TUTTO PARMA E… CHIESA / I PUNTI SPERPERATI SALGONO A 18…

(Carlo Chiesa) – Basterebbe fare un semplice “copia-incolla” dei resoconti delle ultime gare del Parma, per confezionare un pezzo calzante sulla partita di Firenze. Ennesima occasione perduta, nuova buona prestazione che non porta però alla vittoria, solita difesa traballante, soliti goal subiti da palle inattive, soliti punti persi nei minuti di recupero (8 totali, più i 2 persi all’88° della gara d’andata con l’Udinese) e solita incapacità di difendere una situazione di vantaggio, che ha portato a sperperare 18 punti complessivi in questo campionato. Insomma nulla di nuovo sotto il sole di Firenze e frustrazione del popolo Crociato che raggiunge livelli mai toccati prima.

E’ proprio il caso di dirlo: al di là delle enormi debolezze che questa squadra evidenzia in maniera lampante in ogni partita, il Parma non è nemmeno mai stato aiutato da quel pizzico di fortuna che gli avrebbe permesso di avere oggi una classifica migliore e di giocarsi con qualche speranza in più la propria permanenza in Serie A. Non è un alibi, ma una realtà. Vero è che la fortuna aiuta gli audaci, ma non si può certo negare che nelle ultime quattro gare questa audacia i ragazzi di D’Aversa non l’abbiano portata in campo con loro. E invece nulla. Anche a Firenze la Dea Bendata non ha nemmeno provato a sorridere ai Crociati, sbattendogli la porta in faccia al 94° minuto, con un beffardo autogol, quasi a suggellare, se ancora ce ne fosse bisogno, un anno che da difficile sta diventando impossibile, insopportabile e anche un po’ stregato, al di là di tutti gli errori commessi a inizio stagione.

Certo, la Dea Bendata ha le sue colpe, ma, come già detto, anche la squadra ne ha altrettante. Una volta tanto, però, è bene evidenziare anche i meriti, in forte e costante crescita. Nelle ultime gare, contro dirette concorrenti per la salvezza e non, il Parma ha dimostrato che in questa categoria meriterebbe di starci, a maggior ragione se arriveranno a rimanerci Spezia, Fiorentina e Udinese. Le ultime quattro gare hanno mostrato, infatti, un Parma che non ha mai demeritato, nemmeno contro i probabili futuri Campioni d’Italia dell’Inter, facendo spesso la partita come contro l’Udinese (anche se solo per un’ora per via di una condizione atletica ancora carente), contro lo Spezia e, perché no, a tratti anche contro i Viola. Per questo uscire soltanto con tre punti da queste gare ha il sapore della beffa e non aiuta certo a risollevare un morale già palesemente sottoterra. Ritrovare con una certa facilità la via del goal (8 reti realizzate alla media di 2 goal a partita, ossia più della metà delle 14 reti segnate in tutto il girone d’andata), anche senza la continuità che ci vorrebbe da parte dei propri attaccanti (ma a questo punto poco importa, l’importante è metterla dentro), alimenta ulteriormente il rammarico di aver raccolto così pochi punti.

Inutile soffermarsi ancora su un atteggiamento difensivo decisamente deficitario (nelle ultime 14 gare non sono mai state subìte meno di due reti), ma non ci si può esimere dal sottolineare le imbarazzanti mancanze del reparto sulle palle inattive avversarie. Nessuna modalità tattica adottata a difesa della propria porta su punizioni dalla trequarti o calci d’angolo avversari, che sia con marcatura a uomo o a zona al limite dell’area o schiacciata dentro l’area, sembra possa risolvere questo problema, diventato ormai cronico e imbarazzante. La mancanza di una torre a centro area, sia essa Alves o lo stesso Cornelius in ripiegamento difensivo, sicuramente non aiuta, ma i due goal viola, dimostrano ancora una volta con quale facilità gli attaccanti avversari hanno spesso buon gioco in questo tipo di situazioni.

A peggiorare ulteriormente questo aspetto, c’è poi da rilevare la preoccupante involuzione di Sepe, mai così insicuro e impotente nel mettere in evidenza tutti i suoi punti deboli, primo fra tutti la poca propensione alle uscite alte, anche quando il pallone transita nella propria area piccola. Negli anni scorsi la solidità difensiva aveva celato tutti i suoi limiti, ma in questo campionato, qualche bella parata effettuata passa in secondo piano rispetto a tutte le volte in cui, inchiodato nella sua posizione, si è limitato ad osservare il pallone finire in porta. Anche al Franchi, ha respinto con un intervento più da pallavolista che da portiere, un colpo di testa di Pezzella tutt’altro che irresistibile, servendo il pallone su un vassoio d’argento a Milenkovic per la conclusione vincente del secondo goal viola. Da un portiere che, per bocca del suo esimio procuratore, ambisce a palcoscenici di maggior rilievo, si pretenderebbe molto di più. A meno che la testa non sia già proiettata ad organizzare il suo futuro lontano da Parma. E allora, se così fosse, bene sarebbe dare spazio a Colombi.

Tra le tante ultime spiagge invocate recentemente, quella di Firenze era forse davvero l’ultima. Finché la matematica non condanna ancora i Crociati è lecito combattere e crederci ancora. Ma ci sono numeri e numeri. Se si pensa che per arrivare ai famigerati 40 punti il Parma dovrebbe vincere almeno 7 o 8 gare delle ultime 12, quando i tre punti non arrivano da ben 17 turni, sembra quasi certo che siano solo i numeri della classifica a tenere in vita Kucka e compagni. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / I PUNTI SPERPERATI SALGONO A 18…

  • 7 Marzo 2021 in 21:25
    Permalink

    Il problema che secondo la consorte di Sepe c’è da inizio campionato e che conoscono tutti qual’e?Forse quello che tutti appunto sanno ma nessuno ha il coraggio di scrivere perché se no poi a Pedrignano e Ponte Taro si offendono?

    • 7 Marzo 2021 in 23:13
      Permalink

      Ma tu abbi il coraggio e parla. Non offendi nessuno più di quanto hai fatto in anni di commenti… Vogliamo sapere…

  • 7 Marzo 2021 in 21:55
    Permalink

    Io sono curioso, che problema c’era da inizio campionato?

  • 8 Marzo 2021 in 00:27
    Permalink

    Finalmente qualcuno che ha il fegato di dire che il portiere è uno nostra grande deficit. Io azzardo che senza Sepe saremo a metà classifica.

  • 8 Marzo 2021 in 09:02
    Permalink

    Sepe voleva andare via perche’ riteneva di essere un portiere da big.
    Non e’ molto apprezzato dai compagni di squadra che lo sopportano ma non lo godono molto.
    E’ presuntuoso e supponente e quest’anno ha dimostrato che vale la serie C.
    Ripeto gioca solo perche’ piace a D’Aversa ma potrebbe essere, leggendo Ampollini, che abbia raggiunto i titoli di coda.
    Iacoponi ha regalato da solo 3 punti con i sue autogol clamorosi ( Udine e Firenze) . Ha responsabilita’ dirette in caso di retrocessione e per questo va messo fuori rosa o gli va risolto il contratto, perche’ ha disputato una stagione drammaticamente scarsa ( non solo per gli autogol) e ha dimostrato di essere un giocatore da Lavagnese ( siccome e’ stato preso dall’Entella).

    • 10 Marzo 2021 in 02:55
      Permalink

      Se Sepe voleva andare via, bisognava lasciarlo andare e valorizzare gli altri portieri o meglio ancora trovarne uno sul mercato. Se Gervinho è finito in tribuna una volta, per me Sepe dovrebbe andarci da qui a fine campionato

  • 8 Marzo 2021 in 09:12
    Permalink

    Chiesa numero uno. Come sempre analisi condivisibile al 100%.
    Senza stare tanto li a fare analisi tattiche che in questo momento non interessano a nessuno.
    Noto in aggiunta, sempre poche critiche nei confronti di un allenatore che è riuscito a portare a casa la bellezza di 4 punti in 10 partite, riuscendo a fare peggio del tanto criticato Liverani (che secondo me se la sta beatamente ghignando).
    Un allenatore che continua a schierare un Sepe inguardabile che sta dando una spinta decisiva verso alla B ai suoi compagni lo trovo ingiustificabile, oltre a mille altre decisioni perse nelle ultime partite che purtroppo sono costate ulteriori punti. Ma va bene così, inutile illudersi. Tanto veniamo puntualmente portati con i piedi per terra ogni maledetta giornata.

  • 8 Marzo 2021 in 12:17
    Permalink

    Bell’articolo e parole sacrosante.
    Ma forse bisognerebbe aggiungere che grazie alla piacioneria oltre ogni limite di Nuovo Inizio e all’incapacità gestionale di Krusty il clown (AKA Mr. Krause) e di Olio Carli, il Parma si avvia a superare ogni record mondiale nel mondo del calcio….Dalla D alla A in 4 anni e viceversa!!!

    • 10 Marzo 2021 in 02:58
      Permalink

      Con tutti i milioni che ha speso, dovresti aver rispetto per chi possiede il Parma… se non per educazione, per interesse personale di tifoso. Krause ci sta mettendo la faccia oltre ai soldi. .. I clown sono altri!

  • 8 Marzo 2021 in 13:43
    Permalink

    Speriamo di rimanere in serie b

  • 8 Marzo 2021 in 14:25
    Permalink

    Piocineria…non piacioneria.

    🙂

  • 8 Marzo 2021 in 15:12
    Permalink

    92 milioni di euro spesi…..speriamo per il Presidente che Valenti, Man, Miahila, od altri il prossimo anno in B possano sfondare…..Sohm Busi Brunetta …no comment..
    Certo la vendita di alcuni cosiddetti BIG potrà portare qualche recupero ..Kurtic Pezzella ..ma Kuko , Karamouh resteranno?
    I due top manager quando (se) arriveranno cosa/chi troveranno per ricostruire la squadra ed il Manager che tutti ci invidiano resterà ancora?
    Mah lo sapremo solo vivendo….cmq dormo lo stesso….questi signori hanno stipendi da nababbi e certo non li meritano.
    Forza Parma e forza Presidente.

    • 9 Marzo 2021 in 11:08
      Permalink

      92 MILIONI spesi per retrocedere credo sia un altro record mondiale.
      Accanto a questo, devi considerare che , ammesso e non concesso di prendere il paracadute da 24 milioni ( ma questo lo vedremo) , non puoi cedere i vari Man e compagnia per ragioni di bilancio e faticherai per gli stessi motivi a vendere cornelius ( 7 mln), sepe (5mln), inglese ( 12 mln) e vari altri.
      Ma tenerli in B e pagare i relativi ingaggi sara’ complicato.
      Prendere poi pelle’ con ingaggio netto di 1,6 milioni per 6 mesi ( questa e’ la voce che circola e vedremo poi il bilancio) , a me fa tremare i polsi per il futuro della societa’.
      Speriamo che Krause non perda mai l’entusiasmo e anche in futuro voglia rinforzare la squadra.
      Fatto sta che in lega va Marco Ferrari e di nuova societa’ non si vede nulla.

  • 9 Marzo 2021 in 11:14
    Permalink

    Chiesa sempre lucido nelle sue disamine però a Firenze abbiamo vinto 3 a 2 poi se jacoponi ci vuole punire la squadra non ha colpe ….. le ultime partite ho visto un buon parma e anche come impegno mi pare giusto ……tranne in sepe sempre molto sufficiente e menefreghista , forse andava dato più spazio ai giovani prima …….comunque ci si salva con 37 punti per cui tutto è possibile se continuano così l unico vero problema sono calci d angolo e cross da punizioni dove subiamo sempre goal li toccherebbe a d aversa trovare una soluzione

    • 9 Marzo 2021 in 14:28
      Permalink

      Ma anche tu Pablo con sta fola di Iacoponi che da solo ci ha impedito di vincere? Ma perché ogni settimana bisogna trovare una persona singola da additare a colpevole? Come avrebbe potuto evitare l’autogol? Era fisicamente quasi impossibile visto il movimento del corpo e la velocità della palla. L’errore è stato permettere di far arrivare la fiorentina a fare quel cross, e questo è colpa non solo del messo in croce Iacoponi.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI