IL GALLO DI CASTIONE / A SPEZIA SI DOVEVA SOLO VINCERE, PUR RISCHIANDO DI PERDERE

(Il Gallo di Castione) – Comunista finché non diventi ricco, femminista finché non ti sposi, ateo finché non ti metti a guardare le partite del Parma. Il tifoso gialloblù è l’unico che viene preso per il naso anche quando sta vincendo due a zero. Lasciando perdere i messaggini e i social, sabato a Villa Bernarda (foto a lato) è arrivato un vicino con due bottiglie e un salame che ha pronosticato il pareggio, è scappato quando lo Spezia ha segnato il gol, poi annullato, alla fine del primo tempo. Non è un periodo in cui siamo spiritosi. L’evoluzione, infatti, dopo distrazione, depressione, imprecazioni al cielo seguendo l’evolversi delle varie partite è stata, dopo l’ennesima rimonta subita, “l’improperio con invito” alla squadra e al mister, perché errare è umano, perseverare è diabolico, mandare a fan culo è terapeutico. Anche se creiamo assembramento. Sogni che il Parma si salvi, poi scopri che dream è l’anagramma di merda, noi a Castione ci aggrappiamo alla speranza, ci aggrappiamo dopo cena, preferiamo la Nonino o la distilliamo in cantina, ma ci aggrappiamo. Va dove ti porta il liquore. Poi cambiamo argomento, parliamo di donne o di sport. Di sport mica tanto, perché vige la convinzione che lo sport fa male, fra contusioni, contratture, rotture e depressioni (Parma Calcio docet) è tutto un infortunio, il divano non ha mai fatto tutti sti danni. Così se vedete il Tarson correre, cominciate a correre anche voi, perché è successo qualcosa. E se ritrovano il suo corpo in un percorso da jogging non fatevi ingannare: l’hanno ucciso da un altra parte e poi l’han messo lì. Non si parla neppure di diete o di salutismo, perché gira la favola che parla di quel tizio senza pane e pasta, senza fritti e senza dolci. Alla fine lui muore. E non è successo né a Castione né a Villa Bernarda. Ma proviamo a parlare del campionato Crociato. Dalle ultime tre partite abbiamo acquisito la certezza che il Parma è superiore ad Udinese e Spezia e che se la potrebbe giocare col Verona, ma che se ci mettiamo in difesa prendiamo due gol in un quarto d’ora. Abbiamo visto Sepe che, su cinque gol subiti dalla sua area piccola, non ha accennato ad un movimento in uscita, né a una parata fra i pali. Abbiamo scoperto che Miha e Karamella sono due giocatori in grado di saltare l’uomo e di fare male alle difese avversarie, che Cornelio, se riceve rifornimenti adeguati, può anche metterla dentro e abbiamo infine capito che la squadra, ma in primis D’Aversa, hanno paura di vincere ed infatti non vincono una partita da quattro mesi. E siamo così rassegnati alla retrocessione. Pazienza, chiusa una porta si apre un prosecco. E allora che cosa fare? Bisognerà, come ci insegna la cultura popolare quando bisogna prendere drastiche decisioni a fronte di difficoltà insormontabili, trèr èl prêt intla mèrda, (le pile non mancano anche se il parroco non sarà molto contento), ovverosia preparare la nuova stagione che ci aspetta per tempo, facendo giocare quei giocatori che devono fare esperienza, i giovani che quando inseriti ci hanno portato energie ed entusiasmo. Oltre ai succitati attaccanti, un altro inserimento in squadra fra i nuovi arrivati dovrebbe essere Valenti, poi DirectX e gli altri. Del mercato appena concluso non ho capito l’acquisto di Bani e il non acquisto del successore di Scozzarella. Abbiamo 6 possibili difensori centrali e neanche un centrocampista centrale che faccia gioco e copra le incursioni al centro. Quello che recupera e riparte palla al piede per impostare chi è? Chiediamo a Mario Giuffredi se dopo Sporcati, Laurini, Sepe, Grassi e l’ultimo arrivato Conti non ha un mediano dai piedi buoni da rifilarci in saldo. Torniamo alla partita. Dopo la serie di cambi di D’Aversa siamo rimasti con Mihala come unico terminale offensivo. Ha cambiato disposizione e schemi tre volte, ha fatto tanta confusione, ma quando ancora si vinceva ha dato un chiaro messaggio: difendiamo il vantaggio. Ma se sai che prendi gol ogni volta che ci difendiamo, si doveva insistere a giocare in attacco. Sabato si doveva solo vincere, anche rischiando di perdere, poi succede che, secondo la legge di gravità di Newton, quando un allenatore ti cade dal cuore finisce inevitabilmente appena sotto, a starti sui coglioni. Gli allenatori avversari cambiano due uomini, due schemi e il Parma va in tolfa, con il Mister che va in confusione. In Africa, ogni mattina, se fosse una gazzella, morirebbe sbranato prima ancora di infilare le ciabatte… Intanto la vita ci mette di fronte a prove terribili: hanno chiuso il Pratogallo, l’osteria di Castione, per malattia, che già in zona arancione era un casino con l’asporto del macchiato: ora siamo al dramma. Sono in momenti come questo dove mancano i beni di prima necessità che si capisce cos’è la resilienza: serve tanta speranza in un futuro migliore per poter intravedere l’uscita dal tunnel e poter tornare a vivere, e forse se troveranno un nuovo vaccino potentissimo e miracoloso torneremo anche a vedere il Parma che vince. Ma in questo momento neanche la scienza può nulla. Ormai è una gara: il vaccino Pfizer efficace al 90 % , il Moderna al 94,50 %, io aspetto quello di Lidl che come sempre sarà a 99,99. Il Gallo di Castione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

17 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / A SPEZIA SI DOVEVA SOLO VINCERE, PUR RISCHIANDO DI PERDERE

  • 1 Marzo 2021 in 21:17
    Permalink

    ma se e’ da piu’ di un anno che ogni stracazzo di partita rischiamo di perderla ,cercando di vincerla o di pareggiarla e a volte anche di perderla perche’ tanto non e’ con le strisciate che dobbiamo fare i nostri punti, mentalita’ ben radicata anche nei tifosi fra l’altro,ma de coubertin gli fa na pippa ai suddetti,fatti fummo per fare i comprimari ,graaaaaaandi

    • 1 Marzo 2021 in 21:22
      Permalink

      Brugnoli è abbronzato come un levantino ma dove va in giro invece di stare in casa?

    • 1 Marzo 2021 in 21:53
      Permalink

      Parlavo della partita di sabato. Hai fatto due gol ? Hai giocato bene in difesa e in attacco, concedendo meno di quel che hai costruito ? Allora devi continuare ad attaccare, per fare il terzo e il quarto. Chiuderti in difesa è sbagliato. E non col senno di poi, tutti lo hanno capito che se giochi in difesa prendi dei gol. Anche la statistica. Nelle ultime partite : 1 volta 4 reti, 3 volte 3 reti, 7 volte due reti.

      • 1 Marzo 2021 in 23:04
        Permalink

        Ed io parlavo delle ultime 40 di partite, ma mai una volta che abbia avuto la sensazione di vincere, mai, manco in coppa italia col venezia, di cosa stiamo parlando

      • 2 Marzo 2021 in 08:33
        Permalink

        D’Aversa ha impostato la partita sulla difesa bassa e il lancio lungo per scavalcare le due linee di pressing alto che fa lo spezia. Se si guarda ai due gol subiti e all’occasione di maggiore sul 2-2 si capisce che in ben due volte la squadra ha perso palla in ripartenza e la prima volta ha preso gol ,la seconda ha sbagliato Maggiore. Sul secondo gol, di fatto, e’ successa la stessa cosa della partita con l’udinese. Palla inattiva, cambi smaccatamente difensivi con squadra che stava gia’ subendo lo sforzo piu’ grosso dello spezia ( a Italiano e’ bastato mettere acampora che e’ una copia sbiadita di gattuso e de sena per prendere in mano il centrocampo una roba vergognosa per noi) e nel tempo necessario a trovare la nuova quadra hai subito gol. li’ e’ stato sbagliato clamorosamente il timing dei cambi ancora una volta. Sul gol annullato a loro invece e’ la sintesi della partita pigra di D’Aversa. Lui e’ molto bravo a preparare la gara ma e’ pessimo nella gestione quando gli allenatori avversari cambiano. Da sempre e’ cosi’. La squadra segna due gol si abbassa e lascia 70 metri di campo allo spezia. Un lancio lungo su difesa schierata e ritmi bassi e la difesa del parma che non brilla per geni , ci pianta una dormita. Non puo’ Gagliolo sbagliare la linea di un metro quasi. Ma l’errore sta in D’Aversa che vuole sempre addormentare la partita , si appiattisce sul suo studio e perde . Ci siamo giocati la salvezza a meno che Krause non investa altri 10 milioni per comprarci un po’ delle ultime 14 gare e fare 24 punti. Si retrocede per errori , non per inferiorita’ e questo da’ molto fastidio.

        • 2 Marzo 2021 in 14:38
          Permalink

          Perfetta disamina, peraltro condivisa pienamente, purtroppo la morale è che si retrocede perché non siamo in grado di reagire nei momenti di difficoltà.

      • 5 Marzo 2021 in 02:22
        Permalink

        Sono d’accordo. È D’aversa che non capisce o cmq non applica la giusta strategia

  • 1 Marzo 2021 in 23:26
    Permalink

    Possiamo provare a vaccinare i nostri. Forse magari si svegliano.

  • 2 Marzo 2021 in 07:32
    Permalink

    Am senti c’me vò c’al se caghè adoss mo al gha sempòr i stessì mudand.
    Da ot mes lè acsì.
    Meno male che la regia iar sira la pers va… almeno còl.

    • 2 Marzo 2021 in 08:34
      Permalink

      spero almeno che giri le mutande

  • 2 Marzo 2021 in 08:14
    Permalink

    Io spero sempre nei rigoristi del regime delle pantofole di lana. Alleiamoci con Cairo e Giulini e chiudiamo tutto!!! Non si può guardare Cyprien quando la gente prende la brasiliana.

    • 2 Marzo 2021 in 09:05
      Permalink

      Ecco. La soluzione. Facciamo chiudere il Tardini da USL sino a maggio. E così rigiochiamo il campionato. Si riparte a luglio con Liverani e Carli rifà il mercato. Porca troika, un sogno che diventa un incubo. Facciamocela sta serie B, liberiamoci di tutte le zavorre del passato e costruiamo un progetto vincente. In tre anni arriviamo in Europa.

      • 2 Marzo 2021 in 09:34
        Permalink

        fanno ancora la mitropa cup ?

  • 2 Marzo 2021 in 09:55
    Permalink

    Amico mio per far chiudere il Tardini dall’Usl basta mandare un rigorista in un cesso qualsiasi del vestusto impianto comunale e sospendono il campionato fino al 2024. Di Carli ci si poteva liberare anche a novembre come ha fatto Preziosi con Faggiano che infatti si salva (era ovvio anche al mio cane che è totalmente inadeguato e il mercato di gennaio se vogliamo è ancora peggio di quello estivo in cui c’era la scusa dei trasferimenti bloccati per la fuga degli Upini fino all’arrivo delle firme di Krause).

  • 2 Marzo 2021 in 10:23
    Permalink

    Comunque nessuno fiata su quello che sta succedendo con i casi covid del Torino. A mio parere è uno scandalo, così come anche che rigiocheranno juve-napoli. Se c’è un regolamento si deve seguire e basta. Purtroppo nel nostro paese ci siamo abituati che ci sono figli e figliastri, e quindi nessuno nemmeno si stupisce o protesta.

    • 2 Marzo 2021 in 12:07
      Permalink

      La lega dice 3 a 0, usl dice che non si gioca, la data del 7 aprile non trova accordo, morale si giocherà in maggio con una delle due senza obiettivi da raggiungere. Una cialtroneria epica.

  • 2 Marzo 2021 in 12:40
    Permalink

    Datemi Cairo altro che balle!Lui si salva sempre

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI