scade il contratto nel 2022 e non credo abbia avuto molte richieste

      • 7 Marzo 2021 in 23:07
        Permalink

        In B avremo D’aversa. Ne sono convinto

  • 7 Marzo 2021 in 19:55
    Permalink

    Tutto giusto. Però Inglese, c’le al pù bò, è entrato e fatto gol. Anche se può giocare 10 minuti è uno diverso dagli altri, meglio di Pellè e tanti altri

    • 7 Marzo 2021 in 23:09
      Permalink

      in realtà ha fatto un assist che ha portato al gol. Cmq finora quando non ha giocato non è stato per scelta degli allenatori

  • 7 Marzo 2021 in 20:40
    Permalink

    Carli va a dirigere la campagna delle tomacche coi tomaccari che l’hanno assunto quindi non ci sarà l’anno prossimo. Adesso se siamo anche a celebrare Carli e a sbertucciare D’Aversa siamo sulla Luna. Teniamoci Carli allora andiamo in C come Como.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI